Lunedì , 22 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Droghe, discoteche e ministeriale tolleranza zero 
La situazione peggiorerà... Che fare?
04 Agosto 2015
 

Firenze – Intervista del ministro dell'Interno, Angelino Alfano, al quotidiano Corsera di oggi sulla morte di un 16enne nella discoteca romagnola Cocoricò, la cui attività è stata, di conseguenza, sospesa per 120 giorni: «Contro lo sballo che uccide adotteremo la tolleranza zero... non esiste linea dura contro le discoteche, ma contro la vendita e la cessione di droga nelle discoteche... ritengo che i controlli a tappeto nei locali dove più alto è il rischio di spaccio siano la strategia più efficace». Tutti consapevoli che non era la discoteca a promuovere consumi e spaccio... quindi le hanno sospeso l'attività. È come se per evitare lo spaccio e il consumo in una piazza di una città, invece di mettere un presidio di forze dell'ordine, decidessero di chiudere l'accesso a quella piazza, includendovi ovviamente i negozi e le altre attività e domicili che vi si affacciano: per esempio, uno studio professionale? Non ci va nessuno per 120 giorni!

Io abito al n. 19... niente, per 120 giorni non puoi entrare o uscire di casa.

Certo: il gesto esemplare -dicono in tanti, ministro incluso. A parte il prezzo e il metodo poco razionale, esempio di cosa? Che non ci si droga e non si deve favorire il drogarsi? No, c'e' piu' di qualcosa che non torna, legislazione e procedure vigenti:

- drogarsi non è vietato dalle leggi;

- la discoteca non è stata incriminata per favoreggiamento di qualche reato.

L'unico esempio ci sembra quello di una reazione sconclusionata di chi non sa che fare e che, senza esplicitamente dirlo, preferirebbe leggi diverse da quelle vigenti e, avendo il potere in merito, si comporta come se il proprio pensiero/desiderio fosse la realtà. La cosa che invece potrebbero fare è controllare i luoghi dove ritengono che stiano per consumarsi degli illeciti e dei reati e, di conseguenza, multare (illeciti) o perseguire (reati). Questa è prevenzione, altrimenti è abuso di potere.

Più di qualcuno -e noi tra questi- ritengono limitate queste azioni preventive. Che fare? Quanto deciso dalla Questura a Riccione, e sostenuto dal ministro Alfano, oltre che abuso di potere (e quindi dannoso di per sé) crea ulteriori danni perché non mette nessun freno al fenomeno che ha portato alla morte del 16enne: discoteca chiusa? Vado altrove ad impasticcarmi e forse ad ammazzarmi in un'altra discoteca... che poi la Polizia farà chiudere, così come farà chiudere la pineta dove sono andato a impasticcarmi perché tutte le discoteche (e probabilmente anche i bar) dalla zona sono state chiuse... e poi.... e poi... Tutto chiuso... tranne chi fa il suo piccolo o mega business col mercato clandestino che, proprio perché tale, e forte di un'alta domanda, è ben organizzato per sfuggire ai rigori e controlli dei tutori dell'ordine, e quindi rigenerarsi, spostarsi, trasformarsi, adeguarsi, travestirsi... tutto l'armamentario creativo ed elusivo di una qualunque delinquenza piccola o grande.

Premesso che a questo mercato libero offerto alle delinquenze organizzate potrà essere arginato/sconfitto solo se la legge decide di regolamentarlo, nel frattempo che si fa?

Prima di tutto si dovrebbe cercare di non peggiorare la situazione cosi come sta facendo, e ipotizza di estendere, il nostro ministro. Parallelamente evitare che gli acquirenti di questo mercato si facciano molto male, riduzione del danno: visto che i venditori di queste sostanze non sono controllati da nessuna legge, e quindi agiscono senza controlli sulle loro merci solo per il mero guadagno, ad ogni ingresso di discoteca e nei luoghi di incontro di molti giovani, ci dovrebbero essere punti mobili in cui esperti chimico/farmacologici invitino gli acquirenti di queste sostanze a fargliele loro vedere e analizzare prima di consumarle.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Benedetto Della Vedova. La proibizione aumenta il consumo. Legalizzare per controllare
  A Bormio il “camper dei diritti” di “Radicali Sondrio”
  Rita Bernardini. Cannabis legale: Benedetto, c'è un regalo per te
  Narcoguerra. Cattura di El Chapo Guzman: morto un papa se ne fa un altro…
  Vincenzo Donvito. Cannabis terapeu­ti­ca e non solo. Quan­to tempo perso…
  L'irriverente al sen. Giovanardi: si faccia una canna e si guardi allo specchio
  Marco Perduca. La lunga marcia verso la legalizzazione della marijuana in Italia
  Marco Perduca. Canapa medica, Italia all’avanguardia
  Giuseppe Civati. La cannabis terapeutica in Lombardia
  Mario Capanna. Sua Maestà la Canapa
  Vincenzo Donvito. Spese per droga e prostituzione in aumento
  Ora si firma su cannabis terapeutica e testamento biologico in Lombardia
  Alessandro Barchiesi. Non notiziabili
  Milano. Radicali d'aprile
  L’Erba Voglio: a Milano, lunedì 20 aprile
  Benedetto Della Vedova. Rapporto agenzia Ue su droghe conferma fallimento proibizionismo
  Semi di Ribellione – Resistenza botanica al proibizionismo
  Radicali lanciano raccolta firme su legge popolare per legalizzazione cannabis
  Droghe: le deleghe restano a Renzi
  Regione Lombardia. Cannabis e Biotestamento: tempo scaduto!
  Radicali Milano: Yes we Cannabis! La battaglia che unisce!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy