Domenica , 29 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin, Saturnia Tellus.
Virgilio
Virgilio 
27 Maggio 2006
 
 

Con brevi scritture lo studioso di Vittorio Veneto propone il suo primo viaggio nell'archeologia linguistica. Il richiamo a Tellus non può che ingenerare in noi della rivista e del portale una sorta di benefica assonanza. Idealmente questo è il primo capitolo del libro che Carlo Forin scriverà su Tellusfolio. (cds)

 

 

Saturnia tellus

 

 Salve, magna parens frugum, Saturnia tellus,

magna virum: tibi res antiquae laudis et artem

ingredior sanctos ausus recludere fontis

Ascraeumque cano Romana per oppida carmen. (Virgilio, Georgiche, libro II, vv. 173-176)

 

Salve, grande genitrice di messi, terra Saturnia,

grande madre di eroi: per te incedo fra antichi

fasti di gloria e d’arte, osando dischiudere le sacre fonti; [nostro il neretto]

e canto il carme di Ascra per le città romane.”

 

 

 

A parer mio questo è il più bel saluto all’Italia -terra saturnia per Virgilio-.

Può esser stato alzato da un Romano?

I legionari romani combattevano nel nome di Giove, dio sovrano del pantheon di Roma. Ed il pantheon venne composto razziando gli dèi delle città vinte, per catturarne il potere. Solo con Ottaviano Augusto comincia l’era di tolleranza romana estesa sulle terre vinte.

Per questo motivo il cantore osa dischiudere le sacre fonti. Ci vuole del coraggio, ed un coraggio non da poco, per salutare la nostra terra così a quel tempo.

Amore per la propria terra e genialità letteraria così grande da eludere il controllo sui sottomessi da parte di chi non risparmiava i superbi deve aver spinto l’audace a dischiudere le sacre fonti etrusche.

«Canto il carme di Ascra per le città romane» significa “canto il carme etrusco per le città romane” dal momento che anche Esiodo deve esser stato uno dei Pelasgi, ‘cicogne’, popolo migratore.

Questo inno all’Italia è il cuore delle Georgiche, che può venir considerato un manuale per la coltivazione della terra da consegnare ai legionari romani alla fine della ferma militare.

Comincia così, con questo inno? Nooo. Audace sì, ma non folle! Il taglio della testa sarebbe stata la punizione più nobile per un superbo che sfidi i legionari con un saluto così poco patriottico per i Romani.

Come comincia, invece?

 

Quid faciat laetas segetes

 

Che cosa faccia liete le terre seminative, in latino.

Quale dio (QU DI) faccia liete le terre seminative,

 

in probabile etrusco ‘quale dio’ faccia liete le terre da semina, chiede la risposta latina Sator, il Seminatore, e Saturno era adorato come dio della semina.

687 versi prima di salutare il proprio dio  in modo esplicito, gli hanno assicurato fama tra i vincitori, fama che ha continuato in tutte le generazioni che hanno popolato la nostra Madre Terra e l’hanno letto (Domenico Comparetti, Virgilio nel Medioevo, Livorno, Fr. Vigo, 1872 racconta che l’inizio dello studio scolastico di Virgilio avvenne quando lui era ancora in vita).

 

 

Come finiscono le Georgiche?

 

Illo Vergilium me tempore dulcis alebat

Parthenope studiis florentem ignobilis oti,

carmina qui lusi pastorum audax iuventa,

Tityre, te patulae cecini sub tegmine fagi.

 

In quel tempo me Virgilio nutriva la dolce

Partenope, sereno fra opere di un’oscura quiete:

io che rappresentavo la poesia dei pastori, e, audace di giovinezza, [nostro il neretto]

te cantai, o Titiro, all’ombra di un ampio faggio.

 

 

Com’erano cominciate le Bucoliche?

 

Melibeus si rivolge all’amico:

Tityre, tu patulae recubans sub tegmine fagi

 

Titiro, tu riposando all’ombra di un ampio faggio,

studi su un esile flauto una canzone silvestre;

noi lasciamo le terre della patria e i dolci campi,

fuggiamo la patria.

 

Ero audace di giovinezza allora, a trent’anni, quando dichiaravo, pur sotto il nome di Melibeo (nome sacerdotale dal significato ‘vado assaggiando il ME’, il nome divino che dà nome a tutti i nomi), che dovevo andarmene lasciando le terre di famiglia ad un soldato romano.

Il cittadino romano non era soggetto ad esproprio. Un mantovano etrusco, sì.

Mecenate è il principe etrusco (Moecenas tu pranzi col ME) cui Virgilio si rivolge. Un principe noto alla storia come etrusco. La tolleranza di Augusto cominciava a reclutare gente non romana nelle fila dell’apparato imperiale.

 

Il nostro viaggio nell’archeologia linguistica comincia col saluto etrusco alla nostra terra: che dischiuda le sacre fonti della protostoria! ed inviti il lettore a discutere, ad esempio, sul perché ci siano voluti tanti anni a riconoscerlo.

 

 

P.S. - Traduzione corretta del finale delle Georgiche

 

Chi scrive è un sociologo, non un latinista. Nelle nostre analisi linguistiche cerchiamo di riferire le traduzioni dei latinisti, fatta eccezione per le parole palesemente errate (es.: segetes dell’incipit delle Georgiche, come vedremo nel prossimo articolo ‘Dio sovrano’).

Un caro amico, Paolo Peruch, insegnante di lettere (autore di Fierùn e la bèla dei sete veli), conosciuto il nostro punto di vista su Virgilio –sacerdote etrusco- ci ha proposto di cambiare la traduzione del finale delle Georgiche che abbiamo esposto nell’articolo Saturnia tellus:

 

In quel tempo me Virgilio nutriva la dolce

Partenope, sereno fra opere di un’oscura quiete:

io che rappresentavo la poesia dei pastori, e, audace di giovinezza, [nostro il neretto]

te cantai, o Titiro, all’ombra di un ampio faggio.

 

Con:

 

In quel tempo me Virgilio nutriva la dolce

Partenope, serenamente dedito alle opere di una vita appartata:

io, che nella mia audacia giovanile, iniziai per gioco canti pastorali,

te cantai, o Titiro, all'ombra di un ampio faggio.

 

La adottiamo e la facciamo nostra con entusiasmo: “nella mia audacia giovanile” è più appropriato per audax juventa e fa risaltare meglio la protesta. “Audace di giovinezza” enuncia solo una caratteristica del giovane.

Vedremo in seguito che uno dei nomi sumeri di Saturno è SAG US, ‘inizio fine’.

L’inizio e la fine delle opere di Virgilio sono composti con una cura particolare, in devozione a SAG US.

 

Carlo Forin


Foto allegate

Tomba di Virgilio
Articoli correlati

  Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
  Carlo Forin. La favola dell’indoeuropeo
  Carlo Forin: Gnosis.
  Carlo Forin. Provvidenziale 8 settembre
  Carlo Forin, Cerei regni.
  Carlo Forin: Halloween - Antares
  Carlo Forin. Seconda dose oggi a Vidor di Treviso
  Carlo Forin, Veneris... nefandae.
  Carlo Forin, Sei forse sorella di Febo?
  Carlo Forin: Il trasmutatore della merda in violetta Carlo Costantini. Risposta dell'Onorevole
  Carlo Forin. Distanziamento
  Carlo Forin, Semerano. Archeologia linguistica.
  Carlo Forin: Aprire al ME
  Carlo Forin: Il Gran Giocattolaio
  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Carlo Forin: Gli albori di Milano
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario: 19 ottobre (1)
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Carlo Forin: Vogliamo confrontarci con gli altri del Terzo Mondo signora Emma Marcegaglia?
  Carlo Forin. 25 aprile 2021 < 25 aprile 1945
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (3)
  Carlo Forin: Tempi da lupi mannari per la Costituzione italiana
  Carlo Forin: Quoad, fino a quando, la libertà sarà in pericolo? (Lodo Alfano bocciato).
  Carlo Forin: Il pinguino Mattia Ze
  Bruna Spagnuolo: Carlo Forin e la stirpe degli uomini alati
  Carlo Forin: Un 2010 sgannato
  Carlo Forin: Tutto quello che ci dice "Gallare". Vulva. Dal sumero. Omaggio alla sumerica Paola Senatore.
  Carlo Forin: Rosa
  Carlo Forin. Il periodo del lustro
  Carlo Forin. La trasformazione ecologica
  Carlo Forin: Antares.
  Carlo Forin: Calamaro.
  Carlo Forin: A Zeneda c’è stata una festa. La Rosa.
  Carlo Forin. La vita è proprio bella!
  Carlo Forin: Storia del ME con lettera a Claudio Di Scalzo detto Accio
  Carlo Forin: Il mediarca Berlusconi non è un capitalista come tanti al mondo
  Carlo Forin: Riflessioni su me, Me, ME.
  Carlo Forin: Autobiografia come giocattolaio piccino
  Carlo Forin: La struttura del doppio circolo del Cielo e della Terra nella Bibbia (1)
  Carlo Forin: Viaggiare nel pensiero nel tempo. Con sito turco
  Carlo Forin: Confesso oggi la mia fedeltà alla tradizione cristiana
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (5) Ultima parte col sorriso.
  Carlo Forin. Circoncisione
  Carlo Forin: Chi impersòno io?
  Carlo Forin: Diario del 24 e 25 dicembre 2008
  Carlo Forin: Anche Gesù era abbronzato come Obama
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Archetipo
  Carlo Forin: Caro Mutui. Tellusfolio raccolga testimonianze e proteste!
  Carlo Forin: Coito
  Carlo Forin: Che cosa nasce a Natale 2008 ?
  Carl Forin: "Onesimo" con allegata storia di collaborazione e amicizia
  Carlo Forin: Alla Rosa nel fango.
  Carlo Forin. San Francesco 2021
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Ideologia
  Carlo Forin: Risposta a Bruna Spagnuolo e sugli alati
  Carlo Forin: la luce che viene
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (4)
  Carlo Forin: Noi, Italiane ed Italiani, maschi della màntide religiosa
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Carlo Forin: La mia lettura di Bernart de Ventadorn in "Canzone di Primavera"
  Carlo Forin: RAGA'R, tagliare. Catullo e Piccoli (2)
  Racconto di un vecchietto del ’68.
  Carlo Forin: Ricordando Wojtyla e la mia conversione
  Carlo Forin. Mario Draghi, dieci anni dopo
  Carlo Forin: Sessanta: un numero che falsifica l’indoeuropeismo
  Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
  Carlo Forin: Belem, notte di Natale
  Carlo Forin. Analisi dei 38 ‘lustr’ dell’Eneide. L’ultimo: perlustra.
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Amore. Con postilla necessaria.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Carlo Forin: Amen.
  Carlo Forin
  La lingua fu dingua in Tellusfolio
  Carlo Forin: La lingua è un fiume sporco
  Carlo Forin. La Corte dei Conti boccia il Governo
  Carlo Forin: Rosa (mistica)
  Carlo Forin: Meo. Vita-Morte. Archeologia linguistica
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (2)
  Carlo Forin, dizionario delle parole basilari: Rosa
  Carlo Forin, Dio Sovrano. Con lettera antiaccademica.
  Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
  Carlo Forin: Carme sul cambio di Archetipo (1)
  Carlo Forin. Che nessun Duce di ritorno tocchi la Costituzione!
  Carlo Forin. San Francesco
  Rappresentazione falsa del mondo: Ideologia.
  Carlo Forin: Dimensione della parola ‘dimensione’. Archeologia del linguaggio
  Carlo Forin: Nel Mondo glocale narrando con l’amiloidosi mia compagna
  Carlo Forin: Italia: al 55° posto in Diritto! Bigliettino per il ministro Alfano
  Carlo Forin. Ordine di farfalla
  Carlo Forin: A cena con Dio
  Carlo Forin. La chiave sumera dei nomi degli Dei
  Carlo Forin: Lettera a SS. Benedetto XVI
  Carlo Forin: Amore e Psiche. Archeologia linguistica 1.
  Carlo Forin: Ricordare Srebrenitza. Sito e fotoalbum 9
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy