Giovedì , 26 Aprile 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Perduca. Canapa medica, Italia all’avanguardia
26 Agosto 2015
   

Il 18 settembre 2014, i Ministri della Difesa e della Salute hanno firmato un memorandum per un progetto pilota di “produzione nazionale di sostanze e preparazioni di origine vegetale a base di cannabis” a fini medico scientifici. Per la coltivazione delle piante fu scelto lo Stabilimento farmaceutico militare di Firenze per le “competenze del personale militare e civile” e “le capacità produttive e di controllo qualità proprie di una industria farmaceutica”, unite al “livello di sicurezza di un’installazione militare”.

Per quanto nel 2010 con la senatrice radicale Donatella Poretti avessimo invitato il governo Berlusconi a favorire un simile accordo – il nostro ordine del giorno in occasione dell’adozione della legge sulle cure palliative fu accolto col parere favorevole di Giovanardi! – l’idea che una medicina dovesse esser prodotta dai militari in strettissimo regime di monopolio non m’ha mai convinto.

Mi son dovuto ricredere da quando, all’inizio di agosto, ho visitato l’Istituto di Firenze. Ho scoperto una realtà che è fondamentale per rispondere a certe emergenze e crisi medico-farmaceutiche planetarie.

A giugno scorso a Firenze è stato effettuato il primo raccolto sperimentale. Le cinquanta piante di canapa, le cui talee erano state selezionate dal Centro di ricerca per le colture industriali di Rovigo (altra eccellenza italiana misconosciuta), hanno prodotto due chilogrammi di infiorescenze che, pare, contengano principi attivi di qualità tale da consentire un prodotto standardizzato privo di muffe, funghi o altri agenti contaminanti.

A seguito delle ispezioni dell’Aifa, l’Agenzia del Farmaco, e il via libera del Ministero della Salute, da settembre si potrà finalmente partire con la produzione vera e propria in anteprima mondiale. Da gennaio 2016, si potrebbe passare a 200 metri quadrati di serre per ottenere fino a 100 chili l’anno di prodotto da inviare alle farmacie che ne faranno richiesta. L’Italia diverrà il primo e unico Stato membro dell’Onu a gestire la produzione di cannabis in strutture pubbliche.

Occorre adesso che il Ministero della Salute, nell’interesse della collettività, esprima un parere favorevole a questa sperimentazione e si assuma la responsabilità di adottare delle linee guida per la prescrizione di questi cannabinoidi medici Made in Italy: sulla scorta dell’ampia letteratura scientifica che ne conferma il positivo utilizzo in patologie gravi e altamente invalidanti come, tra le altre, la sclerosi multipla, quella laterale amiotrofica, il glaucoma, le malattie neoplastiche, gli spasmi muscolari, il dolore. A otto anni dall’adozione della legge, i quadri normativi nazionali e regionali restano sconosciuti agli operatori se non boicottati sottilmente.

Perché da liberista e antimilitarista sono a favore di questo avvio di produzione in regime di monopolio militare? Intanto perché, a differenza di quanto avevo visto in Colorado, la qualità e la cura della coltivazione è nel pieno rispetto degli obblighi europei degli API (Active Pharmaceutical Ingredients) cioè della produzione di ingredienti attivi farmaceutici – cosa che neppure il Bedrocan olandese garantisce; in secondo luogo, perché grazie all’inevitabile espansione esponenziale della domanda di cannabis medica dei prossimi anni, che dovrà vedere il Ministero della Difesa pronto a quintuplicare (almeno) gli investimenti iniziali nel 2016, le entrate della cannabis Made in Italy potranno concorrere a sostenere la benemerita produzione fiorentina dei cosiddetti farmaci “orfani” (per le malattie rare, la cui ricerca non è sostenuta dai privati): un vero e proprio “servizio pubblico” mondiale che avviene in Italia senza il meritato riconoscimento.

 

Marco Perduca

(da il Manifesto, 26 agosto 2015)


Articoli correlati

  Marco Perduca. La lunga marcia verso la legalizzazione della marijuana in Italia
  Benedetto Della Vedova. Rapporto agenzia Ue su droghe conferma fallimento proibizionismo
  A Bormio il “camper dei diritti” di “Radicali Sondrio”
  Giuseppe Civati. La cannabis terapeutica in Lombardia
  Droghe: le deleghe restano a Renzi
  Narcoguerra. Cattura di El Chapo Guzman: morto un papa se ne fa un altro…
  Vincenzo Donvito. Cannabis terapeu­ti­ca e non solo. Quan­to tempo perso…
  L'irriverente al sen. Giovanardi: si faccia una canna e si guardi allo specchio
  Vincenzo Donvito. Droghe, discoteche e ministeriale tolleranza zero
  Vincenzo Donvito. Spese per droga e prostituzione in aumento
  Radicali Milano: Yes we Cannabis! La battaglia che unisce!
  Milano. Radicali d'aprile
  Mario Capanna. Sua Maestà la Canapa
  Rita Bernardini. Cannabis legale: Benedetto, c'è un regalo per te
  Alessandro Barchiesi. Non notiziabili
  Benedetto Della Vedova. La proibizione aumenta il consumo. Legalizzare per controllare
  Regione Lombardia. Cannabis e Biotestamento: tempo scaduto!
  Ora si firma su cannabis terapeutica e testamento biologico in Lombardia
  Semi di Ribellione – Resistenza botanica al proibizionismo
  L’Erba Voglio: a Milano, lunedì 20 aprile
  Radicali lanciano raccolta firme su legge popolare per legalizzazione cannabis
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 77.6%
NO
 22.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy