Venerdì , 19 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Ritratti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mauro Garofalo. Alla fine di ogni cosa, romanzo di uno zingaro
21 Luglio 2016
   

Mauro Garofalo

Alla fine di ogni cosa

Romanzo di uno zingaro

Frassinelli, 2016, pp. 258, € 18,50

 

L'avevano tirato su e l'avevano portato in spalla. In giro per il ring e sotto, in mezzo alle file di poltrone. Le ragazze che lo baciavano. E sorrideva, Rukeli. Il re del mondo. Le braccia al cielo. Il punto più alto. Ce l'aveva fatta. Lo aveva sfiorato con un dito. Lo specchio gli aveva restituito, infine, il volto del campione. La sua immagine. Si sarebbe sgretolata. Era appena l'inizio della fine.

 

Johann Wilhelm Trollmann detto Rukeli, vale a dire Albero. O anche Gipsy Trollmann. Sinti. Nato a Wilsche, in Bassa Sassonia, il 27 dicembre 1907. Pugile, peso medio o mediomassimo. Un fisico statuario, scolpito; un volto da bel tenebroso hollywoodiano. Il pugno di Johann era veloce come il lampo, i piedi capaci di danzare come quelli di Ray Sugar Robinson o di Muhammad Ali tanti anni dopo di lui.

E come Ali fu privato del titolo di campione del mondo così Rukeli, lo zingaro, fu sostanzialmente esautorato dal titolo di campione di Germania legittimamente conquistato sul ring. Perché non combatteva secondo gli schemi previsti dal Partito Nazionalsocialista, data la sua boxe troppo “artistica”, quindi poco virile a detta della cricca al potere. Soprattutto Gipsy-Rukeli non era ariano; apparteneva il ragazzo del campo dei nomadi sul fiume, a Hannover, a una razza inferiore.

Alla fine di ogni cosa di Mauro Garofalo è una biografia romanzata di eccezionale caratura stilistica, nonché una perfetta ricostruzione di quella vecchia e quasi dimenticata vicenda. La storia di Trollmann viene ricostruita in tutta la sua verità esistenziale, storica, sportiva. Le parti di fiction sono assai ben amalgamate con il tessuto della realtà che va a dipanarsi: dall'ascesa alla caduta; dalle speranze al precipizio; dal trionfo alla rovina; dall'amore all'orrore del lager.

Ci sono il sangue e il sudore del ring, le palestre fumose, la dura preparazione all'evento pugilistico, il rumoreggiare della folla nell'attesa o durante i round, la ridda di pensieri del boxeur sul quadrato o all'angolo. E lo scombussolamento di quella Germania, la presa del potere da parte delle truppe hitleriane, l'incendio del Reichstag, le violenze delle SA e delle SS, il rogo dei libri nelle piazze, i negozi degli ebrei distrutti e la sinagoga arsa.

Nella ripetizione dell'incontro per il titolo, questa volta contro Gustav Eder, cui fu costretto Trollmann per provocazione si presentò sul ring coperto in tutto il corpo di farina e i capelli tinti d'oro, a simulare il perfetto ariano. Perse brutalmente. In realtà non combatté neppure.

Era divenuto un paria, un senza diritti, un uomo da perseguitare. Come lo zingaro che era – la sua gente, non si dimentichi mai, subì un altrettanto terribile olocausto –, come gli ebrei, gli omosessuali e i disabili. Fu costretto a divorziare e fu sterilizzato, andò al fronte, finì dietro il filo spinato di un lager (Neuengamme, vicino ad Amburgo) a consumarsi, fra disperazione e rassegnazione, fra rabbia e nostalgia, e lì, pur debilitato, obbligato a combattere, per un tozzo di pane in più, per il divertimento di kapò e aguzzini. Una pallottola pose fine alla sua straordinaria e sventurata vita. Aveva soltanto 35 anni.

Nel 2003 a Trollmann fu ridato dalla federazione pugilistica tedesca il titolo di campione nazionale dei mediomassimi. Una riparazione tardiva, che certo non compensa il sacrificio di quella giovane vita, ma una scelta opportuna e fortissima dal punto di vista simbolico.

Ben venga questo libro dalle pagine magistrali e toccanti, che ci restituisce la verità di uno sportivo formidabile, vittima ed eroe, e lo spaccato di un periodo troppo tenebroso della storia umana, sperando che questa non dia gli stessi frutti marci. I tempi presenti, ahinoi!, hanno le stimmate della terribilità e dell'odio (anche razziale).

 

Alberto Figliolia


Articoli correlati

  Roberto Malini. Perché il Comune di Milano vuole chiudere il campo Rom di via Idro?
  Radicali Milano. Da domani parte la mobilitazione per il riconoscimento di Rom e Sinti
  Milano. Neofascisti lanciano pietre contro i Rom di via Dione Cassio
  EveryOne: Abbiamo tentato di proteggere Leonarda in Italia...
  Napoli. La via della tolleranza contro corruzione, razzismo e crimine organizzato
  Rom: per superare i campi serve il cervello, non le ruspe
  Svizzera. Copertina razzista criminalizza il popolo Rom
  Rom in Toscana: repressione dell'arte, della musica e della poesia
  EveryOne: Roma, città chiusa ai Rom
  Il sindaco di Legnano sostiene la comunità rom della sua città
  Rom a Milano. Appello internazionale per le famiglie colpite dal rogo di via Bonfadini
  Primo Mastrantoni. Rom: Quando non si vuole risolvere un problema
  Giornalismo e razzismo: commento alle Linee guida sulla Carta di Roma
  Il poeta Roberto Malini al Festival Internazionale di Poesia di Genova nel giorno che ricorda l'Olocausto dei Rom
  EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano”
  Parma. Carteggio Malini-Pizzarotti a proposito delle famiglie Rom
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
  Roberto Malini. Ancora uno sgombero a Nocera Inferiore. È pulizia etnica
  Persecuzione ed espulsione di massa dei Rom in Italia
  Roberto Malini. La leggenda del Rom che denunciò la polizia
  Roberto Malini. Quanti amici dei rom, in Italia!
  Contro la repressione giudiziaria dei cittadini indigenti che recuperano oggetti nelle discariche
  Roberto Malini. Rom nel vortice dell'intolleranza
  Il vento della poesia nelle corde dei violini
  Roberto Malini. L’Italia che sgombera gli insediamenti di emergenza durante giorni di gelo
  Roberto Malini. Estate tragica per i Rom in Italia
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Roberto Malini. Il diritto... al campo
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  “Fermare le politiche anti-Rom in Italia”
  Rom e Gagi: abitare insieme la città
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Pesaro. “Hanno preso mio marito e sono rimasta sola”
  Milano. Una maestra di via Rubattino: “Gli sgomberi? Nuova pulizia etnica”
  Roberto Malini. Combattiamo il razzismo, non i campi Rom!
  Patrizia Garofalo. Al parroco di Cornegliano
  Il Rapporto ECRI denuncia l'intolleranza che in Italia colpisce Rom e Sinti
  Roberto Malini. Gli sgomberi di famiglie povere ed emarginate sono atrocità istituzionali
  16 maggio 1944: Rivolta nello Zigeunerlager
  “Via Rubattino n. zero”. Milano, 10-20 maggio 2010
  Genova. Un altro ponte è crollato
  Roberto Malini. A cosa servono i Rapporti sui Rom?
  Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Erveda Sansi. Barò porrajmos e… altre storie “zingare”
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  Roberto Malini. Cornigliano e i Rom: ha prevalso l'odio
  Vetrina/ Roberto Malini. Dal diario di Veta, bambina Rom
  Alberto Figliolia. Tiziana Maiolo e i Rom
  Roberto Malini. Come è difficile difendere i diritti dei Rom!
  Marianna Mascioletti. Addio a Paolo Pietrosanti, l'uomo della pioggia
  EveryOne: Amnesty International è accanto al popolo Rom
  La violenza sulle donne Rom
  Gruppo EveryOne. Le ordinanze anti-Rom
  Pisa: dopo il drammatico sgombero dei Rom
  Domanda di grazia al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per l'anziano Rom Toma Ciuraru, incarcerato senza colpa
  Roberto Malini. Sgomberi: disumanità made in Italy
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy