Giovedì , 18 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
15 Luglio 2014
 

 

Flavio Ermini

Essere il nemico

Discorso sulla via estetica alla liberazione

Mimesis, 2013, pp. 58, € 6,00

 

 

L’eterna parola non la conosci?”

Quale parola?”

La parola che suona per tutto il creato, che cura ogni dolore e tristezza, l’eterna parola tu non la conosci?”

Ma quale?”

Lieben”

In quel momento la parola “amore” si legge in cielo, sfavillante tra le stelle.

Dal film Faust (1926) di Murnau

 

 

«Il punto da raggiungere si trova sulla linea di congiunzione tra cielo e terra. È uno qualsiasi dei punti che formano quella linea e va raggiunto seguendo un’idea che conservi l’impronta della molteplicità, salvaguardandoci dall’arroganza dell’unicità».

Pur suddiviso in tre sezioni, quanto leggiamo da Flavio Ermini è una lunga lettera agli uomini, a tutti coloro ai quali la coscienza di un dolore abissale spinge verso un riscatto di luce, che necessita mettere a nudo la ricerca di sé e degli altri …anzi ancora di più, di diventare l’altro e abitare le sue labbra. E il poeta-filosofo interroga mentre si interroga, cerca condivisione, complicità, amore, forza, la grande forza di lasciare le illusioni ed insieme le retrovie per una rivoluzione che ci chiami tutti fratelli. «Ascoltami… ascoltami bene… ti invito a raggiungermi… tu che scrivi sai… fratelli, non temete…»

Come possono esserci fari nella notte per chi non avverte più la notte?” E… le parole di Nietzsche che ci scongiura: “fratelli rimanete fedeli alla terra”. Flavio Ermini ha scritto Il matrimonio del cielo con la terra nel 2011. Luoghi e figure prelogiche, aurorali abitano il libro, in una ricerca all’indietro di originarietà, di una parola che riporti fortemente la sua pregnanza fuori dall’obsoleto, dalla versificazione casuale e immaginaria. Luoghi sconosciuti, albori sperati di un nascere civile oggi sconquassato e violentato e dominante. Contro l’egemonia di valori disgreganti, di omologazioni, di scelte mai compiute, del lasciarsi vivere perché “così sono le cose” contro questo dolore del nulla, Ermini scrive questo “libretto” come chiamava Raboni i testi densi di significati. Una resistenza e il coraggio di non essere “conformi” è quello che il poeta auspica, una ribellione contro una società che ha mercificato tutto e tanti provocando “l’esilio dalla creazione”. Risaliamo le tenebre dell’anima pur consapevoli che le tenebre torneranno… ma anche la luce. E saremo insieme. Siamo noi a sconfiggere la vita per un colpevole lasciarci vivere. Ma le parole di Flavio Ermini fanno male, una radiografia del dolore contemporaneo che non darebbe scampo se non si fosse posto, il poeta, in dialogo con il lettore. “Allora potrei non averlo scritto io” direbbe Borges… “e anche io”... mi sento di aggiungere… anche voi? Ma è soprattutto l’estensione concettuale del testo ad avermi toccato profondamente. «[...] creare un linguaggio flessibile, aperto alle manifestazioni innumerevoli della vita» scrive Flavio Ermini e ancora «la pazienza e la fuga sono le due facce dell’impotenza. Il tempo dell’indugio non prepara più niente».

E allora ci siamo, certo che ci siamo davanti ad un invito che privo di ogni autoreferenzialità da filosofo poeta è piuttosto un dono di umiltà. Saremo ognuno, uno di quei puntini che formeranno il confine tra la terra e il cielo e potremo anche ascoltare i segreti del fiume come nuovi Siddharta.

 

Patrizia Garofalo


Articoli correlati

  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  Sulla danza
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini
  Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  Giuseppina Rando. Impensato
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy