Lunedì , 16 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin, Cerei regni.
Le Georgiche
Le Georgiche 
08 Luglio 2006
 
 

Faccio una premessa al viaggio con Virgilio, sacerdote etrusco. Ieri sera ho incontrato il mio insegnante di latino, dei primi anni di liceo scientifico: il prof. Mario Ulliana. Aveva letto “Dio sovrano”. Mi ha dato un consiglio liberatorio: – racconta quel che ritieni giusto, senza preoccuparti del parere contrario. Ho idea che tu abbia ragione. Ma sii chiaro, senza tecnicismi. Per favore –.

 

Perché mi ha liberato?

Perché io scrivo gravato dal peso di una tradizione contraria: da 2000 anni Virgilio viene insegnato a scuola come massimo poeta romano; mentre fu sì poeta, ma soprattutto fu sacerdote etrusco.

Perché pesa questa differenza?

Perché, mentre non è difficile accettare il fatto che Livio, nato 11 anni dopo di lui, abbia scritto la storia di Roma (mettendo assieme ciò che più di una ventina di storici avevano scritto) pur essendo un Veneto, è stato impensato, finora, il fatto che un sacerdote etrusco abbia narrato della stirpe Eneide ‘senza essere scoperto’.

Livio, da uomo prudente, iniziò le sue storie con una paginina sui Veneti e poi si dedicò tutto al racconto dei fatti della gloria di Roma, da storico.

Per i Romani diede così prova di sottomissione e di utilità con i suoi 142 libri Ab urbe condita raccontando la storia della loro città in modo epocale.

 

Ben diverso il ruolo di un sapiente come Virgilio. Doveva essere Romano per essere un sapiente accettato dai Romani. Questo, credo, si è pensato finora. Questo pensò, senza aver dubbi, Petronio.

Altrimenti, doveva essere un genio letterario assoluto.

Questo fu, ed è, dal momento che un letterato che operò nella sua seconda lingua incontrando il consenso unanime è immortale nella sua opera.

 

Mi torna utile l’esempio di un altro sapiente, Giordano Bruno, che scrisse il De magia, mai pubblicato che oggi si può rintracciare in Internet. Si difese per sette anni al tribunale dell’Inquisizione ed alla fine dovette salire al rogo.

Il suo animismo magico è stato relegato come concezione del mondo propria degli albori dell’umanità.

Ed era l’anno 1600: Giordano Bruno viene ricordato come esempio di riprovevole intolleranza di chi lo bruciò, ma quasi nessuno –mi parericorda che il suo caso prova che la magia e l’animismo erano pervasivi delle alte sfere in quegli anni. Si preferisce ricordare il rogo del popolano Menocchio (1599) come prova di residui di credenze magiche nel popolino della Valcellina.

Bruno non poteva fare come Galileo e dire: forse avete ragione! È il sole a girare e non la Terra. Galileo, con questa ‘confessione’ si salvò la vita. Galileo si occupava di fatti che, prima o poi, sarebbero stati osservati. E si piegò con sofferenza, forse pensando che erano plurime le alternative vincenti del suo Metodo.

Giordano Bruno non poteva dire: ho sbagliato tutto! Avete ragione voi: mi suicido culturalmente. Accademico alla Sorbona era fuori dalle regole correnti e, dopo che avevano letto i suoi scritti, non era in grado di mascherarsi.

Le sue opinioni vengono rigettate oggi dalla maggioranza, ma esistono ancora degli esoterici che concordano con lui anche se la magia non è più di moda.

Il sapiente scontra la sua concezione del mondo con la concezione del mondo prevalente. Se l’epoca è illiberale il sapiente rischia la vita.

 

A meno che… Un sapiente geniale –ed io ne conosco solo uno così può scrivere, venir letto e farla franca, se soddisfa i lettori sovrani mascherando la sua etnia soggetta e le sue convinzioni religiose in conflitto con le loro.

Credo che il tema Lingua Madre, che è l’emblema del salone del libro a Torino, avrebbe in Virgilio l’Autore più rappresentativo se il sacerdote etrusco venisse finalmente riconosciuto da tutti sotto al massimo poeta latino.

 

 

CEREI REGNI

 

Il nostro “Dio sovrano” (20/6/2006) è terminato con i “cerei regni”.

Ci proponiamo qui di raccontare come l’espressione sveli i regni di cera delle api e veli i regni di Cerere sovrana, dea delle città etrusche.

L’espressione è tratta dal racconto di Virgilio Maro –sacerdote etrusco- sul costume delle api.

 

Illum adeo placuisse apibus mirabere morem,

quod neque cocubitu indulgent nec corpora segnis

in Venerem solvunt aut fetus nixibus edunt,

verum ipsae e foliis natos, e suavibus herbis

ore legunt, ipsae regem parvosque Quirites

sufficiunt aulasque et cerea regna refingunt.

Tr.: Davvero stupirà il costume seguito dalle api,

secondo cui non indulgono a congiungersi, non snervano i corpi

impigrendoli al servizio di Venere, non generano figli fra le doglie,

ma da sole raccolgono con la bocca i figli dalle fronde,

dalle erbe soavi, da sole rinnovano i re e i piccoli

Quiriti, e riformano (riformarono nds) la corte e i cerei regni.

(Georgiche IV, 197-202)

 

La compattezza del genio linguistico semplifica la lettura. Chiamando ‘piccoli Quiriti’ le api piccine Virgilio rende esplicita la metafora della loro vita in paragone con quella dei Romani (‘che snervano i loro corpi in Venere’ è una critica che potevano accettare con gioia. Il sacerdote etrusco la avanzava sicuro di non ricevere reazioni di rigetto).

I lettori romani hanno letto parvos Quirites come un semplice vezzeggiativo per i piccoli delle api. Loro i ‘grandi Quiriti’ e ‘piccoli Quiriti’ le api piccine.

Così leggono anche i nostri latinisti. Sarebbe tutto ‘solo così’ per un Virgilio romano.

Ma, è solo così per un Virgilio etrusco? Intanto, notiamo che ‘refigunt’ è passato remoto di refingo. Il testo refigunt, se esatto così in origine, va tradotto con ‘riformarono’. I ‘piccoli Quiriti che riformarono’ non sono più le api, perché le api non hanno storia che i Quiriti invece hanno. E i Quiriti storici aprono ad un altro racconto, di trasformazioni sociali.

Luca Canali, il traduttore, pur bravo e di cui ci siamo fidati, soffre tanto la propria ombra da meritare un segnaccio blu perché traduce refigunt con ‘riformano’, al presente astorico.

Non c’è dubbio che, se Virgilio fosse stato un Romano, questa sarebbe un’aporia –una enne perduta per errore ed il paragone sarebbe limitato e bastevole.

Ma, se il poeta che si rivolge al principe etrusco Mecenate venisse letto come sacerdote etrusco (come si identifica in Melibeo –vado assaggiando il ME) allora tutto cambierebbe fin dall’inizio del libro IV.

 

Protinus aerii mellis caelestia dona

exsequar: hanc etiam, Maecenas, aspice partem.

Admiranda tibi levium spectacula rerum

magnanimosque duces totiusque ordine gentis

mores et studia et populos et proelia dicam.

In tenui labor; at tenuis non gloria, si quem

numina laeva sinunt auditque vocatus Apollo.

Tr.: Proseguendo, dirò del dono celeste dell’aereo miele.

Volgi lo sguardo, Mecenate, anche da questa parte.

Ti canterò mirabili spettacoli di modeste cose,

e i magnanimi capi, e, per ordine, l’indole

e le attitudini di tutta una gente, e i popoli e le battaglie.

Una tenue fatica, ma una gloria non tenue, se lo consentono

i numi avversi, se invocato mi ascolta Apollo.

(Georgiche, IV 1-7)

 

«mirabili spettacoli di modeste cose» non sono solo i costumi delle api –modeste cose; se non bastasse, «i magnanimi capi e l’indole di tutta una gente, e i popoli e le battaglie» starebbero strettissimi nella vita delle api!

Allora sì la fatica di poetare si apre alla gloria di accennare alla storia del suo popolo vinto e, dopo più di duemila anni risplende tutto il suo valore!

Questo è il metalinguaggio del genio!: ha chiamato piccoli Quiriti i Romani alludendo, con Mecenate, a noi Etruschi come Grandi Quiriti!

 

L’Apollo invocato è targelio, rimasto così nella tradizione greca.

TAR GAL LU è uno dei nomi sumeri di Saturno.

Apollo targelio è rimasto come il massimo divinatore della classicità, pur cedendo la sovranità, come Saturno sovrano, a Zeus/Juppiter. Ovvero: ha mantenuto il suo primato religioso cedendo il suo primato politico. Come mai nessuno se n’è accorto?

Perché gli dèi ‘non sono stati presi sul serio’ potremmo azzardare; non è stata fatta l’indagine sociologica sulla religiosità antica come ideologia fortemente radicata negli antichi pagani che spiega bene la fortissima reazione storica anticristiana in un’epoca imperiale generalmente molto tollerante delle diversità religiose: il paganesimo veniva attaccato alla radice dal monoteismo dei poveri.

Il dio sovrano di Greci e Romani, Zeus/Juppiter, ha sostituito AN SH AR-Saturno dei Titani (TI TA AN ‘coloro che vivono in Cielo’) ed ha esaugurato il sistema divino precedente, cancellando quasi del tutto nomi e poteri. Quasi del tutto: Dioniso-Apollo era troppo diffuso e pervasivo.

 

«Se invocato mi ascolta Apollo e lo consentono i numi avversi» dirò del dono celeste dell’aereo miele.

L’aereo miele, mel mostra di significare ME EL, ME di EL LIL, dio dell’Aria. Per questo motivo è aereo. Per giustificare l’aggettivo non c’è bisogno di immaginare un’opinione sbagliata –che il miele scendesse con la rugiada (come da nota al testo edizione Rizzoli 1999) in un’osservatore del costume delle api attentissimo come Virgilio. Il miele è considerato un dono celeste di EL LIL (più notorio EN LIL), dio sovrano degli Accadi. A chi vi dovesse ribattere che gli Accadi ci sono alieni fate osservare il filo narrativo ininterrotto con quest'altro nome di EN LIL-Narru: narro (it.) < narro (lat.) < Narru (accadico: l’Uno sacro della stirpe dei Narti (nome che identifica tutta la letteratura che narra dei re Accadi –la stirpe dei Narti non è dunque quella individuata da Dumezil, che andò anche in Turchia a cercarla).

 

AP LU è scrittura del nome etrusco di Apollo [e si legge AP UL LU, Apollo –come vedremo in seguito-].

Ceres, da cui Cer-es, il nome latino di KI ERES ( scritta ERES KI GAL), nome sumero della regina degli Inferi.

Apes, api, unifica AP (LU) e (CER) ES: AP ES.

Il miele, le api… la cera! Che rinvia a Ceres.

Cerei regni sono sia ‘regni di cera’, regni delle api, che ‘regni di Ceres’ città etrusche come Caere, odierna Cerveteri. Dedicata ad Uni, Giunone etrusca, identica a Ceres sovrana.

Il metalinguismo del genio narra in modo trionfale!

 

Vedremo che il mago bianco Virgilio è devoto ad alma Ceres cioè a Cerere legislatrice, opposta alla KI ERESH infernale.

Ricordiamo la sua associazione di alma Cerere ad Apollo:

 

a Cerere legislatrice e a Febo e al padre Lieo, (Eneide IV, 57)

legiferae Cereri Phoeboque patrique Lyaeo.

 

Va da sé che una dea sovrana legifera ed una panettiera non fa leggi neanche in un regime democratico, poverina. Vero?

Alma Cerere ed Apollo sono la faccia femminile e maschile di Saturno!

Cerere legiferava sui Cerei regni prima che i piccoli Quiriti li riformassero e la declassassero da Saturnia –nel senso di Saturno femmina a Saturnia figlia di Saturno.

 

Carlo Forin


Articoli correlati

  Carlo Forin, Sei forse sorella di Febo?
  Carlo Forin. San Francesco 2021
  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Carlo Forin: Gnosis.
  Carlo Forin: Nel Mondo glocale narrando con l’amiloidosi mia compagna
  Carlo Forin: Caro Mutui. Tellusfolio raccolga testimonianze e proteste!
  Carlo Forin: Confesso oggi la mia fedeltà alla tradizione cristiana
  Carlo Forin: Anche Gesù era abbronzato come Obama
  Carlo Forin: Halloween - Antares
  Carlo Forin, Veneris... nefandae.
  Carlo Forin: Il trasmutatore della merda in violetta Carlo Costantini. Risposta dell'Onorevole
  Carlo Forin: Tempi da lupi mannari per la Costituzione italiana
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Carlo Forin, Semerano. Archeologia linguistica.
  Carlo Forin: Aprire al ME
  Carlo Forin: Un 2010 sgannato
  Carlo Forin: Vogliamo confrontarci con gli altri del Terzo Mondo signora Emma Marcegaglia?
  Carlo Forin: Il pinguino Mattia Ze
  Carlo Forin: Il Gran Giocattolaio
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario: 19 ottobre (1)
  Carlo Forin. Distanziamento
  Carlo Forin. Provvidenziale 8 settembre
  Carlo Forin. 25 aprile 2021 < 25 aprile 1945
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (3)
  Carlo Forin: Quoad, fino a quando, la libertà sarà in pericolo? (Lodo Alfano bocciato).
  Carlo Forin: Gli albori di Milano
  Bruna Spagnuolo: Carlo Forin e la stirpe degli uomini alati
  Carlo Forin: Italia: al 55° posto in Diritto! Bigliettino per il ministro Alfano
  Carlo Forin: Alla Rosa nel fango.
  Carlo Forin: Tutto quello che ci dice "Gallare". Vulva. Dal sumero. Omaggio alla sumerica Paola Senatore.
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Carlo Forin: Rosa
  Carlo Forin. Il periodo del lustro
  Carlo Forin. La trasformazione ecologica
  Carlo Forin: Antares.
  Carlo Forin: Calamaro.
  Carlo Forin: A Zeneda c’è stata una festa. La Rosa.
  Carlo Forin: Coito
  Carlo Forin: Storia del ME con lettera a Claudio Di Scalzo detto Accio
  Carlo Forin: Il mediarca Berlusconi non è un capitalista come tanti al mondo
  Carlo Forin: Riflessioni su me, Me, ME.
  Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
  Carlo Forin: Autobiografia come giocattolaio piccino
  Carlo Forin: La struttura del doppio circolo del Cielo e della Terra nella Bibbia (1)
  Carlo Forin: Viaggiare nel pensiero nel tempo. Con sito turco
  Carlo Forin. Circoncisione
  Carlo Forin: Chi impersòno io?
  Carlo Forin: Diario del 24 e 25 dicembre 2008
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Archetipo
  Carlo Forin, Saturnia Tellus.
  Carl Forin: "Onesimo" con allegata storia di collaborazione e amicizia
  Carlo Forin. La Corte dei Conti boccia il Governo
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Ideologia
  Carlo Forin: La lingua è un fiume sporco
  Carlo Forin: Che cosa nasce a Natale 2008 ?
  Carlo Forin: Risposta a Bruna Spagnuolo e sugli alati
  Carlo Forin: Ricordando Wojtyla e la mia conversione
  Carlo Forin: la luce che viene
  Carlo Forin. Mario Draghi, dieci anni dopo
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (4)
  Carlo Forin: Dimensione della parola ‘dimensione’. Archeologia del linguaggio
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Carlo Forin: La mia lettura di Bernart de Ventadorn in "Canzone di Primavera"
  Carlo Forin: RAGA'R, tagliare. Catullo e Piccoli (2)
  Racconto di un vecchietto del ’68.
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (5) Ultima parte col sorriso.
  Carlo Forin: Sessanta: un numero che falsifica l’indoeuropeismo
  Carlo Forin: Belem, notte di Natale
  Carlo Forin: Carme sul cambio di Archetipo (1)
  Carlo Forin. Analisi dei 38 ‘lustr’ dell’Eneide. L’ultimo: perlustra.
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Amore. Con postilla necessaria.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Carlo Forin: Amen.
  Carlo Forin
  La lingua fu dingua in Tellusfolio
  Carlo Forin: Rosa (mistica)
  Carlo Forin: Meo. Vita-Morte. Archeologia linguistica
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (2)
  Carlo Forin, dizionario delle parole basilari: Rosa
  Carlo Forin, Dio Sovrano. Con lettera antiaccademica.
  Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
  Carlo Forin. San Francesco
  Rappresentazione falsa del mondo: Ideologia.
  Carlo Forin. La favola dell’indoeuropeo
  Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
  Carlo Forin. Ordine di farfalla
  Carlo Forin: A cena con Dio
  Carlo Forin. La chiave sumera dei nomi degli Dei
  Carlo Forin. La vita è proprio bella!
  Carlo Forin: Lettera a SS. Benedetto XVI
  Carlo Forin: Amore e Psiche. Archeologia linguistica 1.
  Carlo Forin. Seconda dose oggi a Vidor di Treviso
  Carlo Forin: Ricordare Srebrenitza. Sito e fotoalbum 9
  Carlo Forin: Noi, Italiane ed Italiani, maschi della màntide religiosa
  Carlo Forin. Che nessun Duce di ritorno tocchi la Costituzione!
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy