Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano” 
Appello al Comune e alla Prefettura di Genova
04 Marzo 2017
 

Genova – È stato annunciato lo sgombero dell’insediamento umanitario Rom di Cornigliano, sito dietro Villa Bombrini, che comprende diciotto roulotte e ripari di fortuna. Nel campo risiedono bambini, donne e uomini già colpiti da tanti episodi di razzismo, emarginazione e crudeltà. È una comunità in grave difficoltà sociale che, in base alla Carta dei diritti fondamentali nell’Unione europea, dovrebbe essere protetta e sostenuta, con programmi di inserimento al lavoro, supporto socio-sanitario e tutela dei bambini, del loro diritto alla scolarizzazione e alla serenità. Ecco cosa hanno scritto al sindaco Doria e al prefetto Spena le insegnanti dell’Istituto Comprensivo di Cornigliano (dal Secolo di oggi): 

«Ma quando si sgombera un campo Rom, che fine fanno i bambini che si erano integrati nel quartiere frequentando la nostra scuola? Tutto l’investimento educativo di noi insegnanti dove va a finire? E quello dei loro genitori che si sono impegnati a mandarceli tutti i giorni mostrando di rispettare le regole dello Stato e di sognare un futuro diverso almeno per i loro figli? Allontanandoli con la forza dal campo senza offrire alternativa alcuna umanamente accettabile semplicemente significa distruggere tutto il rapporto di fiducia costruito in anni. Significa abbandonare quei bambini che continuando a frequentare la scuola avrebbero potuto avere un futuro diverso ed ora sono condannati ad un destino già segnato e senza nessuna possibilità di riscatto e tante insegnanti si sono recate negli anni in quel luogo spesso dimenticato».

Il loro è un grido di giustizia, che le istituzioni, se desiderano mantenersi su un cammino di civiltà e rispetto dei diritti umani, non possono ignorare. Il Comune di Genova, purtroppo, ha eretto un muro di fronte alla società civile, che si impegna ogni giorno per dare un minimo sostegno alle minoranze colpite da discriminazione e violenza. Contravvenendo alla Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Difensori dei Diritti Umani, le istituzioni genovesi hanno scelto un novero di associazioni con cui rapportarsi, evitando di rispondere agli appelli da parte di organizzazioni umanitarie e difensori dei diritti umani indipendenti, che non si comportano come le tre scimmiette giapponesi – “Non vedo, non sento, non parlo” – ma dicono no agli abusi nei confronti delle minoranze più vulnerabili e sostengono sempre i valori della solidarietà e della civiltà, anche in questo nostro tempo in cui politici e media preferiscono cavalcare odio e intolleranza piuttosto che farsi portavoce dei valori universali di uguaglianza.

EveryOne Group, a nome di numerose altre realtà umanitarie indipendenti, rivolge una richiesta urgente al Comune di Genova, trasmettendola contemporaneamente alla Commissione europea, al Commissario Ue per i Diritti Umani e all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani: non si proceda allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano. Si tratta di nuclei familiari emarginati e assai vulnerabili, che un’operazione poliziesca di allontanamento porrebbe in grave pericolo sociale e sanitario, esponendo bambini, donne e uomini – fra cui molti malati – a indigenza, fame, precarietà, intolleranza e violenza.

Uno sgombero significherebbe la fine di un difficile percorso di integrazione, spesso osteggiato da intolleranti e xenofobi, grazie al quale i bambini sono andati a scuola e si sono integrati nel quartiere. È necessario contrapporre gli ideali di solidarietà e rispetto dei diritti delle minoranze emarginate all’odio, proteggere la vita e l’unità dei nuclei familiari, garantire un futuro sereno ai bambini. A Cornigliano servono progetti istituzionali che proteggano la comunità Rom, agevolino l’inserimento al lavoro degli adulti, la valorizzazione delle loro attività tradizionali, i talenti dei giovani. È necessario che le persone – soprattutto quelle che hanno ruoli istituzionali – abbandonino pregiudizi e avversità, per sostenere alcuni dei principali paradigmi della democrazia e della civiltà: difendere i deboli, assicurare opportunità di vita a chi è in disagio sociale, promuovere solidarietà e uguaglianza, opporsi al razzismo.

In attesa di una risposta che rappresenti la tradizionale solidarietà e l’antirazzismo genovese, porgiamo i migliori saluti.

 

Roberto Malini, Dario Picciau,
Glenys Robinson, Daniela Malini

Presidenza di EveryOne Group


Articoli correlati

  Roberto Malini. Siamo tutti Mimmo Lucano!
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
  Sierra Leone: la società civile chiede più impegno e solidarietà da parte dell’Unione europea
  Roberto Malini. Buon Natale, ma...
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  EveryOne Group. Alluvione in Sierra Leone
  Profughi: la società civile e le istituzioni devono lavorare insieme
  Roberto Malini. Perché il Comune di Milano vuole chiudere il campo Rom di via Idro?
  Radicali Milano. Da domani parte la mobilitazione per il riconoscimento di Rom e Sinti
  Milano. Neofascisti lanciano pietre contro i Rom di via Dione Cassio
  Napoli. La via della tolleranza contro corruzione, razzismo e crimine organizzato
  EveryOne: Abbiamo tentato di proteggere Leonarda in Italia...
  Rom in Toscana: repressione dell'arte, della musica e della poesia
  Roberto Malini. Il diritto... al campo
  Rom a Milano. Appello internazionale per le famiglie colpite dal rogo di via Bonfadini
  Patrizia Garofalo. Al parroco di Cornegliano
  Giornalismo e razzismo: commento alle Linee guida sulla Carta di Roma
  Il poeta Roberto Malini al Festival Internazionale di Poesia di Genova nel giorno che ricorda l'Olocausto dei Rom
  EveryOne: Roma, città chiusa ai Rom
  Parma. Carteggio Malini-Pizzarotti a proposito delle famiglie Rom
  Persecuzione ed espulsione di massa dei Rom in Italia
  Roberto Malini. La leggenda del Rom che denunciò la polizia
  Roberto Malini. Cornigliano e i Rom: ha prevalso l'odio
  Contro la repressione giudiziaria dei cittadini indigenti che recuperano oggetti nelle discariche
  Roberto Malini. Rom nel vortice dell'intolleranza
  Il vento della poesia nelle corde dei violini
  Roberto Malini. L’Italia che sgombera gli insediamenti di emergenza durante giorni di gelo
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Il Rapporto ECRI denuncia l'intolleranza che in Italia colpisce Rom e Sinti
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Primo Mastrantoni. Rom: Quando non si vuole risolvere un problema
  Svizzera. Copertina razzista criminalizza il popolo Rom
  “Fermare le politiche anti-Rom in Italia”
  Rom e Gagi: abitare insieme la città
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  La violenza sulle donne Rom
  Domanda di grazia al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per l'anziano Rom Toma Ciuraru, incarcerato senza colpa
  Pesaro. “Hanno preso mio marito e sono rimasta sola”
  Milano. Una maestra di via Rubattino: “Gli sgomberi? Nuova pulizia etnica”
  Gruppo EveryOne. Le ordinanze anti-Rom
  Rom: per superare i campi serve il cervello, non le ruspe
  Roberto Malini. Estate tragica per i Rom in Italia
  Roberto Malini. Combattiamo il razzismo, non i campi Rom!
  Il sindaco di Legnano sostiene la comunità rom della sua città
  Alberto Figliolia. Tiziana Maiolo e i Rom
  Roberto Malini. Gli sgomberi di famiglie povere ed emarginate sono atrocità istituzionali
  16 maggio 1944: Rivolta nello Zigeunerlager
  “Via Rubattino n. zero”. Milano, 10-20 maggio 2010
  Genova. Un altro ponte è crollato
  Roberto Malini. A cosa servono i Rapporti sui Rom?
  Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Erveda Sansi. Barò porrajmos e… altre storie “zingare”
  Roberto Malini. Ancora uno sgombero a Nocera Inferiore. È pulizia etnica
  Roberto Malini. Quanti amici dei rom, in Italia!
  Roberto Malini. Come è difficile difendere i diritti dei Rom!
  Marianna Mascioletti. Addio a Paolo Pietrosanti, l'uomo della pioggia
  EveryOne: Amnesty International è accanto al popolo Rom
  Vetrina/ Roberto Malini. Dal diario di Veta, bambina Rom
  Pisa: dopo il drammatico sgombero dei Rom
  Mauro Garofalo. Alla fine di ogni cosa, romanzo di uno zingaro
  Roberto Malini. Sgomberi: disumanità made in Italy
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy