Lunedì , 16 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Discorso amoroso
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin: Amore e Psiche. Archeologia linguistica 1.
Canova: Amore e Psiche
Canova: Amore e Psiche 
22 Ottobre 2007
 

La favola di Psiche, innamorata di Amore, troneggia in mezzo alle Metamorfosi di Apuleio, si dispiega in 63 paragrafi, dal libro IV, 28-35, per tutto il V ed il VI libro, 1-24.

Amor = A MUR, in sumero ‘seme della vita-morte’ - come abbiamo visto l’anno scorso nelle nostre etimologie - era noto così ad Apuleio.

Poiché sembra che continui a cantare per me solo – come Semerano – canto non sapendo come sia il mio accordo, ma canto.

L’opera di Apuleio è la riflessione di uno gnostico: nessuno del migliaio di libri scritti sulla gnosi la classifica così! (Apuleio deve aver incontrato il filosofo gnostico Valentino che fu a Roma qualche anno prima della pubblicazione del suo lavoro.)

Come io canto isolato così viveva Psiche, pur essendo bellissima.

 

Apollo, consultato dai genitori di Psiche che non viene corteggiata da nessuno perché troppo bella da essere invidiata da Venere , vaticina da veridico e svela che Psiche andrà in sposa a «un mostro crudele, feroce e con volto di serpe» (IV 33) che si rivelerà Amore.

Amore in AB ZU, commistione sumera di tutto, compreso amore ed odio.

La desultoria scientia, l’arte dichiarata dall’Autore, svela che il mago della parola non è solo un favolista, ma un sacerdote gnostico come Lucio, il suo Asino d’oro.

Il serpente è la figura dominante l’IN NUM, lo zodiaco mesopotamico visto probabilmente nel papiro egizio di cui A. parla nell’incipit. Lo si può osservare nelle figure contenute in La scrittura celeste di Giovanni Pettinato.

La categoria gnostica degli Ofiti è il luogo di Apuleio.

 

Gli gnostici chiamavano se stessi ‘psichici’. Psiche rappresenta l’essere umano proprio come gli psichici –gli gnostici- vedevano se stessi.

Troppo bella, Psiche. Troppo ovvia nel nome gnostico per essere vista come parabola gnostica della vita?

 

Scrive Ireneo di Lione, contemporaneo di Apuleio, per precisare ciò che gli gnostici pensavano di se stessi:

Per prima cosa formò dalla sostanza psichica il Padre e re di tutti gli esseri che gli sono consustanziali, cioè quelli psichici, che sono di destra, e quelli derivati dalla passione e dalla forma che sono di sinistra. Infatti tutti gli esseri dopo di lui furono formati dal Demiurgo […] (Ireneo, p. 59)

dicendolo Padre degli esseri di destra, cioè gli psichici, e Demiurgo degli esseri di sinistra, cioè gli ilici.

In altre parole: gli esseri umani sono di due categorie, quelli fatti da Dio Padre e quelli fatti dal Demiurgo, gli psichici e gli ilici. I primi sono aurei, cioè non vengono macchiati dal mondo malvagio fatto dal Demiurgo, il dio che ha concretizzato la realtà materiale e gli uomini ilici. Sono predestinati a ritornare al Padre mentre gli altri, se spirituali, possono al più elevarsi dopo la morte ad un livello intermedio tra il male ed il Bene.

Apuleio si considerava Aureo, cioè psichico.

Con quale competenza Ireneo parlava di costoro? Scrive di sé:

D’altra parte Giacomo e gli apostoli che erano con lui permettevano bensì ai pagani di agire liberamente, affidandoci allo Spirito di Dio; ma essi, conoscendo il medesimo Dio, perseveravano nelle antiche osservanze. (Ireneo, p. 225)

 

Ireneo proviene da Smirne e riconosce suo ‘padre spirituale’ Policarpo, successore diretto degli Apostoli e di Giacomo in particolare. Con ‘permettevano ai pagani […] affidandoci (inequivocabile concedentes nos precisa Enzo Bellini, curatore della raccolta dei testi originali) riconosce se stesso al passato nella categoria dei pagani che conoscono il medesimo Dio dei cristiani. Si differenzia da costoro ‘che perseveravano nelle antiche osservanze’, cioè dagli gnostici. È certo dunque che Ireneo fosse stato un pagano. E’ possibile che fosse stato addirittura uno della ‘falsa’ gnosi contro cui scrive.

Quando Ireneo parla degli ‘psichici’ sa di che cosa parla per esperienza.

 

Psiche

La favola di Psiche narra di una ragazza troppo bella. Così bella da distogliere gli umani, a sua insaputa, dal culto di Venere.

Com’è possibile per un umano riconoscere la divinità così lontana [«Ecco, io, l’antica genitrice dell’universo, io, causa prima degli elementi» uguale a «Io sono la genitrice dell’universo, l’origine prima dei secoli»: Venere è Iside]? Questa lontananza impedisce all’uomo non predestinato l’illuminazione, la gnosi.

Venus, Veneris ha Eris nel nome al genitivo, la Furia infernale di Omero.

Afro-Dite specifica Dite: AH RU DI TE, aspirazione sacro tocco inferno. La distinzione con l’inferno sta solo in alma = MA AL, alma Venus di Pafo.

Venere chiama il figlio Amore: «son ridotta a dividere l’onore dovuto alla mia maestà con una fanciulla mortale! Il mio nome, che è scritto nel cielo [U EN U nds], è contaminato da terrene sozzure».

Il mio nome è scritto in mezzo al Cielo si legge in sumero: U EN U.

 

Hoc enim nomine puella nuncupabatur

Tr.: con questo nome infatti veniva chiamata la ragazza           IV, 30

 

Psychen < EN PSYKE, signora Psiche. Dove Signora è Venere e signora è Psiche.

Psy allittera con Spi.

Spi è la prima sillaba di spirito, spiritu, ed è in a-spi-s, compreso in A—S, Uno d’origine.

KE è latina Ce di Ceres, sumera K ERES, regina degli Inferi.

Il nome ambiguo di Psyke può corrisponedere anche a ‘spirito di Keres’ ed a Proserpina.

Questo spiega il vaticinio di Apollo che rivediamo.

 

Vipereum malum

«Frattanto Psiche, con tutta la sua straordinaria bellezza, non ricava alcun frutto dalla sua avvenenza. Tutti la guardano, tutti la lodano, ma nessuno, o re o di stirpe reale o anche plebeo, si presenta desideroso di chiederla in sposa. Ammirano, è vero, il suo aspetto divino, ma l’ammiran tutti come una statua lavorata con arte. Da gran tempo le due sorelle maggiori, che la pubblica fama, poiché possedevano una bellezza normale, aveva passato sotto silenzio, eran state promesse a reali pretendenti e avevan fatto dei matrimoni brillanti. Psiche invece, vergine senza innamorati, rimaneva in casa a piangere sul proprio abbandono e, dolorante nel corpo e nell’animo, odiava in sé quella bellezza che pure la rendeva oggetto di piacere a tutte le genti». IV, 32.

La disgrazia gnostica che la dissocia dai mortali è la bellezza eccessiva.

Apollo dà ai suoi genitori il vaticinio:

«Sul picco alto di un monte, esponi, o re, la ragazza,

come si addice abbigliata a nozze che danno la morte.

E non sperare in un genero nato da stirpe mortale,

ma attendi un mostro crudele, feroce e con volto di serpe,

il qual, volando per l’etra, ogni animale molesta

e impiaga col ferro e col fuoco ogni creatura vivente.

Sin Giove lo teme, che pure ispira terrore agli dèi

e i fiumi l’hanno in orrore e i regni oscuri d’Averno».              IV, 33

Questo è A MUR, vipereum malum, seme della vita-morte, male col volto di serpe, la sillaba centrale di ME TA MUR PHU SIS, così come centrale è la favola di Amore e Psiche nell’opera. Orrido e sublime: Amore = AB ZU.

La sua gnosi è impervia.

 

Il nome di Venere e il nome di Amore

«Ma la necessità d’obbedire agli ammonimenti celesti richiedeva che quella poverina di Psiche subisse la pena destinata. Furon dunque compiuti con profonda tristezza i solenni preparativi del funebre matrimonio, e Psiche piangente è scortata non alle nozze, ma alle proprie esequie […]:

-Quando le genti e i popoli mi rendevano onori divini, quando con universale consenso mi davano il titolo di novella Venere, allora avreste dovuto dolervi, allora versar pianti, allora sì prendere il lutto, come se fossi estinta. Ora m’accorgo, ora vedo che causa della mia rovina è solo il nome di Venere. Portatemi via e lasciatemi su quella roccia su cui il destino mi ha condannata: ho fretta di affrontare queste infelici nozze, ho fretta di conoscere quel nobile mio marito. Perché indugiare, perché dovrei rifiutare d’incontrarmi con lui che è nato a rovina dell’universo intero?-».

-Causa della mia rovina è solo il nome di Venere-.

Il nome è stato evocato per indigitamenta, ed il nome ha valore divino per gli antichi: col nome veniva evocata la ‘natura propria al nome’.

Psiche aveva ricevuto gli onori dovuti esclusivamente a Venere.

La sua colpa oggettiva: esser stata sostituita a U EN U, ‘Signora in mezzo al Cielo’, nel GIRU<U GIR , giro, sia Celeste –UE NUS, ‘mente/morte della casa del Cielo’ (Amore) [151° giro di chiave] sia Infera –UE NER IS, ‘NER [NER GAL] ERIS della casa del Cielo’ [152° giro di chiave]), umana in condizione divina. Eris è la furia infernale sorella di Ares.

Psiche si trova in casa di Amore.

Iamque aderat ignobilis maritus et torum inscenderat et uxorem sibi Psychen fecerat […]. ( V, 4)

Tr.: Ma era lì dinanzi a lei il marito sconosciuto. Egli sale sul suo letto, fa di Psiche la sua sposa.

Ignobilis maritus significa sia marito sconosciuto che uomo di vilissima condizione, quest’ultima condizione hominis extremi, come Venere aveva chiesto al figlio:

virgo ista amore fragrantissimo teneatur hominis extremi, quem et dignitatis et patrimonii simul et incolumitatis ipsius Fortuna damnavit, tacque infimi ut per totum orbem non inveniat miseriae suae comparem

tr.: possa codesta vergine ardere d’amore appassionato per un uomo di vivissima condizione che la Fortuna abbia colpito nel grado sociale, nei beni e nella persona medesima, per un uomo così in basso, che in tutta la terra non si trovi uno più disgraziato di lui. (IV, 31)

Con questa maledizione Venere provoca una nemesi < nemesis < NE ME SIS, ‘negazione della vita del ME’. [153° giro di chiave]

Amore interpreta divinamente il comando della madre e dà a Psiche: A MUR.

 

Carlo Forin


Articoli correlati

  Carlo Forin. San Francesco 2021
  Carlo Forin. La vita è proprio bella!
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Carlo Forin: Gnosis.
  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Carlo Forin: Nel Mondo glocale narrando con l’amiloidosi mia compagna
  Carlo Forin: Caro Mutui. Tellusfolio raccolga testimonianze e proteste!
  Carlo Forin, Cerei regni.
  Carlo Forin: Confesso oggi la mia fedeltà alla tradizione cristiana
  Carlo Forin: Anche Gesù era abbronzato come Obama
  Carlo Forin: Halloween - Antares
  Carlo Forin, Veneris... nefandae.
  Carlo Forin, Sei forse sorella di Febo?
  Carlo Forin: Il trasmutatore della merda in violetta Carlo Costantini. Risposta dell'Onorevole
  Carlo Forin: Tempi da lupi mannari per la Costituzione italiana
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Carlo Forin, Semerano. Archeologia linguistica.
  Carlo Forin: Aprire al ME
  Carlo Forin: Un 2010 sgannato
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (5) Ultima parte col sorriso.
  Carlo Forin: Vogliamo confrontarci con gli altri del Terzo Mondo signora Emma Marcegaglia?
  Carlo Forin: Il pinguino Mattia Ze
  Carlo Forin: Il Gran Giocattolaio
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario: 19 ottobre (1)
  Carlo Forin. Distanziamento
  Carlo Forin. Provvidenziale 8 settembre
  Carlo Forin. 25 aprile 2021 < 25 aprile 1945
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (3)
  Carlo Forin: Quoad, fino a quando, la libertà sarà in pericolo? (Lodo Alfano bocciato).
  Carlo Forin: Gli albori di Milano
  Bruna Spagnuolo: Carlo Forin e la stirpe degli uomini alati
  Carlo Forin: Italia: al 55° posto in Diritto! Bigliettino per il ministro Alfano
  Carlo Forin: Alla Rosa nel fango.
  Carlo Forin: Tutto quello che ci dice "Gallare". Vulva. Dal sumero. Omaggio alla sumerica Paola Senatore.
  Carlo Forin: Rosa
  Carlo Forin. Il periodo del lustro
  Carlo Forin. La trasformazione ecologica
  Carlo Forin: Antares.
  Carlo Forin: Calamaro.
  Carlo Forin: A Zeneda c’è stata una festa. La Rosa.
  Carlo Forin: Coito
  Carlo Forin: Storia del ME con lettera a Claudio Di Scalzo detto Accio
  Carlo Forin: Il mediarca Berlusconi non è un capitalista come tanti al mondo
  Carlo Forin: Riflessioni su me, Me, ME.
  Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
  Carlo Forin: Autobiografia come giocattolaio piccino
  Carlo Forin: La struttura del doppio circolo del Cielo e della Terra nella Bibbia (1)
  Carlo Forin: Viaggiare nel pensiero nel tempo. Con sito turco
  Carlo Forin. Circoncisione
  Carlo Forin: Chi impersòno io?
  Carlo Forin: Diario del 24 e 25 dicembre 2008
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Archetipo
  Carlo Forin, Saturnia Tellus.
  Carl Forin: "Onesimo" con allegata storia di collaborazione e amicizia
  Carlo Forin. La Corte dei Conti boccia il Governo
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Ideologia
  Carlo Forin: La lingua è un fiume sporco
  Carlo Forin: Che cosa nasce a Natale 2008 ?
  Carlo Forin: Risposta a Bruna Spagnuolo e sugli alati
  Carlo Forin: Ricordando Wojtyla e la mia conversione
  Carlo Forin: la luce che viene
  Carlo Forin. Mario Draghi, dieci anni dopo
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (4)
  Carlo Forin: Dimensione della parola ‘dimensione’. Archeologia del linguaggio
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Carlo Forin: La mia lettura di Bernart de Ventadorn in "Canzone di Primavera"
  Carlo Forin: RAGA'R, tagliare. Catullo e Piccoli (2)
  Racconto di un vecchietto del ’68.
  Carlo Forin: Sessanta: un numero che falsifica l’indoeuropeismo
  Carlo Forin: Belem, notte di Natale
  Carlo Forin: Carme sul cambio di Archetipo (1)
  Carlo Forin. Analisi dei 38 ‘lustr’ dell’Eneide. L’ultimo: perlustra.
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Amore. Con postilla necessaria.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Carlo Forin: Amen.
  La lingua fu dingua in Tellusfolio
  Carlo Forin
  Carlo Forin: Rosa (mistica)
  Carlo Forin: Meo. Vita-Morte. Archeologia linguistica
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (2)
  Carlo Forin, dizionario delle parole basilari: Rosa
  Carlo Forin, Dio Sovrano. Con lettera antiaccademica.
  Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
  Carlo Forin. San Francesco
  Rappresentazione falsa del mondo: Ideologia.
  Carlo Forin. La favola dell’indoeuropeo
  Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
  Carlo Forin. Ordine di farfalla
  Carlo Forin: A cena con Dio
  Carlo Forin. La chiave sumera dei nomi degli Dei
  Carlo Forin: Lettera a SS. Benedetto XVI
  Carlo Forin. Seconda dose oggi a Vidor di Treviso
  Carlo Forin: Ricordare Srebrenitza. Sito e fotoalbum 9
  Carlo Forin: Noi, Italiane ed Italiani, maschi della màntide religiosa
  Carlo Forin. Che nessun Duce di ritorno tocchi la Costituzione!
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy