Venerdì , 15 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
11 Marzo 2011
 

Dal 1977 Castro e Gheddafi sono stati alleati

Si guardarono e sentirono di essere due uomini molto simili

 

 

Nella primavera del 1977, quando Fidel Castro si recò in Libia, ero soltanto una neonata tra le braccia di mia madre che faceva parte della milizia, appena un pezzo di “uomo nuovo” non ancora modellato. Il colonnello Muammar Gheddafi ricevette Fidel con tutti gli onori e gli concesse la Medaglia al Valore, un’onorificenza che veniva assegnata per la prima volta a una personalità straniera. Davanti alle telecamere, il comandante in capo ringraziò con una stretta di mano il militare che era stato da poco nominato guida della rivoluzione. Si guardarono e sentirono di essere due uomini molto simili. Più tardi fu la volta dell’incontro non ripreso dalla televisione, una riunione a porte chiuse che servì a rinsaldare le basi di quella che sarebbe stata un’alleanza durata oltre trent’anni.

Cuba e Libia avevano intrapreso strade parallele che si sarebbero unite in diverse occasioni. Il punto di maggior contatto era costituito dai due leader, nella simpatia reciproca che entrambi i condottieri si manifestavano. Per questo motivo, nel 1980, quando la nostra isola fu sconvolta dalla fuga in massa di oltre centomila cubani, Gheddafi tornò a tendere ufficialmente la sua mano solidale. Con un messaggio carico di lodi, si congratulava con Fidel Castro per essere stato rieletto primo segretario del Comitato Centrale durante il Secondo Congresso del Partito Comunista. In quel momento Muammar Gheddafi si trovava al comando di quel vasto territorio del Nord Africa da oltre un decennio, mentre noi ascoltavamo gli interminabili discorsi del leader massimo da più di vent’anni. Entrambi i condottieri basavano parte della loro retorica autoreferenziale nella costante citazione dei servizi sociali gratuiti offerti ai loro cittadini. In quel modo ci ricordavano quotidianamente il miglio, ma non facevano alcun riferimento alla gabbia.

Nel 1977 Gheddafi dette vita a un sistema politico nuovo, una sorta di repubblica nelle mani di tutti, molto simile allo slogan “il potere del popolo, è il vero potere” che ci ripetevano da questa parte dell’Atlantico. In Libia, se le cose non funzionavano la colpa era dei cittadini che non sapevano guidare la loro nazione, così come se il degrado economico si impadroniva di Cuba era perché la pigrizia e lo spreco degli individui deturpavano il volto dell’utopia. Tanto un leader come l’altro agitavano davanti agli occhi dei sudditi il fantasma dell’invasione straniera e presentavano il ritorno alla dipendenza politica come la peggiore delle sconfitte. L’anticolonialismo era il lupo feroce che ricordava l’eccentrico dirigente di origine berbera, così come la guida caraibica ricorreva all’espediente dell’antimperialismo, trasformando la metafora di Davide e Golia in una perenne allusione a Cuba e gli Stati Uniti.

Negli anni Novanta entrambi si bruciarono nel falò alimentato dalla loro testardaggine e dai comportamenti belligeranti. Gheddafi doveva ripulire la sua immagine nei confronti dell’Occidente, mentre Fidel Castro aveva urgente bisogno di raccogliere i dollari che gli avrebbero consentito di conservare il potere dopo il crollo del blocco socialista. L’eccentrico presidente libico pagò risarcimenti, si aprì timidamente agli investimenti stranieri, rinnegò - almeno pubblicamente - il terrorismo, e fu persino invitato da Barack Obama al vertice del G-8. Il comandante in verde oliva fu più cauto, dette inizio a un processo di riforme economiche che dopo cercò di controllare con un ritorno al centralismo, armonizzò il suo discorso aggressivo con frasi che facevano riferimento al danno ecologico subito dal pianeta, per presentarsi alla fine del primo decennio di questo millennio come un vecchio saggio che pubblica riflessioni illuminanti.

La stampa ufficiale cubana mosse le prime critiche al comportamento del fratello guida della grande rivoluzione libica. Si metteva in discussione quella riforma radicale del regime socialista che secondo Gheddafi avrebbe potuto portare a un “capitalismo popolare”. Sembrava proprio che le strade, in passato spesso convergenti, cominciassero a intraprendere percorsi del tutto diversi.

Malgrado ciò, a 23 anni compiuti, ho visto con i miei occhi il nuovo abbraccio affettuoso tra i due condottieri. Le cose non erano simili a quel marzo del 1977, perché mia madre non voleva neppure sentir parlare della sua uniforme di miliziana e il leader libico si riconosceva a stento a causa di trucco, vestiti e occhiali da sole. Nel 1998, quando Fidel Castro partecipò alla Conferenza del Movimento dei Non Allineati, venne festeggiato con il Premio Muammar Gheddafi per i Diritti Umani che comprendeva la dotazione di 250.000 dollari. Era chiaro che lo scambio di onorificenze significava, oltre alla collaborazione economica e militare, una dichiarazione di solidarietà e l’assenza di condanna, in pratica un sostegno reciproco, nei modi scelti da entrambi per muovere i mulini che spingevano ancora una volta le acque del potere verso di loro.

 

Yoani Sánchez

(da El Pais)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Giannino. La fuga di Gheddafi
  Frattini riferisca al parlamento gli ordini “terribili” di Gheddafi
  Bonino, Pannella, Valpiana. La nonviolenza di fronte all'uccisione di Gheddafi
  Mario Staderini. Il circo mediatico su Gheddafi copre scomode verità
  Vetrina/ In morte di stolido uomo, Sirte 2011. Patrizia Garofalo con Flavia Milani
  Piero Cappelli. Gheddafi, la fine nefanda di una dittatura
  Yoani Sánchez: “Cuba non conceda asilo politico a Gheddafi!”
  Valter Vecellio. Cosa c’è dietro il volo delle frecce tricolori
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Respinti al mittente come pacchi senza valore. “L'ho deciso io!”
  Daniele Lembo, la Libia Italiana
  Valter Vecellio. Alitalia, scuola (e risorse per le scuole private cattoliche), gli accordi con la Libia…
  Antonella Casu e Marco Cappato. Lettera aperta al preside e al rettore dell’Università di Sassari
  Rosangela Pesenti. Cose da donne?
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Donatella Poretti e Marco Perduca. Sulle Frecce Tricolori... d'esportazione
  Giannino. 'Gheddafi' (da www.aduc.it)
  Sul trattato Italia-Libia
  Gianfranco Paris. Due o tre cose su Gheddafi, “amico” di Andreotti e Cossiga
  Marco Perduca. Il mandato di cattura di Gheddafi pone limiti a trattativa africana
  Pino Iannolo. Il reggino Antonio Sarica arrestò Al Muktar, "il leone del deserto"
  Andrea Ermano. Il silenzio è oro
  Gordiano Lupi. La censura nei media cubani
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Furio Colombo. Libia. Il Trattato c'è ancora
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Maria G. Di Rienzo. Voci nel vento
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Omar Santana. Tsunami Nord Africa
  Manifestazione di solidarietà ai profughi del Corno D’Africa intrappolati in Libia
  Luigi Fioravanti. Degl'italici atavici costumi
  Pasquale Annicchino / Nadia Marzouki. “Ora abbiamo deciso di prendere in mano il nostro futuro”
  Enrico Peyretti. Dove sono i pacifisti?
  Libia. Manifestazione Radicale davanti a Montecitorio
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Tunisi. Bonino, Pannella e Perduca incontrano Ministro Kefi
  Karim Metref. Marocco... E pur si muove
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  Mai complici del raìs! Mai complici dei regimi!
  Emma Bonino, Saad Ibrahim. Il nuovo Egitto non deve nascere sulla vendetta
  Omar Santana. Chi difende Gheddafi?
  Libia: fermate la repressione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy