Giovedì , 05 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gigi Fioravanti. Libia: la parola alle armi
27 Marzo 2011
 

Quando la parola passa alle armi, vuol dire che gli uomini rinunciano alla parola, cioè alla espressione più alta della loro umanità, alla loro stessa essenza; rinunciano al fondamento umano delle loro relazioni, della politica stessa che sull’esercizio della parola è nata. Definire la guerra “umanitaria”, dunque, è un’offesa all’umanità stessa, la negazione dell’umanità.

La guerra, si dice, era inevitabile; e a sostenerlo sono gli stessi che non hanno fatto nulla o non abbastanza per evitarla, prima che scoppiasse. La rivolta in Libia è scoppiata in febbraio: nessuno di quelli che contano e che frequentavano la corte del Colonnello è volato a Tripoli da Gheddafi, a consigliare, raccomandare, dissuadere, minacciare: non Ban Ki-moon, non Sarkozy, non Berlusconi, non la Signora Clinton, non gli imprenditori italiani, non Maroni o Frattini. Eppure da Gheddafi c’è stato da anni ormai un continuo vai e vieni per accordi e affari di ogni genere; eppure tutti sapevano chi era Gheddafi e quale dittatore fosse; tutti sapevano cosa succedeva nella sue carceri, con quali mezzi costui arginava l’esodo degli emigranti (il film di Andrea Segre, Dagmawi Ymer e Riccardo Biadene, che documenta le terribili violenze subite dai migranti arrestati e respinti in Libia, è del 2009). Si proclama la guerra umanitaria, e si pratica una politica che dei diritti umani fa strame; è la politica che deve essere umanitaria, non la guerra.

Berlusconi, che si è sempre vantato e millantato di essere influente e ascoltato amico e consigliere dei potenti, che a Gheddafi ha baciato la mano, è stato zitto e latitante; lui, così facondo, non ha saputo dire altro che “non voleva disturbare” Gheddafi, che è “addolorato” per quanto gli si succede. Maroni, che non si è mai preoccupato per le violenze perpetrate nelle carceri libiche purché Gheddafi trattenesse in Libia gli emigranti, ora si allarma e allarma per gli sbarchi a Lampedusa, come se tra la politica portata avanti con Gheddafi e da Gheddafi, la rivolta dei cittadini libici, la guerra e l’arrivo dei profughi non ci fosse relazione alcuna. «Le classi superiori d’Italia sono le più ciniche di tutte le loro pari nelle altre nazioni». Lo scriveva Leopardi nel suo Discorso sullo stato presente del costume degli italiani: nel 1824 ed è oggi. (gigifioravanti)


Articoli correlati

  Caterina Del Torto. In digiuno contro la guerra e il nucleare
  “Dora” Valle d'Aosta / The Women's War. Storie di donne in guerra e pace
  Commercio internazionale d'armi: dal nuovo Governo ci aspettiamo un aumento di trasparenza
  Frattini riferisca al parlamento gli ordini “terribili” di Gheddafi
  Bonino, Pannella, Valpiana. La nonviolenza di fronte all'uccisione di Gheddafi
  Yoani Sánchez: “Cuba non conceda asilo politico a Gheddafi!”
  Piero Cappelli. Gheddafi, la fine nefanda di una dittatura
  Giannino. La fuga di Gheddafi
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Giuliano Pontara. Il dolore segue l'errore
  Davide Delaiti. L’(in)attesa sconfitta Islamica in Libia
  Marco Perduca. Il mandato di cattura di Gheddafi pone limiti a trattativa africana
  Gordiano Lupi. La censura nei media cubani
  Valter Vecellio. Appunti. Libia, ma anche nucleare, rischio terremoti, antrace, mafia nel Nord, sondaggi...
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  Movimento Nonviolento. Digiuno: un'azione nonviolenta per Libia e Giappone, militare e nucleare
  Rosa Manauzzi. “In caso di pericolo chiamare mammà”
  Emma Bonino, Matteo Mecacci. Basta con gli allarmismi ingiustificati. Sospendere subito il trattato con la Libia
  Marco del Ciello. La caduta di Tripoli, il futuro della Libia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy