Giovedì , 12 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Dunque, signor ministro? Dopo la sua “visita” a Regina Coeli, cos’ha fatto, cosa intende fare?
31 Luglio 2012
 

Le cronache informano che il ministro della Giustizia, “a sorpresa”, ha visitato il carcere romano di Regina Coeli. Non si sa se, al termine dei tre quarti d’ora di “ispezione” ne abbia ricavato la stessa impressione avuta dopo aver visto i padiglioni del carcere napoletano di Poggioreale. Servizievoli resoconti giornalistici informano che il ministro è stato applaudito dai detenuti. Chi, tuttavia, non ha applaudito è Sarshedin Saidani, venticinquenne detenuto tunisino. Nella notte si è tolto la vita impiccandosi; e doveva ben essere determinato in questo suo estremo proposito, se è vero che non disponendo di altri “strumenti”, per togliersi la vita ha utilizzato l’elastico degli slip; e questo, informa l’agenzia Dire, “nonostante fosse controllato a vista dalle guardie”. Perché era controllato a vista? Sarshedin era ricoverato nel centro clinico di Regina Coeli “in quanto malato di mente”, e aveva varcato la soglia del carcere circa una settimana fa, “con l’accusa di rapina aggravata da lesioni e resistenza a pubblico ufficiale”. In una parola: tenta una rapina, viene bloccato, resiste all’arresto; e infatti: “Il detenuto aveva già creato anche problemi piuttosto seri… era aggressivo già appena preso. Ci volevano tre poliziotti per tenerlo”. Dichiarato “malato di mente”, lo psichiatra aveva appunto disposto la sorveglianza a vista, e il giudice della direttissima, aveva fissato la perizia. Perizia ulteriore, par di capire. Una sorveglianza a vista che si è attenuata scesa la notte: “Le guardie hanno spento la luce per farlo dormire, e lui si è ucciso”, spiega il garante dei diritti dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni; e il direttore del carcere di Regina Coeli, Mauro Mariani: “Le luci andavano spente, c’è sempre un limite tra il rispetto della dignità delle persone e la prevenzione dei pericoli, soprattutto con una persona già fragile psicologicamente”.

Ora l’unica cosa che si dovrebbe scongiurare è che per questo suicidio a pagarne le conseguenze siano gli agenti di custodia, chiamati tutti i giorni, a un compito ingrato e impossibile: a Regina Coeli come in qualunque altro carcere italiano. E infatti, sempre ieri Marroni ha denunciato, in una conferenza stampa, “come anche da rilievi della ASL, le condizioni igieniche e strutturali” in cui versa il carcere, definite semplicemente “catastrofiche”.

E per quel che riguarda la “catastrofe”: il centro diagnostico e terapeutico di Regina Coeli, “struttura di rilievo nazionale della medicina penitenziaria”, sempre secondo quanto riferisce Marroni, “rischia la chiusura per gravi carenze di carattere strutturale, igienico e sanitario: servizi igienici in condizioni critiche e precarie, pavimenti sconnessi da sostituire, infissi da sottoporre a revisione, impianti tecnologici non conformi… Il centro clinico di Regina Coeli sta lentamente, ma inesorabilmente morendo. Da tempo la struttura non garantisce più gli standard minimi previsti dalla legge, nonostante i lavori di manutenzione eseguiti. Su questa struttura si sta addensando una tempesta perfetta, con gravi carenze igieniche e strutturali, cui si sommano il sovraffollamento e l’insufficiente dotazione di personale sanitario e penitenziario…”.

Una chiara situazione fuorilegge, di cui ora è da credere, il ministro della Giustizia – che a sorpresa ha ispezionato il carcere – è venuta a diretta conoscenza. Si può chiedere, sommessamente, quali urgenti provvedimenti ha disposto, sollecita, promuove? Ha convocato i suoi collaboratori, i responsabili del DAP, il giudice di sorveglianza, si è fatta consegnare il rapporto dell’ASL, ha chiamato Marroni per delucidazioni e chiarimenti? Insomma, uscita dal portone che occorre varcare per potersi dire veramente “romani”, cos’ha fatto, cosa intende fare?

Nelle stesse ore della visita a sorpresa del ministro, si registra una presa di posizione della FP-CGIL: “…Due suicidi in carcere, uno a Lecce e l’altro a Roma, e uno all’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Barcellona di Pozzo di Gotto: sono la testimonianza di una realtà indegna di un paese civile. Mentre in Parlamento si sta discutendo di provvedimenti che tagliano del 10 per cento il già ridotto personale penitenziario/amministrativo, ovvero quello che si occupa del trattamento e dell’esecuzione penale esterna, e bloccano il turn over del personale di polizia penitenziaria, già oggi carente di ben 7mila unità, nelle carceri e negli OPG si continua a morire nell’indifferenza… senza una politica progettuale il grave problema umano che affligge le nostre carceri è irrisolvibile e la ministra, il governo e l’intero Parlamento devono risponderne…”.

Dall’inizio dell’anno si sono tolti la vita, nelle carceri italiane trentatré detenuti, e sette poliziotti penitenziari: ricordiamone i nomi:

16 febbraio: assistente capo Achille Del Giudice, 42 anni, a Roma.
18 febbraio: ispettore capo Giuseppe Ledda, 42 anni, a Caserta.
6 aprile: assistente capo Mauro Casentino, 44 anni, a Rossano Calabro.
14 giugno: assistente capo Vincenzo Via, 35 anni, a Trapani.
4 luglio: assistente capo Gianfranco Mura, 37 anni, a Busto Arsizio.
26 luglio: assistente capo Michele Maddalena, 48 anni, a Vasto.
27 luglio: assistente capo Giuseppe Gagliano, 45 anni, ad Augusta (SR).

Dunque, signor ministro della Giustizia?

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 31 luglio 2012)


Articoli correlati

  Alessandro Barchiesi. Giustizia lenta
  “Amnistia subito!” Anche a Sondrio davanti al carcere
  Emma Bonino. 25 aprile marcia per una nuova liberazione: dalla partitocrazia
  Emma Bonino. “Napolitano rifiuta il suo ruolo di garante della legalità”
  Marco Pannella. “Dalle nuove catacombe si alzerà la battitura della speranza”
  AMNISTIA SUBITO! Flash-mob, a Bologna venerdì sera
  Valter Vecellio. 25 aprile: la marcia ignota
  Marcia 25 Aprile. “Vi confermo la mia vicinanza nei confronti della vostra meritoria iniziativa”
  Il giorno di Pasqua davanti a Regina Coeli: in fila indiana fino a piazza San Pietro
  Il 25 aprile la 2ª Marcia per l’Amnistia, la Giustizia, la Libertà
  Contro la bancarotta giudiziaria, per Pannella la parola d’ordine è una sola: amnistia
  #iostoconmarco Amnistia Diritto Legalità
  Valentina Ascione. La giustizia a parole
  Carceri/San Vittore: Presidio radicale accoglie Napolitano al grido “Amnistia”
  Valter Vecellio. Complici dei violenti
  Carceri: Iniziative in tutta Italia
  Rita Bernardini. Una lotta che non può fermarsi
  Alessandro Barchiesi. Io voto in carcere
  Partito Radicale NTT. Amnistia: Marcia di Pasqua
  PRNtt. 26 giugno. Manifestazione a Roma nella giornata mondiale contro la tortura
  Valeria Centorame. Amnistia… perché No?
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Bernardini e Pannella: “Davanti alle carceri file silenziose dei parenti dei detenuti”
  Rita Bernardini. Messaggio alle associazioni promotrici della II Marcia per l'Amnistia, la Giustizia e la Libertà
  Valter Vecellio. Giustizia: se è lo Stato a essere in flagranza di reato
  Alessandro Barchiesi. 18-21 luglio 2012
  Valter Vecellio. Le “elementari” verità di Ascanio Celestini mentre la “mattanza” continua…
  Claudio M. Radaelli. La nonviolenza a volte “funziona”, a volte no, ma funziona (senza virgolette) sempre
  Valeria Centorame. Amnistia e pregiudizio
  Carceri: calendarizzata risoluzione sul diritto di voto dei detenuti
  Rino Cammilleri, Vittorio Feltri. “Il Giornale” apre un dibattito sull'amnistia
  Ascanio Celestini. Pro patria. Senza prigioni, senza processi
  AMNISTIA SUBITO! Da mercoledì 18 luglio quattro giorni di nonviolenza, di sciopero della fame e di silenzio
  PRntt. Amnistia per la giustizia e la legalità
  Valter Vecellio. L’“anomala” Basilicata, dove i vescovi aderiscono alle iniziative radicali
  Valter Vecellio. “¿Ministro Severino, por qué no te callas?”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy