Martedì , 23 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lucidamente Piergiorgio Welby chiede... 
«Restituitemi la “mia” morte»
Piergiorgio Welby
Piergiorgio Welby 
30 Settembre 2006
 

Facciamo conto che io affermi quanto segue: «Lucidamente la Chiesa cattolica chiede che la riproduzione umana non si avvalga di mezzi artificiali, anche quando non potrebbe esserci riproduzione che grazie a questi. Chiede che la riproduzione umana non sia sottratta dall’artificio umano al disegno divino e alla gente arriva il messaggio: “Rassegnatevi alla sterilità, nel caso”. La Chiesa cattolica non vuole negare qualcosa agli sterili, vuole solo che essi rispettino il disegno divino».

Funziona logicamente? Dipende. In Italia, per esempio, nell’agone referendario sulla legge 40/2004, questo procedere argomentativo ha funzionato. La sua forza? Soddisfare il fine del procedere argomentativo: il più amplio collimare possibile tra il proprio relativo e la propria idea di assoluto. Una propria idea di assoluto è cosa relativa, ovviamente: il procedimento argomentativo funziona logicamente quando il collimare tra il proprio relativo e la propria idea di assoluto diventa perfetta coincidenza. Qui, con il referendum, l’idea di assoluto che è maggioritaria nel popolo italiano (diciamo: il corrente archetipo di assoluto) coincideva perfettamente con un grosso fascio di propri relativi: strafottenza sociale e doppia appartenenza comunitaria (di cittadinanza laica e di comunione ecclesiale); luogo comune e principio etico fondato sul luogo comune (o, chissà, viceversa: luogo comune e principio etico che lo produce); conformismo e unum sentire; tic mentali e verità rivelate; “così si dice” e “ipse dixit”.


Ora, mi metto davanti ad un’altra affermazione. È di Mirko Morini, che sul suo blog scrive: «Lucidamente Piergiorgio Welby chiede che la sua vita possa svolgersi senza l’ausilio di respiratori artificiali e altre macchine, anche se lo svolgersi della vita vuol dire il volgere al termine della vita. Bene, lui chiede di morire e alla gente arriva il messaggio: “Uccidetemi!” […] Welby non chiede che gli sia data la morte, chiede solamente che gli sia restituita».

Funziona? Dipende. Piero Welby vuole decidere di se stesso. Se decidere di se stessi è un diritto, parrebbe cosa naturale e onesta. Ma non pare naturale: perché la natura – così dicono quelli che sanno leggere in essa il disegno divino – conosce un solo diritto, cioè la libertà di conformarsi alle leggi di Dio. E nemmeno pare onesta: perché noi non apparteniamo a noi stessi, ma alla relazione inter-personale che è relazione in Dio, di cui la persona è immagine e somiglianza; insomma, noi apparteniamo al gruppo, siamo un anello della catena che tiene il ciuccio della nostra assai limitata ratio legato al paletto della fides, che è bella salda e concede al ciuccio il congruo raggio d’azione.


Ma la questione qual è? La questione è che Welby non chiede – come Mirko Morini scrive in un altro passo del suo post – «la libertà di morire naturalmente», cioè di rinunciare all’«ausilio di respiratori artificiali e altre macchine». Rinunciare a questi aggeggi, adesso che sono nella carne di Welby, significherebbe una morte per asfissia – senza assistenza farmacologica, una morte da cani – non mi pare sia quello che vuole Welby. D’altronde, chi la vorrebbe per sé una morte del genere?

Welby vuole poter decidere, a suo insindacabile parere, la vivibilità della sua vita (nella specie: sul parametro della dignità che faccia coincidere il proprio relativo di dignità e la propria idea di assoluto della dignità umana). Come, quando e se ritenuta invivibile (non più degna), Welby vuole rinunciarvi – e senza che questo debba costare un supplemento di dignità. Welby vuole un suicidio assistito e ne ha diritto, se c’è un diritto a decidere di sé stessi. Noi possiamo solo concederglielo, se non vogliamo che l’autodeterminazione abbia altri limiti che l’altrui autodeterminazione. Sarebbe assai pericoloso: insieme al principio che non avrei il diritto di suicidarmi scivolerebbe quello che non avrei il diritto di dirmi individuo; insieme a questo ambiguo primato del “naturale” scivolerebbe l’ennesimo divieto all’ennesimo “innaturale”. Ecco perché certe battaglie non possono far altro che porsi come “radicali”.

 

Luigi Castaldi

(da Notizie radicali, 29 settembre 2006)


Articoli correlati

  Dibattito con Mina Welby. Domani sera a Firenze
  Eutanasia/Ass. Coscioni: Salgono a 225 i parlamentari per la legalizzazione
  Comitato nazionale di bioetica. Romano Prodi riceve una delegazione radicale
  Nuovo Comitato Nazionale di Bioetica: e ora buon lavoro, non mancano i temi da affrontare a partire da Piergiorgio Welby
  Lettera aperta al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sul diritto di voto dei malati intrasportabili
  “Lasciatemi morire”, di Piergiorgio Welby
  “Dignità del vivere, dignità del morire e libertà di autodeterminazione”
  Rosario Amico Roxas. “Amor che move il Sole e l’altre stelle”
  Angiolo Bandinelli. Meno fedeli, più potere
  Cure palliative e caso Steccato. La colpa è anche dell'ex ministro della salute Storace
  Associazione Coscioni. Finalmente la legge Welby – Mingroni!
  Della Vedova. Il caso Riccio-Welby e il rapporto medico-paziente
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  Punzi - Tosti. Welby e la marcia del sale. Un bacio e un ringraziamento
  Piero Stefani. Il disagio dell'appartenenza
  Bolzano. L'assessore “transetnico” si chiama Donatella Trevisan
  Gianfranco Franchi. Piergiorgio Welby, Ocean Terminal
  Morire in ospedale. Parte l'indagine del ministero della salute. Utile spunto per il legislatore?
  Vetrina/ Gianni D'Elia. Le droit de s'en aller
  L'anatema di Benedetto XVI contro i Pacs e le contraddizioni del legislatore
  Eutanasia. Benedetto Della Vedova: «Un confronto scevro di pregiudizi ideologici»
  Eutanasia clandestina. Le istituzioni hanno deciso di non voler sapere
  Vicenda Welby. Cappato e Pannella: una decisione che non comprendiamo
  Bene Marino: non si può definire per legge l'accanimento terapeutico
  «Vi scrivo dalla mia prigione infame»
  Piero Welby, il Calibano
  Rosario Amico Roxas: Il Diritto canonico contro Eluana e Welby e pro banda della Magliana!
  Sabato, fiaccolata a Milano per Welby
  Morte Welby. La tua forza umiliata dalla debolezza della politica
  Ass. Coscioni/Radicali: venerdì presidio Palazzo Chigi per rinnovo Comitato Nazionale Bioetica
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy