Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Malini. Combattiamo il razzismo, non i campi Rom!
(Foto Steed Gamero)
(Foto Steed Gamero) 
16 Ottobre 2012
 

Milano – Le associazioni e i movimenti politici apparentemente “progressisti” da tanti anni fanno - volutamente - il gioco dei nemici dei Rom. “Superamento dei campi monoetnici”, “No all'apartheid dei Rom”, “No ai campi-ghetto” sembrano proclami di giustizia, contro il razzismo, la discriminazione, la persecuzione. Non è così. Questo linguaggio, sempre seguito da azioni mirate proprio a frazionare e disperdere i gruppi “monoetnici” - identificazioni, schedature, sgomberi, allontanamenti, sottrazione di bambini da parte dell'autorità, violazioni dei diritti umani, repressione poliziesca e giudiziaria, calunnia mediatica - fa parte di una strategia che mira ad annientare in primo luogo l'identità della tradizione Rom più antica (che riguarda numerose tribù, ognuna con caratteristiche socio-culturali differenti: i Vatrashi, i Kherutno, i Kaldarari, gli Zlatara, i Kolari, i Gabori, i Kazandzhi, i Pletoshi, i Korbeni, i Modorani, i Tismanari, i Lautari, gli Ursari, gli Spoitori e altri) e in secondo a favorire l'assimilazione forzata o comunque a rendere impossibile una stanza serena nei paesi industrializzati dei gruppi etnici coesi.

È facile comprendere dove si trovi la malafede dei proclami summenzionati. Innanzitutto, il campo Rom è un falso problema, perché si tratta di una condizione di sopravvivenza temporanea che spesso famiglie o kumpanie Rom scelgono per mantenersi unite e procurarsi i mezzi di sostentamento minimi, quasi sempre con il mangel (l'elemosina) a causa dell'intolleranza che rende quasi impossibile agli adulti abili al lavoro trovare un'occupazione dignitosa e adeguata. E come logica conseguenza, una casa. Se anziché combattere il campo Rom si combattesse l'emarginazione (educando le cittadinanze e proteggendo le vittime con l'applicazione delle leggi contro l'intolleranza e attuando interventi sociali adeguati), il disagio delle famiglie e la loro precarietà sarebbero immediatamente risolti proprio attraverso il conseguimento di posti di lavoro e quindi della possibilità di affittare (e successivamente acquistare) abitazioni. In parole povere, non serve “superare il campo”, ma superare l'emarginazione.

E veniamo alla definizione di “ghetto” che tanti sedicenti “amici di Rom e Sinti” applicano agli insediamenti Rom. È un uso assolutamente improprio del termine, perché i veri ghetti sono luoghi in cui un gruppo sociale è costretto a vivere, mentre non vi è alcun ostacolo per le famiglie Rom che decidano di abbandonare il campo per entrare in una casa. Non esiste alcuna forma di prigionia, nel campo-Rom e basta - ancora - un lavoro per avere i mezzi necessari ad uscirne, scegliendo di abitare in una casa. Dunque il vero nemico è ancora il razzismo, che rende difficile alle famiglie Rom il procacciamento di mezzi di sussistenza bastanti ad avere una casa e un tenore di vita dignitoso.

Anche la parola “Apartheid” è usata non correttamente, riguardo alla situazione dei Rom in Italia. L'Apartheid istituito dal governo bianco del Sudafrica e rimasto in vigore fino al 1993 era una vera e propria segregazione razziale che impediva per legge ai neri di vivere nei quartieri dei bianchi, di usare gli stessi mezzi pubblici, di realizzare matrimoni misti, di utilizzare le fontane riservate ai bianchi, di accedere alle stesse scuole e così via. In Italia esiste un problema di razzismo, non di Apartheid. Il razzismo rende assai la vita difficile alle persona di etnia Rom, le quali - tuttavia - non sono perseguitate in osservanza alle leggi vigenti in Italia e nell'Unione europea, ma - al contrario - da parte di istituzioni, autorità e cittadinanze che, deliberatamente, violano le leggi che tutelano l'uguaglianza di tutti gli individui e i popoli, commettendo un abuso ogni volta che attuano uno sgombero senza prevedere un'alternativa sociale, ogni volta che comminano un'espulsione immotivata, ogni volta che accusano ingiustamente e altrettanto ingiustamente condannano una persona Rom, ogni volta che le negano il diritto a una casa, a un lavoro, alla sicurezza, alla possibilità di mandare a scuola i bambini e di beneficiare di un'assistenza socio-sanitaria adeguata alle sue condizioni di vita.

 

Roberto Malini


Articoli correlati

  Gruppo EveryOne. Le ordinanze anti-Rom
  Domanda di grazia al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per l'anziano Rom Toma Ciuraru, incarcerato senza colpa
  Rom e Gagi: abitare insieme la città
  Il vento della poesia nelle corde dei violini
  Persecuzione ed espulsione di massa dei Rom in Italia
  Alberto Figliolia. Tiziana Maiolo e i Rom
  EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano”
  Il Rapporto ECRI denuncia l'intolleranza che in Italia colpisce Rom e Sinti
  Rom a Milano. Appello internazionale per le famiglie colpite dal rogo di via Bonfadini
  Radicali Milano. Da domani parte la mobilitazione per il riconoscimento di Rom e Sinti
  Roberto Malini. Sgomberi: disumanità made in Italy
  Roberto Malini. L’Italia che sgombera gli insediamenti di emergenza durante giorni di gelo
  Svizzera. Copertina razzista criminalizza il popolo Rom
  Milano. Neofascisti lanciano pietre contro i Rom di via Dione Cassio
  Parma. Carteggio Malini-Pizzarotti a proposito delle famiglie Rom
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Rom in Toscana: repressione dell'arte, della musica e della poesia
  Contro la repressione giudiziaria dei cittadini indigenti che recuperano oggetti nelle discariche
  Roberto Malini. Rom nel vortice dell'intolleranza
  Il sindaco di Legnano sostiene la comunità rom della sua città
  Rom: per superare i campi serve il cervello, non le ruspe
  Giornalismo e razzismo: commento alle Linee guida sulla Carta di Roma
  Napoli. La via della tolleranza contro corruzione, razzismo e crimine organizzato
  Roberto Malini. Cornigliano e i Rom: ha prevalso l'odio
  Roberto Malini. Perché il Comune di Milano vuole chiudere il campo Rom di via Idro?
  Primo Mastrantoni. Rom: Quando non si vuole risolvere un problema
  Roberto Malini. Estate tragica per i Rom in Italia
  Pisa: dopo il drammatico sgombero dei Rom
  “Fermare le politiche anti-Rom in Italia”
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Pesaro. “Hanno preso mio marito e sono rimasta sola”
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
  Roberto Malini. Ancora uno sgombero a Nocera Inferiore. È pulizia etnica
  Milano. Una maestra di via Rubattino: “Gli sgomberi? Nuova pulizia etnica”
  Patrizia Garofalo. Al parroco di Cornegliano
  La violenza sulle donne Rom
  Roberto Malini. Quanti amici dei rom, in Italia!
  Roberto Malini. Gli sgomberi di famiglie povere ed emarginate sono atrocità istituzionali
  16 maggio 1944: Rivolta nello Zigeunerlager
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Vetrina/ Roberto Malini. Dal diario di Veta, bambina Rom
  EveryOne: Abbiamo tentato di proteggere Leonarda in Italia...
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  Marianna Mascioletti. Addio a Paolo Pietrosanti, l'uomo della pioggia
  Roberto Malini. A cosa servono i Rapporti sui Rom?
  Genova. Un altro ponte è crollato
  EveryOne: Roma, città chiusa ai Rom
  Roberto Malini. Il diritto... al campo
  Roberto Malini. Come è difficile difendere i diritti dei Rom!
  Erveda Sansi. Barò porrajmos e… altre storie “zingare”
  EveryOne: Amnesty International è accanto al popolo Rom
  Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?
  “Via Rubattino n. zero”. Milano, 10-20 maggio 2010
  Roberto Malini. La leggenda del Rom che denunciò la polizia
  Mauro Garofalo. Alla fine di ogni cosa, romanzo di uno zingaro
  Il poeta Roberto Malini al Festival Internazionale di Poesia di Genova nel giorno che ricorda l'Olocausto dei Rom
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy