Domenica , 15 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. La scelta difficile dei corrispondenti stranieri
03 Ottobre 2011
 

Il barman strizza l’occhio al reporter prima di dirgli sottovoce: “non scrivere che ti ho raccontato queste cose”. E il giornalista, credendosi scaltro, si limita a citare che l’informazione gli è stata riferita da un laureato in economia che serve daiquiri in un hotel di Varadero. Settimane dopo, quel corrispondente di un’agenzia straniera accreditata in Cuba, viene a sapere che il suo informatore è stato licenziato perché sospettato di collaborare con il “nemico”. I colleghi di lavoro che continuano a somministrare cocktail in quel bar hanno imparato la lezione una volta per tutte: esprimere un’opinione equivale a tradirsi. La prossima volta che un curioso si presenterà a fare domande gli risponderanno che va tutto bene e che “la Rivoluzione procede inarrestabile”.

Per le autorità cubane ogni giornalista straniero, specialmente se proviene da un paese capitalista sviluppato, è un potenziale avversario. È stato sempre così, ma dopo gli eventi nordafricani il clima di sospetto si è inasprito. Un complicato meccanismo di autorizzazioni e rimproveri lega mani e piedi ai giornalisti autorizzati a inviare informazioni da Cuba. Il temuto Centro di Stampa Internazionale (CPI) è l’organismo incaricato di sorvegliare il lavoro dei corrispondenti stranieri e di porre limiti alla loro libertà di critica. Sono in gioco non solo il visto di permanenza nel territorio nazionale, ma anche dettagli apparentemente frivoli come la possibilità di importare un’auto nuova o di acquistare un impianto di aria condizionata per la loro casa.

Il CPI è volubile, si infastidisce di ogni cosa, e con questo atteggiamento tiene sotto controllo tutti i suoi subordinati. Può rimproverare i corrispondenti nel caso in cui divergano dalla posizione ufficiale, ma anche se manifestano troppa vicinanza alle idee governative. Alcuni anni fa il corrispondente di un’importante agenzia internazionale venne diffidato per aver scritto in un articolo la frase “Cuba, l’isola comunista”. Infastidito, un funzionario con atteggiamenti tipici della polizia politica, redarguì il giovane giornalista per aver scelto “un aggettivo così dispregiativo” per descrivere il sistema politico della nazione caraibica. Il corrispondente dopo quel rimprovero non sapeva più come comportarsi. Per lunghi mesi si limitò a scrivere articoli innocui per meritarsi di essere ricevuto ancora negli uffici del CPI.

La scelta dei corrispondenti stranieri - chiamati popolarmente corresponsabili stranieri - è tra difendere lo spazio conquistato, accettando compromessi informativi, o raccontare la realtà senza mezzi termini ed esporsi al rischio di essere espulsi.

I grandi mezzi informativi internazionali vogliono trovarsi qui quando arriverà il tanto atteso “giorno zero”. Da anni stanno cercando di mantenere le loro posizioni per realizzare quel reportage che tutti immaginano zeppo di foto, testimonianze di gente emozionata e bandiere colorate che sventolato da ogni lato. Ma il giorno tanto atteso tarda ad arrivare.

Nel frattempo, le stesse agenzie che riportano i successi di piazza Tahir e i combattimenti in Libia, per quel che riguarda Cuba minimizzano la portata di determinati fenomeni o semplicemente tacciono per conservare il permesso di residenza nel paese. Il bavaglio si fa più drammatico tra quei giornalisti stranieri che hanno la famiglia residente sull’Isola, perché se si vedessero revocare l’accredito, dovrebbero decidere tra separarsi dai loro cari e portarli via. Gli abili funzionari del CPI conoscono molto bene i tenui fili del ricatto emotivo e sanno come tirarli.

In alcuni casi questi meccanismi di controllo e di imposizione non funzionano e allora è lo stesso governo a incaricarsi di redarguire la stampa straniera per aver osato riferire certe notizie. Il caso più recente è stato quello di Mauricio Vincent, corrispondente del quotidiano spagnolo El País, che si è visto sospendere l’autorizzazione per lavorare a Cuba. Le autorità sostengono che dopo 20 anni di lavoro come giornalista accreditato, Vincent era diventato poco obiettivo e trasmetteva un’immagine distorta della nostra realtà.

La caduta in disgrazia di questo importante reporter è un segnale inviato anche al resto dei suoi colleghi. Per un sistema politico che ha utilizzato la censura e il monopolio sulla parola come un meccanismo di sottomissione, in certi frangenti il controllo dell’informazione diventa più strategico.

Dopo la cosiddetta Primavera Araba le autorità sono coscienti del ruolo importante che gioca il flusso informativo nel preparare l’opinione pubblica internazionale di fronte alla caduta di un regime. Gli analisti ufficiali fanno notare che i reportage critici sulla situazione cubana, potrebbero provocare una condanna da parte delle Nazioni Unite e persino un’invasione armata straniera. Alcuni mesi fa un editoriale del quotidiano Granma asseriva che “si stanno fabbricando pretesti” per fare in modo che le bombe cadano sull’Avana, così come è successo a Tripoli. Di fronte allo schema “informazione uguale tradimento” è molto difficile conservare la professionalità giornalistica e riportare la situazione così come si presenta davanti ai nostri occhi.

Per rendere più complesso lo scenario, le tecnologie hanno fornito ai cittadini nuove strade per pubblicare e recepire notizie. La proliferazione delle antenne paraboliche illegali, l’aumento del numero dei blog e l’uso crescente della rete sociale Twitter, ha ridotto il tempo tra l’accadimento di un evento e la sua conoscenza da parte della comunità internazionale e degli stessi cubani residenti sull’Isola.

Alcuni mesi fa, la corrispondente di un’importante agenzia straniera rimproverava a un utilizzatore alternativo di Twitter di trasmettere troppi messaggi in 140 caratteri con il telefono mobile verso Internet. “Avevo detto al mio capo che a Cuba non funzionava Twitter, invece lo state usando e adesso mi ritrovo con un maggior carico di lavoro per colpa di questo dannato mezzo di comunicazione…”.

Un altro tema che mette in crisi questi diplomatici dell’informazione è l’uso libero che fanno i cittadini delle loro fonti giornalistiche. Non nascondendo l’origine della notizia e pubblicando molte volte sul web persino il numero di telefono del contatto di chi si è trovato presente ai fatti, si rompe quel segreto che rendeva determinate dichiarazioni un argomento riservato a pochi iniziati. La fonte resta aperta - senza risparmio - per tutti coloro che desiderano interagire con la notizia e riferirla. Il monopolio sul “contatto” è ormai caduto.

Senza dubbio, per decenni abbiamo avuto l’impressione che un determinato fatto non fosse successo se non erano presenti i giornalisti accreditati per riferirlo. Quando un gruppo di opposizione o un movimento civico organizzava un incontro o una protesta, in alcuni casi questi reporter si facevano vedere ma capitava pure che non ritenessero interessante l’evento, condannandolo al silenzio.

L’esistenza del giornalismo indipendente ha cercato di fare luce proprio su questa parte di realtà che non veniva riferita né dalla stampa ufficiale né dai corrispondenti stranieri, ma la sua infrastruttura materiale era troppo precaria. Per fortuna la tecnologia è diventata più democratica e adesso l’elemento più importante quando si presenta una notizia non è più la qualità della macchina da presa o la potenza di un microfono, ma la vicinanza - fisica ed emotiva - del soggetto con la storia da narrare.

Sono cominciate a emergere curiose contraddizioni. Se ci guardiamo alle spalle negli ultimi mesi, la maggior parte degli episodi di corruzione e le immagini relative alla violazione dei diritti umani sono venuti alla luce grazie alla testimonianza di questi vivaci cronisti del quotidiano. Per merito del piccolo obiettivo di un telefono cellulare e di un registratore tascabile si possono conoscere storie che altrimenti non sarebbero mai state raccontate. Le dita agili di ogni individuo possono riferire più rapidamente rispetto alla complessa struttura - caratterizzata dalla censura - che circonda gli informatori di altre latitudini che vivono a Cuba.

Per questo motivo adesso è sempre più frequente che certi periodici e agenzie straniere chiedano ai loro inviati di indagare su un tema che è stato pubblicato in un blog, in un sito web o in un determinato spazio Twitter. Fagocitare l’informazione già trasmessa da individui privi di credenziali, è stata la pratica costante dei reportage realizzati da queste grandi firme giornalistiche.

Gli oppositori sono più attivi che mai, non passa una settimana senza che accadano incidenti perché piccoli gruppi di non conformi organizzano una protesta pacifica. Questi eventi, e gli atti repressivi che li accompagnano, vengono resi pubblici perché ogni giorno cresce il numero dei giornalisti indipendenti che li riferiscono e perché gli stessi protagonisti hanno cominciato a imparare a raccontare loro stessi usando i trucchi più creativi che si possano immaginare.

La nuova valanga informativa prodotta da mani cittadine, ha spinto anche i corrispondenti stranieri ad affrontare certe tematiche che prima evitavano con cura. Adesso sono davvero sotto pressione e devono scegliere senza mezzi termini tra difendere il loro posto a Cuba in attesa di quel grande reportage sul cambiamento e raccontare ciò che accade, correndo il rischio di essere espulsi dal paese. I giornalisti stranieri si trovano davanti a un bivio: avere il coraggio di raccontare la realtà o vedere come gli “avventizi” dell’informazione riescono a narrare al mondo ciò che accade usando soltanto un telefono cellulare.

 

Yoani Sánchez

(da Voces, n. 10, ottobre 2011)

Traduzione di Gordiano Lupi

 

 

La vignetta di Garrincha (El Nuevo Herald)

ben si presta a illustrare l'articolo di Yoani:

 

Il corrispondete straniero è molto ispirato...

 

Cuba, che bella è Cuba...


Articoli correlati

  Raúl Castro apre al lavoro privato ma non parla di libertà
  Yoani Sánchez partecipa a un incontro virtuale organizzato dalla Columbia University
  Claudia Cadelo. Necessità
  Le chiavette usb sono l'Internet cubano
  Gordiano Lupi. Nuove sale Internet a Cuba
  Gordiano Lupi. Cuba e la repressione su internet
  Omar Santana in merito alla visita del Presidente di Google a Cuba
  Fidel Castro naviga tranquillamente da casa sua. Ma i cubani no
  Yoani Sánchez: “Poter scegliere il compagno, ma anche i governanti!”
  Le folli spese di Yoani
  Yoani Sánchez. Passi da granchio: uno avanti, due indietro
  Yoani Sánchez. Nel Meliá Cohiba…
  Omar Santana. L'informazione cambia
  Yoani premiata a Miami per la difesa dei diritti umani
  Il governo cubano in guerra cibernetica
  Omar Santana. Internet a Cuba
  Garrincha. Chiesa e cambiamento
  Radio Martì. Uno sguardo sulla piccola impresa cubana
  Fidel e Raúl come Calvin e Hobbes
  Yoani Sánchez: “Cuba non conceda asilo politico a Gheddafi!”
  Silvio Rodriguez, Raúl Castro e l'immobilismo cubano
  L'Unicorno Azzurro di Garrincha
  Gordiano Lupi. Profumi a Cuba 2
  Garrincha e lo sport rivoluzionario
  Garrincha. Quando si dice... 'la faccia come il culo'
  Barack Obama: “È tempo che Gross venga liberato”
  Garrincha e Fidel, Garrincha e l'embargo
  Garrincha. Missioni internazionali
  Doppio Garrincha (e Yoani Sánchez) sul futuro di Cuba
  Garrincha. Raúl Castro e i dissidenti
  Garrincha e Jardim. Si ristabiliscono i collegamenti telefonici Cuba – USA
  Garrincha. Il perdono e la jama
  Garrincha. Matrioska
  Garrincha e Santana. Europei in corsa verso Cuba
  Cuba, sognando Chávez. Prezzi e investimenti
  Garrincha. Solidarietà internazionale
  Garrincha e Mariela Castro
  Fidel Castro moribondo?
  Yoani Sánchez intervista Joe Biden
  La blogger cubana Yoani Sánchez non crede a una primavera cubana
  Garrincha. Buon appetito
  Garrincha. Il sogno di Putin
  Garrincha e le canzoni di protesta
  Garrincha. In pellegrinaggio a Cuba
  Garrincha d'Egitto
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Garrincha e la Chiesa
  Garrincha. Cuba: Medici in fuga (come le galline)
  L'ineffabile Garrincha e il Venerdì Santo a Cuba di Omar Santana
  Garrincha e i presunti cambiamenti della stampa “ufficiale” cubana
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  Garrincha. Cinquant'anni di embargo!
  Garrincha. Democrazia d'Egitto
  Garrincha. Stabile Chávez
  Garrincha. Democrazia martoriata
  Garrincha. Tolto l'embargo a Cuba!
  Gordiano Lupi. Cronaca cubana in tre vignette
  Garrincha. La 'fuga' del Papa
  Garrincha. Pane e democrazia
  Gordiano Lupi. Della morte di Fidel
  Arresti a Cuba
  Garrincha. Il cambiamento di Raúl
  Garrincha. Nuovo corso monetario a Cuba
  Esiliati chiedono al Papa di rivedere il programma del viaggio a Cuba
  Garrincha. Andamento della guerra in Siria
  Garrincha. Sochi
  Yoani Sánchez e la Festa delle Madri Cubane
  Garrincha. Caraibiche premure
  Garrincha, Jardim, Santana: Le prime vignette del 2014
  Nuove relazioni Cuba-Usa. I commenti dei vignettisti
  Garrincha. Le riforme di Raúl
  Tre vignette. Blocco, Brasile, Ebola
  Gordiano Lupi. Profumi a Cuba
  Santana e Garrincha. Umorismo sull'ultimo congresso Pcc
  Garrincha. Il socialismo: se lo conosci lo eviti
  Garricnha. Dentro la Rivoluzione
  Garrincha. Burocrazia e Rivoluzione
  Garrincha. Cubana giustizia
  Santana e Garrincha. Due vignette
  Garrincha. L'indulto cubano
  Gordiano Lupi. Cuba abbandona la doppia moneta
  Garrincha. Prostitute a Cuba
  Yoani Sánchez. Il nostro muro di Berlino
  Garrincha. Dio
  Garrincha e la fine del doppio sistema monetario
  Gordiano Lupi a tutto Garrincha
  Garrincha e Santana. Il dialogo Usa-Cuba al nodo dei Diritti Umani
  Antonio Rodiles, il nemico dello stato
  Gordiano Lupi. Jimmy Carter e gli umoristi cubani
  Garrincha. Berluscó
  Garrincha. Hong Kong
  “Vediamo, vediamo... Vediamo se indovini dov'è il cambiamento che tu vorresti... Vediamo...” (Garrincha su “Radio Martì”)
  Venezuela. La repressione di questi giorni in due vignette
  Gordiano Lupi. La guerra in Siria secondo Garrincha
  Auguri Paquito!
  Garrincha. Castroriflessioni
  Garrincha. 'Jimmy Carter visita Cuba'
  Cuba. Indulto anche per sette prigionieri politici
  Cuba stringe la morsa sulla stampa straniera
  Garrincha. Benvenuti, compagni vermi!
  Garrincha saluta Guillermo Alvarez Guedes
  Garrincha. Senza capo
  Garrincha. Oliver Stone, il Venezuela e i cubani di Miami
  Bacchette cubane... Due vignette di Garrincha
  Garrincha. Apre i lavori il Sesto congresso del Partito comunista cubano
  Gordiano Lupi. Repressione a Cuba
  Fidel Castro? “È lucido e sta lavorando molto”
  Garrincha. Carosello Wall Street
  Cuba. Torna in primo piano il caso Carromero
  Garrincha e Alan Gross
  Garrincha. Lobby di Miami (anche in Venezuela!) e generi di prima necessità a Cuba
  Castro e Chávez conversano sul futuro del mondo
  Garrincha. Frode accademica
  Andrea Gratton. Dio benedica il 1962!
  Garrincha. Violenza e Medio Oriente
  Garrincha, Robertico e la Rivoluzione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy