Venerdì , 04 Dicembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Monica Lanfranco. Faccende da donne
06 Aprile 2010
 

Paura. Una morsa fisica allo stomaco mi ha stretta alla notizia che i due neoeletti governatori leghisti hanno proclamato la guerra santa alle donne. Mi sono sentita in pericolo, con tutta la forza stordente di un attacco di panico assolutamente non previsto, e del tutto irrazionale. Che mi succede, ho pensato quando ho cercato di riprendere a respirare normalmente. Sono qui, nella cucina di una casa di campagna, in Italia. Vedo gli alberi dalla finestra, va tutto bene. Hai mezzo secolo, questo paese ha visto vittorie importanti, come il divorzio, la legge di parità, quella sul diritto di famiglia, la 194; godi come cittadina dell’eredità e del lascito del movimento delle donne, scrivi e leggi libri sul femminismo, non vivi a Teheran, questa è una democrazia.

Eppure mi sono ripresa del tutto solo quando, per fare cessare il tremore interiore, sono uscita di casa, d’istinto mi sono chinata sul prato e ho composto un piccolo mazzetto giallo di margheritine selvatiche. La loro quieta bellezza mi ha consolata e solo allora ho iniziato a pensare con calma, mettendo in ordine le emozioni.

Non è una novità che i temi legati alla sfera riproduttiva, e quindi all’autodeterminazione sul corpo femminile siano usati come merce di scambio: è già avvenuto in passato e questo immondo mercato ha coinvolto anche la sinistra.

La Lega ha bisogno di fare patti con il Vaticano, dopo la distanza che si è creata sulla questione immigrazione e razzismo. Se le gerarchie ecclesiastiche fanno muro contro la deriva razzista nel nome della carità e della civiltà cristiana, la mediazione con i celuduristi si può sostanziare nell’accordo sulla piaga originaria che genera tutti i mali dell’odio verso la differenza: il sessismo. Dove, se non sull’autonomia del corpo delle donne, è possibile l’alleanza di ogni patriarcato con ogni fondamentalismo religioso?

E quindi via ai vaneggiamenti dei due governatori, generati dalla profonda ignoranza che alimenta l’arroganza tipica degli incompetenti, che proclamano che non permetteranno che la Ru486 arrivi negli ospedali, che faranno pressione sui dirigenti ospedalieri (una pratica che sfida apertamente la legalità), che chiedono la testa di chi dirige l’Agenzia del farmaco. E via, di conseguenza, ai commenti di neoeletti e neoelette leghiste che bollano, in primo luogo e all’unanimità, l’alternativa chimica all’aborto chirurgico come “un metodo che lascia da sole le donne”. Ecco il punto. Ecco l’origine della morsa e della paura, prima ancora dello sdegno e della rabbia.

Le donne, io stessa, non siamo cittadine adulte in una comunità di pari: siamo soggetti ai quali riservare attenzione perché da sole non ce la facciamo a decidere. Siamo portatrici, a tutte le età e condizione sociale, di un handicap inevitabile perché il nostro è il genere minore, il secondo sempre, anche quando seguisse il destino assegnato di docili gregarie in quanto figlie, sorelle, mogli, madri.

Certamente sì, le si celebra all’ombra del Po come brave fattrici e miss padane, le “nostre” donne dai grandi fianchi instancabili lavoratrici nordestine. Le prostitute però si preferiscono scure, almeno quelle in strada, ma si sa che su questo argomento si trovano anche gli accordi bipartisan con i maschi di sinistra.

Ma tutte, proprio tutte, abbiamo da essere sorvegliate soprattutto e specialmente nella sessualità e nelle scelte riproduttive.

Con una incongruenza lampante e possibile solo nella politica patriarcale, quelle che sono normalmente rubricate come “faccende da donne”, secondarie sempre nei programmi della politica, cioè tutto il lavoro sociale della riproduzione, assieme a quelli definiti “temi eticamente sensibili” (comprese le scelte affettive e gli orientamenti sessuali), diventano all’improvviso centrali, e imprescindibili.

Si sa che si tratta di pretesti, di merce di scambio, come lo sono i quarti di donna esposti prima in tv e poi passati di mano in mano alle feste come premio dei vincitori ai vassalli.

In questo gioco nessuno si senta innocente, però. Poco prima delle elezioni Radio Popolare mi chiamò per un microfono aperto nel quale si discuteva della sentenza che sancisce come discriminante e passibile di denuncia l'affermazione che le donne non possono, in quanto donne, accedere a determinate carriere lavorative. Eloquenti le reazioni di chi intervenne: le donne affermarono che si trattava di una sentenza giusta perché il sessismo è un male ancora radicato e da combattere con ogni strumento, dalla cultura alla legge, mentre in formazione compatta gli uomini all’ascolto (di sinistra) definirono quell’intervento e quel tema “una sciocchezza” che distoglieva dai veri problemi del paese.

È così che accade che si dichiara guerra alle donne: con pensieri e pratiche che sminuiscono, umiliano, rendono insignificanti e invisibili quelle “faccende da donne”, che sono, invece, in quanto diritti della metà e oltre della specie umana, il cuore dello stato di civiltà di un paese, e del mondo intero.

 

Monica Lanfranco

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 5 aprile 2010)


Articoli correlati

  Monica Lanfranco. Pensieri sulla violenza sulle donne e sul che fare
  Monica Lanfranco. Nuovo numero di Marea
  Monica Lanfranco. Islam: Dove sono i laici?
  Monica Lanfranco. Le madri cattive esistono: le produce l’ignoranza di sé
  Monica Lanfranco. Dalla vostra inviata al Cairo. Report primo giorno con Nawal Al Sadaawi e Drude Dalerup
  Lidia Menapace. Il treno, il lotto, la mutazione genetica
  Lidia Menapace. Femminile plurale
  Monica Lanfranco. Forse le femministe sono invisibili?
  Monica Lanfranco. Il lato oscuro della competenza femminile
  due di giugno
  Primo Mastrantoni. Nucleare. Il Governo approva i criteri ma non individua i siti
  Lucio Scudiero. Un paese sott'acqua
  Lidia Menapace. Leaderismi
  Renato Pierri. La profonda cultura d'alcuni nostri politici
  RU486: uso improprio istituzioni, i “lavori” della commissione Sanità
  Ru486. Il ministro Sacconi sfiducia il direttore dell'Aifa che ha pubblicato la delibera di commercializzazione
  RU486. Bene autorizzazione Aifa, attenzione ai colpi di coda dei pasdaran
  Ru486. L'Aifa, piegata da pressioni clerico-politiche, viola la direttiva Ue sul mutuo riconoscimento dei farmaci. Ricorso alla Corte europea
  Ru486. Aduc denuncia l'Italia a Commissione Ue per inadempienza del diritto comunitario
  Pillola del giorno dopo e Ru486. Obiezione coscienza e farmacisti
  RU486. Conferenza stampa venerdì 2 aprile a Firenze
  Commissione Ru486. Manovre dilatorie
  Indagine sulla RU486. Polpetta avvelenata contro le donne
  Aborto. Vaticano e convertiti auspicano ritorno al clandestino?
  Abortire in Svizzera? Ru486, privacy e senza tempi di attesa. Interrogazione
  Aborto/RU486. Quello farmacologico è legale e non più procrastinabile
  Mellana. Anche la destra ha le sue buone ragioni
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Il presidente di Laziosanità ignora clamorosamente la differenza fra pillola del giorno dopo e pillola abortiva
  Ru486: Sacconi e la crociata contro le donne
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  Ru486: l'arroganza della politica, le vere ragioni dell'indagine
  Le donne italiane figlie di un dio minore
  Aborto/Ru486. A quando anche in Italia ed evitare i pericoli di una illegalità crescente? Interrogazione
  Vincenzo Donvito. “Abortirai nel dolore”
  Pietro Yates Moretti. Ru486. La genesi dello 'scontro sulla pillola'
  RU486. Le minacce del Governo alle Regioni: abuso di potere?
  Ru486. Il diktat illegittimo del ministro Sacconi. Il Paese del codice Roccella
  Silvio Viale. È morto Harvey Karman
  Indagine Ru486: si apra un dibattito nel Pd
  Legge 194. Funzionerà ancora meglio grazie all'Europa
  Ru486. Bene la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si rispetti la legge e si lasci in pace l'Aifa
  Ru486. Finalmente anche in Italia il diritto alla salute e alla scelta. Ma stiamo in allerta...
  Ru486: Sacconi ha letto la sua relazione al Parlamento sull'aborto farmacologico?
  26 settembre, giornata mondiale della contraccezione
  Vincenzo Donvito. Ru486. Quasi al debutto, continuano le mistificazioni. L'Aduc informa
  Pietro Yates Moretti. Ru486, la favola della pillola che uccide
  Legge 194. Guerra ai diritti delle donne
  Ru486: Aifa autorizza, Roccella di lotta o di governo?
  Ru486: l'incredibile audizione di Sacconi
  Bruno Mellano e Giulio Manfredi. RU486: solidarietà al Direttore AIFA
  Aborto. Il vero scontro non è fra laici e cattolici, ma fra scienza e integralismo religioso
  Ru486. Metodo già previsto in legge. Contraccezione, clandestinità e obiezione di coscienza
  La pillola abortiva Ru486 è sicura ed efficace
  La pillola abortiva deve essere disponibile in tutti gli ospedali piemontesi
  Miriam Della Croce. Una donna non è una lavatrice
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  RU486 in Emilia Romagna. La maggior parte delle donne non sa di poterla utilizzare. È necessaria la sua registrazione in Italia
  Ru486. Ma a cosa serve la Federazione degli ordini dei medici?
  Valter Vecellio. La situazione: il presidente della CEI detta le condizioni del Vaticano
  Aborto/sepoltura. Il Consiglio regionale della Lombardia cerca disperatamente di scardinare la legge 194 e i diritti delle donne
  Aborto e nuove linee guida. Un test per il ministero della Salute: laico o clericale?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy