Giovedì , 22 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Miriam Celaya. Mamerto
21 Luglio 2010
 

Una maestra con poco carattere, di cui non farò il nome, che svolgeva il proprio mestiere in una delle scuole elementari dove ho studiato quando il lavoro di mio padre – meccanico di montaggio industriale – spostava la famiglia come un saltimbanco per tutta Cuba, aveva ideato uno stratagemma per mantenere calmi e disciplinati i suoi alunni molto irrequieti. Il metodo non era in verità molto pedagogico, ma era indiscutibilmente efficace: con un vecchio manico di scopa come colonna vertebrale, lei (o altri) aveva elaborato un bambolotto artigianale somigliante a uno spaventapasseri; la testa era stata abilmente confezionata con una vecchia palla bucata con della cartapesta sulla quale avevano colorato con acquarelli la bocca e gli occhi, mentre una protuberanza esageratamente grande faceva da naso su quel viso accigliato. Il tutto veniva coronato da abbondanti capelli di corda, agitati sufficientemente per dare al bambolotto un aspetto feroce. Lo spauracchio si chiamava Mamerto, “viveva” nell’armadietto dell’aula della seconda elementare e, almeno all’inizio del corso, il solo riferimento era in grado di tranquillizzare il più discolo degli educandi. La minaccia latente era che Mamerto, un soggetto dal pessimo carattere, stava scomodo nello stretto armadietto, quindi se ti comportavi male, il castigo sarebbe stato quello di portarlo a vivere con te, in casa tua, nel tuo letto.

La verità è che mai nessuno aveva visto bene Mamerto. Era sufficiente che in mezzo al chiasso infantile la maestra facesse a voce alta il suo nome e aprisse leggermente la porta dell’armadietto lasciando affacciare appena una parte dell’aggrovigliata capigliatura del pupazzo perché nell’aula cadesse un silenzio di tomba e tutti gli occhi si sgranassero in allarmata attesa. Quella era una paura condivisa, generale, contagiosa ma allo stesso tempo un po’ incredula. In fondo quasi tutti noi bambini intuivamo che Mamerto era una beffa, soprattutto i più turbolenti e temerari, perciò la maestra non si sbilanciava mai nel mostrare chiaramente lo spauracchio e si premuniva di lasciare ben chiuso a chiave l’armadietto quando usciva dall’aula. Per alcuni di noi, me compresa, la saga di Mamerto conservava – nonostante tutto – un certo fascino adrenalinico e una buona dose di curiosità, cosicché non fu strano che un giorno alcuni miei compagni di classe più coraggiosi (i bambini possiedono la saggezza naturale di allearsi nelle loro campagne difficili) riuscissero ad aprire l’armadietto e scoprissero la vera essenza inanimata e indifesa di Mamerto e, successivamente, l’infelice pupazzo si convertì nel fulcro delle birichinate dei bambini: veniva collocato su qualche banco di scuola, coricato sulla lavagna o spogliato dei pantaloni, provocando il riso generale al posto del vecchio timore. Mamerto, la minaccia, si era convertito in una caricatura. Il pupazzo finì per annoiare tutti e rimase dimenticato nell’angolino del suo armadietto, fino a quando scomparve definitivamente. La maestra provò a sostituirlo con un cane di cartone e persino con un gallo, ma senza successo. Se tutta l’aula aveva vinto la paura di Mamerto, nessuna comparsa minore poteva soppiantarlo.

In qualche modo, pochi giorni fa, alcune immagini apparse sulla stampa ufficiale e sulla TV mi hanno ricordato la lezione quasi dimenticata di Mamerto.

 

Miriam Celaya

(da sin EVAsión, 19 luglio 2010)

Traduzione di Francesca Desogus

desogus.francesca@tiscali.it


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy