Mercoledì , 15 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Il giardino conteso” di Flavio Ermini 
Nella lettura di Patrizia Garofalo
02 Maggio 2016
 
 

Flavio Ermini

Il giardino conteso

L’essere e l’ingannevole apparire

Moretti&Vitali, 2016, pp. 244, € 18,00

 

Il posto giusto non è là dove gli uomini costruiscono porti per salvaguardare le proprie illusioni e con esse la propria vita. Per colui che seriamente vuole la vita, il posto giusto è il mare infuriato.”

Flavio Ermini

 

 

Il vero inizio nasce nell’abisso dei primordi e risiede nell’indistinto, l’origine di tutto. Le sculture cicladiche di Amargos con le braccia conserte sbarrano il passo a chi intenda sostare in terra non curandosi di risalire la caduta verso l’archè, il principio, l’aperion in un sempre ostacolato viaggio, sentiero o, meglio, dolorosa percorrenza. Nasciamo da un’alba che non conoscerà giorno e procederemo per oscuramento di luce.

L’auroralità, l’uscita dal liquido amniotico dell’antistoria, dall’enigma che oscura e l’abbandono della casa natale spingono l’uomo a una continua ricerca tesa a superare le apparenze per avvicinarsi quanto possibile ad abitare poeticamente il mondo. La fine delle illusioni e la consapevolezza della morte tracciano la via di un viaggio senza meta, senza terra né cielo, smarrito cammino verso l’anti-storia, spaesato-nomadismo alla ricerca di compiere ogni volta la propria infanzia. In quel luogo-non-luogo privo persino della funzionalità del tempo, si potranno scorgere ombre e rinvenire l’essenza dell’essere. Negata è all’uomo l’azzurrità: non resta che aprirci un varco nell’ingens sylva, nel giardino che racchiude i morti e i viventi, essere ed apparire, fiori e pietre. Non resta che inoltrarci nelle dense tenebre di luce di cui noi stessi, quali incessantemente nascenti, siamo formati.

Si misurano natura e uomo, immutabilità e caducità, illusione mancate all’… apparir del vero… eppure solo nella consapevolezza dello smarrimento, ci dice Flavio Ermini, si accetta la condizione umana e si percorrono i sentieri in prossimità di una atemporalità incorruttibile. L’essere è il tutto indifferenziato. Non c’è distinzione tra i contrari, non c’è successione temporale. È l’apeiron nominato da Anassimandro. Accade che dall’apeiron si formino singole cose, singoli esseri. I quali devono tuttavia fare i conti – esistendo – con la temporalità, ovvero con la morte. Queste cose, questi esseri vivono in un mondo profondamente dolente e tornano all’apeiron. Va da sé che quanto appare è pura illusione. Lo dobbiamo riconoscere. È pura apparenza. Il giardino è quel non-luogo che sta tra l’essere e l’apparenza. La contesa avviene tra questi elementi: ma costretti a un mondo di apparenze siamo pur destinati all’essere, all’Uno indefinito e a- temporale. Possiamo anche “immaginare” che il giardino sia l’eden, il principio, lì dove le cose per la prima volta si manifestano, ma è una manifestazione illusoria, in realtà è la terra dell’esilio a cui è destinato l’uomo… e nel dolore potremo comprendere che solo l’acconsentire a esso potrà condurci all’essenza. La precarietà del vivere deve avere risposta e la verità si trova nell’incertezza (Socrate) diventerà compagna dell’accidentato percorso verso l’abisso. L’esilio e, di conseguenza, l’erranza nella notte in contatto spaurito con l’indefinito non possono non rimandare al canto del pastore errante dell’Asia, e proprio di indefinito parlò nello Zibaldone lo stesso Leopardi, per il quale il mondo vive di apparenze accanto a una natura che abbuia senza nascita di luce…

e quando miro in ciel arder le stelle

dico tra me pensando

a che tante facelle?

Che fa l’aria infinita e quel profondo

infinito seren? Che vuol dir questa

solitudine immensa ed io che sono?

Abitare poeticamente la terra, significa provare a realizzare qui e ora, l’indifferenziato dell’essere: provare a vivere in simbiosi con la natura con la physis. Vivere nel regno che sta tra la vita e la morte. Forse sarà l’alba. Certo è che bisogna evitare percorsi facili, “strade ben tenute”, e percorrere l’inconsueto, il pericolo non si nasconde in esso, ma piuttosto in ciò con cui abbiamo confidenza e che sembra proteggerci.

Ed è la parola a diventare “la casa ospitale”, il luogo dell’accoglienza che annienta ogni volta quanto s’allontana dall’apeiron; la parola aprirà il varco al dire ulteriore, lontano dalle certezze e pronto ad accettare, in direzione di caduta e d’oscurità, l’inesprimibile .

A lenire l’erranza, la responsabilità della parola, di cui spesso ha parlato Ermini e alla quale ha donato ascolto, silenzio, poesia, prossimità all’essenza per depurarla dall’hybris umana, che autorizza l’uomo a eleggersi sovrano della natura. È fiume la parola, acqua sorgiva, anti-storia, preesistenza, linguaggio di allora quando lasciammo la casa del padre per non farne ritorno. E sarà l’esperienza poetica a contendere il giardino all’ingannevole apparire.

Ognuno di noi, fratelli, è chiamato a dire a sé e ad un altro … a dirsi a darsi del tu, e dire alla fine la propria parola che non è più parola ma soffio di vento.

Liberare l’essere nella parola poetica per avere a cuore la verità la lingua di chi scrive è questa lingua, straniera nel suo annuncio. Essa nasce dopo l’accettazione dell’erranza, dell’esodo, dei deserti, del sole che non s’annuncia; contraria a linguaggi precostituiti, scaturisce su un foglio, conduce con sé il peso di infiniti dolori, ferite e abbandoni e la nostalgia di una consapevole e costante perdita dei sogni e delle illusioni.

Proprio per questo è quanto ci sia di più vicino all’essere. Proprio per questo è vera e cristallina, rivelatrice dell’essere e forma sublime ad aprire un varco nel giardino conteso.

Queste le parole di Flavio Ermini. La poesia è un corpo mutevole; è un albero che ogni volta è una cosa nuova, interpretarne la metamorfosi vuol dire far emergere ciò che dell’opera non è stato ancora visto … e la sua compiutezza è sempre apparente … Dire per tornare in possesso della propria ombra.

«Nessuno mai è riuscito a dire / cos’è / nella sua essenza / una rosa» scrive Giorgio Caproni; può però, l’uomo, sembra suggerirci Ermini vivere nella prossimità della fioritura e coglierne lo sbocciare e lo sfiorire.

 

Patrizia Garofalo


Articoli correlati

  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
  Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  Sulla danza
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Giuseppina Rando. Impensato
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
  In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose
  Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Eppure mi hai svegliato
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Una coperta di stelle...
  Eventi/ Whats Art. Poesia e musica sulla migrazione
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Tutto converso in bene...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Specchiano d'acqua...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Unisono di voci...
  Girasoli di mare a Macerata
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Desideri
  In libreria/ Stefano Valentini. “Girasoli di Mare” di Patrizia Garofalo
  Un progetto poesia con “Girasoli di mare” al “Donegani” di Sondrio
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Accolgono...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il silenzio a lungo trattenuto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ebbi a morir nel rimandarti a mente...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Se le parole potessero...
  Annagloria Del Piano. Poesie per una terra promessa: Girasoli di mare
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sarà faticoso trascinare...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Malacopia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ravvìa i capelli del vecchio...
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Niobe
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Da un campo di guerra...
  Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Obliqua traiettoria...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Vestire stelle filanti...
  In libreria/ Luciano Nanni. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lamina tagliente...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nell'impura liquidità diventa assenza...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Donna Vittoria
  In libreria/ Antonio Barbuto. Noterella in margine a “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Stelle cadenti
  Vetrina/ 25 Aprile Tellusfolio
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ecografia di un fiore...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Immagino una musica...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un foglio di guerra
  In libreria/ Asmae Dachan. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Con un battito d’ali...
  Eventi/ “Girasoli di mare” a Macerata, sabato 18 giugno
  In libreria/ “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Torno nello spazio dei tuoi occhi
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lasciare andare al dondolìo...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tramonto dell’alba...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. S'appanna il giorno...
  In libreria/ Flavia Buldrini. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy