Venerdì , 23 Febbraio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Profughi: la società civile e le istituzioni devono lavorare insieme 
In una logistica europea efficiente, per azzerare le morti in mare
03 Maggio 2017
 

Profughi: nel 2016 si sono registrate oltre cinquemila morti di migranti che attraversavano il mediterraneo. Secondo l'Alto Commissariato Onu per i Rifugiati (Unhcr) ed EveryOne Group si è trattato dell’anno più tragico di sempre, con un aumento della perdita di vite umane fuori controllo.

Adesso vi è chi invoca nuovi naufragi come deterrente ai flussi migratori e chi, invece, vorrebbe mantenere le cose come sono, con gli interventi in mare suddivisi fra ong e guardia costiera in base a chi riceve le chiamate dalle coste del Nordafrica o dai barconi. Da parte nostra, abbiamo ribadito una richiesta che da tanti anni presentiamo alla Commissione europea: è necessario realizzare un programma efficace di soccorso dei migranti, coordinato dalle istituzioni dell'Ue, con una flotta europea attrezzata e una logistica idonea alla tragedia in corso. Alle ong e alle barche private sarebbero così affidati compiti umanitari di supporto tattico, in rete con la strategia dell'Ue.

Nel 2012 la Commissione ci ha risposto, riconoscendo la validità del progetto e impegnandosi a renderlo operativo a breve. Poi però altri interessi e priorità hanno prevalso e siamo giunti alla situazione odierna, in cui la mortalità dei profughi durante le traversate è salita a dismisura. Società civile e istituzioni non si devono arroccare su posizioni da mantenere a tutti i costi, ma è importante che comprendano la necessità di cambiare strada, per garantire ai soccorsi un perfetto coordinamento logistico, in grado di salvare più vite possibile. E salvare vite non significa solo – come invece troppo spesso definiscono i media – imbarcare e portare a terra i profughi che hanno iniziato la traversata, ma soprattutto prevenire i naufragi o comunque intervenire in caso di avaria con tempestività, quando è ancora possibile evitare l'annegamento di tanti esseri umani. L'obiettivo principale dovrebbe essere proprio quello di azzerare le morti e a nessun altro traguardo può essere accordata priorità.

 

Roberto Malini

Co-presidente di EveryOne Group


Articoli correlati

  Malala a Trump: “Non voltare le spalle ai bambini indifesi”
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Vetrina/ Roberto Malini. Il patto di Malta
  È arrivato un barcone carico di…
  Enrico Bernardini. Genova: Migranti, tra realtà e luoghi comuni
  Sandra Chistolini. La nuova legge guarda ai minori stranieri non accompagnati in sosta per l’affido accelerato
  Roberto Malini. Negli abissi del Mediterraneo
  Manconi: «Non ho votato il decreto migranti: è una norma etnica»
  Genova, Multedo: fiaccole di rifiuto, fiaccole di accoglienza
  Stefano Catone. Che fine hanno fatto i deputati che nel 2013 votarono contro i CIE?
  Roberto Malini. Gommoni vuoti nel Mediterraneo
  Radicali. Immigrazione: “No crociate demagogiche”
  Migranti: Al via campagna #EroStraniero
  Bormio. Accoglienza migranti
  Carlo Forin. Lodo Minniti
  Annagloria Del Piano. Immigrazione: La famiglia Karim – un anno dopo
  Incontro con Emma Bonino e i Sindaci per vincere la sfida dell'immigrazione
  Milano. “Insieme senza muri”
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Genova Solidale / EveryOne Group. Migranti a Multedo, minacce a don Martino da parte degli intolleranti
  Roberto Malini. La repressione delle minoranze arriva in punta di piedi
  Sandrine Bakayoko
  “Migranti tra realtà e luoghi comuni”
  Migranti. Bonino lancia proposta legge popolare per superare Bossi-Fini
  Daniela Biella. Sette Ong italiane pronte a partire in Libia per sostenere i migranti reclusi nei campi
  Barcellona. Enorme ma­ni­fe­sta­zio­ne per l’accoglienza
  Migranti a Multedo. Esposto alla Prefettura
  Roberto Malini. Se­con­da assemblea pubblica del co­mi­ta­to Genova­solidale
  Sierra Leone: la società civile chiede più impegno e solidarietà da parte dell’Unione europea
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano”
  Roberto Malini. Buon Natale, ma...
  EveryOne Group. Alluvione in Sierra Leone
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 78.6%
NO
 21.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy