Venerdì , 26 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carcere: Radicali Sondrio chiede il ritorno del Garante Racchetti
03 Ottobre 2016
 

Visto l’aggravarsi della situazione relativa alla casa circondariale di Sondrio dove continua lo sciopero della fame dei detenuti, al quale si è aggiunto anche lo sciopero della sete di una parte di essi, Claudia Osmetti di Radicali Sondrio e membro del Comitato nazionale di Radicali Italiani dichiara:

 

«L’urgenza degli ultimi avvenimenti ci impone la ricerca di una soluzione la più rapida possibile. Per questo ci rivolgiamo al Consiglio comunale di Sondrio, e in particolare al suo presidente Carlo Zanesi o in subordine a un quinto dei suoi componenti così come prescritto dal regolamento, affinché venga indetta una convocazione straordinaria già nei prossimi giorni o comunque con la massima urgenza con all’ordine del giorno la discussione di quanto sta avvenendo in via Caimi. Chiediamo che in quell’occasione vi sia un riconoscimento della fondatezza delle motivazioni che hanno portato alle dimissioni del garante, Francesco Racchetti, e conseguentemente il ritiro delle stesse. Come radicali crediamo che l’assise di Palazzo Pretorio abbia il dovere di prendere una netta posizione al riguardo, chiedendo al garante dimissionario di svolgere un’opera di mediazione che consenta una onorevole sospensione dell’iniziativa nonviolenta dei detenuti e scongiuri eventuali degenerazioni, in attesa di provvedimenti risolutivi da parte delle autorità competenti.

Il silenzio che, sulla questione, in questi mesi ha mantenuto il sindaco Alcide Molteni è vergognoso: nel marzo scorso, quando Racchetti presentò le sue dimissioni in Consiglio, Molteni non mosse un dito. Successivamente non è stato da meno, rifiutandosi anche solo di approfondire l’argomento: non è stato chiesto conto alla direttrice del carcere dei comportamenti che, nei fatti, hanno portato all’allontanamento sia delle Dame di San Vincenzo sia di altre associazioni di volontariato che operavano nella struttura. Senza contare l’increscioso episodio che ha riguardato Alì El Hazaymeh, il medico da anni responsabile del servizio sanitario, ostacolato nell’esercizio delle sue funzioni».

«Per quanto ci riguarda» conclude l'esponente radicale «ribadiamo il nostro sostegno alle rivendicazioni nonviolente dei detenuti e chiediamo alla politica sondriese di compiere un atto di coraggio, mettendo da parte presunte animosità, per risolvere la situazione».

 

Radicali Sondrio

 

 



Articoli correlati

  Sondrio. Impegno per un nuovo, moderno carcere
  Sondrio. Il Movimento 5 Stelle sulla situazione del carcere
  Sondrio. La direttrice del carcere replica alla nota diffusa dei Radicali
  Francesco Racchetti. Situazione e prospettive al Carcere di Sondrio
  Sciopero della fame nel carcere di Sondrio
  Secondo ferragosto in carcere. I dati e la situazione della casa circondariale di Sondrio
  Sondrio/Carcere. “Quel diavolo di un Racchetti...”
  Sondrio. In visita al carcere con Benedetto Della Vedova
  Sondrio, Radicali: “Anche la proposta di legge fa male ai detenuti?”
  Radicali Sondrio: Fine anno nel carcere di via Caimi
  Sondrio: Tutti con il Garante dei detenuti… tranne il Sindaco?
  Sondrio. Relazione (e dimissioni) del Garante dei diritti delle persone limitate nella libertà personale
  “Racchetti riveda la propria decisione”. Da Milano interviene il Provveditore regionale Pagano
  I dati e la situazione del carcere di Sondrio
  L'On. Rita Bernardini, deputata radicale, in visita ispettiva al carcere di Sondrio
  Sondrio. Carcere: Interrogazione parlamentare al Ministro della Giustizia
  “C'è una prigione in valle”
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Morbegno. Promemoria di civiltà
  Cercare in carcere libertà
  12 referendum. I Radicali chiedono l'intervento del Prefetto
  Il Sindaco si pronuncia. Ulteriori sviluppi nel caso “cedro di Sondrio”
  Luigi Mescia. Sondrio: Declino e degrado della sanità provinciale
  Prosegue la campagna di Radicali Sondrio a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Paola Pizzini. Sondrio. Dopo la decisione di tagliare il cedro e stop
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy