Venerdì , 13 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli. Gheddafi, la fine nefanda di una dittatura 
E che invoglierà altri popoli verso la liberazione da dittatori e regimi…
27 Agosto 2011
 

Le notizie di quest’ultime ore, benché contraddittorie, ci dicono che il regime gheddafiano – arrivato al potere con un colpo di stato nel 1969 – è alla fine. E in questi momenti si vedono quali sono i veri interessi dei protagonisti: pur di non perdere il potere, la famiglia Gheddafi, ha fatto di tutto pur di tenere saldo il controllo del regime sulla nazione libica; ma le forze contrarie ribelli non mollano, supportate dai caccia Nato. Così dopo sei lunghi mesi – quando invece Sarkozy e Merkel avevano previsto che in pochi giorni sarebbe finito tutto – sta crollando il dittatore anche se i figli si oppongono al suo esilio forzato, visto che non avranno più dove arricchirsi ancora alle spalle del popolo libico. I soldi, e tantissimi, investiti in Occidente in fondi finanziari e in molte aziende, dovrebbero essere congelati per poter essere utilizzati alla ricostruzione della Libia e per aiutare quelle tribù locali tenute per decenni nella povertà e nella schiavitù!

La cosa che stupisce, e forse non dovrebbe, è quale silenzio la Russia di Putin e la Cina di Hu Jintao tengano nei confronti di Gheddafi e anche della Siria dove il ‘grande dittatore’ Bashar Al Assad stermina quasi tutti i venerdì dopo la preghiera islamica decine di sudditi che non si vogliono piegare alle richiesta di libertà e democrazia. La Cina e la Russia sono anch’ esse due dittature e come tali – per loro il muro di Berlino sembra mai caduto e con esso il mondo diviso in due –, reggono, aiutano i regimi dittatoriali. La storia ha bisogno dei suoi tempi e dei suoi passaggi. Anche la Siria vedrà la libertà, così come la Russia e la Cina, ma dovranno passare anni e anni, anche se le svolte – a volte – sono rapide ed impreviste: i vasi si colmano di nefandezze, uccisioni, barbarie, violenze, soprusi e stragi e poi traboccano. Sappiamo che tutto ciò che luccica nel mondo delle democrazie occidentali non è oro, lo sappiamo bene. E sappiamo che anche le cosiddette ‘democrazie’ sono delle ‘pseudo-demcorazie’. Ma sappiamo anche cosa voglia dire creare martiri in un momento storico nel quale sembra che il passato non sia mai avvenuto: dai regimi nazifascisti a quelli comunisti, fino ai nostri dittatori odierni. La storia di una nazione, di un popolo, è spesso ricolma di ingiustizie e di violenze, fisiche come morali e tutto questo ci fa dire che, purtroppo, sembra necessario passare dalla sofferenza di una conquista fisica per poter far primeggiare la giustizia politica e sociale.

Poi il giorno dopo è diverso, sembra che sia cambiato tutto ed invece ritroviamo i molti che hanno tergiversato tra il prima e il dopo di nuovo al comando e di nuovo a spadroneggiare: ieri sotto le insegna del dittatore, oggi del potere costituito ‘democratico’. È successo in Italia tra la fine del fascismo e l’inizio della democrazia, così in Germania, in Russia, in Cile, in Brasile, in Argentina. C’è sempre qualcuno che sa rimanere a galla nonostante la fine. È fisiologico, ma gli anni successivi dovrebbero essere utili per fare pulizia definitiva dei vecchi gerarchi imboscati e che non vogliono o non hanno avuto il coraggio di schierarsi onestamente. Per cui vedremo questo in Libia domani, in Siria dopo domani e poi ancora lo stesso negli altri paesi che presto o tardi subiranno il cambiamento istituzionale. Guardiamo a Berlusconi. Lui, quando c’era Gheddafi, – avete visto – ha steso tappeti rossi e fatto il baciamano al dittatore libico. Eppure, quando ha visto che la svolta stava per non avere ritorno si è schierato con la ‘rivoluzione’ e con la Nato pur di avere anche lui – come Italia – un pezzettino della spartizione libica alla fine della guerra: un ‘pozzetto’ di petrolio, il pagamento delle commesse già realizzate, una parte di ricostruzione della Libia bombardata. Questo è il mondo, questi sono gli uomini che governano e questi sono gli epiloghi di storie umane senza nome che hanno perso la vita per manifestare contro un regime e contro un potere dittatoriale per far giungere il proprio popolo, la propria nazione alla tanto agognata libertà, se così possiamo ancora chiamarla, anche con tutti i difetti che ha nella sua realizzazione pratica e concreta messa in atto dagli uomini e donne di questo mondo. Oggi ne sappiamo di più e meglio grazie a questi formidabili strumenti video/informatici che ci raccontano pezzi di vita e storie umane e militari che non sarebbero mai usciti da quei luoghi. Nel XXI secolo diventa sempre più difficile per un dittatore ed un regime (vedi Cina) coprire le nefandezze di un regime e delle violenze che questo scatena sulla povera gente in nome dell’interesse ideologico, economico o familiare.

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Gordiano Lupi. La censura nei media cubani
  Frattini riferisca al parlamento gli ordini “terribili” di Gheddafi
  Yoani Sánchez: “Cuba non conceda asilo politico a Gheddafi!”
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Vetrina/ In morte di stolido uomo, Sirte 2011. Patrizia Garofalo con Flavia Milani
  Giannino. La fuga di Gheddafi
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  Valter Vecellio. Cosa c’è dietro il volo delle frecce tricolori
  Daniele Lembo, la Libia Italiana
  Mario Staderini. Il circo mediatico su Gheddafi copre scomode verità
  Valter Vecellio. Alitalia, scuola (e risorse per le scuole private cattoliche), gli accordi con la Libia…
  Rosangela Pesenti. Cose da donne?
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Donatella Poretti e Marco Perduca. Sulle Frecce Tricolori... d'esportazione
  Giannino. 'Gheddafi' (da www.aduc.it)
  Sul trattato Italia-Libia
  Bonino, Pannella, Valpiana. La nonviolenza di fronte all'uccisione di Gheddafi
  Marco Perduca. Il mandato di cattura di Gheddafi pone limiti a trattativa africana
  Pino Iannolo. Il reggino Antonio Sarica arrestò Al Muktar, "il leone del deserto"
  Gianfranco Paris. Due o tre cose su Gheddafi, “amico” di Andreotti e Cossiga
  Andrea Ermano. Il silenzio è oro
  Respinti al mittente come pacchi senza valore. “L'ho deciso io!”
  Antonella Casu e Marco Cappato. Lettera aperta al preside e al rettore dell’Università di Sassari
  “Dora” Valle d'Aosta / The Women's War. Storie di donne in guerra e pace
  Caterina Del Torto. In digiuno contro la guerra e il nucleare
  Giuliano Pontara. Il dolore segue l'errore
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Davide Delaiti. L’(in)attesa sconfitta Islamica in Libia
  Valter Vecellio. Appunti. Libia, ma anche nucleare, rischio terremoti, antrace, mafia nel Nord, sondaggi...
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  Movimento Nonviolento. Digiuno: un'azione nonviolenta per Libia e Giappone, militare e nucleare
  Rosa Manauzzi. “In caso di pericolo chiamare mammà”
  Gigi Fioravanti. Libia: la parola alle armi
  Emma Bonino, Matteo Mecacci. Basta con gli allarmismi ingiustificati. Sospendere subito il trattato con la Libia
  Commercio internazionale d'armi: dal nuovo Governo ci aspettiamo un aumento di trasparenza
  Marco del Ciello. La caduta di Tripoli, il futuro della Libia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy