Martedì , 16 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose 
I 'materiali per un atlante' di Flavio Ermini ne “Il matrimonio del cielo con la terra”
Laurent Fries,
Laurent Fries, 'Tabu Totius Orbis' (Strasburgo, 1522) 
08 Agosto 2011
 

La carta del mondo” di Laurent Fries abbraccia e accoglie i versi del poeta Flavio Ermini in un susseguirsi di luci ed ombre. Nascita e morte vengono a significare un universo dove la “soggettività” dell’autore si dilata nella parola poetica che costantemente cerca l’approdo ad una catarsi del ‘io’ e ne tenta il dissolvimento. Il piano visivo interviene a livello dei contenuti e accresce la potenza espressiva dell’opera evidenziandone le valenze segrete e l’inesplicabile aura metafisica.

Le liriche appaiono a formare isole intorno alla terra e ne costituiscono immaginari arcipelaghi; le cartelle si aprono ad una simultaneità compenetrante spazio e tempo in una dimensione ignota, pre-esistente, aurorale, estranea all’io e verso “altro da sé”. «La parola poetica richiede un esilio dall’usura, un’attenuazione della luce, un’incessante interrogazione della parola che vorrebbe coincidere con l’originario àperion, per coglierne l’inesausta potenza» (così sostiene lo stesso autore in un’intervista di qualche tempo fa).

Nell’Atlante, Gondal rimanda all’episodio di quando le sorelle Bronte ricevettero in regalo dal padre una scatola di soldatini e ne scrissero le avventure in piccolissimi fogli cuciti a formare un libro-francobollo. Essa pagina si snoda in forma di tessere in versi, isole anche esse, posizionate nel mare navigheranno dove le porteremo per ricrearsi altrove variando nello spazio ma non nel tempo dove sempre si rigenereranno ad un nuovo assetto. Un disordine generosamente ordinato dal poeta per essere messo a fuoco come foto armonizzate con i lettori nel desiderio di cogliere nel matrimonio del cielo con la terra, un’osmosi di parole che come stanze si aprono a differenti percorsi. «In questo edificio, le stanze sono/ fragili involucri che celano il/ ricordo di una presenza ritenuta/ insostituibile. Pochi sono tornati dall’esilio».

«Nei tratti dove la luce sembra/ dispersa per sempre, si/percepisce uno spazio vuoto./ Ogni zona d’ombra è un luogo/ dove si svolge una battaglia».

L’incisiva modalità del poeta che alterna ampi enjambement ad una estrema sintesi strutturale, segna il respiro della lettura e la guerra perde l’ordinarietà del suo significato per diventare paradigma dell’esilio della parola, nomade in cerca di oasi o di esili dai quali si misurano dilatate assenze popolate di pre-esistenze strappate al cielo e portate a terra o viceversa radicate nell’esilio terreno teso ad una ricerca “altra da sé”.

Se, come scrive l’autore, «la verità è la direzione del/ nostro sguardo verso ciò che ci/ ha fatto essere tutto quello che /siamo e tutto quello che siamo stati», allora la polisemia del testo apre allo sguardo del lettore molte forme di ricerca, di ipotesi, di lettura, di empatico coinvolgimento. Ed è per questo che le liriche scritte in cartoncini e non collazionate a guisa di libro possono essere suggeritrici di differimenti, spostamenti dell’io fino a «volere ad esso meno bene» e preferire invece un viaggio nel quale nessuna meta è esclusa nell’accoglienza dell’alba sempre a noi preesistente. Karlsàr infatti che il mondo greco intendeva come “Colonne d’Ercole”, viene a significare “acque dell’uomo” ed è confine labile verso un altrove di gran lunga preesistente all’uomo. «Laddove visibile e invisibile/ s’incontrano, si comincia a/ distinguere il principio che/ determina gli eventi. Questa/ esperienza della percezione/ impone un altro inizio». Ed altro inizio suggerisce il poeta proprio nella scelta de “la carta del mondo” di Laurent Fries datata 1522 entro la quale custodisce la sua anima; un’epoca che vive della centralità e della conquista dell’uomo insieme alla percezione della caducità, del proprio esistere finibile scolpito sulle tormentate superfici michelangiolesche a presagio delle tonalità scure e sofferte di Caravaggio.

 

Patrizia Garofalo

 

 

Flavio Ermini

Il Matrimonio del Cielo con la Terra

materiali per un atlante

Edizioni d'arte Félix Fénéon, 2010, € 30,00


Articoli correlati

  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Sulla danza
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
  Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  Giuseppina Rando. Impensato
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy