Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Impensato 
Su “Ali del colore” di Giovanna Fra e Flavio Ermini
03 Marzo 2015
 

Voce e colore hanno ombre lunghe...

iniziano con il viaggio della crescita

s’intensificano a ogni contatto con la realtà.

(Flavio Ermini)

 

Se è vero che Nessun uomo è un’isola – come scrive John Donne –, è ancor più vero che nessuna espressione del pensiero – poesia, pittura, scultura, filosofia o scienza – può costituirsi in solitudine, senza un confronto molteplice. Si può, ad esempio, intraprendere un viaggio nella pittura e scoprire attraverso lo sguardo del poeta-filosofo un mondo impensato, un mondo in cui sono presenti molteplici incroci da cui si distendono vie di incessante flusso esperienziale.

Un canto a due voci, Ali del colore, quella dell’arte e quella della poesia-filosofia che insieme ci permettono di calarci nelle incrinature dell’io e contemporaneamente ci sollevano verso apertura cosmiche.

La convinzione che la pittura è poesia silenziosa e la poesia pittura parlante la troviamo – è bene ricordarlo – già a fondamento dell’Ars poetica oraziana, in quell’ut pictura poesis che dal Rinascimento in poi alcuni pittori e teorici dell’arte ribaltarono nell’ut poesis pictura.

Nei secoli seguenti, e per tutto il Novecento, non mancarono separazioni o fusioni tra le due espressioni artistiche, più o meno legittimate da scuole di pensiero, più o meno felicemente attuate.

In Ali del colore, il rapporto tra le due arti sembra configurarsi come un’esperienza raffinata e sinestetica che potrebbe aprire al confronto (o rivelare semplicemente la simbiosi) tra la poetica della pittrice Giovanna Fra e il pensiero del poeta Flavio Ermini.

Questi dà geniale lettura dei dipinti della Fra, in una scrittura poetica e “visionaria”, chiaramente fluente dal proprio pensiero filosofico: si rivolge al “soggetto”, a quel “tu” che vive il colore delle carte della Fra, per ordire sulla figura che via via gli appare, un affascinante “racconto” poetico/filosofico: Ti avvicini alla fonte… Grazie al colore appari

Nella pagina che affianca il dipinto, e così per tutto il libro, catturano l’attenzione e assumono rilievo, le riflessioni/narrazioni che Ermini, da poeta-filosofo, esprime, proprio in conseguenza del “corpo” che egli “vede”.

Non corpo oggetto, ma corpo vivente dell’essere umano che, nella specifica prospettiva erminiana, vuole indicare il momento imprescindibile dell’unità tra corpo e io/pensante: corpo come spirito o come pensiero incarnato. Corpo che cadi per sorgere, corpo che allontanandosi dalla fonte – certo la primordiale origine – segnala l’imminenza della luce e denuncia l’interminabilità della nascita.

Flavio Ermini – scrive lo storico dell’arte contemporanea, Silvia Ferrari, nel saggio Il colore e le ali a chiusura del testo – materializza l’assente, esplicita ciò che la pittura di Giovanna Fra sottintende, e gli conferisce un respiro assoluto, cosmogonico.

Non solo. Ermini va più in là, vuole dare valore all’immediatezza dell’esistenza proprio con la riaffermazione del primato della corporeità che si rivela anche nella presenza di un mistero: In un primo tempo, eri tu a spingerti verso l’alto. Ora ti accorgi che è il corpo ad allontanarsi dalla terra.

Corpo cosciente e vivente che fa parte della dimensione dell’“essere”: C’è una speranza mai completamente arresa al fondo delle ribellioni del corpo… E questo è sufficiente per fartelo accettare. […] Raggiunge con le sue larghe ali i confini del cielo.

La prospettiva filosofica di Ermini coglie così, nei dipinti della Fra, la problematica del soggetto esistenziale; anche se il corpo/soggetto e il corpo/oggetto si contrappongono (i due corpi sono le opposte curvature su cui oscilla l’anima), l’io pensante ne prende consapevolezza e, attraverso il colore, cerca di superarli: con il colore elimini ogni residuo contatto dell’impensato con il tuo corpo.

Nella sezione “Il secondo corpo” Ermini “vede” e “narra” del corpo quasi come in preda al mistero dell’essere umano che cerca di sfuggire a se stesso per trovare pacificazione nelle promesse di un altro corpo. Sarà il colore a segnare in maniera indelebile l’intero tragitto … compromesso da una profonda disarmonia, il colore in realtà è fatto di polvere, proprio come la bocca.

Ciò implica la necessità di pensare all’unità dell’uomo, nel rapporto intrinseco tra corpo e anima.

Il secondo corpo resta scisso nettamente in parti inconciliabili: a un’interiorità consolidata e armonica si oppone un’esteriorità precaria, che contempla a ogni singolo passo una caduta.

In questa singolare “visione” è chiaro che Ermini, da poeta, si muove al di fuori tanto della metafisica quanto della gnoseologia e prosegue un itinerario verso l’orizzonte dell’ontologia dell’esistenza, dove l’essere e il mistero promuovono la valorizzazione del soggetto pittorico come corpo di un soggetto personale.

Nella terza e ultima parte, “Il volto della costruzione”, il poeta-filosofo interpreta le pennellate della Fra come il tentativo di liberarsi (le ali) dalle categorie proprie del colore, che poi altro non sono che quelle umane del desiderio, dell’amor proprio, del timore: Il corpo rifiuta ogni accomodamento con il colore ed esce dal bozzolo delle garanzie.

Ma potrebbe considerarsi anche l’invito a una riflessione introspettiva focalizzata sul mistero della condizione umana: Tra elementi conoscitivi e affettivi, quali sono per esempio il colore e la voce, solo la sorte è prossima a un disegno accettabile dell’essere.

E continua: Voce e colore hanno ombre lunghe, che iniziano con il viaggio della crescita e s’intensificano a ogni contatto con la realtà.

Osservando i dipinti di Giovanna Fra, alla luce della lettura che ne dà Flavio Ermini, indubbiamente si valorizza la corporeità che “vive” e che sente, ma ancor più si resta conquistati dalla sostanziale unicità dell’essere umano in tutte le sue specifiche manifestazioni.

La narrazione poetica/filosofica di Ermini, in sostanza, mette a fuoco nelle tre sequenze i nodi problematici della pittura della Fra, ovvero: il cammino Dall’essere all’impensato, la consapevolezza di sentimento corporeo, Il secondo corpo, e l’apertura alla trascendenza, Il volto della costruzione (il corpo sta rinunciando a essere visto).

Ma nel rivendicare, pur con linguaggi diversi, la centralità della presenza esistenziale dell’interiorità dell’essere umano, sia i dipinti sia la narrazione poetica si proiettano verso l’orizzonte indefinibile e indeterminabile del mistero ontologico.

 

Giuseppina Rando

 

 

 

Giovanna Fra - Flavio Ermini, Ali del colore

Riflessioni di Silvia Ferrari

Anterem Edizioni, Verona 2007


Articoli correlati

  Sulla danza
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
  Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy