Giovedì , 27 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Domenico Pisana. Canto dal Mediterraneo
20 Giugno 2009
 

Nel cuore di Milano. Poco più in là, la Darsena: l'antico porto della metropoli lombarda, laddove giungevano uomini e barche, chiatte, idee e merci. Centro pulsante di vita, per una città d'acqua, i due rami del Naviglio Grande e di quello Pavese a dipartirsi dal vecchio approdo coi loro flussi e deflussi, fiumi artificiali di storie vere. Qualcosa rimane di quella Milano e qualcosa è definitivamente scomparso, con la nostalgia che attanaglia i cuori. Questo pensiamo quando agli Archivi del '900 di Luigi Olivetti, in via Montevideo 9, Domenico Pisana si accinge a presentare il suo Canto dal Mediterraneo. Nulla come Milano e il suo essere continentale parrebbero di più antitetico rispetto al lavoro poetico dell'autore di Modica. Eppure... Abbiamo visto che Milano, crocevia di genti e culture, luogo di lavoro e accoglienza, era una città d'acqua, solcata per ogni suo dove da fiumi, naturali o frutto della fatica e dell'ingegno umano, che infine avrebbero portato le loro acque altrove, alias il Gran Mar Mediterraneo, casa di tutti noi. E la nostalgia... si spiega da sé, senza fatica: ciò che è stato e non è più, ciò che forse, un giorno, ancora potrebbe essere.

Un pomeriggio colmo di stimoli e suggestioni quello offertoci dalla poesia di Domenico Pisana, a Milano, alla Libreria-Archivi del '900. In una sala completamente gremita di spettatori è stato presentato il volume Canto dal Mediterraneo edito da Ismeca. A fare da anfitrione un altro poeta, Pippo Puma. Del resto chi meglio di un poeta può presentare un proprio collega? Da segnalare peraltro l'originale prolusione tenuta da Graziells Corsinovi, docente di Letteratura Italiana all'Università di Genova, nota per i suoi studi su Giacomo Leopardi e, in particolare, su una bella congerie di autori siciliani. Affascinante il quadro critico-estetico tracciato dalla Professoressa Corsinovi che nel suo excursus ha saputo ben individuare i temi salienti della poetica del Pisana, l'afflato mistico, la vasta e composita esperienza multiculturale, l'impegno civile, il senso d'appartenenza e le radici, la visione del mondo oltre limiti e confini, lo scavo interiore, il lirismo...


La sera d'estate


E di nuovo la sera d'estate,

e il mare di zucchero baciato dai raggi,

e le cicale che cantano nei rovi

e la luna e la brezza. O Teofilo,

hai fermato il tuo piede: l'alba

ha ancora ebbrezza di cielo per noi.

Qui rinfrancato raggomitoli il tempo:

e sorvoli i giorni di nebbia

con gli occhi di colomba:

non fendere la corda che ti batte vicino

coi fili di neve ammantati di perle.

Qualcuno ci narri dell'acqua, qualcuno

ci doni una pausa di vento.


Un componimento esemplare che ha ricevuto l'onore della traduzione in albanese da parte del poeta Çlirim Muça, anch'egli presente nel caldo pomeriggio meneghino alla presentazione del libro di Domenico Pisana. «Il tempo ci screpolerà le mani sudate di fatica/ avvolte in fastelli di rimpianti,/ ci sgretolerà i volti sorrisi di sole/ e di speranze racchiuse nella scatola dei sogni.../ ci screpolerà i corpi accasciati e stanchi e accasciati.../ Solo il cuore resterà al riparo e narrerà a se stesso il mistero mutevole dell'amore...». La tenera furia dell'amore a sconvolgere e provare a ricomporre il mutevole e duro universo umano. E ancora...


Ancora una coltre di stelle


Ancora una coltre di stelle mi rapisce

e amplesso di mare e luna,

ove s'ode battito di fiore colto.


E là nel borgo, mite capretto

ha belato con gli occhi di fuoco:


brucia in quel gemito l'inganno

di agili pantere in agguato,

del muro fonte della notte.


Va peraltro detto che Domenico Pisana ha al suo attivo oltre venti pubblicazioni fra volumi di poesia e critica letteraria od opere di carattere politico ed etico-teologico. Nei suoi versi egli sa coniugare la speculazione filosofica e la meditazione sull'essere con le accensioni liriche, le ragioni dell'intelletto con quelle del cuore.

Non certo secondaria, nell'occasione, la partecipazione di Tonko Maroevic, 68enne poeta spalatino, e presente in sala era anche Andro Knego, Console Generale della Croazia.

Per concludere, un'ultima poesia tratta dalla sezione “Canto della disgregazione” (le altre sezioni in cui è diviso Canto del Mediterraneo sono “Canto della bellezza”, “Canto della speranza” e “Canto dell'amicizia”, e in fondo sono queste a prevalere grazie all'ottimismo dell'adamantina coscienza)...


Non è tardi per essere folli


Giammai tace il folle, abbozza a tratti disegni

di verità larvate, scopre lapidi di tombe ove

giacciono scheletri d'interminabili metamorfosi.


Ecco, rimanere legati alle radici dell'indipendenza

apre varchi alla follia, alla gogna affida l'uomo

rimasto con se stesso, chiude stanze di palazzi

ove a tratti uomini in maschera esercitano

stucchevoli magie quotidiane.


Trovare folli fra la gente per entrare

nel duello di finzioni, la speranza

del nostro tempo di vedere accartocciato

il divario tra luce e tenebra,

verità e menzogna,

immagine e realtà.


Non è tardi per essere folli!

Forse bere vino senza polvere aprirà

gli occhi alla coscienza, prima che altre mani

vi piantino per sempre semi corruttibili.


Che non si spenga la fiamma della follia, ora

che perfino l'aria odora di mafia,

d'acque putrefatte e di terra bruciata;

che non si spezzi il filo che tiene ancora

in vita schegge capaci di rompere

vetri opachi di città piegate alla rassegnazione.


 

Che altro dire o fare se non raccomandare alla pubblica attenzione e immergersi nella lettura dei versi di questo lirico immerso nel soave rombo dei giorni che rotolano alla meta, mossi dal vento dell'ideale, cullati dalla risacca che ci porta echi e voci di terre remote e uomini lontani che pur tuttavia sentiamo fratelli.


Alberto Figliolia



Articoli correlati

  Domenico Pisana. Siamo tutti dei teatranti?
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Tra naufragio e speranza” di Domenico Pisana
  In libreria/ Giuseppina Rando. L’anima e i luoghi
  Iniziative/ Alberto Figliolia. La poesia di Salvatore Puma e Modica
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Là era mio padre
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Stasera, padre, berremo insieme
  Alberto Figliolia. A Pietro Mennea
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Tanti denti d'oro
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Orizzonti*
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  In libreria/ Alberto Figliolia. Domestiche affezioni
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Hommage
  Alberto Figliolia. A Peter Norman
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ad Alda Merini
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Tram 14, Lorenteggio-Duomo
  Alberto Figliolia e Davide Grassi. La sua Africa. Storia di Samuel Eto'o
  Alberto Figliolia. IV Poetry Slam “poesia in carcere”
  Milano tra poesia e storia di Alberto Figliolia e Mauro Raimondi
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Operai sui tetti
  Alberto Figliolia. El folber e altri destini
  Non si dovrebbe mai morire/ nel buio della notte/ o in un giorno assolato
  Alberto Figliolia. Yes, President Obama...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  Vetrina/ Alberto Figliolia. 1308...
  Giovedì a Milano. Presentazione del libro “Cento novantesimi”
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Trittico per Lampedusa
  Vetrina/ Alberto Figliolia. 12 haiku
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Piazza Fontana
  Spot/ Spoken Word Poetry & Instragram Art Night
  Giuseppe Marco d'Agostino. Cronache da Rapa Nui, CFR Edizioni
  Poesie d'estate/ Alberto Figliolia, Carlo Pini, Michael Santhers
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Parigi
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Officium, quinquies
  La poesia dello sport
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Piazza Fontana
  Spot/ Il 'vino giusto' del 'dottor Birillo'
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A L.F.
  Alberto Figliolia, Davide Grassi, Mauro Raimondi. Eravamo in Centomila
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La tomba di ferro salato
  Alberto Figliolia. Nacqui ortica selvatica...
  Milano e il suo derby, 102 anni di passione sportiva
  Milano, ti prego, ritorna! Intervista al candidato indipendente Alberto Figliolia
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Platìa Sintàgmatos...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. "Il canto di Sakineh" e "Il canto del codardo"
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Fausto e Gino
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A Muhammad Ali, nel giorno della morte
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Per Eluana
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A Daphne Anne Vella (Caruana Galizia)
  Spot/ In un mignolo d’aria
  Eventi/ Milano. Domestiche affezioni
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Com'è profondo il mare...
  In libreria/ Alberto Figliolia. Dopo gli angeli precipitati
  Alberto Figliolia. A Bob Beamon
  Natale Tf2016/ C. Pini, P.M. De Maestri, E. Maifré, G. Gianoncelli, A. Figliolia
  La storia di Milano attraverso il suo derby
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Due poesie per l’Etiopia
  Ma l'aria di città (cartoon), Eravamo in Centomila (derby Inter-Milan)
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Fai del bene...
  Anteprima/ Alberto Figliolia. Cieli di Gloria
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Con
  Ana Vicent Colonques e Alberto Figliolia. Lei, Lui... e gli Altri
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A San Giacomo Filippo
  Vetrina/ Piove, una poesia di Alberto Figliolia
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La canzone dei migranti che furono
  Paola Mara De Maestri, Patrick Sammut. Alla Valletta Alberto Figliolia e Çlirim Muҫa, ospiti dei “Poeti Maltesi”
  Alberto Figliolia. A Emil Zátopek
  Vetrina/ Alberto Figliolia. …solo un po' lo dondola il vento
  In libreria/ Alberto Figliolia, Çlirim Muça. Anka, una ballerina di Danzica
  Eventi/ Alberto Figliolia a Cuggiono a sventolar Pagine al sole
  Spot/ Poeti in Valle: Alberto Figliolia e Barbarah Guglielmana si leggono
  Simona Borgatti. Çlirim Muça, il poeta dell’Est
  Iniziative/ Poeti e pittori valtellinesi protagonisti a “Malta capitale europea della cultura 2018”
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ci devitalizzano il giorno...
  In libreria/ Alberto Figliolia. Cieli di Gloria
  Alberto Figliolia
  Alberto Figliolia. Tutto quello che c'è nelle gocce di pioggia posate su un vetro
  Festa di Carugate: poesia e diritti umani con Roberto Malini
  Vetrina/ Alberto Figliolia. È l'era delle stragi degli innocenti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy