Venerdì , 15 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Il nostro muro di Berlino
15 Maggio 2011
 

Il sole brucia forte per strada e nell’ufficio Immigrazione e Affari Esteri le persone sudano abbondantemente per colpa del caldo. Ma nessuno si lamenta. Una parola di critica, una pretesa di troppo davanti ai funzionari che lavorano in quel reparto può provocare un castigo. Per questo tutti fanno silenzio e guardano verso la parete senza neppure azzardarsi a conversare tra loro. In questa sera di maggio un centinaio di persone attendono un permesso per viaggiare fuori da questa Isola. Conosciuta anche come la tarjeta blanca (cartoncino bianco, ndt), questa autorizzazione fa parte dell’assurdo sistema migratorio che impedisce ai cubani di uscire e di entrare liberamente dal loro paese. Il nostro muro di Berlino senza cemento, le nostre frontiere minate prive di esplosivo. Un muro costituito da timbri e carte, controllato dallo sguardo torvo di alcuni militari che si frappongono tra i nostri corpi e il resto del mondo.

Come se non bastasse l’assurdo sistema, dobbiamo aggiungere un alto prezzo da pagare per ottenere il capriccioso permesso di uscita, che oscilla intorno ai 170 dollari. Una cifra che equivale a un intero anno di salario di un professionista medio. Tuttavia, per ottenere questo salvacondotto non basta avere il denaro sufficiente o esibire un valido passaporto, servono altri requisiti non scritti in nessuna prescrizione legale, dobbiamo possedere condizioni ideologiche e politiche che consentano di prendere un aereo. Di fronte a tante difficoltà, ricevere un “sì” dopo una così lunga e angosciosa sequenza di pratiche, è come sentire scorrere i catenacci di una cella chiusa per anni. Ma per molte persone - come me - la risposta è sempre negativa. A Cuba in migliaia siamo condannati all’immobilità insulare, anche se nessun tribunale ha mai pronunciato tale verdetto. Il “delitto” che abbiamo commesso è quello di avere espresso opinioni critiche nei confronti del governo, di far parte di un gruppo dissidente o di appartenere a un’associazione che difende i diritti umani. Nel mio caso esibisco il triste record di aver ricevuto - dal 2008 a oggi - un totale di quindici rifiuti in seguito alle mie richieste per ottenere la tarjeta blanca. Ho lasciato una sedia vuota in ogni conferenza, a tutte le cerimonie di premiazione e alle presentazioni di libri dove sono stata invitata in questi ultimi quattro anni. Non ho mai ricevuto nessuna spiegazione in merito, solo una frase laconica: “Per il momento lei non è autorizzata a uscire dal paese”.

Non sono soltanto i non conformi e i critici a soffrire restrizioni alla libertà di movimento. Tutti i laureati in medicina sono consapevoli che qui il loro titolo di studio non serve solo per salvare vite umane ma è anche un ostacolo per conoscere altre latitudini. Molti dottori, infermiere e personale sanitario hanno visto le famiglie divise e i figli partire per l’esilio, mentre loro attendono l’autorizzazione delle autorità per incontrare di nuovo i familiari. Alcuni aspettano tre, cinque anni, persino un decennio. Altri non la ottengono mai. La lista nera di chi non può attraversare il mare è lunga, non è stata mai pubblicata, ma chi ne fa parte sa bene quanto sia difficile uscire dall’elenco. Molte maschere conformiste che i cubani indossano di fronte all’occhio indagatore dello Stato, hanno l’obiettivo di realizzazione il prezioso sogno di oltrepassare le frontiere nazionali. Il permesso di uscita si trasforma così in un metodo di controllo ideologico che obbliga all’applauso e alla simulazione.

Alcuni giorni fa la stampa straniera ha annunciato con grande rilievo che adesso i cubani potranno uscire liberamente dal loro paese. Proprio nel momento in cui ha cominciato a diffondersi la notizia dell’apertura migratoria, io mi trovavo in uno di quei vecchi uffici dove si concede o si nega il permesso di viaggio. Quando ho chiesto alla funzionaria vestita in abiti militari se fossero davvero finite tutte le restrizioni, mi ha risposto ironicamente: “Vada all’aeroporto e verifichi se può andarsene senza la tarjeta blanca”. Quando ho letto con calma il punto 265 dei lineamenti approvati nel Sesto Congresso del Partito Comunista, che tratta questo argomento, mi sono molto scoraggiata. Il documento afferma che il governo “studierà una politica che faciliti per i cubani residenti nel paese la possibilità di viaggiare come turisti”, ma non fissa un termine per il provvedimento né si dilunga in dettagli sul regolamento legislativo. In realtà le autorità non sembrano disposte a rinunciare alla preziosa industria senza ciminiere che ogni anno porta nelle casse statali milioni di dollari, versati per esperire le pratiche di entrata e di uscita dal territorio nazionale.

Pochi minuti dopo essermi resa conto che le agenzie di stampa avevano esagerato la notizia della liberalizzazione dei viaggi, ha squillato il mio telefono mobile. Una voce rotta dal pianto mi ha raccontato i particolari degli ultimi istanti di vita di Juan Wilfredo Soto, dissidente morto dopo aver subito maltrattamenti dalla polizia. Ricordo di aver risposto con monosillabi al triste racconto di un atto di intolleranza. Mi sono seduta per non cadere, perché mi fischiavano le orecchie e sentivo il volto prendere fuoco. Ho guardato sul tavolo il mio passaporto pieno di visti per entrare in una dozzina di paesi e senza una sola autorizzazione per uscire dalla mia stessa nazione. Accanto alla sua copertina azzurra, qualcuno aveva messo le notizie stampate sulla morte di Wilfredo a Santa Clara. Ho osservato il suo volto nella fotografia confondersi con lo scudo nazionale nella prima pagina del mio documento d’identità e sono giunta alla conclusione che “niente è cambiato”. Continuiamo a essere tormentati dagli stessi limiti, dalle alte mura del settarismo ideologico e dalla stretta catena delle restrizioni migratorie.

 

Yoani Sánchez

Traduzione di Gordiano Lupi

 

 

Illustrazione

 

Il governo cubano studia la possibilità di permettere che i cubani residenti nel paese possano viaggiare all'estero come turisti”.

Fidel e Raul mangiano in una tavola imbandita e lanciano un osso a un cubano. Altri due cubani parlano tra loro. Uno dice:

A Parigi, vado a Parigi!

L'altro risponde: – A dire le cose come stanno... vado a dire le cose come stanno!

Garrincha (El Nuevo Herald) gioca sull'assonanza tra Paris (Parigi) e parir (in senso letterale: partorire, generare, ma in senso figurato: rivelare, dire le cose come stanno).


Articoli correlati

  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  Auguri Paquito!
  Garrincha. Tolto l'embargo a Cuba!
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  L'Unicorno Azzurro di Garrincha
  Bacchette cubane... Due vignette di Garrincha
  Yoani Sánchez intervista Joe Biden
  La blogger cubana Yoani Sánchez non crede a una primavera cubana
  Garrincha. Matrioska
  Garrincha. Il perdono e la jama
  Garrincha. Cinquant'anni di embargo!
  Garrincha. Buon appetito
  Garrincha. Il sogno di Putin
  Garrincha e le canzoni di protesta
  Gordiano Lupi. Jimmy Carter e gli umoristi cubani
  Gordiano Lupi. Profumi a Cuba 2
  Venezuela. La repressione di questi giorni in due vignette
  Esiliati chiedono al Papa di rivedere il programma del viaggio a Cuba
  Garrincha d'Egitto
  Silvio Rodriguez, Raúl Castro e l'immobilismo cubano
  Garrincha. Chiesa e cambiamento
  Garrincha e lo sport rivoluzionario
  Garrincha. Nuovo corso monetario a Cuba
  Gordiano Lupi. Della morte di Fidel
  Garrincha. Pane e democrazia
  Cuba. Torna in primo piano il caso Carromero
  Garrincha. Lobby di Miami (anche in Venezuela!) e generi di prima necessità a Cuba
  Garrincha. Sochi
  Garrincha. Apre i lavori il Sesto congresso del Partito comunista cubano
  Garrincha e Santana. Il dialogo Usa-Cuba al nodo dei Diritti Umani
  Garrincha. Democrazia d'Egitto
  Garrincha. Stabile Chávez
  Garrincha. Democrazia martoriata
  Nuove relazioni Cuba-Usa. I commenti dei vignettisti
  Garrincha. La 'fuga' del Papa
  Garrincha. Missioni internazionali
  Garrincha. Senza capo
  Gordiano Lupi. Repressione a Cuba
  Yoani Sánchez: “Cuba non conceda asilo politico a Gheddafi!”
  Fidel e Raúl come Calvin e Hobbes
  Garrincha saluta Guillermo Alvarez Guedes
  Garrincha e Mariela Castro
  Garrincha. Il cambiamento di Raúl
  Garrincha. Andamento della guerra in Siria
  Garrincha. Il socialismo: se lo conosci lo eviti
  Fidel Castro moribondo?
  Yoani Sánchez e la Festa delle Madri Cubane
  Doppio Garrincha (e Yoani Sánchez) sul futuro di Cuba
  Garrincha. Quando si dice... 'la faccia come il culo'
  Garrincha. Le riforme di Raúl
  Garrincha. Cubana giustizia
  Garricnha. Dentro la Rivoluzione
  Garrincha e la fine del doppio sistema monetario
  Garrincha e Fidel, Garrincha e l'embargo
  Garrincha e la Chiesa
  Antonio Rodiles, il nemico dello stato
  Garrincha. Castroriflessioni
  Garrincha e Jardim. Si ristabiliscono i collegamenti telefonici Cuba – USA
  Garrincha. Cuba: Medici in fuga (come le galline)
  Gordiano Lupi. Cronaca cubana in tre vignette
  Garrincha. Solidarietà internazionale
  Garrincha e Santana. Europei in corsa verso Cuba
  Radio Martì. Uno sguardo sulla piccola impresa cubana
  Gordiano Lupi. Cuba abbandona la doppia moneta
  Gordiano Lupi. La guerra in Siria secondo Garrincha
  Garrincha. L'indulto cubano
  Garrincha. Dio
  Garrincha. Caraibiche premure
  Garrincha. Prostitute a Cuba
  Fidel Castro? “È lucido e sta lavorando molto”
  Gordiano Lupi a tutto Garrincha
  Garrincha. Berluscó
  Andrea Gratton. Dio benedica il 1962!
  L'ineffabile Garrincha e il Venerdì Santo a Cuba di Omar Santana
  Barack Obama: “È tempo che Gross venga liberato”
  Garrincha. Hong Kong
  “Vediamo, vediamo... Vediamo se indovini dov'è il cambiamento che tu vorresti... Vediamo...” (Garrincha su “Radio Martì”)
  Garrincha e i presunti cambiamenti della stampa “ufficiale” cubana
  Garrincha. Benvenuti, compagni vermi!
  Garrincha. In pellegrinaggio a Cuba
  Garrincha. Carosello Wall Street
  Garrincha e Alan Gross
  Cuba, sognando Chávez. Prezzi e investimenti
  Garrincha. 'Jimmy Carter visita Cuba'
  Santana e Garrincha. Umorismo sull'ultimo congresso Pcc
  Cuba stringe la morsa sulla stampa straniera
  Garrincha. Raúl Castro e i dissidenti
  Cuba. Indulto anche per sette prigionieri politici
  Garrincha, Robertico e la Rivoluzione
  Garrincha. Frode accademica
  Garrincha. Oliver Stone, il Venezuela e i cubani di Miami
  Santana e Garrincha. Due vignette
  Arresti a Cuba
  Gordiano Lupi. Profumi a Cuba
  Garrincha, Jardim, Santana: Le prime vignette del 2014
  Garrincha. Burocrazia e Rivoluzione
  Castro e Chávez conversano sul futuro del mondo
  Garrincha. Violenza e Medio Oriente
  Yoani Sánchez. La scelta difficile dei corrispondenti stranieri
  Tre vignette. Blocco, Brasile, Ebola
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy