Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: La Collina della speranza. Rieducazione dei carcerati.
31 Agosto 2008
 

 

Voleva essere un duro, Jmmy. Sognava di fare il gangster nel suo paese, in Ve­neto. Organizzò una rapina in banca, ma fu arrestato. Non aveva ancora 18 anni e finì nel carcere minorile di Treviso. Poi fu trasferito in Sardegna, questa volta nel carce­re minorile di Quartucciu, vicino a Cagliari. Arrivò col sogno di evadere. Riuscì a farsi tra­sferire in una comunità che si chiamava «La Collina». Quando ebbe il permesso di uscire, scappò e si mise a correre tra la gente. Poi si bloccò e tornò indietro. Si accorse in quel momento che la sua vita era cambiata e che anche la sua mente e il suo cuore non erano più gli stessi. Jmmy era un'altra persona. Questa la trama di un libro di Massimo Car­lotto, scrittore noir di successo, e di un film firmato dal regista Enrico Pau. La comuni­tà “La Collina” esiste davvero. Si trova a Serdiana, a 17 chilometri da Cagliari. L'ha fondata don Ettore Cannavera ed è lui che la guida. Nell'82 era parroco a Santa Mar­gherita di Pula, borgata turistica con ville e alberghi di lusso, quando il presidente del Tribunale per i minori, Federico Palomba (che poi divenne presidente della Regione e ora è deputato al Parlamento), lo convinse a creare una comunità per minori su cui pen­devano provvedimenti giudiziari.

In un appartamento di Sant'Avendrace, quartiere popolare di Cagliari, don Ettore cominciò così ad accogliere ragazzi tra i 14 e i 18 anni, con un progetto, e insieme un sogno: far capire ai giovani che qualcuno si occupava di loro e che a loro ci teneva vera­mente. Si pranzava tutti insieme e se qual­cuno arrivava in ritardo lo si aspettava. Nes­suno toccava cibo fintanto che il ritardatario non era arrivato. I ragazzi capivano.

Nel 1993 don Ettore divenne cappellano nel carcere minorile di Quartucciu, una struttu­ra moderna, ben diretta, ma pur sempre un carcere. «Mi resi conto» dice «che i ragazzi, espiata la pena, molto spesso tornavano in carcere». Pensò allora a una comunità per ragazzi più grandi, dai 18 ai 25 anni. An­che perché le pene si scontano nel carcere minorile sino al compimento del ventune­simo anno di età, poi si va nel carcere degli adulti e tutto diventa più difficile. Suo padre, aveva una vigna e fu lì che, con l'aiuto dei volontari dell'associazione Cooperazione e Confronto, educatori, pedagogisti, psicolo­gi e insegnanti, il primo ottobre 1995 nacque la comunità “La Collina” alla quale la Magistratura di Sorveglianza affida i «giovani­adulti» del carcere minorile di Quartucciu come misura alternativa alla detenzione.

La Regione paga cinque stipendi a psicologi, e pedagogisti che lavorano a tempo pieno e si chiamano operatori di condivisione. «Perché i qui» dice don Ettore «non si educa dando ordini, bensì vivendo con i ragazzi». Il resto lo pagano gli ospiti (300 euro al mese) che si ritagliano un piccolo guadagno lavorando all'esterno. Sono loro che autogestiscono la comunità, dal pranzo alle pulizie. I posti sono dodici. In questo periodo i ragazzi so­no undici, quattro di loro sono stranieri. Tre sono stati arrestati per omicidio.

La vita a “La Collina” è regolata da orari rigi­di: ci si alza alle 6 e mezzo e si va a letto alle 22 e 30, dopo una giornata di lavoro. «l primi mesi, in carcere, li senti. Poi fai il detenuto e ti adatti. Qui invece», osserva don Ettore, «le regole sono severe. Non c'è mai un mo­mento libero». Il mercoledì c'è l'incontro con personaggi della cultura, dello spettacolo, dello sport (l'ultimo, in ordine cronologico, è stato Gigi Riva). Il giovedì è il giorno dell'accoglienza. Il ritrovo è in una cappella, ma non nella cappella tradizionale (quella è da un'altra parte), bensì in un luogo nel quale il pavimento è ricoperto di tappeti e di cuscini colorati e, alle pareti, insieme con le immagi­ni della Madonna, ci sono pagine del Corano e simboli di altre religioni. Si leggono brani biblici e si prega, nel silenzio più assoluto.

I risultati arrivano. In carcere la “ricaduta” è molto più alta che a “La Collina”: su 35 ragazzi solo due sono rientrati dietro le sbarre. Gli altri hanno un lavoro e una nuova vita. Don Ettore non si è fermato. Con i soldi della Regione ha costruito un caseggiato per ospitare una comunità di sei ragazzi con sof­ferenza mentale. «Perché» spiega «troppi finiscono in psichiatria e troppi sono i suici­di in carcere».

 

(da “La Chiesa degli ultimi” ne Il Messaggero di santAntonio, Padova, luglio-agosto 2008, pag. 24)


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Ferragosto nelle carceri: a Sollicciano la senatrice Donatella Poretti
  Piero Cappelli: Perdere e ‘ritrovare’ la libertà in silenzio, Dietro le sbarre…
  L'On. Rita Bernardini, deputata radicale, in visita ispettiva al carcere di Sondrio
  Francesco Racchetti. Situazione e prospettive al Carcere di Sondrio
  Il richiamo del Jobèl. La ballata del carcere di Reading
  Sondrio. In visita al carcere con Benedetto Della Vedova
  Sondrio. La direttrice del carcere replica alla nota diffusa dei Radicali
  Sondrio. Il Movimento 5 Stelle sulla situazione del carcere
  Sondrio, Radicali: “Anche la proposta di legge fa male ai detenuti?”
  Sondrio. Relazione (e dimissioni) del Garante dei diritti delle persone limitate nella libertà personale
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 1ª parte - Presentazione
  Consentire la socializzazione tra i detenuti e il proprio cane
  Filomena Gallo. Salute in carcere: il caso Bottigliero
  Valter Vecellio. Le “elementari” verità di Ascanio Celestini mentre la “mattanza” continua…
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 2ª parte - 'Giornate particolari' 2004-2006
  Natale in carcere: progetto Fonoteca a Lodi e dolci Auguri a Sondrio
  Alessandro Barchiesi. Convivenza carceraria
  Roberto Fantini. Per una giustizia più giusta, “partiamo da 20x20”
  Paolo Ruffilli. Tutto il possibile
  Carcere Arezzo. Nuova visita ispettiva dopo la rivolta e alcuni risultati si ottengono
  Carcere Arezzo. Sovraffollamento, mancanza di attività e limitazioni alle ispezioni parlamentari
  Secondo ferragosto in carcere. I dati e la situazione della casa circondariale di Sondrio
  Carceri/Ddl Alfano. Approvati due Ordini del giorno presentati dai senatori Radicali
  Preghiere dal Carcere di Opera
  Sciopero della fame nel carcere di Sondrio
  Visita al carcere di Arezzo. Incontro con la stampa sabato 20 febbraio
  Sondrio. Impegno per un nuovo, moderno carcere
  Francesco Racchetti. Il fallimento della prigione
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 5ª parte – Altre poesie
  Sondrio/Carcere. “Quel diavolo di un Racchetti...”
  Valter Vecellio. Tre notizie da titolo TG!?...
  Rita Bernardini. La vergogna di San Vittore
  Paola Mara De Maestri. Sulla poesia/ Il Laboratorio del carcere di Opera Milano
  Voci dalla Poesia: Scrittura creativa nel Carcere. Opera e Bollate
  Interrogazione Poretti-Perduca: “Il carcere di Arezzo chiude?”
  Ascanio Celestini. Pro patria. Senza prigioni, senza processi
  Cercare in carcere libertà
  Radicali Sondrio: Fine anno nel carcere di via Caimi
  Vincenzo Donvito. L'irriverente. Tossicodipendente muore per overdose in carcere
  Sondrio e Morbegno. Due appuntamenti sul carcere a fine mese
  Il ministro Alfano conferma: quella di carceri e giustizia è la vera grande emergenza italiana
  Carcere: Radicali Sondrio chiede il ritorno del Garante Racchetti
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Come gli ospedali
  Bimbi in carcere. Bene ministro Alfano, avrà il nostro sostegno!
  Valter Vecellio. Notizie dal “Format” sui diritti umani che non c’è
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Balamòs Teatro. “Ieri, oggi, domani...”
  Il "Palazzo" affossa amnistia e indulto
  Sondrio: Tutti con il Garante dei detenuti… tranne il Sindaco?
  I dati e la situazione del carcere di Sondrio
  "Ferragosto in carcere"
  “Racchetti riveda la propria decisione”. Da Milano interviene il Provveditore regionale Pagano
  Valter Vecellio. A proposito di una politica di “governo” del carcere che non c’è
  Bambini in carcere: uno scempio a cui porre rimedio
  AMNISTIA. Dalla mezzanotte di oggi una giornata di digiuno a favore di un atto di clemenza
  Rita Bernardini. Carceri: basta con la gioielleria di scena
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 4ª parte – L'inchiesta 'giornalistica' di febbraio e Free Play
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 3ª parte - 'Giornate particolari' 2006-2008
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy