Giovedì , 12 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. La censura nei media cubani 
Undici notizie non riportate da stampa e televisione cubana nel 2011
03 Gennaio 2012
 

1. Primavera araba

Solo quando gli avvenimenti egiziani sono andati oltre il previsto, la stampa cubana ha riportato (con cautela) la notizia che si erano verificati alcuni incidenti isolati. Non è stato pubblicato niente sulle rivolte in Tunisia e nello Yemen, così come non sono stati dati molti particolari sulla destituzione di Mubarak. Sulla Libia e sulla caduta di Gheddafi, la stampa cubana si è limitata a denigrare la posizione ONU, senza far parola del movimento popolare avverso al dittatore. Sulla Siria, la stampa cubana fornisce pochissime informazioni.

 

2. Premi Grammy Latino

Visto che nel 2011 nessun artista residente a Cuba ha vinto un “Grammy Latino”, la stampa cubana ha dato notizia solo del premio assegnato al duo Calle 13, dimenticando i cubani esiliati vincitori: Amaury Gutiérrez, Lena Burke, Paquito D'Rivera e lo scomparso Israel López, “Cachao”.

 

3. Informazioni ONU sul programma militare iraniano

L'8 novembre l'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica delle Nazioni Unite ha presentato un rapporto dettagliato per denunciare gli sforzi di Teherán per produrre la bomba atomica in tempi rapidi, basandosi su progetti speciali. A Cuba non è uscita una sola notizia su questo tema, per via dell'alleanza politica con il regime iraniano.

 

4. Condanne per l'omicidio della baby prostituta

Cinque persone implicate nella morte di una baby prostituta di 12 anni, nella città orientale di Bayamo, e quattro persone arrestate per aver organizzato una rete di prostituzione infantile, sono state condannate a settembre di quest'anno a pene tra i 10 e i 30 anni di detenzione. Tre dei condannati sono italiani e la loro posizione non è per niente chiara, perché possono provare che non si trovavano a Cuba al momento dei fatti. La stampa ufficiale cubana, in ogni caso, non si è mai occupata del delitto e del relativo processo.

 

5. Diserzioni sportive

Molti atleti importanti sono scappati da Cuba nel 2011: giovani promesse come il pitcher Gerardo Concepción, il calciatore Yosniel Mesa, il giocatore di baseball Yoenis Céspedes e il nuotatore olimpico Rafael Castillo. Gli ultimi due sono usciti illegalmente dal Paese, chiedendo asilo politico agli Stati Uniti. La stampa non ha fatto parola dei vari casi.

 

6. I cubano-spagnoli

Il 2011 è stato l'anno record dei cubani che hanno chiesto la cittadinanza spagnola. El Mundo scrive che sono stati nazionalizzati spagnoli circa 66 mila cubani. Alla fine delle operazioni saranno 190 mila i residenti cubani con la doppia cittadinanza, grazie alla Legge della Memoria Storica. A Cuba il fenomeno è stato messo sotto silenzio e le pagine Internet che pubblicano il modulo per presentare la domanda all'ambasciata spagnola sono state oscurate.

 

7. Il cancro di Hugo Chávez

La malattia di Hugo Chávez è un segreto di Stato. La stampa cubana ha dato solo la notizia dell'intervento “riuscito perfettamente”, nello scorso mese di giugno. Non si può far parola del reale stato di salute, dei trattamenti di chemioterapia praticati all'Avana, delle ricadute e dei ricoveri d'urgenza del premier venezuelano.

 

8. Visita di Bill Richardson all'Avana

La stampa ha parlato della visita a Cuba dell'ex governatore democratico del New Messico, Bill Richardson, solo per rispondere che non poteva permettere un incontro tra l'uomo politico e l'imprenditore Alan Gross, in carcere per spionaggio e per aver attentato alla sicurezza nazionale.

 

9. Polemica di Pablo Milanés

La stampa non ha parlato della visita a Miami di uno dei cantanti più importanti del movimento della Nuova Trova, Pablo Milanés, né sono state pubblicate le sue dichiarazioni contro la repressione di cui sono oggetto le Damas de Blanco e contro il potere cubano asfissiante e centralizzato. Al solito, solo grazie ai mezzi alternativi di informazione sono state diffuse notizie sul polemico concerto tenuto da Pablo Milanés e sulla crisi di rapporti tra il cantante e il regime.

 

10. Primo matrimonio gay a Cuba

Un avvenimento che ha tenuto banco sulla stampa internazionale, è stato ignorato completamente dai media nazionali: il matrimonio tra la transessuale Wendy Iriepa e l'omosessuale dissidente Ignacio Estrada, che ha avuto luogo nel mese di agosto. Un matrimonio simbolico, celebrato il 13 agosto, giorno del compleanno di Fidel Castro. Yoani Sanchez è stata madrina d'eccezione.

 

11. Record di corruzione

Il 2011 è stato l'anno della corruzione a Cuba. Tra i molti che possiamo ricordare, ci sono stati scandali nel settore del nichel (Sherrit International y Cubaníquel), all'interno dell'Impresa di Telecomunicazioni (ETECSA), nella Federazione Volley, nell'Industria dei Sigari (Habanos S.A.). Sono stati destituiti ministri corrotti come Yadira García (Industria) e ci sono stati processi contro funzionari sportivi, come la gloria del volley cubano Raúl Diago. I media cubani non si sono occupati di questi fatti e - nelle poche occasioni in cui hanno dato qualche notizia - si sono limitati a poche frasi senza approfondire gli eventi.

 

Per fortuna che esiste una stampa indipendente, soprattutto Internet, anche se i cittadini cubani non possono avere accesso in maniera diffusa a simili strumenti. I media alternativi nel 2011 sono proliferati. A parte Generacion Y di Yoani Sanchez, ricordiamo: Cafè Fuerte, Diario De Cuba, Lunes de Post-Revolución e molti siti internet dell'esilio cubano.

 

Gordiano Lupi

 

 

Nella foto: La fila interminabile fuori dall'ambasciata spagnola all'Avana per fare domanda e poter prendere la cittadinanza iberica.


Articoli correlati

  Alberto Figliolia. Lo zio di Ruby e le 'postume' rivelazioni
  Marco Perduca. Il mandato di cattura di Gheddafi pone limiti a trattativa africana
  “Dora” Valle d'Aosta / The Women's War. Storie di donne in guerra e pace
  Caterina Del Torto. In digiuno contro la guerra e il nucleare
  Frattini riferisca al parlamento gli ordini “terribili” di Gheddafi
  Piero Cappelli. Gheddafi, la fine nefanda di una dittatura
  Giannino. La fuga di Gheddafi
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Giuliano Pontara. Il dolore segue l'errore
  Davide Delaiti. L’(in)attesa sconfitta Islamica in Libia
  Yoani Sánchez: “Cuba non conceda asilo politico a Gheddafi!”
  Bonino, Pannella, Valpiana. La nonviolenza di fronte all'uccisione di Gheddafi
  Valter Vecellio. Appunti. Libia, ma anche nucleare, rischio terremoti, antrace, mafia nel Nord, sondaggi...
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  Movimento Nonviolento. Digiuno: un'azione nonviolenta per Libia e Giappone, militare e nucleare
  Rosa Manauzzi. “In caso di pericolo chiamare mammà”
  Gigi Fioravanti. Libia: la parola alle armi
  Emma Bonino, Matteo Mecacci. Basta con gli allarmismi ingiustificati. Sospendere subito il trattato con la Libia
  Commercio internazionale d'armi: dal nuovo Governo ci aspettiamo un aumento di trasparenza
  Marco del Ciello. La caduta di Tripoli, il futuro della Libia
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Vetrina/ In morte di stolido uomo, Sirte 2011. Patrizia Garofalo con Flavia Milani
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  Mario Staderini. Il circo mediatico su Gheddafi copre scomode verità
  Valter Vecellio. Cosa c’è dietro il volo delle frecce tricolori
  Daniele Lembo, la Libia Italiana
  Valter Vecellio. Alitalia, scuola (e risorse per le scuole private cattoliche), gli accordi con la Libia…
  Rosangela Pesenti. Cose da donne?
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Donatella Poretti e Marco Perduca. Sulle Frecce Tricolori... d'esportazione
  Giannino. 'Gheddafi' (da www.aduc.it)
  Sul trattato Italia-Libia
  Pino Iannolo. Il reggino Antonio Sarica arrestò Al Muktar, "il leone del deserto"
  Gianfranco Paris. Due o tre cose su Gheddafi, “amico” di Andreotti e Cossiga
  Andrea Ermano. Il silenzio è oro
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Respinti al mittente come pacchi senza valore. “L'ho deciso io!”
  Antonella Casu e Marco Cappato. Lettera aperta al preside e al rettore dell’Università di Sassari
  Gordiano Lupi. Musicisti uniti per la libertà di Cuba
  Auguri Paquito!
  Cuba. Circolano in rete tre video sul delitto di Bayamo
  Tre italiani condannati a severe pene detentive per il caso della bambina morta a Bayamo
  Cuba. Simone Pini “dall'inferno del Combinato del Est”
  Gordiano Lupi. Tre italiani nelle carceri cubane
  La malattia di Chávez e i problemi di Cuba
  Gordiano Lupi. Profumi a Cuba
  Simon Romero. Morire dal ridere nel Venezuela di Chávez
  Ricompare Chávez, ancora a Cuba
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Meo Porcello ce l’ha fatta!
  Gordiano Lupi. Fidel Castro è vivo
  Garrincha. Stabile Chávez
  Giovanni Maiolo. Ma Chavez che diavolo fa?
  A. Torreguitart Ruiz. Por qué no te callas?
  Carlos Alberto Montaner. Trionfa Chávez. Si consolida Capriles
  Il giorno di Hugo Chávez e di Virgilio Piñera
  Carlos Alberto Montaner. I tre misteri di Hugo Chávez
  A. Torreguitart Ruiz. L’ora di Chavez
  A. Torreguitart. Meo Porcello regala un quadro a Fidel
  Valter Vecellio. La situazione. Cuba, come prima, peggio di prima
  Yoani Sánchez. Segreto di Stato
  Il 'santero' di Santana per la salute di Chávez
  A. Torreguitart. Regalami un quadretto, compay!
  Garrincha. Solidarietà internazionale
  Gordiano Lupi. Profumi a Cuba 2
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Garrincha. Senza capo
  Yoani Sánchez. Venezuela divisa a metà
  Visita a sorpresa di Chávez a Cuba
  Castro e Chávez conversano sul futuro del mondo
  Yoani Sánchez. Le urne e il combustibile
  Garrincha. L'indulto cubano
  Gordiano Lupi. Cuba e Usa si stringono la mano
  Fidel e Raúl come Calvin e Hobbes
  Wendy Guerra. Senza embargo?
  Gordiano Lupi. Jimmy Carter e gli umoristi cubani
  Garrincha e Alan Gross
  Massimo Campo (NuovaCuba). Breve cronaca digitale dal paradiso dell'assenza delle libertà
  Alan Gross, lo sciopero della fame e gli italiani condannati per omicidio
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  Cuba. Pablo Milanés contro i fratelli Castro
  L’esplosione del “cuentapropismo” cubano
  Pablo Milanés appoggia Yoani Sánchez
  “Hasta cuando?” Yoani Sánchez chiede che il Papa parli di Cuba
  Gordiano Lupi. “Da Omero al rock” di Maurizio Stefanini e Marco Zoppas
  Yoani Sánchez. L'altro Pablo, con la sua miglior canzone
  L'Unicorno Azzurro di Garrincha
  Messaggi in bottiglia dall’isola dei non connessi
  Pablo Milanés canta a Miami
  Carlos Alberto Montaner. Benvenuto, Pablo Milanés
  Cuba. Wendy Iriepa e Ignacio Estrada oggi sposi
  Yoani Sánchez. Il matrimonio della speranza
  Gordiano Lupi. A Cuba aumenta la repressione
  Yoani Sánchez sarà testimone al matrimonio di Wendy
  Gordiano Lupi. Grave un dissidente cubano in sciopero della fame
  Twitter vuol dire uguaglianza e l'arroganza non porta lontano
  Cuba. Un 8 settembre di arresti e violenze
  Reclusi nella chiesa pentecostale
  A Cuba si celebra la prima sfilata gay
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy