Martedì , 12 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Andrea Ermano. Il silenzio è oro 
Attenzione. Le immagini che seguono potrebbero urtare la vostra sensibilità
Tripoli, 27 marzo 2010 - Il baciamano di Berlusconi a Gheddafi
Tripoli, 27 marzo 2010 - Il baciamano di Berlusconi a Gheddafi 
23 Ottobre 2011
 

Ragazzi, oggi offro io!”, annuncia compiaciuto nella stanza vuota: “Ah, ah, non c’è nessuno”. Carrellata sul nuovo distributore automatico: “La pausa caffè più divertente del mondo. E vinci fantastici premi”. Sul sito del Corriere della sera questo spot – intercambiabile con la pizza precotta, il totoscommesse, le scarpe nuove e la carta di credito – precede il video web dedicato alla cattura del raìs libico: “Attenzione. Le immagini che seguono potrebbero urtare la vostra sensibilità”.

Esterno giorno.

Una torma di energumeni su sfondo giallo oro (è la sabbia del deserto) gesticola intorno a un signore di una certa età, scarmigliato, ansimante, sporco di sangue. Gli stanno dando una manica di legnate.

Pochi mesi fa quel signore ha assoldato accolite di picchiatori mercenari stranieri contro il popolo che protestava per il costo del pane. Dopodiché gli ha scatenato addosso l’aviazione militare con l’ordine di bombardare i manifestanti. Ne è conseguita un’insurrezione. Lui ha definito “ratti” gli oppositori e si è poi asserragliato nei suoi bunker fino all'arrivo degli insorti, ieri l'altro.

In teoria, si dovrebbe fare fatica a compatirlo, questo signore finanziatore di terroristi e torturatore di migranti. Ma adesso anche lui è solo un uomo. Un uomo solo.

L’immagine salta di palo in frasca. Una mano, un cingolato, torsi assortiti in rapido movimento, gli zigomi smaltati di tracce ematiche, il pizzetto, il muto terrore nell’occhio di gran boia giunto al capolinea del suo macello. Lo stanno linciando. Gli ululati ossessionano l’aria già ribollente di suo.

Salve di mitra. Insulti. Sputi. Torture.

Il signore offre oro in cambio della vita. Davvero la vita di Muammar Gheddafi vale tanto oro quanto pesa? No. Ne vale molto di più. Ma anche il silenzio è oro. E, così, il colonnello viene platealmente silenziato sotto le telecamere web. Il mondo assiste in presa diretta la fine del gran Creso di tutte le Tripolitanie, uomini tra i più ricchi del mondo, i cui favolosi conti in banca sono contesi da ogni paradiso fiscale degno di questo nome.

I suoi tesori lo hanno abbandonato proprio nel momento più difficile.

Meno di un anno fa i potenti della Terra stavano all’entrata della sua tenda in fila per essere ricevuti: capi di stato e di governo aderivano a ogni suo desiderio prima ancora che venisse desiderato, gli giuravano eterna amicizia, gli baciavano le mani con al seguito veneri dell’Olimpo, ministri, elefanti, crocerossine, strateghi, cammelli, cortigiane, grandi sacerdoti, amazzoni, manager e zebre. Financo le zebre!

Ora il “Leader fraterno”, la “Guida della Grande Rivoluzione di Libia”, l'ex azionista Fiat, l’augusto “Re dei Re” (titolo a pagamento), adesso costui si acquatta sulla sabbia tra calci e pugni e insulti. Come un cane.

Dissolvenza.

Scompaiono le grida e tornano i consigli per gli acquisti. Il videomassacro s’interrompe prima del colpo di grazia. La gente guarda il Grande fratello 13. Sembra che gli abbiano sparato con una pistola d'oro in pancia (prima versione). Oppure in testa (seconda versione). La gente balla. Il processo di fronte alla corte internazionale per i crimini di guerra non avrà luogo.

Il silenzio è oro.

La gente cambia canale e si fa quattro risate con Scilipoti e Berlusconi che cantano: “Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamò”. Sul podio del Movimento Responsibilità Nazionale campeggia un Tao bianco rosso e verde: “Cristiani, patria e famiglia”.

Rataplam.

La missione Nato finisce il 31 ottobre. A voler essere pignoli, il mandato militare conferito dal Parlamento della Repubblica alle truppe italiane era già scaduto il 30 settembre. Formalismi costituzionali.

Prima bisogna finire i compiti.

Poi la pausa caffè più divertente del mondo. E vinci fantastici premi. Ragazzi, oggi offro io.

Ah, ah, non c’è nessuno.

 

Andrea Ermano

(da L'Avvenire dei lavoratori, newsletter 23 ottobre 2011)


Foto allegate

Sirte, 20 ottobre 2011 - Il corpo esanime di Gheddafi
Roma, 21 ottobre 2011 - Scilpoti e Berlusconi:
Articoli correlati

  Giannino. La fuga di Gheddafi
  Yoani Sánchez: “Cuba non conceda asilo politico a Gheddafi!”
  Vetrina/ In morte di stolido uomo, Sirte 2011. Patrizia Garofalo con Flavia Milani
  Frattini riferisca al parlamento gli ordini “terribili” di Gheddafi
  Marco Perduca. Il mandato di cattura di Gheddafi pone limiti a trattativa africana
  Bonino, Pannella, Valpiana. La nonviolenza di fronte all'uccisione di Gheddafi
  Piero Cappelli. Gheddafi, la fine nefanda di una dittatura
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  Valter Vecellio. Cosa c’è dietro il volo delle frecce tricolori
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Daniele Lembo, la Libia Italiana
  Respinti al mittente come pacchi senza valore. “L'ho deciso io!”
  Valter Vecellio. Alitalia, scuola (e risorse per le scuole private cattoliche), gli accordi con la Libia…
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Antonella Casu e Marco Cappato. Lettera aperta al preside e al rettore dell’Università di Sassari
  Mario Staderini. Il circo mediatico su Gheddafi copre scomode verità
  Rosangela Pesenti. Cose da donne?
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Donatella Poretti e Marco Perduca. Sulle Frecce Tricolori... d'esportazione
  Giannino. 'Gheddafi' (da www.aduc.it)
  Sul trattato Italia-Libia
  Gianfranco Paris. Due o tre cose su Gheddafi, “amico” di Andreotti e Cossiga
  Pino Iannolo. Il reggino Antonio Sarica arrestò Al Muktar, "il leone del deserto"
  Gordiano Lupi. La censura nei media cubani
  Andrea Ermano. Contro il dissesto
  Andrea Ermano. Unica giustizia, un po' di verità
  Andrea Ermano. Non fa notizia…
  Andrea Ermano. Chi dice instabile a chi?
  Andrea Ermano. Prova d’orchestra con happy end, si spera
  Andrea Ermano. Il percorso misterioso
  Andrea Ermano. S’aggira per l’Europa uno spettro, rosa come il principe azzurro
  Andrea Ermano. Se voto “No” casca il mondo?
  Andrea Ermano. Se le politiche di austerità continueranno
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy