Lunedì , 26 Settembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin: Riflessioni su me, Me, ME.
Imre Toth
Imre Toth 
16 Novembre 2007
 

La riflessione del filosofo Imre Toth, pubblicata in settembre da Bollati Boringhieri, ha titolo: La filosofia e il suo luogo nello spazio della spiritualità occidentale, una apologia. Possiamo dire che la sua apologia della filosofia chiama un’apologia della sociologia da chi scrive sullo stesso tema. Sono un sociologo, laureato a Trento negli anni ’70, ancora stupito dell’efficacia dell’assist generale e dell’incipit di questo filosofo:

La filosofia non è mai stata e non sarà mai una scienza. Tuttavia è un sapere: il sapere del soggetto a causa e per mezzo del soggetto. Territorio autonomo dell’essere, il fondamento ontico del soggetto è il sapere di sé. Dominio non spaziale della riflessività assoluta, l’autonomia del suo essere istituisce la presenza della libertà dentro lo spazio cosmico (:23).

La sociologia è una scienza appena nata (150 anni) e la filosofia (2500 anni) è il suo ginnasio, la palestra di riscaldamento per il suo sapere intenzionale (‘epistemologia’ nello specifico -Pasquinelli docuit-): rendo grazie a Toth della splendida sintesi (92 pagine utili).

Il ‘luogo del me’ comprende l’autocoscienza esplicita di Toth e di chi scrive qua: (due caratteristiche) mi sembrano particolarmente adatte a rappresentare la singolarità di ciò che si chiama spiritualità occidentale: la polifonia musicale e la critica sociale. La critica o, piuttosto, l’autocritica sociale e politica e le idee strettamente legate a questa, come la coscienza di sé, l’idea di libertà e di universalità del soggetto, congiunte alla riflessività assoluta del Me, ecco i parametri fondamentali che hanno determinato senza interruzioni il tragitto diacronico del pensiero occidentale attraverso la sua storia (: 25).

Il me è il risultato del circolo di riflessione più stretto dell’Io, memet in latino, ed il Me è il risultato più allargato della sua riflessione sul mondo.

Il ‘mio’ sapere è intenzionato specialmente al goal sul filo linguistico: il me—Me—ME, un continuum di 5000 anni! In altre parole, il me<—Me<—ME (in maiuscolo il sumero) è una sequenza che riassume: la lingua sumero-accadica permea (si noti per-me-A, ‘seme del ME per’) il latino e tutte le altre lingue europee.

Toth ci ha regalato il ‘Me’ inter-me-dio.

Dopo un anno di frequenza a Riflessioni sottolineo ai lettori che l’interesse di ‘questo me’ che scrive è sociolinguistico, id. teonomico (esplicitamente tra parentesi quello religioso, personale, teologico).

Il ME è la parola dei primi sette Dèi sumeri che crea il mondo. Sumer è SU ME ER è ‘mano del cammino del ME’.

Oggi, il mondo non ha memoria di questo filo ininterrotto; con ciò conferma che ME MUR IA è luogo IA di vita-morte MUR del ME: siamo nella morte del ME anche per Toth, che ha riassunto bene metà del cammino.

Infatti, abbiamo tenuto Me, così grafato da Toth, anziché riformularlo ME. Me è una via di mezzo tra il divino-divino ed il divino-terreno esplicita e consapevole:

Dio solo è Tutto, il Tutto che è, e il Tutto che non è –omne quod est, et omne quod non est.

Il soggetto sa l’essere –l’Universo sa se stesso; il soggetto sa il non-essere- il Me sa se stesso, sa ciò che non si trova in nessun luogo nella Natura ma unicamente nella sua propria interiorità e soltanto qui: bellezza, libertà, amore, giustizia, cubo a quattro dimensioni, numero irrazionale, immaginario, numeri trascendenti, Centauro, Pegaso, Minerva, Liocorno (: 34).

Non è esplicito in Toth il ME, il nome interamente divino e non si parla di EME GIR, di lingua sumera, nel suo lavoro. Perciò non eme-rge il passaggio, il meato, iniziato con ASH ME, l’Uno d’origine –il Sole- ed il ME –la sua parola-.

Chiedendo interesse a ‘meato’ diamo inizio, con l’archeologia del linguaggio, allo scavo di -meato < meatus < ME A TUM-.

Riferiamo per esteso nove classi di significato italiano della parola meato, dal lemma del dizionario Battaglia (Salvatore BATTAGLIA, Grande dizionario della lingua italiana, IX libe-med, Torino, Utet, 1975) che terminano opportunamente con «dal verbo meare ‘trapassare’, fr. méat (sec. XVI)» = ME AT >ME Aldilàà Aldiquà (ME TA):

«Meato, sm. Apertura, passaggio, punto di transito, spazio da percorrere; varco, sbocco, condotto, spazio vuoto, vano, cavità, per lo più naturale, talvolta sede di una sorgente, di un fiume sotterraneo, ecc. –Anche: grotta, caverna, voragine.

«2°: tubo, canna, conduttura, gronda. –Anche: foro, buco, fessura.

«3°: Interstizio, poro, orifizio, fessura.

«4°: Spazio intermolecolare di un corpo.

«5°: Per estens. Via di comunicazione, di diffusione di idee; canale d’informazione.

«6°: Figur. Parte più profonda, segreta, impenetrabile, spesso incomprensibile, dell’animo, delle sue facoltà, delle sue operazioni e manifestazioni.

«7°: Aspetto complicato, controverso, misterioso di una questione; lato esoterico di una dottrina, di un sistema.

«8°: Ciascuno dei microscopici cataletti che si trovano nei terreni per lo più di natura granulosa o sabbiosa e nelle rocce e che influiscono sul peso specifico apparente, sulla porosità, sulla capillarità e sulla permeabilità di essi.

«9°: Anat. Ciascuno dei condotti e degli orifizi, per lo più ristretti, che mettono in comunicazione la cavità di un organo con l’esterno o con un altro organo».

Dunque: meato in italiano esiste, anche se poco in uso (: meato auricolare) mentre il verbo di cui è participio passato in italiano è diventato meo-minchione (per lo Zingarelli ’98)- ed era in latino meo, passo.

Meo latina non è passata in meo italiana. Era meo < ME U, ‘passo il cielo’ in sumero. L’espressione sumera ME U collocata in omeo-, simile, < U ME U, ME in mezzo al cielo.

Come U ER U > vero. Un passaggio religioso dal Cielo U al cielo u.

In questo sito prevale l’opinione che il vero vari con i punti di vista. Il testo di sociologia della conoscenza di Karl Mannheim, Ideologia ed utopia, pubblicato dall’editrice Il Mulino di Bologna nel 1957, compie in Italia 50 anni. Ideologia è rappresentazione falsa della realtà in quanto ricostruita in modo parziale –dal me di ognuno–, fuori dal Me nel quale possiamo riconoscerci tutti. La favola dell’indoeuropeo di Giovanni Semerano, pubblicato da Bruno Mondadori nel 2005 la prima volta, identifica questa ideologia. Se vogliamo stare insieme in armonia dobbiamo falsificare la favola come ideologia e recuperare la distinzione tra il vero ed il falso.

Omeo –visto in U ME U non può non richiamare Le omeomerie di Anassagora, le parti uguali che compongono il mondo. Chi era Anassagora? Un filosofo ionico, vien detto di solito. Chiamiamolo meonio! Ovvero di Anatolia: vi verrà subito in mente che quelle parti uguali sono i ME: U ME u, ME tra il Cielo ed il cielo. Meglio: ME U NI U. Metafisica? ME-TA HI-IS-KA, ‘anima KA gioia HI dell’Essere IS luogo TA del ME’!

Meacula sono le stelle, acula, aghetti, del ME. Immaginiamo la volta stellata: veniva vista come una coperta nera punteggiata da stelle, come forellini di aghi.

MElibeo, vado assaggiando il ME, chiamava se stesso il sacerdote etrusco, Maro, Vergilius che si rivolgeva al principe etrusco Moecenas, ‘tu pranzi col ME’! Ed il mel, il miele, ME di EL non veniva prodotto più dal re delle api, perché –si parva vis componete magnis, se vuoi metter assieme le piccole cose come questa ai regni etruschi sostituiti dalla Repubblica romana, capirai perché parlo del dono celeste del miele, aereo perché EL LIL è il dio dell’Aria. E semel, una volta sola, è ‘essere di EL ME’.

Al di là della coperta nera: l’empireo. Che cos’era creduto l’empireo?

Aethereae arces, igneae arces, dimora principale dell’etere, del fuoco dal momento che arx, arcis si sillaba ar x, sole luce (x = GH luce). Dell’empireo, empyrius, empyria, empyrium, un ME ( < EM) di fuoco.

Il meatus è parola latina che significa passaggio dal Cielo al cielo.

Ex oriente lux. La luce della filosofia, nel senso che amo assegnare a questo termine, è un lusso (luxe). Senza alcuna utilità apparente, molto cara e tuttavia molto ricercata, la filosofia è l’ ‘alta moda’ (haute couture) dello spirito occidentale e s’impone con la stessa ineludibile necessità (: 107).

La metafisica chiama la metamorfosi.

Metamorfosi? ME TA MUR PHU SIS, ‘luogo del ME vita-morte dell’Essere del Cielo-cielo’ [si noti PHU S]. Approfitto per segnalare che questo Riflessioni ha inserito, un po’ di soppiatto, Apuleio gnostico, che ognuno può ancora leggere completo. Che più di mille libri sulla gnosi non abbiano fatto cenno su Apuleio come sacerdote gnostico di Iside è un fatto che ben rappresenta la metamorfosi della realtà passata, realizzata nel Me dall’ideologia.

Metempsicosi?, metempsychosis dal gr. metempsychousthai ‘passare da un corpo ad un altro’, comp. di meta- e psyché anima (riferisce lo Zingarelli ’98); più precisamente: ME TEM = ME TE ME, il ME incontra il ME (l’EN ME qualora si scelga ME TEN). Come in tempus < TE ME SHUP, dove il ME è il cuore di Te Shup [si noti SHUP in relazione con PHU S], e come il ME è il cuore di ER ME TE, il dio della comunicazione.

Mercurius era MER KUR I US, cuore del cammino del ME sentiero morte.

Hermes = HE ER MES, ‘cammino dall’Anticielo dei ME’.

Che cos’erano i ME?

Marie Louise THOMSEN (Marie-Louise THOMSEN, The sumerian language, 2001 Akademish Forlag, Copenaghen) enuncia il ME come un pronome del tipo ‘io sono’:

1° soggetto sing. … ME EN

2° soggetto sing. … ME EN

3° soggetto sing. … ME

1° soggetto pl. … ME ENDEN trovato ME EN DE

2° soggetto pl. … ME ENZEN trovato MEN ZEN e ME EN ZE

3° soggetto pl. … ME ES

La nostra mente (mente < TE MEN –secondo la Lettura Circolare della Scrittura Sumera, richiesta da una Civiltà della Vita fondata sull’archetipo DA DUE UNO. Possiamo dire in parole povere che per cominciar a contare avevano bisogno di due, sessi, mani…) riconosce facilmente il ME in terza persona ed i ME al plurale, chiamati da HER MES. Si confonde, invece, con ME EN -à MEN uguale sia per la prima che per la seconda persona.

La scarsa autocoscienza degli utenti del ME non giustifica certo la lettura sbagliata dei moderni che la bollano come aliena!

L’insieme moderno ‘me’, l’insieme europeo –qualifica provvisoria dello spazio della spiritualità occidentale di Toth Me, e l’insieme sumero ME possono combinare in semel come lo Zingarelli combina questa con in simul purché la nostra mente si apra.

Che TOTH, il dio egizio della conoscenza, apra anche l’altro occhio!

 

Carlo Forin


Articoli correlati

  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Carlo Forin: A cena con Dio
  Carlo Forin: Coito
  Carlo Forin. Il doppio circolo della Resistenza
  Carlo Forin: Gli albori di Milano
  Carlo Forin: Italia: al 55° posto in Diritto! Bigliettino per il ministro Alfano
  Carlo Forin. San Francesco
  Carlo Forin, Semerano. Archeologia linguistica.
  Carlo Forin. La favola dell’indoeuropeo
  Carlo Forin: Aprire al ME
  Carlo Forin. Distanziamento
  Carlo Forin: Halloween - Antares
  Carlo Forin: Il Gran Giocattolaio
  Rappresentazione falsa del mondo: Ideologia.
  Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
  Carlo Forin: Che cosa nasce a Natale 2008 ?
  Carlo Forin: Dimensione della parola ‘dimensione’. Archeologia del linguaggio
  Carlo Forin: Il pinguino Mattia Ze
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (3)
  Carlo Forin: Quoad, fino a quando, la libertà sarà in pericolo? (Lodo Alfano bocciato).
  Carlo Forin: Un 2010 sgannato
  Carlo Forin: la luce che viene
  Carlo Forin: Tutto quello che ci dice "Gallare". Vulva. Dal sumero. Omaggio alla sumerica Paola Senatore.
  Carlo Forin. Il periodo del lustro
  Carlo Forin. La trasformazione ecologica
  Carlo Forin. 25 aprile 2021 < 25 aprile 1945
  Carlo Forin: Antares.
  Carlo Forin: Calamaro.
  Carlo Forin. La vita è proprio bella!
  Carlo Forin: Tempi da lupi mannari per la Costituzione italiana
  Carlo Forin: A Zeneda c’è stata una festa. La Rosa.
  Carlo Forin. Mario Draghi, dieci anni dopo
  Carlo Forin: Storia del ME con lettera a Claudio Di Scalzo detto Accio
  Carlo Forin: Confesso oggi la mia fedeltà alla tradizione cristiana
  Carlo Forin: Chi impersòno io?
  Carlo Forin. San Francesco 2021
  Carlo Forin: Viaggiare nel pensiero nel tempo. Con sito turco
  Carlo Forin: La struttura del doppio circolo del Cielo e della Terra nella Bibbia (1)
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario: 19 ottobre (1)
  Carlo Forin: La lingua è un fiume sporco
  Carlo Forin: Diario del 24 e 25 dicembre 2008
  Carlo Forin: Gnosis.
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  A Gino (dal primo figlio) 
  Carlo Forin: Vogliamo confrontarci con gli altri del Terzo Mondo signora Emma Marcegaglia?
  Carlo Forin: Anche Gesù era abbronzato come Obama
  Carlo Forin. Provvidenziale 8 settembre
  Carlo Forin. Seconda dose oggi a Vidor di Treviso
  Carlo Forin: Noi, Italiane ed Italiani, maschi della màntide religiosa
  Carlo Forin, Saturnia Tellus.
  Carl Forin: "Onesimo" con allegata storia di collaborazione e amicizia
  Carlo Forin: Il mediarca Berlusconi non è un capitalista come tanti al mondo
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Ideologia
  Carlo Forin. Circoncisione
  Carlo Forin: Risposta a Bruna Spagnuolo e sugli alati
  Carlo Forin: Belem, notte di Natale
  Carlo Forin, Sei forse sorella di Febo?
  Carlo Forin, Veneris... nefandae.
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (4)
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Carlo Forin: La mia lettura di Bernart de Ventadorn in "Canzone di Primavera"
  Carlo Forin: Autobiografia come giocattolaio piccino
  Carlo Forin: Nel Mondo glocale narrando con l’amiloidosi mia compagna
  Carlo Forin: RAGA'R, tagliare. Catullo e Piccoli (2)
  Carlo Forin: Il trasmutatore della merda in violetta Carlo Costantini. Risposta dell'Onorevole
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Racconto di un vecchietto del ’68.
  Carlo Forin: Carme sul cambio di Archetipo (1)
  Carlo Forin: Ricordando Wojtyla e la mia conversione
  Carlo Forin: Sessanta: un numero che falsifica l’indoeuropeismo
  Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
  Carlo Forin. Analisi dei 38 ‘lustr’ dell’Eneide. L’ultimo: perlustra.
  Carlo Forin: Rosa
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Amore. Con postilla necessaria.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Carlo Forin: Amen.
  Carlo Forin, Cerei regni.
  Carlo Forin
  La lingua fu dingua in Tellusfolio
  Carlo Forin: Rosa (mistica)
  Carlo Forin: Meo. Vita-Morte. Archeologia linguistica
  Bruna Spagnuolo: Carlo Forin e la stirpe degli uomini alati
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Carlo Forin. Che nessun Duce di ritorno tocchi la Costituzione!
  Carlo Forin: Caro Mutui. Tellusfolio raccolga testimonianze e proteste!
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (5) Ultima parte col sorriso.
  Carlo Forin: Alla Rosa nel fango.
  Carlo Forin. La Corte dei Conti boccia il Governo
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (2)
  Carlo Forin, dizionario delle parole basilari: Rosa
  Carlo Forin, Dio Sovrano. Con lettera antiaccademica.
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Archetipo
  Carlo Forin: Ricordare Srebrenitza. Sito e fotoalbum 9
  Carlo Forin. Ordine di farfalla
  Carlo Forin. La chiave sumera dei nomi degli Dei
  Carlo Forin: Lettera a SS. Benedetto XVI
  Carlo Forin: Amore e Psiche. Archeologia linguistica 1.
  Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 65.3%
NO
 34.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy