Lunedì , 17 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. 25 aprile: la marcia ignota
23 Aprile 2012
 

Furio Colombo, che ne ha scritto ieri su Il Fatto, l’ha chiamata “La marcia misteriosa”. La si potrebbe anche definire: “La marcia ignota”, come ignote sono quasi tutte le iniziative e le proposte radicali: nel senso che non se ne parla, non diventano argomento di dibattito e confronto. Fra due giorni avrà luogo a Roma, la marcia per l’amnistia, la libertà, la giustizia. Andate nei siti radicali. La lista delle adesioni, di organizzazioni e di singole personalità è sterminata, sono davvero tanti e di ogni orientamento politico e culturale. Beh, non lo sa nessuno. Hanno aderito sacerdoti, cappellani, uomini di chiesa e non solo cattolici; una quantità di parlamentari, di dirigenti politici di destra, centro e sinistra; i garanti dei detenuti, i direttori penitenziari, sindacati dalla Cgil all’Ugl, scrittori e personalità dello spettacolo, consigli comunali, provinciali, regionali… Un giornale che sia andato a chiederne le ragioni, una televisione pubblica o privata che sia che abbia dedicato alla questione – si ripete: per l’amnistia, la libertà e la giustizia – una delle tante trasmissioni che vanno in onda ogni giorno, per chiedere a tutte queste persone perché secondo loro le questioni della libertà e della giustizia passano per l’amnistia. Niente. È da credere che gli stessi aderenti alla marcia, per paradosso, ignorino cosa sia l’iniziativa che promuovono e cosa si prefigga e chieda. Certo: si parla molto della situazione delle carceri. E finalmente, dopo che per anni la questione era stata ignorata, rimossa. Ora non v’è chi non riconosca che la questione è intollerabile, indegna; e, beninteso, lo è, una autentica vergogna per non dire di peggio; e tuttavia, accade che proprio in questo modo, si finisca, magari al di là delle intenzioni, per sfuggire alla questione essenziale.

La questione essenziale è costituita dai milioni di processi in corso, e la loro irragionevole durata, come dicono gli organismi europei che per questo ci condannano in continuazione. Già quasi dieci anni fa il Consiglio d'Europa, attraverso la relazione del parlamentare spagnolo Álvaro Gil-Robles, individuava nella lentezza della giustizia italiana l’elemento che «indebolisce lo Stato di diritto». Lo scandalo sono i circa 180mila processi che ogni anno vanno in prescrizione, un’amnistia di clandestina e di classe, perché ne beneficia solo chi ha la possibilità di pagarsi un buon avvocato che sa come destreggiarsi tra norme e leggi dei codici.

Nel 2010 lo Stato ha dovuto indennizzare cittadini che hanno vinto il ricorso alla Corte europea per oltre sei milioni di euro. Nel 2011 la cifra è salita a otto milioni e mezzo. La Corte inoltre ha già condannato più volte l'Italia per il malfunzionamento dell'unico rimedio, la legge Pinto, finora fornito agli italiani per rivalersi contro lo stato per la durata eccessiva dei processi.

Ecco: è questo quello che non ci vogliono far sapere, che ci nascondono, che impediscono diventi oggetto di riflessione, dibattito, confronto, consapevolezza comune. È la non democrazia che avvolge e stritola questo paese. Questo regime di non conoscenza e negata verità è la peste di cui da tempo parlano Pannella e i radicali.

Prima di chiudere, un pensiero, un fiore ideale per una persona, un compagno, che ci ha lasciato, l’avvocato Peppino Ramadori: radicale quando esser radicale non era facile, da anni non era più iscritto, era sceso dall’autobus radicale. L’ultima volta che l’ho visto, appena un poco invecchiato, un paio d’anni fa, in occasione di un venti settembre a Porta Pia. Peppino ha fatto parte della nostra storia, e poco importa che non condividesse più, o solo in parte, le cose che si cerca di fare. Che la terra ti sia lieve, Peppino.

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 23 aprile 2012)


Articoli correlati

  Alessandro Barchiesi. Giustizia lenta
  Valentina Ascione. La giustizia a parole
  Contro la bancarotta giudiziaria, per Pannella la parola d’ordine è una sola: amnistia
  #iostoconmarco Amnistia Diritto Legalità
  “Amnistia subito!” Anche a Sondrio davanti al carcere
  Marcia 25 Aprile. “Vi confermo la mia vicinanza nei confronti della vostra meritoria iniziativa”
  AMNISTIA SUBITO! Flash-mob, a Bologna venerdì sera
  Alessandro Barchiesi. 18-21 luglio 2012
  Il giorno di Pasqua davanti a Regina Coeli: in fila indiana fino a piazza San Pietro
  Carceri: Iniziative in tutta Italia
  Claudio M. Radaelli. La nonviolenza a volte “funziona”, a volte no, ma funziona (senza virgolette) sempre
  Valter Vecellio. Le “elementari” verità di Ascanio Celestini mentre la “mattanza” continua…
  Rita Bernardini. Messaggio alle associazioni promotrici della II Marcia per l'Amnistia, la Giustizia e la Libertà
  Emma Bonino. “Napolitano rifiuta il suo ruolo di garante della legalità”
  Carceri/San Vittore: Presidio radicale accoglie Napolitano al grido “Amnistia”
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Bernardini e Pannella: “Davanti alle carceri file silenziose dei parenti dei detenuti”
  Rita Bernardini. Una lotta che non può fermarsi
  Alessandro Barchiesi. Io voto in carcere
  PRNtt. 26 giugno. Manifestazione a Roma nella giornata mondiale contro la tortura
  Valter Vecellio. L’“anomala” Basilicata, dove i vescovi aderiscono alle iniziative radicali
  Ascanio Celestini. Pro patria. Senza prigioni, senza processi
  Il 25 aprile la 2ª Marcia per l’Amnistia, la Giustizia, la Libertà
  Valter Vecellio. Complici dei violenti
  Valeria Centorame. Amnistia… perché No?
  Emma Bonino. 25 aprile marcia per una nuova liberazione: dalla partitocrazia
  AMNISTIA SUBITO! Da mercoledì 18 luglio quattro giorni di nonviolenza, di sciopero della fame e di silenzio
  Valeria Centorame. Amnistia e pregiudizio
  Valter Vecellio. Giustizia: se è lo Stato a essere in flagranza di reato
  PRntt. Amnistia per la giustizia e la legalità
  Rino Cammilleri, Vittorio Feltri. “Il Giornale” apre un dibattito sull'amnistia
  Marco Pannella. “Dalle nuove catacombe si alzerà la battitura della speranza”
  Valter Vecellio. “¿Ministro Severino, por qué no te callas?”
  Valter Vecellio. Dunque, signor ministro? Dopo la sua “visita” a Regina Coeli, cos’ha fatto, cosa intende fare?
  Carceri: calendarizzata risoluzione sul diritto di voto dei detenuti
  Partito Radicale NTT. Amnistia: Marcia di Pasqua
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy