Sabato , 21 Aprile 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > AgriCultura > Cosa bolle in culdera
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mario Capanna. Sua Maestà la Canapa
22 Agosto 2015
 

Nessun'altra pianta contiene una ricchezza multiforme di benefici come la canapa. Per questa ragione ne ho seminato un ettaro sulla mia collina umbra, nella zona di Città di Castello. Si tratta della specie cannabis sativa, legalmente coltivabile (nonostante, ancora, varie e invasive complicazioni burocratiche), diversa da quella indica, finalizzata a ottenere hashish e marijuana. Dopo 120 giorni la piantagione è lussureggiante.

Pochi ricordano che fino alla fine degli anni '50 l'Italia era il primo produttore europeo di canapa e il secondo su scala mondiale. L'avvento delle fibre sintetiche e, insieme, del proibizionismo ne ha determinato la scomparsa. Ora c'è una ripresa, grazie al lavoro di Assocanapa, l'associazione nazionale dei canapicoltori, che la ripropone come interessante risorsa agroalimentare e industriale, e a riviste come Onair, che svolge una intelligente opera di divulgazione culturale e scientifica. Nel 2014 nel nostro paese ne sono stati coltivati mille ettari, in espansione quest'anno.

Uno scrigno di benefici, dicevo. Partiamo dalla pianta: fissa al suolo l'azoto dell'aria, arricchendo il terreno, in pratica si autofertilizza; la sua radice a fittone (capace di giungere a una profondità di 80-90 cm) le consente di resistere alla siccità senza irrigazioni, mentre il mais, per esempio, richiede una caterva d'acqua; con il suo rigoglio è il più efficace diserbante naturale, indebolisce e dissecca le piante infestanti (dunque niente fitofarmaci e pesticidi); a parità di superficie fogliare, supera gli alberi nell'assorbimento di anidride carbonica (che aspettiamo a piantarla nei parchi e nei giardini delle città?).

Ce n'è quanto basta per inchinarsi a sua maestà... la canapa. Il bello, invece, viene ora. I suoi semi decorticati, oltre a essere gustosissimi (un gradevole sapore fra il pinolo, il pistacchio e la nocciola) contengono, più del pesce, gli omega 3 e gli omega 6. Questi ormai famosi acidi grassi polinsaturi sono fondamentali per proteggere le membrane delle nostre cellule, a partire da quelle cerebrali, e particolarmente efficaci – come l'olio e la farina che si estraggono dai semi – per prevenire complicazioni cardiovascolari (infarti, ictus, trombosi in primis), ridurre il colesterolo cattivo e aumentare quello buono, prevenire e curare il diabete, l'artrite reumatoide e mille altre rogne corporee.

Per di più gli omega 3 e 6 rafforzano le difese immunitarie, favoriscono la vitalità cellulare del sistema nervoso centrale, con funzioni antidepressive, e ritardano o inibiscono l'arteriosclerosi. Con le fibre dei fusti di canapa, inoltre, si ottengono indumenti (persino scarpe) confortevoli e resistenti e si produce carta, di pregio incomparabile rispetto a quella derivante da cellulosa arborea ( la costituzione degli Stati Uniti è scritta su carta di canapa).

Per non parlare degli usi nella bioedilizia: i mattoni composti con canapa sono solidissimi e leggeri, isolanti termici e persino antimuffa. Si capisce allora come l'equazione canapa=sballo=proibizione, fin qui trionfante, non regga più. Bisogna liberalizzare al più presto (buone, al riguardo, le 228 firme di parlamentari) e togliere il business dalle mani della criminalità organizzata. È arrivato il tempo di ridare a sua maestà... la canapa il ruolo strategico che le compete, di risorsa-regina in campo agroalimentare, medico, tessile, edilizio ecc. Un valido aiuto perché l'Italia torni a competere in modo virtuoso nel mondo.

 

Mario Capanna

(da L'Huffington Post, 27 luglio 2015)


Articoli correlati

  Giuseppe Civati. La cannabis terapeutica in Lombardia
  Rita Bernardini. Cannabis legale: Benedetto, c'è un regalo per te
  Marco Perduca. Canapa medica, Italia all’avanguardia
  Narcoguerra. Cattura di El Chapo Guzman: morto un papa se ne fa un altro…
  A Bormio il “camper dei diritti” di “Radicali Sondrio”
  Vincenzo Donvito. Cannabis terapeu­ti­ca e non solo. Quan­to tempo perso…
  L'irriverente al sen. Giovanardi: si faccia una canna e si guardi allo specchio
  Marco Perduca. La lunga marcia verso la legalizzazione della marijuana in Italia
  Vincenzo Donvito. Spese per droga e prostituzione in aumento
  Vincenzo Donvito. Droghe, discoteche e ministeriale tolleranza zero
  Radicali Milano: Yes we Cannabis! La battaglia che unisce!
  Regione Lombardia. Cannabis e Biotestamento: tempo scaduto!
  Benedetto Della Vedova. La proibizione aumenta il consumo. Legalizzare per controllare
  Milano. Radicali d'aprile
  Benedetto Della Vedova. Rapporto agenzia Ue su droghe conferma fallimento proibizionismo
  Alessandro Barchiesi. Non notiziabili
  Ora si firma su cannabis terapeutica e testamento biologico in Lombardia
  Semi di Ribellione – Resistenza botanica al proibizionismo
  L’Erba Voglio: a Milano, lunedì 20 aprile
  Radicali lanciano raccolta firme su legge popolare per legalizzazione cannabis
  Droghe: le deleghe restano a Renzi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.6%
NO
 24.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy