Giovedì , 03 Dicembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
'Legge sicurezza'. Provvedimento criminogeno e criminale. Le prove in due storie drammatiche
(foto http://femminismo-a-sud.noblogs.org)
(foto http://femminismo-a-sud.noblogs.org) 
03 Luglio 2009
 

Il ddl sulla sicurezza appena votato dal Senato ha già prodotto, anche senza essere ancora in vigore, i suoi effetti devastanti e crudeli. La norma che introduce il reato di clandestinità obbligherà i pubblici ufficiali e gli incaricati di pubblico servizio a denunciare gli immigrati irregolari quando nell’esercizio delle loro funzioni vi si troveranno di fronte (scuola, sanità, anagrafe…). L’omessa denuncia, ex art. 361 e 362 codice penale, si configurerebbe come reato punibile a sua volta con una multa o la reclusione fino ad un anno.

Una badante ucraina, Vira, di 39 anni è morta pochi giorni fa dissanguata per un aborto spontaneo in un appartamento dove lavorava, a Torre a Mare-Bari. Era irregolare, ha raccolto il sangue in una bacinella, ma non ha chiamato aiuto per paura di essere denunciata.

Samira, algerina di 24 anni, ha avuto anch’essa una grave emorragia per un aborto spontaneo, non è ricoverata, anche se le sue condizioni sono gravi, sempre per paura di essere denunciata. Ora è assistita da volontari del gruppo EveryOne.

Secondo uno studio compiuto nelle ultime tre settimane dall’organizzazione per i diritti umani Gruppo EveryOne nei principali ospedali di Roma (San Gallicano, Policlinico Umberto I, San Camillo Forlanini, Policlinico Tor Vergata, Ospedale Grassi di Ostia) e Milano (Niguarda, ospedale Maggiore Policlinico, San Paolo, San Carlo Borromeo), è stata riscontrata una diminuzione di quasi il 35% dei migranti che ricorrono alle cure di pronto soccorso, conseguentemente alla notizia dell’imminente approvazione del provvedimento che prevede, tra le altre cose, l’introduzione in Italia del reato di clandestinità.

I picchi si registrano in particolare all’ospedale San Paolo di Milano, dove la diminuzione degli accessi alla struttura ospedaliera da parte dei migranti irregolari ha raggiunto quasi il 75%.

Da settembre dello scorso anno avevamo lanciato l’allarme, anche con una interrogazione parlamentare sul caso di una giovane ghanese che dopo un intervento abortivo in un ospedale pubblico era stata denunciata in quanto irregolare, e arrestata.

A quella interrogazione il ministero non ha mai dato risposta. Oggi, a suo modo, la risposta l’ha data il Senato. L’esempio che citavamo in quell’atto era quello degli Stati Uniti, dove è vietato l’accesso per legge ai funzionari dell’immigrazione negli ospedali. Questa, dopo l’entrata il vigore del ddl sicurezza, potrebbe essere oggi la soluzione per evitare che si crei una sanità parallela al Ssn, invisibile e gestita dalla criminalità, e perché si eviti il diffondersi di malattie ed epidemie debellate nel nostro Paese, ma non in quelli da cui provengono gli immigrati irregolari.


Donatella Poretti


Articoli correlati

  Dacia Maraini. Al Presidente della Repubblica
  Paolo Farinella. Il parlamento clandestino dichiara illegale la clandestinità (degli immigrati)
  Marco Lombardi. La lotteria della sanatoria per le badanti irregolari
  Rosangela Pesenti. Al Presidente della Repubblica
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Evelina Savini. Al Presidente della Repubblica
  “Esclusi a norma di legge”. A Morbegno si discute del “decreto sicurezza”
  Ddl Sicurezza. “Onorate la Costituzione, votate senza vincolo di mandato”
  Rosario Amico Roxas. “Avvenire”: il reato di clandestinità è uno strumento persecutorio
  Aborto. Relazione al Parlamento del ministero della Giustizia... e quella del ministero della Salute?
  Beati i costruttori di pace. Religiose e religiosi: “Onoriamo i poveri”
  Mao Valpiana. Un gravissimo atto di discriminazione contro i Rom a Verona
  Vincenzo Donvito. Immigrazione. Chi paga? Ovviamente i più deboli!!
  Annamaria Rivera. Al Presidente della Repubblica
  Alberto Figliolia. Sicurezza e immigrazione
  Mao Valpiana. Al Presidente della Repubblica, sul “pacchetto sicurezza”
  Gianni Somigli. La politica sotto al letto
  Pacchetto sicurezza
  Clandestinità. Un reato criminogeno che deve essere eliminato dall'ordinamento
  Valter Vecellio. L’interrogazione: 34mila enti che non dovrebbero esistere
  Marco Di Lello. Immigrazione: “Strage figlia della legge, torni dalle ferie la coscienza dei parlamentari”
  Movimento Nonviolento di Brescia. “Siamo sulla stessa barca”
  Carlo Forin. Il porcile
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy