Giovedì , 03 Dicembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianni Somigli. La politica sotto al letto
08 Luglio 2009
 

Soy una raya en el mar

Fantasma en la ciudad

Mi vida va prohibida

Dice la autoridad

(Manu Chao – Clandestino)


Il nero che mi fa paura non è quello che cammina per le strade, che mi siede a fianco in tram, che vuol vendermi gli occhiali sulla spiaggia, mentre io prendo il sole e mi lagno del caldo e lui osa venire a disturbarmi, se ne andasse, ma vattene, va’.

 

Il nero che mi fa paura è quello che intravedo in fondo ai discorsi dei miei colleghi e dei miei amici. Quelli che “rimandiamoli a casa”. Come se una casa ce l’avessero. Quelli che “non sono razzista, ma”. Quelli che “andrebbero ammazzati da piccini”. Quelli che “sono contro la pena di morte”. Ma.

 

Il nero che mi spaventa non è quello dei chador, dei burqa. Non è quello degli occhi grandi grandi dei bambini cinesi che giocano a pallone sotto il mio ufficio. Uno di loro si chiama Giancarlo. Il nero degli occhi di Giancarlo non mi fa paura.

 

Il nero che mi terrorizza è quello delle camicie di fanatici che scendono in strada, la notte, perché vogliono città sicure. Da liberare attraverso cacce all’uomo. All’uomo nero. Quell’uomo nero che non hanno mai dimenticato. Che ha continuato a tormentare le loro notti. E i loro giorni. Fin da quando, ancora bambini, si nascondevano sotto il letto. E tremavano.

 

Oggi, la politica ha abdicato dal suo ruolo originale. Non si comporta più da genitore. Non ci protegge più. Non fa uscire i bambini in camicia nera da sotto il letto. Non li tranquillizza, portando un bicchiere di latte caldo, spiegando che va tutto bene.

 

La politica, oggi, si nasconde sotto al letto. Si fa spazio strillando più degli stessi bambini terrorizzati. Strilla, strilla, strilla ancora di più.

Il bambino tremante osserva e pensa che allora è così che deve andare. L’identificazione è naturale. Ma è un’identificazione sbagliata, illogica, fuorviante. La politica che si nasconde sotto il letto insieme ai bambini in camicia nera che strillano perché hanno paura dell’uomo nero è quella politica che ha perso la sua stessa ragion d’essere.

 

La politica moderna ha iniziato a sgonfiarsi nel momento in cui ha smesso di formare, di guidare il pensiero, ed ha iniziato a strillare più. A dire ciò che la gente si vuol sentir dire.

I partiti cavalcano i terrori popolari. “Solo noi siamo in grado di intercettare i sentimenti della gente”, dicono. Strillano. Ufficializzando la morte della politica come guida, la piazzano in coda alla fila. A seguito. A rimorchio.

 

Le volte in cui ho avuto paura dell’uomo nero, il mio babbo e la mia mamma mi prendevano per mano e mi tiravano fuori da sotto il letto. Mi spiegavano di cosa dovevo aver paura e di cosa no. Mi insegnavano a comprendere, e a difendermi quando necessario, perché gli Uomini Neri esistono, esistono eccome, ma non sempre hanno la pelle nera. A volte non sono neppure ebrei, pensa. Mi spiegavano queste cose. Sotto al letto non ci sono mai venuti. E hanno sempre parlato con voce pacata.

 

Gianni Somigli


Articoli correlati

  'Legge sicurezza'. Provvedimento criminogeno e criminale. Le prove in due storie drammatiche
  Dacia Maraini. Al Presidente della Repubblica
  Paolo Farinella. Il parlamento clandestino dichiara illegale la clandestinità (degli immigrati)
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Evelina Savini. Al Presidente della Repubblica
  “Esclusi a norma di legge”. A Morbegno si discute del “decreto sicurezza”
  Ddl Sicurezza. “Onorate la Costituzione, votate senza vincolo di mandato”
  Rosario Amico Roxas. “Avvenire”: il reato di clandestinità è uno strumento persecutorio
  Aborto. Relazione al Parlamento del ministero della Giustizia... e quella del ministero della Salute?
  Beati i costruttori di pace. Religiose e religiosi: “Onoriamo i poveri”
  Mao Valpiana. Un gravissimo atto di discriminazione contro i Rom a Verona
  Vincenzo Donvito. Immigrazione. Chi paga? Ovviamente i più deboli!!
  Annamaria Rivera. Al Presidente della Repubblica
  Alberto Figliolia. Sicurezza e immigrazione
  Mao Valpiana. Al Presidente della Repubblica, sul “pacchetto sicurezza”
  Pacchetto sicurezza
  Clandestinità. Un reato criminogeno che deve essere eliminato dall'ordinamento
  Valter Vecellio. L’interrogazione: 34mila enti che non dovrebbero esistere
  Marco Di Lello. Immigrazione: “Strage figlia della legge, torni dalle ferie la coscienza dei parlamentari”
  Movimento Nonviolento di Brescia. “Siamo sulla stessa barca”
  Rosangela Pesenti. Al Presidente della Repubblica
  Marco Lombardi. La lotteria della sanatoria per le badanti irregolari
  Carlo Forin. Il porcile
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy