Lunedì , 13 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pietro Yates Moretti. Ru486. La genesi dello 'scontro sulla pillola'
15 Dicembre 2008
 

Tanto di cappello al Corriere della Sera. La redazione online dell'autorevolissimo quotidiano di via Solferino è riuscita a promuovere, infatti a creare, l'ennesima polemica politico-vaticana. Prendendo spunto da una vecchia notizia, sull'edizione online di domenica mattina il quotidiano milanese ha sparato questo titolo in primissimo piano: “Via libera alla pillola abortiva. «Il Governo non può fermarla»”.

 

In realtà, il via libera dell'Aifa era già arrivato il febbraio scorso.1 Mancava -e tutt'ora manca- solo una decisione sul prezzo del medicinale che dovrebbe arrivare entro questa settimana, come da oltre un mese annuncia Guido Rasi, direttore generale dell'Aifa. Quindi, nessuna novità, nessuno scoop.2

Ma il Corriere non si è fatto sfuggire la ghiotta opportunità di autopromuoversi a deus ex machina della caciara politica, andando a solleticare il sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella, (ex?) editorialista dell'Avvenire e portatrice delle istanze vaticane nel Governo, le cui parole echeggiano in quel titolo domenicale: «Il Governo non può fermarla». Fra l'altro Roccella, laureata in lettere, ha dedicato la sua ultima fatica letteraria proprio alla pillola abortiva con l'intento di 'smentire' le decine di migliaia di scienziati e medici che ne avevano dichiarato l'efficacia e la sicurezza -evidentemente non deve essere stata poi così convincente, se non le danno retta neanche all'Aifa, agenzia sottoposta al ministero che ora co-dirige.

A quel punto, si è messa in moto la scattante industria della caciara politica. Le agenzie di stampa hanno cominciato a sollecitare reazioni di politici e religiosi alla 'notizia' solferina. E poiché la gran parte dei politici non ha idea né di cosa sia la Ru486, né dell'iter europeo di mutuo riconoscimento su cui si sta pronunciando l'Aifa, il Corriere si è guardato bene dal fornire elementi che potessero scoraggiare le reazioni più polemiche. Ad esempio, avrebbe potuto dare conto anche minimamente della posizione unanime della comunità medico-scientifica internazionale sulla sicurezza ed efficacia del farmaco (posizione che, anche il più imparziale dei giornalisti non può mettere sullo stesso piano delle invettive ideologiche di una fervente cattolica). Oppure che la pillola è legale da anni in quasi tutti i Paesi occidentali. O ancora avrebbe potuto spiegare che se l'Aifa negasse la registrazione, dovrebbe poi convincere con argomentazioni squisitamente medico-scientifiche gli scienziati e le rispettive agenzie del farmaco dei 21 Paesi europei che già da anni l'hanno registrata. Ma evidentemente, lo scopo non era una discussione informata e basata sul fatto scientifico, ma appunto la caciara.

Ecco allora che cominciano a piovere le reazioni. Il cardinale Barragan, ministro della Salute del Vaticano, spiega che la pillola «non è innocente», mentre il ministro Giovanna Meloni ammonisce le sue coetanee che non si tratta di un farmaco anticoncezionale (un commento abbastanza infruttuoso, visto che si tratta di pillola abortiva... forse l'ha confusa con la pillola del giorno dopo, un contraccettivo che il Vaticano sostiene essere abortivo). E l'Udc, rivendicando per sé un maggior grado di vaticanesimo, critica il Governo per non aver fatto abbastanza per bloccare l'iter di registrazione.

E cosè, questa mattina il Corriere della Sera titola trionfante: “È scontro sulla pillola abortiva”. Complimentoni!

 

Pietro Yates Moretti, vicepresidente Aduc

 

 

P.S. Quest'operazione del Corriere è tutt'altro che nuova. Ogni giorno ormai, la redazione online spara in primo piano le dichiarazioni del Vaticano su questo o quell'altro argomento, annientando l'informazione scientifica a mera opinione concorrente, con il chiaro intento di sollevare e raccogliere i frutti dello scontro politico-religioso. Forse l'intento è quello di informare il lettore su quei dibattiti che altrimenti rimarrebbero nascosti. Oppure, molto più probabilmente, quello di affermarsi quale principale organo di informazione istituzionale e istituzionalizzato, una sorta di Quarta Camera (la Terza è già occupata da Bruno Vespa con la sua trasmissione “Porta a Porta”).

Niente di male, anzi... potremo ora fare a meno di acquistare l'Avvenire e l'Osservatore romano per informarci sulle opinioni di uno dei più potenti attori sulla scena politica italiana.

 

 

1 27 febbraio: Ru486: primo si' alla pillola abortiva

2 28 ottobre: Rasi (Aifa): entro fine dell'anno conclusione iter commercializzazione della Ru486
19 novembre:
Aifa su Ru486: iter non ideologico si conclude col prossimo consiglio di amministrazione
5 dicembre:
Entro la fine di dicembre arriverà il sì definitivo alla Ru486


Articoli correlati

  Pietro Yates Moretti. Ru486, la favola della pillola che uccide
  Ru486. Il diktat illegittimo del ministro Sacconi. Il Paese del codice Roccella
  Miriam Della Croce. Una donna non è una lavatrice
  Indagine Ru486: si apra un dibattito nel Pd
  Ru486: l'arroganza della politica, le vere ragioni dell'indagine
  Ru486: Aifa autorizza, Roccella di lotta o di governo?
  Aborto. Il vero scontro non è fra laici e cattolici, ma fra scienza e integralismo religioso
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Indagine sulla RU486. Polpetta avvelenata contro le donne
  Aborto/RU486. Quello farmacologico è legale e non più procrastinabile
  Il presidente di Laziosanità ignora clamorosamente la differenza fra pillola del giorno dopo e pillola abortiva
  Abortire in Svizzera? Ru486, privacy e senza tempi di attesa. Interrogazione
  Legge 194. Funzionerà ancora meglio grazie all'Europa
  Pillola del giorno dopo e Ru486. Obiezione coscienza e farmacisti
  Valter Vecellio. La situazione: il presidente della CEI detta le condizioni del Vaticano
  Ru486. Metodo già previsto in legge. Contraccezione, clandestinità e obiezione di coscienza
  Ru486: Sacconi ha letto la sua relazione al Parlamento sull'aborto farmacologico?
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  Aborto. Vaticano e convertiti auspicano ritorno al clandestino?
  Monica Lanfranco. Faccende da donne
  Aborto/Ru486. A quando anche in Italia ed evitare i pericoli di una illegalità crescente? Interrogazione
  Ru486. Ma a cosa serve la Federazione degli ordini dei medici?
  Ru486: l'incredibile audizione di Sacconi
  Vincenzo Donvito. Ru486. Quasi al debutto, continuano le mistificazioni. L'Aduc informa
  Ru486: Sacconi e la crociata contro le donne
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  RU486 in Emilia Romagna. La maggior parte delle donne non sa di poterla utilizzare. È necessaria la sua registrazione in Italia
  RU486. Conferenza stampa venerdì 2 aprile a Firenze
  Silvio Viale. È morto Harvey Karman
  Le donne italiane figlie di un dio minore
  RU486. Bene autorizzazione Aifa, attenzione ai colpi di coda dei pasdaran
  RU486. Le minacce del Governo alle Regioni: abuso di potere?
  26 settembre, giornata mondiale della contraccezione
  Ru486. L'Aifa, piegata da pressioni clerico-politiche, viola la direttiva Ue sul mutuo riconoscimento dei farmaci. Ricorso alla Corte europea
  Commissione Ru486. Manovre dilatorie
  Legge 194. Guerra ai diritti delle donne
  RU486: uso improprio istituzioni, i “lavori” della commissione Sanità
  La pillola abortiva Ru486 è sicura ed efficace
  Aborto e nuove linee guida. Un test per il ministero della Salute: laico o clericale?
  Ru486. Il ministro Sacconi sfiducia il direttore dell'Aifa che ha pubblicato la delibera di commercializzazione
  Vincenzo Donvito. “Abortirai nel dolore”
  Bruno Mellano e Giulio Manfredi. RU486: solidarietà al Direttore AIFA
  Ru486. Finalmente anche in Italia il diritto alla salute e alla scelta. Ma stiamo in allerta...
  La pillola abortiva deve essere disponibile in tutti gli ospedali piemontesi
  Ru486. Aduc denuncia l'Italia a Commissione Ue per inadempienza del diritto comunitario
  Aborto/sepoltura. Il Consiglio regionale della Lombardia cerca disperatamente di scardinare la legge 194 e i diritti delle donne
  Ru486. Bene la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si rispetti la legge e si lasci in pace l'Aifa
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy