Lunedì , 29 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La lingua fu dingua in Tellusfolio
30 Gennaio 2008
 

Tellusfolio è una parola composta che sintetizza bene la lingua come fiume sporco di terra, tellus, che entra in folio. Capita che scriviamo proprio in Tellusfolio; quindi corrispondono dimensione e luogo dove esprimiamo la nostra lingua. La memoria è la fonte che complica lo spirito della parola: non si sa più che la latina lingua fu dingua.

«Tra l’Essere e la Parola la relazione è costitutiva. Essere e Parola non sono due; non si possono separare. Non sono nemmeno uno, non si possono confondere». Scrive così l’indocatalano Raimon Panikar in Lo spirito della parola pubblicato nel 2007 da Bollati Boringhieri. Perfettamente d’accordo, in questo!

Chiariamo con un esempio.

Se io vi dico che la parola latina lingua fu in antico dingua voi direte 'Embè?! Qual è la notizia?’; se poi non sono in grado di aggiungere il nome autorevole che sostenne lingua ß dingua: l’Essere dichiarante non è separabile dall’affermazione importante proposta se si vuol tenerne conto.

Esaminiamo quale rinomanza avesse il personaggio che sostenne questa cosa 1650 anni fa.

Narra sant’Agostino:

Feci visita dunque a Simpliciano, padre per la grazia, che aveva ricevuto da lui, del vescovo di allora Ambrogio e amato da Ambrogio proprio come un padre. Quando, nel descrivergli la tortuosità dei miei errori, accennai alla lettura da me fatta di alcune opere dei filosofi platonici, tradotte in latino da Vittorino [rds] già retore a Roma e morto [380? nds. Qui siamo nel 386], a quanto avevo udito, da cristiano, si rallegrò con me per non essermi imbattuto negli scritti di altri filosofi, ove pullulavano menzogne e inganni secondo i principi di questo mondo.[…] Per esortarmi poi all’umiltà di Cristo, celata ai sapienti e rivelata ai piccoli, evocò i suoi ricordi di Vittorino, appunto, da lui conosciuto intimamente, durante il suo soggiorno a Roma. Quanto mi narrò l’amico non tacerò, poiché offre l’occasione di rendere lode alla tua grazia. Quel vecchio possedeva vasta dottrina ed esperienza di tutte le discipline liberali, aveva letto e ponderato un numero straordinario di filosofi, era stato maestro di moltissimi nobili senatori; così meritò e ottenne per lo splendore del suo altissimo insegnamento un onore ritenuto insigne dai cittadini di questo mondo: una statua nel foro romano [rds]. Fino a quell’età aveva venerato gli idoli e partecipato ai sacrifici sacrileghi, da cui la nobiltà romana di allora quasi tutta invasata, delirava per la dea del popolino Pelusio e per mostri divini di ogni genere e per Anubi l’abbaiatore, i quali un giorno, contro Nettuno e Venere e Minerva presero le armi. Roma supplicava ora questi dèi dopo averli vinti, e il vecchio Vittorino li aveva difesi per lunghi anni con eloquenza terrificante [rds]. Eppure non arrossì di farsi garzone del tuo Cristo e infante alla tua fonte, di sottoporre il collo al giogo dell’umiltà, di chinare la fronte al disonore della croce. Le confessioni, VIII, 3.

Costui è Marcus Victorinus, retore neoplatonico tanto stimato da avere una statua nel foro di Roma. Riferiamo ampiamente il racconto di Agostino anche per contestualizzare la religiosità forte e specificamente pagana del suo tempo [che autori moderni superficiali falsano attualizzando].

Dalla fama in foro alla chiesa la conversione di V. fece fatica a manifestarsi proprio per la sua identità pagana riconosciuta:

A detta di Simpliciano, leggeva la Sacra Scrittura, e tutti i testi cristiani ricercava con la massima diligenza e studiava. Diceva a Simpliciano, non in pubblico, ma in gran segreto e confidenzialmente: -Devi sapere che sono ormai cristiano.- L’altro replicava: -Non lo crederò né ti considererò nel numero dei cristiani finchè ti avrò visto nella chiesa di Cristo.- Egli chiedeva sorridendo: -Sono dunque i muri a fare i cristiani?- E lo affermava sovente, di essere ormai cristiano, e Simpliciano replicava sempre allo stesso modo, ed egli ripeteva quel suo motto sui muri della chiesa. In realtà si peritava di spiacere ai suoi amici, superbi adoratori del demonio, temendo che dall’alto della loro babilonica maestà e da quei cedri, direi, del Libano, che il Signore non aveva ancora stritolato, pesanti si sarebbero abbattute su di lui le ostilità. Le confessioni, VIII, 4.

A Roma chi si accosta alla tua grazia [Signore –al quale Agostino si rivolge nelle sue Confessioni] recita da un luogo elevato, al cospetto della massa dei fedeli una formula fissa imparata a memoria. Però i preti, narrava l’amico [Simpliciano], proposero a Vittorino di emettere la sua professione in forma privata, licenza che si usava accordare a chi faceva pensare che si sarebbe emozionato per la vergogna. Ma Vittorino amò meglio di professare la sua salvezza al cospetto della santa moltitudine. Da retore non insegnava la salvezza, eppure aveva professato la retorica pubblicamente; dunque tanto meno doveva vergognarsi del suo gregge mansueto pronunciando la tua parola chi proferiva le sue parole senza vergognarsi delle turbe insane. Così, quando salì a recitare la formula, tutti gli astanti scandirono fragorosamente in segno di approvazione il suo nome, facendo eco gli uni agli altri, secondo che lo conoscevano. Ma chi era là, che non lo conosceva? Risuonò dunque di bocca in bocca nella letizia generale un grido contenuto: -Vittorino, Vittorino-; e come subito gridarono festosi al vederlo, così tosto tacquero sospesi per udirlo. Egli recitò la sua professione della fede con sicurezza straordinaria. Tutti avrebbero voluto portarselo via dentro al proprio cuore, e ognuno invero se lo portò via con le mani rapaci dell’amore e del gaudio. da Le confessioni, VIII, 5.

Dunque Vittorino fu un retore come lo fu Agostino e ben più famoso di lui a Roma allora. Ora è quasi ignoto.

Il suo esempio avrà contribuito alla conversione di A., se A. riferisce questo fatto proprio al centro della sua trasformazione di vita.

Il retore sarebbe oggi un insegnante d’italiano, un depuratore linguistico, capace di scriverti un discorso ufficiale perché la sa lunga sulla lingua.

Fama, malum quo non aliut velocius ullum          Eneide, IV, 174

La fama, fulminea tra tutti i mali

La fama, che si propaga più velocemente tra tutti i mali, è come il vento, possiamo chiosare: a volte si alza forte come nella professione di fede del grande retore Vittorino e a volte zittisce come oggi sul suo nome!

In una sua opera Marius Victorinus [così il suo nome, Marius!, per Ernout e Meillet] sostiene che anticamente lingua era dingua.

D’apres Marius Victorinus, GLK VI 26, 3, la forme ancienne du mot [lingua] était dingua.

Secondo Mario Vittorino la forma antica della parola lingua era dingua.[Langue latine]

Sottolineiamo Marius per Marcus solo per ribadire come la sua notorietà sia effimera.

La sillabazione ding ua fa emergere DIN G UA espressione sumera omogenea sia con DIN G IR, divinità, e sia con EME G IR, lingua.

DINGIR è DI IN G IR, divinità entra Luce viene.

[Robert A. DI VITO –Studies in III millennium sumerian and accadian personal names, 1993 Roma, analizza molto diffusamente questo termine generale usato dai Sumeri per tutte le divinità nelle varie epoche]. IR come ‘va-viene viene tradotto in Studi per il vocabolario numerico, I/3 Glossario di G. Reisner, Tempelurkunden Aus Telloh, ed. Università La Sapienza di Roma.

EME G IR, ME Luce viene. Questo è il notorio che sta per lingua sumera e per lingua in generale: il giro del ME.

Il ME, come detto in premessa, è inseparabile dalla divinità-Luce DIN G.

DIN G UA, divinità luce Cielo Terra.

UA, che troviamo in Mantua, Padua, in UA TE, il Vate, che è colui che tiene il rapporto tra Cielo (U) e Terra (A) mostra che DIN G UA era ritenuto un dono del Cielo alla Terra.

La fama è un fulmen che nel flumen della lingua lascia segni ermetici, ma riconoscibili se ci aiutano i nomi degli Dèi!

 

Carlo Forin


Articoli correlati

  Carlo Forin. San Francesco 2021
  Carlo Forin: La struttura del doppio circolo del Cielo e della Terra nella Bibbia (1)
  Carlo Forin: la luce che viene
  Carlo Forin: Rosa
  Carlo Forin: Autobiografia come giocattolaio piccino
  Carlo Forin: Anche Gesù era abbronzato come Obama
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Archetipo
  Carlo Forin: Caro Mutui. Tellusfolio raccolga testimonianze e proteste!
  Carlo Forin. La Corte dei Conti boccia il Governo
  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Carlo Forin: Tutto quello che ci dice "Gallare". Vulva. Dal sumero. Omaggio alla sumerica Paola Senatore.
  Carlo Forin, Semerano. Archeologia linguistica.
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario: 19 ottobre (1)
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Amore. Con postilla necessaria.
  Carlo Forin: Vogliamo confrontarci con gli altri del Terzo Mondo signora Emma Marcegaglia?
  Carlo Forin: Italia: al 55° posto in Diritto! Bigliettino per il ministro Alfano
  Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
  Carlo Forin: Ricordare Srebrenitza. Sito e fotoalbum 9
  Carlo Forin. Distanziamento
  Carlo Forin. Provvidenziale 8 settembre
  Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
  Carlo Forin. 25 aprile 2021 < 25 aprile 1945
  Carlo Forin: A Zeneda c’è stata una festa. La Rosa.
  Carlo Forin, Sei forse sorella di Febo?
  Carlo Forin: Dimensione della parola ‘dimensione’. Archeologia del linguaggio
  Carlo Forin: Quoad, fino a quando, la libertà sarà in pericolo? (Lodo Alfano bocciato).
  Carlo Forin: Il pinguino Mattia Ze
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (2)
  Carlo Forin. San Francesco
  Carlo Forin: Chi impersòno io?
  Carlo Forin: Storia del ME con lettera a Claudio Di Scalzo detto Accio
  Carlo Forin: Belem, notte di Natale
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (5) Ultima parte col sorriso.
  Carlo Forin. Il periodo del lustro
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Carlo Forin: Calamaro.
  Carlo Forin. Circoncisione
  Carlo Forin. Analisi dei 38 ‘lustr’ dell’Eneide. L’ultimo: perlustra.
  Carlo Forin: Il mediarca Berlusconi non è un capitalista come tanti al mondo
  Carlo Forin. Mario Draghi, dieci anni dopo
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Carlo Forin: Sessanta: un numero che falsifica l’indoeuropeismo
  Carlo Forin: RAGA'R, tagliare. Catullo e Piccoli (2)
  Carlo Forin: Confesso oggi la mia fedeltà alla tradizione cristiana
  Carlo Forin, dizionario delle parole basilari: Rosa
  Carlo Forin: Viaggiare nel pensiero nel tempo. Con sito turco
  Carlo Forin: Gnosis.
  Carlo Forin: Diario del 24 e 25 dicembre 2008
  Carlo Forin. Che nessun Duce di ritorno tocchi la Costituzione!
  Carlo Forin. Seconda dose oggi a Vidor di Treviso
  Carlo Forin, Dio Sovrano. Con lettera antiaccademica.
  Carl Forin: "Onesimo" con allegata storia di collaborazione e amicizia
  Carlo Forin: Il Gran Giocattolaio
  Carlo Forin: Un 2010 sgannato
  Carlo Forin: Che cosa nasce a Natale 2008 ?
  Carlo Forin: Halloween - Antares
  Carlo Forin: Nel Mondo glocale narrando con l’amiloidosi mia compagna
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Ideologia
  Carlo Forin: Risposta a Bruna Spagnuolo e sugli alati
  Carlo Forin, Cerei regni.
  Carlo Forin: La lingua è un fiume sporco
  Carlo Forin: Antares.
  Carlo Forin, Saturnia Tellus.
  Carlo Forin: Ricordando Wojtyla e la mia conversione
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (4)
  Carlo Forin: Gli albori di Milano
  Carlo Forin: Coito
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (3)
  Carlo Forin: Carme sul cambio di Archetipo (1)
  Carlo Forin: Rosa (mistica)
  Carlo Forin. La trasformazione ecologica
  Carlo Forin. La vita è proprio bella!
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Carlo Forin: Amen.
  Carlo Forin
  Carlo Forin: Tempi da lupi mannari per la Costituzione italiana
  Carlo Forin: Meo. Vita-Morte. Archeologia linguistica
  Carlo Forin: A cena con Dio
  Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
  Rappresentazione falsa del mondo: Ideologia.
  Carlo Forin: La mia lettura di Bernart de Ventadorn in "Canzone di Primavera"
  Carlo Forin. La favola dell’indoeuropeo
  Carlo Forin: Alla Rosa nel fango.
  Carlo Forin, Veneris... nefandae.
  Racconto di un vecchietto del ’68.
  Carlo Forin: Riflessioni su me, Me, ME.
  Carlo Forin: Aprire al ME
  Carlo Forin. Ordine di farfalla
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Carlo Forin: Noi, Italiane ed Italiani, maschi della màntide religiosa
  Carlo Forin: Amore e Psiche. Archeologia linguistica 1.
  Carlo Forin. La chiave sumera dei nomi degli Dei
  Carlo Forin: Il trasmutatore della merda in violetta Carlo Costantini. Risposta dell'Onorevole
  Carlo Forin: Lettera a SS. Benedetto XVI
  Bruna Spagnuolo: Carlo Forin e la stirpe degli uomini alati
  Carlo Forin. L’appello per l’espressione italiana di 600 insegnanti
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy