Lunedì , 16 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Perdere e ‘ritrovare’ la libertà in silenzio, Dietro le sbarre…
13 Marzo 2009
 

Sono stato per circa un anno e mezzo come volontario counselor nel carcere “don Bosco” di Pisa. Ora, da alcuni mesi non ci vado più. Era il mio impegno del sabato. Incontravo i detenuti dell’isolamento e parlavo con i casi a rischio, suicidio. Ci passavo diverse ore, dalle 9 alle 16 del pomeriggio. Con me c’erano altre decine di operatori volontari oltre a quelli istituzionali pagati regolarmente dal Ministero della Giustizia. Sono riuscito a fare anche alcune sedute di rilassamento-meditazione con le detenute del ‘femminile’ con buoni risultati almeno di partecipazione.

Eppure, dopo questo tempo mi sono accorto che qui in Italia occorre ben altro per i carcerati: l’accoglienza ‘fuori’ dal carcere quando escono definitivamente ed anche periodicamente per aiutarli a riprendere confidenza con la vita-fuori. Nel frattempo da circa due anni e mezzo avevo preso contatti epistolari con una detenuto italiano aretino ristretto a Sollicciano (Fi) tramite l'associazione “Pantagruel” che lavora nel mondo del carcere. E casualmente, scrivendo, Franco mi ha risposto e così è iniziato un conoscersi per lettera fino al Natale 2008. Quando, ha avuto il permesso premio e ci siamo incontrati per la prima volta a Lucca nella casa san Frncesco dove un gruppo di volontari accoglie e organizza il soggiorno dei carcerati che vogliono trascorrere lì le loro ore di libertà o di arresti domiciliari. Così è stato con Franco. Dal carcere di Massa è arrivato a Lucca e lì sulla porta della Casa san Francesco ci siamo conosciuti. Era il pomeriggio del 24 dicembre. Avevo per lui una sorpresa, portarlo in collina a san Martino in Vignale, una parrocchia sita nella bellissima campagna lucchese a due passi dalla città. Volevo che incontrasse fratel Arturo Paoli, uno degli ultimi testimoni e profeti di un cristianesimo e di una chiesa che non perde né la Speranza né l’ardore per la Vita e per l’Amore. Ha compiuto 97 anni il 30 novembre scorso e l’ha festeggiati con estrema umiltà e timidezza, nella più piena consapevolezza di chiedere a Dio uno ‘sconto’ del tempo che li rimane ancora di vivere su questa terra: vuole incontrare l’Eterno! È lì, nella casa-canonica di san Martino in Vignale che Franco ha conosciuto Arturo. Abbiamo preso insieme un tè e poi siamo rimasti a cena lì in quella casa che è un centro di raccolta per tutte le anime del mondo. Di lì passa un gran numero di persone soprattutto per incontrare Arturo e raccogliere da lui una parola di conforto e di spinta ad andare avanti o a cambiare vita secondo l’amore.

Sì, perché fratel Arturo, della comunità di Charle de Foucold, porta nel mondo il grande suo messaggio che ha mutuato dal grande padre gesuita Telhiard de Chardin: «amoreggiare il mondo!». Cioè portare l’amore nel mondo dovunque siamo qualunque cosa facciamo. Non c’è un posto migliore di un altro, non c’è un mestiere e una collocazione più prestigiosa di un’altra. No. C’è solo quello che ci viene dato continuamente e senza risparmio dalla Vita. Ma ci viene dato senza nemmeno chiedere nulla. E quando ci viene tolto qualcosa noi riceviamo lo stesso ugualmente. Lo capiamo dopo, solo dopo. E lo ha capito anche il mio amico Franco.

Quando ha visto la sua libertà finire dietro le sbarre di un carcere dopo aver rapinato e portato via soldi alle banche per una donna che poi lo ha ‘tradito’ mentre lui aveva tutto, la casa, i soldi, la moglie come un figlio. Lo ha fatto per ben due volte. Perdonato è ritornato sul ‘luogo del delitto’. Troppo. Ma ora l’ha capito. Speriamo. Lui dice di sì. «Piero», mi dice «tu sapessi se l’ho capito!!». Dopo aver parlato con Arturo e aver passato con altri improvvisati amici, ma non improvvisati nella generosità di ciascuno, la cena in un bel numero di una ventina di persone, siamo andati insieme alla Messa di Natale. Poi l’ho riaccompagnato al suo luogo di recapito. Alla fine del suo soggiorno lucchese, prima di tornare in carcere mi ha telefonato per dirmi che vorrà tornare da Arturo, in quella casa dove ha assaporato la gioia dell’accoglienza senza occhiali moralistici, senza pregiudizi ingiusti. Si è sentito uno tra i tanti, uguale tra diseguali, insieme senza sapere più cosa sia la solitudine di una cella di pochi metri abitata in più persone. Gliel’ho promesso, ce lo riporterò presto, lì dove ha sentito battere un cuore umano per accoglierlo così com’è, così come si sente di essere. In un’ultima lettera che mi ha spedito mi ha allegato Il Ponte, il periodico dei detenuti della casa di reclusione di Massa, perché hanno pubblicato una sua breve riflessione sul “Silenzio” che vive in carcere. È con questo messaggio di Franco che vi domando di riflettere sulla nostra Libertà e cosa voglia dire perderla… in silenzio…!

 

Silenzio”

«Questo rumoroso silenzio che ti rode, t’uccide, che t’invecchia la speranza fermando il tempo che non viene mai! Questo silenzio che dice tutto, che chiede aiuto, pietà, grazie, perdono! In questo silenzio di pentimenti per l’indelebile passato che non muore mai! Il silenzio solo interno di codesto luogo, dove non ci sono vetrine, cabine, bambini; questo silenzio di carne e ossa, dove ogni tanto si rompe. Questo colpevole silenzio rassegnato a pagare ciò che palesemente si è errato!

Il silenzio dell’indifferenza, il silenzio obbligato, il silenzio per non continuare ad errare, il silenzio tutto, amore, speranza, umiltà per sopportare, il silenzio per amare, seppur da lontano, il silenzio di un anno fatto di 730 giorni, silenzio per una lettera cara ricevuta, silenzio per la sventura del tuo nuovo compagno che piange al buio per i propri cari, silenzio per lo sbarbato non ancora ventenne, terrorizzato da brutte figure che lo guardano e di vecchie bugie leggendarie, silenzio per il sieropositivo che aspetta la morte per essere libero, silenzio per il disabile, per il vecchio, per l’innocente, silenzio c’è la conta, silenzio è notte. Silenzio pensando ancora al domani uguale. Silenzio!

Sì, perché qui non è come fuori; qui i nostri problemi diventano doppi spesso anche tripli, sino al punto di rompere questo maledetto silenzio, rischiando di perdere tutto… Silenzio devo riflettere!» (Franco C. – Carcere di Massa)

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Carcere Arezzo. Sovraffollamento, mancanza di attività e limitazioni alle ispezioni parlamentari
  Carcere: Radicali Sondrio chiede il ritorno del Garante Racchetti
  Valter Vecellio. Tre notizie da titolo TG!?...
  Preghiere dal Carcere di Opera
  I dati e la situazione del carcere di Sondrio
  Filomena Gallo. Salute in carcere: il caso Bottigliero
  Paolo Ruffilli. Tutto il possibile
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Come gli ospedali
  Balamòs Teatro. “Ieri, oggi, domani...”
  Secondo ferragosto in carcere. I dati e la situazione della casa circondariale di Sondrio
  Bambini in carcere: uno scempio a cui porre rimedio
  Ferragosto nelle carceri: a Sollicciano la senatrice Donatella Poretti
  “Racchetti riveda la propria decisione”. Da Milano interviene il Provveditore regionale Pagano
  Rita Bernardini. Carceri: basta con la gioielleria di scena
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Natale in carcere: progetto Fonoteca a Lodi e dolci Auguri a Sondrio
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 5ª parte – Altre poesie
  Alessandro Barchiesi. Convivenza carceraria
  Sondrio. In visita al carcere con Benedetto Della Vedova
  Consentire la socializzazione tra i detenuti e il proprio cane
  Carceri/Ddl Alfano. Approvati due Ordini del giorno presentati dai senatori Radicali
  Sondrio, Radicali: “Anche la proposta di legge fa male ai detenuti?”
  Sondrio. Relazione (e dimissioni) del Garante dei diritti delle persone limitate nella libertà personale
  Roberto Fantini. Per una giustizia più giusta, “partiamo da 20x20”
  Francesco Racchetti. Il fallimento della prigione
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 2ª parte - 'Giornate particolari' 2004-2006
  Sondrio/Carcere. “Quel diavolo di un Racchetti...”
  Rita Bernardini. La vergogna di San Vittore
  Vincenzo Donvito. L'irriverente. Tossicodipendente muore per overdose in carcere
  Paola Mara De Maestri. Sulla poesia/ Il Laboratorio del carcere di Opera Milano
  Voci dalla Poesia: Scrittura creativa nel Carcere. Opera e Bollate
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 1ª parte - Presentazione
  Interrogazione Poretti-Perduca: “Il carcere di Arezzo chiude?”
  Ascanio Celestini. Pro patria. Senza prigioni, senza processi
  Visita al carcere di Arezzo. Incontro con la stampa sabato 20 febbraio
  Radicali Sondrio: Fine anno nel carcere di via Caimi
  Cercare in carcere libertà
  Francesco Racchetti. Situazione e prospettive al Carcere di Sondrio
  Bimbi in carcere. Bene ministro Alfano, avrà il nostro sostegno!
  Valter Vecellio. Notizie dal “Format” sui diritti umani che non c’è
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 4ª parte – L'inchiesta 'giornalistica' di febbraio e Free Play
  "Ferragosto in carcere"
  Sondrio. Il Movimento 5 Stelle sulla situazione del carcere
  Il "Palazzo" affossa amnistia e indulto
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Sondrio: Tutti con il Garante dei detenuti… tranne il Sindaco?
  Valter Vecellio. Le “elementari” verità di Ascanio Celestini mentre la “mattanza” continua…
  Sondrio. La direttrice del carcere replica alla nota diffusa dei Radicali
  Il richiamo del Jobèl. La ballata del carcere di Reading
  Carcere Arezzo. Nuova visita ispettiva dopo la rivolta e alcuni risultati si ottengono
  Sciopero della fame nel carcere di Sondrio
  Sondrio e Morbegno. Due appuntamenti sul carcere a fine mese
  Valter Vecellio. A proposito di una politica di “governo” del carcere che non c’è
  Sondrio. Impegno per un nuovo, moderno carcere
  AMNISTIA. Dalla mezzanotte di oggi una giornata di digiuno a favore di un atto di clemenza
  L'On. Rita Bernardini, deputata radicale, in visita ispettiva al carcere di Sondrio
  Il ministro Alfano conferma: quella di carceri e giustizia è la vera grande emergenza italiana
  Piero Cappelli: La Collina della speranza. Rieducazione dei carcerati.
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 3ª parte - 'Giornate particolari' 2006-2008
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy