Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Malini. Sgomberi: disumanità made in Italy 
La denuncia di EveryOne Group
Padre Konrad con Papa Francesco: persino il cibo donato da loro viene distrutto durante gli sgomberi
Padre Konrad con Papa Francesco: persino il cibo donato da loro viene distrutto durante gli sgomberi 
01 Ottobre 2016
 

Genova – Ormai nel nostro paese i diritti di migranti, rom e senzatetto sono stati cancellati. Quando cercano un riparo per evitare la precarietà e mantenere uniti i loro gruppi familiari e sociali, vanno incontro a sgomberi senza alcun alternativa di accoglienza e alla distruzione delle loro tende e baracchine, nonché dei beni che posseggono e del poco cibo di cui dispongono. Oggi parliamo di Roma, ma la stessa barbarie istituzionale avviene a Milano, Torino, Bologna, Napoli, Genova e in quasi tutte le città italiane. Durante gli sgomberi, gli attivisti (che per la verità sono pochissimi, in quei frangenti, mentre invece sarebbero di enorme utilità per dialogare con l’autorità, soccorrere le persone più vulnerabili e monitorarne lo spostamento coatto) vengono tenuti in disparte, con le consuete minacce di denunce per interruzone di servizio pubblico. Ne sappiamo qualcosa noi di EveryOne Group e le difficoltà che l’autorità frappone davanti al nostro lavoro umanitario sono attestate dai Rapporti dello Special Rapporteur delle Nazioni Unite sui Difensori dei Diritti Umani.

Stamattina al centro autogestito “Baobab” di Roma sono stati allontanati quasi cento migranti, accolti in via temporanea perché non avevano (e non hanno) un tetto sotto cui ripararsi. Per scacciarli – e purtroppo i cittadini italiani si stanno abituando a questo scempio – sono accorsi sul posto blindati e agenti armati di tutto punto, quasi si trattasse di un’azione di sicurezza e non dello sgombero di persone emarginate, indigenti e in grave disagio sociale. È sempre così. Le carte internazionali per i diritti umani sono diventate carta straccia per chi ci governa e quelle poche volte che si nota imbarazzo da parte degli agenti più inesperti, che si rendono conto di essere stati trasformati in aguzzini, ecco che i superiori li rimettono in riga.

Uno scandalo, ma non per l’opinione pubblica del presente, non per i media accondiscendenti verso il potere costituito. È uno scandalo che farà inorridire… i posteri. Chissà perché questi “posteri” non sono mai testimoni, ma sono animati periodicamente solo dal senno di poi. A proposito dei media, l’aggettivo che li definisce più correttamente è “ipocriti”, più ancora che “irresponsabili”, perché ogni giorno, a parole, si propongono come paladini dei diritti umani. Lo fanno in cattiva fede, perché sono ormai veri e propri organi delle istituzioni e dei partiti e il loro fine è quello di persuadere la popolazione che il nostro, in fondo, è un paese generoso e accogliente con tutti. Che il nemico contro cui si battono gli eroici uomini in divisa non è un’umanità esclusa ed affranta, ma lo spettro del “degrado”.

Che dire, poi, delle associazioni? Sono innumerevoli. Le più “importanti” pubblicano periodicamente opuscoli, locandine e rapporti a difesa dei più deboli, salvo poi mettere in atto la tecnica delle tre scimmiette giapponesi quando avvengono le evacuazioni. E se chiedete a uno dei migranti sgomberati cosa ne pensa, risponde: “Non lo so. A volte ci fanno delle foto. Non ci hanno lasciato neanche un numero di cellulare…”. Quando però vengono erogati fondi pubblici, eccole compilare i bandi più complicati e aprire le tasche davanti a una vera e propria pioggia di denaro.

Questa è la realtà della nostra società civile, troppo spesso indifferente e complice. Al termine dello sgombero del “Baobab”, le tende offerte dai volontari e il cibo – parte del quale offerto da Padre Konrad, l’elemosiniere di Papa Francesco – sono stati distrutti.

 

Roberto Malini


Articoli correlati

  Roberto Malini. Perché il Comune di Milano vuole chiudere il campo Rom di via Idro?
  Radicali Milano. Da domani parte la mobilitazione per il riconoscimento di Rom e Sinti
  Napoli. La via della tolleranza contro corruzione, razzismo e crimine organizzato
  EveryOne: Abbiamo tentato di proteggere Leonarda in Italia...
  Rom in Toscana: repressione dell'arte, della musica e della poesia
  Roberto Malini. Il diritto... al campo
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Rom a Milano. Appello internazionale per le famiglie colpite dal rogo di via Bonfadini
  Patrizia Garofalo. Al parroco di Cornegliano
  Svizzera. Copertina razzista criminalizza il popolo Rom
  Giornalismo e razzismo: commento alle Linee guida sulla Carta di Roma
  Il poeta Roberto Malini al Festival Internazionale di Poesia di Genova nel giorno che ricorda l'Olocausto dei Rom
  Roberto Malini. Ancora uno sgombero a Nocera Inferiore. È pulizia etnica
  Rom: per superare i campi serve il cervello, non le ruspe
  EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano”
  EveryOne: Roma, città chiusa ai Rom
  Parma. Carteggio Malini-Pizzarotti a proposito delle famiglie Rom
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
  Persecuzione ed espulsione di massa dei Rom in Italia
  Roberto Malini. La leggenda del Rom che denunciò la polizia
  Roberto Malini. Cornigliano e i Rom: ha prevalso l'odio
  Contro la repressione giudiziaria dei cittadini indigenti che recuperano oggetti nelle discariche
  Roberto Malini. Rom nel vortice dell'intolleranza
  Il vento della poesia nelle corde dei violini
  Roberto Malini. L’Italia che sgombera gli insediamenti di emergenza durante giorni di gelo
  Milano. Neofascisti lanciano pietre contro i Rom di via Dione Cassio
  Il Rapporto ECRI denuncia l'intolleranza che in Italia colpisce Rom e Sinti
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Primo Mastrantoni. Rom: Quando non si vuole risolvere un problema
  Roberto Malini. Quanti amici dei rom, in Italia!
  “Fermare le politiche anti-Rom in Italia”
  Rom e Gagi: abitare insieme la città
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  La violenza sulle donne Rom
  Roberto Malini. Estate tragica per i Rom in Italia
  Pesaro. “Hanno preso mio marito e sono rimasta sola”
  Milano. Una maestra di via Rubattino: “Gli sgomberi? Nuova pulizia etnica”
  Gruppo EveryOne. Le ordinanze anti-Rom
  Vetrina/ Roberto Malini. Dal diario di Veta, bambina Rom
  Roberto Malini. Combattiamo il razzismo, non i campi Rom!
  Alberto Figliolia. Tiziana Maiolo e i Rom
  Il sindaco di Legnano sostiene la comunità rom della sua città
  Roberto Malini. Gli sgomberi di famiglie povere ed emarginate sono atrocità istituzionali
  16 maggio 1944: Rivolta nello Zigeunerlager
  “Via Rubattino n. zero”. Milano, 10-20 maggio 2010
  Genova. Un altro ponte è crollato
  Roberto Malini. A cosa servono i Rapporti sui Rom?
  Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Erveda Sansi. Barò porrajmos e… altre storie “zingare”
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  Roberto Malini. Come è difficile difendere i diritti dei Rom!
  Marianna Mascioletti. Addio a Paolo Pietrosanti, l'uomo della pioggia
  EveryOne: Amnesty International è accanto al popolo Rom
  Pisa: dopo il drammatico sgombero dei Rom
  Mauro Garofalo. Alla fine di ogni cosa, romanzo di uno zingaro
  Domanda di grazia al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per l'anziano Rom Toma Ciuraru, incarcerato senza colpa
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy