Mercoledì , 24 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marianna Mascioletti. Addio a Paolo Pietrosanti, l'uomo della pioggia
08 Gennaio 2011
 

Da queste pagine (l'articolo è tratto da Libertiamo.it, ndr), oggi, avremmo voluto celebrare il novantesimo anniversario della nascita di Leonardo Sciascia. Abbiamo deciso, però, di dare priorità ad una notizia che d’altra parte non avremmo mai voluto dover diffondere, una notizia triste: la morte di Paolo Pietrosanti.

Questo nome non dirà probabilmente nulla ai più; una breve ricerca su Internet, però, rivela un curriculum politico e personale ben più ricco di quello di tanti altri personaggi di maggiore fama.

Un politico, ed un politico radicale, in tutti i sensi: questo era Paolo Pietrosanti.

Nato nel 1960, è entrato giovanissimo nei Radicali e con loro ha condiviso, spesso guidato molte battaglie storiche di libertà. Incarnava quasi perfettamente lo stereotipo “pannelliano” del radicale scassapalle (rompiscatole? No, proprio scassapalle), del militante che si fa arrestare, che parla molto ed enfaticamente, che sa tutto di tutto, che prende a cuore battaglie apparentemente di nicchia e riesce a dar loro il rilievo che meritano. Era uno di quei radicali che parlano tanto ma fanno altrettanto, uno di quelli finiti in galera, in Italia e nella Polonia della dittatura comunista, per l’obiezione di coscienza.

Non era insomma un rivoluzionario da salotto, ma un vero esperto, teorico e pratico, dei princìpi della nonviolenza e della disobbedienza civile, uno che non si è mai fatto problemi a passare dalla raccolta di firme per strada agli incontri con capi di stato e altre personalità internazionali, dalle carceri polacche ai colloqui a Praga (città dove visse tra gli anni ’80 e i ’90, nei difficili ma effervescenti anni della transizione) con Václav Havel, Alexander Dubček, Jiří Hájek e Petr Uhl.

Serio e faceto, nella sua vita e nella sua militanza, si sono sempre mescolati naturalmente, senza quasi che si notasse il passaggio dall’uno all’altro; il titolo dell’articolo vuole rievocare appunto uno dei tanti episodi insoliti che hanno costellato la storia di questo politico abbastanza fenomenale. Nel giugno del 1988 infatti Pietrosanti, insieme ad altri due Radicali, dichiarò che avrebbe fatto piovere sulla sfilata militare ai Fori Imperiali: ebbene, che il Nostro avesse dato il tormento al Padreterno finché non è stato esaudito, che avesse trovato il segreto per sfruttare le scie chimiche, che il governo di allora fosse particolarmente ladro, non si è ancora capito, ma fatto sta che quella mattina piovve davvero. (certo, sentirlo raccontare da lui era un’altra cosa: “Venne giù tanta, ma tanta, ma tanta di quell’acqua…”)

Paolo Pietrosanti era cieco: lo era diventato nei primi anni ’90, a causa della stessa malattia per cui ieri si è spento. Da questa sua condizione, lungi dal farsi cristallizzare nel personaggio, da lui disprezzato quant’altri mai, de “il disabile, poverino”, ha promosso numerose iniziative politiche per l’accessibilità ai disabili della cultura e dei servizi: accanito lettore e “navigatore” di Internet, sempre aggiornato sulle ultime tecnologie, è stato spesso citato nel sito Punto Informatico. Le sue battaglie sul diritto d’autore e sulla digitalizzazione di massa delle opere librarie, pur non molto conosciute dal grande pubblico, sono citate e portate ad esempio sia da quelli che sono esperti del settore per lavoro, sia da chi invece, volente o nolente, è dovuto per forza diventare esperto, proprio perché cieco.

Ma l’impegno di Pietrosanti non è circoscritto ai campi finora citati; altra questione in cui era molto addentro era quella del popolo Rom, da lui considerato e trattato in maniera del tutto differente rispetto, diciamo così, al mainstream sull’argomento, con una serietà che la maggior parte dei politici nostrani non sarebbe capace, non diciamo di praticare, ma nemmeno di concepire.

Ha studiato molto il trasporto pubblico locale, ha battuto J.K. Rowling (sì, proprio la scrittrice di Harry Potter) in tribunale sul diritto d’autore, ha parlato di e-book e di Skype quando erano ancora quasi fantascienza, ha fatto e detto tante cose che leader e militanti della sinistra “ufficiale” italiana non sono ancora arrivati neanche a immaginare.

Come ogni radicale che si rispetti, ha litigato qualche anno fa col suo partito (o sarebbe meglio dire che il partito ha litigato con lui, anche parecchio duramente?); negli ultimi tempi, nondimeno, era tornato alla politica attiva, candidato per le elezioni politiche del 2008 e poi per le regionali del 2010 nel Lazio. Nella paginetta del sito Lista Bonino Pannella in cui si presenta conclude: “Ho ancora molto da fare”.

Da fare c’è ancora, è vero, e molto; il “fare” di Paolo Pietrosanti, però, purtroppo, si è concluso ieri, 7 gennaio 2011, giorno in cui si è spenta per sempre la sua pienissima ed appassionata esistenza.

In noi che siamo ancora qui resta la consapevolezza di aver conosciuto un uomo incredibile, e di volerlo ricordare attraverso le sue idee e le sue battaglie.

Restano però anche il dolore, l’amarezza, la rabbia di averlo visto a volte dimenticato perfino dentro il suo stesso partito, pressoché totalmente ignorato fuori da quel partito, ignorato lui, la sua storia eccezionale, la sua intelligenza, la sua grande competenza su tanti argomenti.

Ben altri sono i politici che questo Paese prende a modello, ben altri sono i personaggi esaltati a destra e a sinistra come persone esperte, competenti, preparate, intelligenti, che “ah, come parlano loro…” ; sospettiamo che davanti a un Pietrosanti sarebbero rimasti quasi tutti a boccheggiare, senza sapere che rispondergli, ma la certezza non la potremo avere mai, perché le sue idee e la sua storia, già misconosciute lui vivo, ora spariranno definitivamente nell’infinito mare della superficialità e dell’ignoranza, che si alza sempre di più a sommergere il dibattito politico in questo sciagurato Paese.

Benvenuti, signori, a bordo dell’Italia del terzo millennio, dove “scrittore” è Federico Moccia, “liberale” è Silvio Berlusconi e “radicale nonviolento” è Nicola Vendola. Slacciate pure le cinture, tanto non andiamo da nessuna parte.

 

Marianna Mascioletti

(da Libertiamo.it, 8 gennaio 2011)


Articoli correlati

  Lucio De Angelis. Al Piccolo Eliseo Patroni Griffi è in scena “Udienza” di Vaclav Havel
  Yoani Sánchez. Le mie parole durante il Forum 2000
  Letteratura e censura a Cuba
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  EveryOne: Abbiamo tentato di proteggere Leonarda in Italia...
  Persecuzione ed espulsione di massa dei Rom in Italia
  Alberto Figliolia. Tiziana Maiolo e i Rom
  Roberto Malini. Combattiamo il razzismo, non i campi Rom!
  EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano”
  Svizzera. Copertina razzista criminalizza il popolo Rom
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Milano. Neofascisti lanciano pietre contro i Rom di via Dione Cassio
  Rom a Milano. Appello internazionale per le famiglie colpite dal rogo di via Bonfadini
  Vetrina/ Roberto Malini. Dal diario di Veta, bambina Rom
  Domanda di grazia al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per l'anziano Rom Toma Ciuraru, incarcerato senza colpa
  Giornalismo e razzismo: commento alle Linee guida sulla Carta di Roma
  Il sindaco di Legnano sostiene la comunità rom della sua città
  Roberto Malini. Quanti amici dei rom, in Italia!
  Roberto Malini. L’Italia che sgombera gli insediamenti di emergenza durante giorni di gelo
  Parma. Carteggio Malini-Pizzarotti a proposito delle famiglie Rom
  Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?
  Radicali Milano. Da domani parte la mobilitazione per il riconoscimento di Rom e Sinti
  Contro la repressione giudiziaria dei cittadini indigenti che recuperano oggetti nelle discariche
  Roberto Malini. Rom nel vortice dell'intolleranza
  Rom: per superare i campi serve il cervello, non le ruspe
  Rom in Toscana: repressione dell'arte, della musica e della poesia
  Il vento della poesia nelle corde dei violini
  Roberto Malini. Estate tragica per i Rom in Italia
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
  Gruppo EveryOne. Le ordinanze anti-Rom
  Napoli. La via della tolleranza contro corruzione, razzismo e crimine organizzato
  La violenza sulle donne Rom
  Roberto Malini. Perché il Comune di Milano vuole chiudere il campo Rom di via Idro?
  Pisa: dopo il drammatico sgombero dei Rom
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Patrizia Garofalo. Al parroco di Cornegliano
  Primo Mastrantoni. Rom: Quando non si vuole risolvere un problema
  Roberto Malini. Ancora uno sgombero a Nocera Inferiore. È pulizia etnica
  Roberto Malini. Il diritto... al campo
  “Fermare le politiche anti-Rom in Italia”
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Pesaro. “Hanno preso mio marito e sono rimasta sola”
  Milano. Una maestra di via Rubattino: “Gli sgomberi? Nuova pulizia etnica”
  Roberto Malini. Gli sgomberi di famiglie povere ed emarginate sono atrocità istituzionali
  16 maggio 1944: Rivolta nello Zigeunerlager
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  Roberto Malini. A cosa servono i Rapporti sui Rom?
  Genova. Un altro ponte è crollato
  Il poeta Roberto Malini al Festival Internazionale di Poesia di Genova nel giorno che ricorda l'Olocausto dei Rom
  Il Rapporto ECRI denuncia l'intolleranza che in Italia colpisce Rom e Sinti
  Erveda Sansi. Barò porrajmos e… altre storie “zingare”
  EveryOne: Roma, città chiusa ai Rom
  Roberto Malini. Come è difficile difendere i diritti dei Rom!
  Roberto Malini. Cornigliano e i Rom: ha prevalso l'odio
  EveryOne: Amnesty International è accanto al popolo Rom
  “Via Rubattino n. zero”. Milano, 10-20 maggio 2010
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Rom e Gagi: abitare insieme la città
  Roberto Malini. La leggenda del Rom che denunciò la polizia
  Mauro Garofalo. Alla fine di ogni cosa, romanzo di uno zingaro
  Roberto Malini. Sgomberi: disumanità made in Italy
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy