Mercoledì , 13 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valeria Centorame. Amnistia… perché No?
04 Ottobre 2012
 

La costanza di un'abitudine è
di solito proporzionale alla sua assurdità.

(Proust. La prigioniera)

 

 

È pericolosamente arrivata ad essere un'abitudine sentir parlare del nostro Stato Illegale, del disastro della nostra Giustizia, delle condanne che continuamente riceviamo dalla Corte Europea per i diritti dell'Uomo, del disastro del nostro sistema penale, della mancanza dei diritti umani fondamentali e dei continui suicidi sia dei detenuti che del personale penitenziario all'interno delle nostre carceri lager... Una pericolosa, abitudine... proporzionale alla sua assurdità!

Ho scritto molte volte del perché fosse necessario, impellente ed urgente un indulto seguito da amnistia in questa situazione vergognosamente fuori dalla legalità e dal dettato costituzionale della giustizia e delle nostre carceri, ma credo che per rendere chiaro l'argomento agli indecisi... alle molte persone contrarie solo per errate informazioni e DISinformazione sistematica e di sistema sia il caso di dare risposte a chi la osteggia e di vagliare quindi il «perché no», partendo proprio dall'opposto del discorso.

 

PAURA: Come ben sappiamo parte della politica fa dell'osteggiare proposte di amnistia una mera propaganda elettorale basata sulla paura e sul sentimento di insicurezza inflitto al cittadino, sentimento indotto e passato attraverso i mass media serializzando fatti di criminalità, come si evince da ricerche sociologiche, proprio mentre invece nel nostro paese scendeva il tasso di criminalità, attestandoci tra i paesi più sicuri ed agli ultimi posti tra i paesi occidentali per criminalità comune.

Ci sono dati scientifici ad esempio elaborati dal Centro di Ascolto per l'Informazione radiotelevisa e confermati poi dall'Istat che attestano che tra il 2003 ed il 2007 nei telegiornali nazionali è più che raddoppiato il tempo dedicato alle notizie di cronaca nera, cronaca giudiziaria e criminalità organizzata, passando mediamente dal 10% del 2003 al 24% del 2007. «In particolare», sottolineano Gianni Betto e Rita Bernardini, «il maggior incremento si è registrato dopo il 2005, nel biennio 2006-2007 e grazie all'opera fatta dai telegiornali durante il governo Prodi, con il governo Berlusconi avremo tg più moderati e calerà il senso di 'insicurezza'; così si avrà l'idea che Berlusconi abbia risolto il 'problema sicurezza', quando invece sarà mutata solo la sua percezione».

Questa premessa, basta da sola a spiegare il senso di insicurezza che i cittadini soffrono sulla propria pelle e la paura di una possibile amnistia, che viene spesso propagandata da chi la osteggia come la rimessa in libertà di tanti criminali.

 

SICUREZZA: Allora a chi nel «perché no» argomenta con la mancanza di sicurezza, possiamo rispondere senza becero populismo e dati alla mano che uno studio proprio del Dap. rileva che il detenuto a cui viene concessa una misura alternativa ha una recidività minore rispetto a chi sconta la pena in carcere. Nello specifico, la recidiva, trascorsi sette anni dalla conclusione della pena, si colloca intorno al 19% in caso di pena alternativa, mentre raggiunge il 68,4% quando la stessa viene eseguita in carcere.

La recidiva attesta quanto si torni a delinquere una volta finita la pena, come sappiamo e come una prossima ricerca ci confermerà, avere le carceri piene, NON rappresenta sicurezza per il cittadino, semmai in queste condizioni l'esatto contrario.

 

NUOVE CARCERI: a chi risponde, «non serve l'amnistia, basta costruire nuove carceri!». Allora cominciamo con il dire che non sono poche le carceri esistenti, ma troppi i detenuti grazie a leggi criminogene e carcerocentriche, e grazie ad un uso spropositato della custodia cautelare. essendoci oggi sempre dati alla mano almeno 14.000 persone detenute che saranno dichiarate INNOCENTI! ed oltre 28.000 in attesa di giudizio.

Si sta in carcere per reati bagattellari, per errori giudiziari, in attesa di giudizio... perché si è malati o tossicodipendenti. Ed oltretutto ricordo che non siamo lontani dai tempi dello scandalo «carceri d'oro» forse la prima vera tangentopoli italiana, per chi volesse una bella ricerca sulla rete può rendere l'idea.

Non vanno quindi costruite nuove carceri(con sperpero di soldi pubblici) per ospitare più detenuti per il semplice fatto che non ci sono più criminali di un tempo. Vanno altresì messe a norma e rese agevoli la maggior parte delle carceri italiane, dove manca l'acqua in estate, non funzionano i riscaldamenti in inverno, girano malattie debellate da anni come la scabbia, la tbc e si muore per mancanza di assistenza medica.

 

RESA DELLO STATO: Ho sentito molti dire e scrivere che si tratterebbe di una «resa dello Stato» concedere un'amnistia, agli stessi chiedo invece se la resa di uno Stato non si insedi proprio nella illegalità con cui esso ormai ha abitudine a coabitare essendone per primo l'artefice? Quando uno stesso Stato non rispetta il dettato costituzionale, le proprie leggi nazionali, sovranazionali da anni, nella piena consapevolezza politica dell'agire... tecnicamente e giuridicamente come si può chiamare se non Criminale in flagranza di reato?

E come chiamare le migliaia di prescrizioni che ci sono ogni anno se non un'amnistia mascherata per chi può pagare bravi avvocati? sarà per questo che le carceri sono abitate dagli ultimi? Solo una considerazione a margine, è difficile trovare dei ricchi in galera!

 

CERTEZZA DELLA PENA: sento e leggo che in Italia mancherebbe la certezza della pena, potrei soffermarmi sul fatto che magari non esiste neanche la «certezza del reato» per varcare le soglie delle nostre carceri, dove si sta anche per anni senza una condanna, e senza un rinvio a giudizio... magari prima di potersi vedere riconosciuti innocenti ma vorrei invece lasciare questi dati:

l'Italia è tra i paesi europei quello dove si espiano le pene quasi per intero e dove le evasioni sono in numero più basso ed è invece il Paese che ha ricevuto la «maglia nera» per la carcerazione preventiva inflitta,collocandosi al primo posto con oltre il 42% di detenuti in attesa di giudizio (di cui la metà sarà statisticamente dichiarata innocente).

In Italia esiste la pena all'ergastolo e l'«ergastolo ostativo», che di fatto è una condanna a morte entro le mura da cui non si potrà mai uscire e che non ha senso proprio partendo dal dettato costituzionale che vorrebbe il carcere come rieducativo.

 

Oggi grazie alla lunga lotta nonviolenta radicale fatta di tante visite, interrogazioni parlamentari, vicinanza all'intera comunità penitenziaria (che ha iniziato ad usare la nonviolenza) convegni, articoli, manifestazioni... sono molte le voci che si pronunciano favorevoli ad un'amnistia necessaria, impellente urgente e non più rinviabile.

Il nostro Presidente è tornato nuovamente sull'argomento con un appello mediatico alla politica dopo l'incontro con alcuni dei firmatari della lettera di Puggiotto promossa e sostenuta dallo stesso partito radicale. Si è espressa a favore la Cei con il Mons. Crociata, il Ministro Riccardi, la stessa Severino e come sappiamo tanti tanti giuristi ed ancora a mio avviso pochi politici.

Sappiamo che non ci sono i tempi per discuterne a lungo e mentre scrivo purtroppo vengo a conoscenza dell'ennesimo suicidio in carcere, salgono così a 122 le persone morte dall'inizio del 2012, in carcere e direi proprio DI carcere; chi accuseremo un giorno di questa mattanza?

Quando i nostri figli studieranno sui libri di storia la nostra “democrazia” malata e la nostra negazione dei diritti umani… Basterà rifugiarsi dietro un «perché no?».

 

Valeria Centorame

(da Notizie Radicali, 4 ottobre 2012)


Articoli correlati

  “Amnistia subito!” Anche a Sondrio davanti al carcere
  Marco Pannella. “Dalle nuove catacombe si alzerà la battitura della speranza”
  Valter Vecellio. 25 aprile: la marcia ignota
  Marcia 25 Aprile. “Vi confermo la mia vicinanza nei confronti della vostra meritoria iniziativa”
  Contro la bancarotta giudiziaria, per Pannella la parola d’ordine è una sola: amnistia
  Emma Bonino. “Napolitano rifiuta il suo ruolo di garante della legalità”
  Valter Vecellio. Dunque, signor ministro? Dopo la sua “visita” a Regina Coeli, cos’ha fatto, cosa intende fare?
  AMNISTIA SUBITO! Flash-mob, a Bologna venerdì sera
  #iostoconmarco Amnistia Diritto Legalità
  Valentina Ascione. La giustizia a parole
  Carceri/San Vittore: Presidio radicale accoglie Napolitano al grido “Amnistia”
  Il giorno di Pasqua davanti a Regina Coeli: in fila indiana fino a piazza San Pietro
  Valter Vecellio. Complici dei violenti
  Carceri: Iniziative in tutta Italia
  Rita Bernardini. Una lotta che non può fermarsi
  Alessandro Barchiesi. Io voto in carcere
  Partito Radicale NTT. Amnistia: Marcia di Pasqua
  Alessandro Barchiesi. Giustizia lenta
  PRNtt. 26 giugno. Manifestazione a Roma nella giornata mondiale contro la tortura
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Ascanio Celestini. Pro patria. Senza prigioni, senza processi
  Emma Bonino. 25 aprile marcia per una nuova liberazione: dalla partitocrazia
  Bernardini e Pannella: “Davanti alle carceri file silenziose dei parenti dei detenuti”
  Rita Bernardini. Messaggio alle associazioni promotrici della II Marcia per l'Amnistia, la Giustizia e la Libertà
  Valter Vecellio. Giustizia: se è lo Stato a essere in flagranza di reato
  Alessandro Barchiesi. 18-21 luglio 2012
  Valter Vecellio. Le “elementari” verità di Ascanio Celestini mentre la “mattanza” continua…
  Claudio M. Radaelli. La nonviolenza a volte “funziona”, a volte no, ma funziona (senza virgolette) sempre
  Carceri: calendarizzata risoluzione sul diritto di voto dei detenuti
  Valeria Centorame. Amnistia e pregiudizio
  Rino Cammilleri, Vittorio Feltri. “Il Giornale” apre un dibattito sull'amnistia
  AMNISTIA SUBITO! Da mercoledì 18 luglio quattro giorni di nonviolenza, di sciopero della fame e di silenzio
  PRntt. Amnistia per la giustizia e la legalità
  Valter Vecellio. L’“anomala” Basilicata, dove i vescovi aderiscono alle iniziative radicali
  Valter Vecellio. “¿Ministro Severino, por qué no te callas?”
  Il 25 aprile la 2ª Marcia per l’Amnistia, la Giustizia, la Libertà
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy