Lunedì , 16 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rappresentazione falsa del mondo: Ideologia.
12 Maggio 2007
 

In It al ia: ‘terre alte del Sole’

 

Ideologia’ si può definire ‘rappresentazione del mondo’, in generale.

In senso tecnico sociologico, ‘ideologia’ è ‘rappresentazione falsa del mondo’, secondo l’insegnamento di Karl MANNHEIM, Ideologia e Utopia, 1957 Bologna. Il testo del sociologo ungherese è rimasto un cardine della sociologia della conoscenza. Lo possiamo ben dire a cinquant’anni dalla sua edizione italiana.

La rappresentazione del mondo antico da parte del mondo moderno può essere falsa, affermo io in applicazione del suo concetto generale di ideologia. Badate: ‘rappresentazione falsa da parte del mondo’, non solo ‘di una persona’, o di un gruppo, o di un popolo. Intendo dire, anche se fatico ancora a rendermene conto del tutto, che il mondo intero può avere una rappresentazione del mondo antico consolidata falsa.

 

Abbiamo visto assieme l’esempio più clamoroso, per me: Virgilio, il poeta etrusco che si espresse in latino e viene insegnato a scuola fin dai suoi tempi per cento generazioni, non è riconosciuto nella sua origine etrusca; perciò Virgilio rimane Proteo, incatenato, in tutto il suo messaggio vero, nascosto rispetto a quello apparente: un madrelingua etrusco sapiente ha mascherato ciò che raccontava (ovvero: i Romani sono Eneide, di origine non umana sì, ma escono dall’Inferno! mentre i Tuschi scendono dal Cielo [TUS KI]1). Addirittura ci sono latinisti moderni che ‘spiegano’ a Virgilio che la sua pretesa di essere etrusco è di tipo fantasioso anziché accettare seriamente la sua identità notata. Questa spiegazione mostra come l’ideologia possa portare a posizioni di tipo addirittura cretinista (come può una persona normalmente in senno mettere per iscritto cose così?).

Continuo a sognare il fatto che il salone Madre Terra a Torino lo porterà un giorno ad emblema: un madrelingua etrusco diventato campione in lingua latina.

Riconoscere l’etnia vera del più grande letterato della nostra Italia può essere il punto di partenza anche per leggere l’antico nome di Italia:

IT AL IA, terre (IA) alte (AL) del Sole (IT), così in accado/sumero.

La vita era in etrusco U IT A, Sole tra Cielo e Terra, e Aldilà era A IT A, Sole tra Terra e Terra.

 

Abbiamo visto assieme un altro esempio: Apuleio, sacerdote gnostico di Iside Maat. In questo caso abbiamo osservato il canone come criterio che, dal punto di vista della Chiesa ha preservato l’ortodossia e, sul piano laico ha perduto il riconoscimento della verità creduta da Apuleio attraverso la settorializzazione delle letture: quoquoversus obvio, gaudens obibam,2 in qualunque direzione io sia orientato ci andrò pieno di gioia [per via della mia fede]. I letterati agnostici preferiscono alterare la traduzione ignorando il suo senso religioso e la conversione dichiarata dal suo Lucio.

Vero e falso sono solo punti di vista diversi, dice l’ideologia liberista moderna: ognuno ha il suo e nessuno varrebbe più dell’altro. Non esisterebbe la possibilità di riconoscere il Virgilio vero e Virgilio Maro, cioè sacerdote etrusco: l’ultima sarebbe solo un’idea di questo pellegrino. Se io l’accettassi mi chiuderei nelle mie cose e lascerei gli altri sbagliare secondo le loro idee. Questa prospettiva orrenda viene vanificata dal concetto tecnico di ideologia: il falso c’è e può essere falso anche il punto di vista di tutti, come ha sostenuto Popper.

Continuo a cantare per me solo, come Semerano; cioè: io canto, ma nessuno concorda con me? Sono entrato nel nono anno di questa ricerca solitaria e mi pare di vedere dei segnali di fumo: sei studiosi mi hanno dato la loro adesione a questo convegno sulle origini:

Antares, Alle origini perdute della cultura occidentale”.

Le origini sono perdute appunto perché l’ideologia ha annebbiato le idee a tutti sul mondo antico; il passare dei secoli ha agito come fa la lontananza sull’osservazione in un tempo nebuloso e le cose distanti risultano alterate. Un criterio per vedere oltre la nebbia ideologica ci viene offerto dall’archeoastronomia. Ci aiuterà a cercare le origini perdute l’astronomo Adriano Gaspani, con il tema: La misurazione del tempo nel mondo antico fino ai Celti….

Ci piacerà ascoltarlo, sia perché potrà dirci come gli antichi potessero misurare l’ora esatta –con l’approssimazione di due ore – solo guardando la posizione delle stelle, sia perché desideriamo connettere la doppia ora, minimo temporale misurato dai Sumeri, col miglio romano, misura di 1450 metri, pari a mille doppi passi.

Giuseppe Brunod, iconologo, ovvero studioso delle immagini lasciateci dagli antichi, ci ha prospettato questo tema: La rosa camusa come traccia della grafica del mondo orientale passato in occidente.

Noi abbiamo osservato la parola rosa, come latina rosa derivata dalla sumero/accada RU SHA, ‘sacro utero’. Il nostro orientamento sociologico ci sorregge nella fiducia del rispetto rigoroso dei nomi sacri da parte della società ritualista e religiosa antica. In questo contesto di ideologia vi poniamo la domanda: quanti apprendisti della lingua latina avranno compitato rosa, rosae senza domandarsi, magari in stadi più avanzati: ma avrà mai avuto un senso religioso questa rosa? Eppure fu un cespuglio di rose mangiato da asino a ridare a Lucio, vel Apuleio, la sua forma umana!

Dario Sceglie, conservatore museale, verrà a dirci: La conservazione della memoria contenuta nell’arte rupestre.

Lo ascolteremo consapevoli del filo memoria < memoria < ME MUR IA, luogo di vita-morte del ME, il nome che crea, e del fatto che l’umanità immemore non è nulla. Lo ringraziamo fin d’ora, prima di avere certezza del convegno, per aver ricevuto da lui, ambasciatore Unesco, la prima adesione.

Giovanni Caselli, non sazio di migrare da un convegno all’altro per far emergere la verità dal suo oscuramento ideologico, racconterà: Quello che l'Occidente ha preso dall'Oriente, cioè quasi tutto.

Ci pare così chiaro da non tollerare commenti.

Micol Perfigli, incaricata di antropologia a Siena, verrà a parlarci su Indigitamenta.

Ovvero, vedremo come il culto dei sacerdoti romani che prevedeva l’invocazione nominale esatta degli dèi abbia preservato nel tempo i nomi come fossili linguistici, inalterati dalle ideologie successive.

Attilio Mastrocinque, dell’Università di Verona, e coautore di un testo di commento dei ritrovamenti archeologici del monte Altare, antico monte de Antares e colo Maledico, verrà a raccontare: I Santuari prelatini del Veneto orientale.

Il presupposto per convenire è la convinzione che la rappresentazione del mondo antico da parte del mondo moderno può essere falsa e, dunque, andrebbe rivista. I nomi degli dèi saranno i fari antinebbia in questo viaggio possibile.

La levata eliaca di Antares –da questo il nome del convegno– era la luce di una stella (lux per i Latini, LU GH per i Sumeri, Lugh per i Celti) che appariva poco dopo il sorgere del Sole, e poi spariva US, dopo mezzo minuto, da cui LU GH US, il Logos greco.

Questo fenomeno accadeva ogni trent’anni circa nel segno dello Scorpione: serviva a fissare l’inizio dell’anno per i Sumeri, in epoca accadica, l’11 novembre del 2270 a.C. alle ore 7,06 ed era osservato dai Druidi celtici nel 501 a.C. nelle tre notti di Samonion, convenzionalmente il 31.10-1.11.

La notte di Halloween? La notte di Halloween.

 

Ritroveremo un’origine che coincide, in un certo senso, con la fine, dal momento che la ruota del tempo indica che

TI ME > time, vita del ME.

 

Carlo Forin

 

1 Posti sulla Terra (dal Cielo Saturno).

2 Termine finale de Le Metamorfosi.


Articoli correlati

  Carlo Forin. San Francesco 2021
  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Carlo Forin: Gnosis.
  Carlo Forin: Nel Mondo glocale narrando con l’amiloidosi mia compagna
  Carlo Forin: Caro Mutui. Tellusfolio raccolga testimonianze e proteste!
  Carlo Forin, Cerei regni.
  Carlo Forin: Confesso oggi la mia fedeltà alla tradizione cristiana
  Carlo Forin: Anche Gesù era abbronzato come Obama
  Carlo Forin: Halloween - Antares
  Carlo Forin, Veneris... nefandae.
  Carlo Forin, Sei forse sorella di Febo?
  Carlo Forin: Il trasmutatore della merda in violetta Carlo Costantini. Risposta dell'Onorevole
  Carlo Forin: Tempi da lupi mannari per la Costituzione italiana
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Carlo Forin, Semerano. Archeologia linguistica.
  Carlo Forin: Aprire al ME
  Carlo Forin: Un 2010 sgannato
  Carlo Forin: Vogliamo confrontarci con gli altri del Terzo Mondo signora Emma Marcegaglia?
  Carlo Forin: Il pinguino Mattia Ze
  Carlo Forin: Il Gran Giocattolaio
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario: 19 ottobre (1)
  Carlo Forin. Distanziamento
  Carlo Forin. Provvidenziale 8 settembre
  Carlo Forin. 25 aprile 2021 < 25 aprile 1945
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (3)
  Carlo Forin: Quoad, fino a quando, la libertà sarà in pericolo? (Lodo Alfano bocciato).
  Carlo Forin: Gli albori di Milano
  Bruna Spagnuolo: Carlo Forin e la stirpe degli uomini alati
  Carlo Forin: Italia: al 55° posto in Diritto! Bigliettino per il ministro Alfano
  Carlo Forin: Alla Rosa nel fango.
  Carlo Forin: Tutto quello che ci dice "Gallare". Vulva. Dal sumero. Omaggio alla sumerica Paola Senatore.
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Carlo Forin: Rosa
  Carlo Forin. Il periodo del lustro
  Carlo Forin. La trasformazione ecologica
  Carlo Forin: Antares.
  Carlo Forin: Calamaro.
  Carlo Forin: A Zeneda c’è stata una festa. La Rosa.
  Carlo Forin: Coito
  Carlo Forin: Storia del ME con lettera a Claudio Di Scalzo detto Accio
  Carlo Forin: Il mediarca Berlusconi non è un capitalista come tanti al mondo
  Carlo Forin: Riflessioni su me, Me, ME.
  Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
  Carlo Forin: Autobiografia come giocattolaio piccino
  Carlo Forin: La struttura del doppio circolo del Cielo e della Terra nella Bibbia (1)
  Carlo Forin: Viaggiare nel pensiero nel tempo. Con sito turco
  Carlo Forin. Circoncisione
  Carlo Forin: Chi impersòno io?
  Carlo Forin: Diario del 24 e 25 dicembre 2008
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Archetipo
  Carlo Forin, Saturnia Tellus.
  Carl Forin: "Onesimo" con allegata storia di collaborazione e amicizia
  Carlo Forin. La Corte dei Conti boccia il Governo
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Ideologia
  Carlo Forin: La lingua è un fiume sporco
  Carlo Forin: Che cosa nasce a Natale 2008 ?
  Carlo Forin: Risposta a Bruna Spagnuolo e sugli alati
  Carlo Forin: Ricordando Wojtyla e la mia conversione
  Carlo Forin: la luce che viene
  Carlo Forin. Mario Draghi, dieci anni dopo
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (4)
  Carlo Forin: Dimensione della parola ‘dimensione’. Archeologia del linguaggio
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Carlo Forin: La mia lettura di Bernart de Ventadorn in "Canzone di Primavera"
  Carlo Forin: RAGA'R, tagliare. Catullo e Piccoli (2)
  Racconto di un vecchietto del ’68.
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (5) Ultima parte col sorriso.
  Carlo Forin: Sessanta: un numero che falsifica l’indoeuropeismo
  Carlo Forin: Belem, notte di Natale
  Carlo Forin: Carme sul cambio di Archetipo (1)
  Carlo Forin. Analisi dei 38 ‘lustr’ dell’Eneide. L’ultimo: perlustra.
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Amore. Con postilla necessaria.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Carlo Forin: Amen.
  Carlo Forin
  La lingua fu dingua in Tellusfolio
  Carlo Forin: Rosa (mistica)
  Carlo Forin: Meo. Vita-Morte. Archeologia linguistica
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (2)
  Carlo Forin, dizionario delle parole basilari: Rosa
  Carlo Forin, Dio Sovrano. Con lettera antiaccademica.
  Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
  Carlo Forin. San Francesco
  Carlo Forin. La favola dell’indoeuropeo
  Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
  Carlo Forin. Ordine di farfalla
  Carlo Forin: A cena con Dio
  Carlo Forin. La chiave sumera dei nomi degli Dei
  Carlo Forin. La vita è proprio bella!
  Carlo Forin: Lettera a SS. Benedetto XVI
  Carlo Forin: Amore e Psiche. Archeologia linguistica 1.
  Carlo Forin. Seconda dose oggi a Vidor di Treviso
  Carlo Forin: Ricordare Srebrenitza. Sito e fotoalbum 9
  Carlo Forin: Noi, Italiane ed Italiani, maschi della màntide religiosa
  Carlo Forin. Che nessun Duce di ritorno tocchi la Costituzione!
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy