Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > L'ultimo dei milanesi
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Milano, ti prego, ritorna! Intervista al candidato indipendente Alberto Figliolia 
di Mauro Raimondi
Alberto Figliolia, candidato al Consiglio comunale di Milano
Alberto Figliolia, candidato al Consiglio comunale di Milano 
11 Maggio 2011
 

Sono una trentina d’anni, ormai, che Milano se ne è andata da… Milano.

Ė dai tempi della “città da bere”, infatti, che Milano, sdegnata, è svanita nel nulla. Portandosi via la sua innata tolleranza, la sua capacità di accoglienza e solidarietà. La sua serietà e onestà. Il suo primato culturale all’interno del Paese. La sua capacità di innovare. Perché Milano, da sempre, è la città che in Italia ha rappresentato la modernità, il cambiamento: se si togliessero dalla Storia Italiana del ‘900 tutti i fenomeni che hanno avuto origine o si sono sviluppati a Milano, della patrie vicende resterebbe poco o nulla.

Di questo, vogliamo che i nostri concittadini siano consapevoli, il giorno delle elezioni. Perché è necessario che Milano ritorni al più presto fra noi, riprendendosi il suo storico ruolo. Mai come in questo momento, in Italia, si sente l’assoluta necessità, l’urgenza di una svolta. E se è proprio qui, sotto la Madonnina, che quel cancro politico e di costume chiamato berlusconismo è nato, qui è ora che inizi a morire.

Possibilmente, fin dalle prossime Amministrative. Un sogno, quasi sicuramente, visto l’incredibile (e innaturale) squilibrio tra la forza economica e mediatica messa in campo dall’attuale ricchissimo sindaco a confronto di quella degli sfidanti. Ma ben misero è un popolo che non sa sognare. E per dare luce a questo miraggio, abbiamo deciso di ospitare, nella nostra rubrica, le riflessioni di un candidato alle elezioni, pure lui in ansiosa attesa del ritorno di Milano: Alberto Figliolia, giornalista e poeta milanese, profondo (e appassionato) conoscitore della città.

Cosa ti ha spinto a presentarti nelle liste di SeL come indipendente?

«Sono stato mosso dal desiderio di fare qualcosa per questa città meravigliosa, che negli ultimi anni ha però conosciuto un tracollo di speranze, aspettative e prospettive, in un clima sociale soffocante, di malgoverno o disgoverno. Dobbiamo restituire Milano alla sua storia e potenzialità, alle illuminazioni civili e culturali che l'hanno sempre contraddistinta. E dobbiamo batterci contro il cinismo e l'ipocrisia che invece hanno operato a pieno raggio. Il Palazzo deve smettere di essere tale, luogo di potere e affari: si debbono recuperare idealità e progetti, condividendo programmi e idee. Con la gente e per la gente. Utopistico? Non se ci credi. Certo pragmatismo lobbistico si è rivelato un male insopportabile. Milano e i milanesi meritano di meglio. E non sono slogan. Per quanto mi riguarda ho maturato una serie di esperienze che reputo potrebbero essere utili: sono un dipendente pubblico, faccio volontariato in vari ambiti, sono un giornalista free lance, ho scritto parecchi libri, nei quali Milano ha la sua parte, importante, ho fatto l'allenatore di basket per oltre trent'anni nelle periferie della metropoli, e sono padre di tre figli, giovani studenti in cerca di un futuro. E non ho mai smesso di pensare alla politica come servizio per il bene comune, un fatto etico e gratificante».

Come sai, Castellaneta identificava la milanesità con la serietà sul lavoro, l'interesse per i soldi ma anche con l'apertura mentale e civile. In che modo ti identifichi con questa definizione? E quale è la Milano che vorresti?

«Sono d'accordo con Carlo Castellaneta, autore che stimo moltissimo (magnifico il suo romanzo Notti e nebbie e semplicemente stupendo il suo Dizionario di Milano), se l'interpretazione è che il lavoro è un valore e che un lavoro ben fatto è motivo di orgoglio, strumento di elevazione e utile all'individuo e alla società. Non mi piace la deriva del soldo facile e oscuro. Milano è sempre stata la città del lavoro, delle occasioni per chiunque avesse voglia e idee: l'augurio è che torni a essere questo, un magnifico crogiolo di arti, mestieri e creatività. Affinché il circuito riprenda la virtuosità che deve essergli propria, sorpassando la bieca logica del precariato, della sottoccupazione, dello sfruttamento. Bisogna tutelare i diritti di chi lavora e offrire opportunità ai giovani. A Milano, un tempo, non si rischiava di restare senza lavoro... Il presente è più arduo, data anche la crisi economica. Ma questa città ha il cuore, la testa e i nervi giusti per risollevarsi, ha risorse materiali e sentimentali senza pari. È ovvio che bisogna cambiare rotta politica, riaprendo il fronte degli ideali e riacquisendo le giuste logiche di progresso».

Tu sei cresciuto nella banlieu milanese: quali differenze trovi tra la città della tua infanzia e questa?

«Molto è cambiato, compresa la nebbia che non c'è più! Si sono inesorabilmente ridotti gli spazi verdi, a causa di intollerabili speculazioni. È pure subentrata una sorta di frenesia nevrotica, anche per quel che concerne i rapporti umani. Anche se Milano conserva una bellezza segreta, una nostalgia recondita, un profondo fluire emotivo. Come quando era una città d'acqua. Il cuore di Milano batte ancora forte. Non può essere un luogo di automi, di cieco consumo e dissennata produzione. Milano ha un'anima intelligente. E questa rinascita – auspichiamo un Rinascimento milanese – può cominciare dalle periferie estendendosi al suo nucleo antico».

Come giornalista e poeta hai avuto modo di conoscere molti personaggi della cultura milanese: chi ti ha colpito e magari influenzato maggiormente?

«Ho avuto innumerevoli incontri con persone speciali: artisti, scrittori, sportivi, che a questa città hanno dato lustro e visibilità nel mondo. Ma così penso anche riguardo al vecchio partigiano, all'artigiano, al più oscuro operatore e lavoratore. Ogni incontro mi ha segnato in positivo e dato qualcosa: da Franco Loi a Tomaso Kemeny, da Sandro Mazzola a Fabio Cudicini, da Alda Merini a Dino Meneghin, dallo spazzacamino solitario al reduce dal campo di sterminio nazista, da Luigi Cina Bonizzoni a Piero Colaprico, da Gianfelice Facchetti agli allenatori delle più improbabili équipes sportive e a tutti quelli che regalano se stessi nell'associazionismo e nel volontariato, una delle componenti più nobili del carattere meneghino. Sono grato a tutti coloro che ho incontrato per avermi donato un pezzo della loro milanesità, della loro coscienza, delle immagini sedimentate nel profondo».

Come “sta”, la cultura, a Milano?

«Potrebbe star meglio. Soprattutto dovrebbe essere più accessibile: bisogna fare una politica culturale in cui si coniughino elevata qualità dei contenuti e costi ridotti e, ogni volta che sia possibile, gratuiti. I grandi eventi non sono bastevoli alla fame di sapere, alla curiosità che va sempre suscitata e mai repressa o depressa. La cultura fa crescere. Diceva un cantautore: “Posso mangiare sassi, posso respirare fango, ma non mi deve mancare la cultura”. Le eccellenze vanno salvaguardate e non umiliate e il panorama va ampliato con iniziative e strutture. A Milano si fa dell'ottimo teatro: l'underground ha la sua forza, perché non assecondarne gli esiti con adeguati incentivi? È solo un esempio fra i tanti. Ecco, mi piacerebbe pensare a Milano come un laboratorio permanente di elaborazioni intellettuali. Che si applicano perfettamente alla vita quotidiana rendendola migliore, più fruibile, più soddisfacente. Poi, io sono fermamente convinto che con la cultura si possa mangiare».

Come rientra Milano nella tua poesia?

«Una fonte continua di ispirazione. A volte acida e onirica, a volte con squarci di disperata bellezza. Le stesse sue discordanze, sconnessioni, imperfezioni alimentano l'ispirazione. Così come la varietà delle genti o l'apparente labilità degli incontri. Dico apparente, perché credo a un'empatia che ci lega tutti al tessuto psichico di questa metropoli-villaggio che componiamo, scomponiamo e ricombiniamo incessantemente. Di Milano colgo particolari che ancora mi stupiscono: lo sferragliare di un tram, i fregi dei palazzi, i Navigli, l'ardire e l'ardore di chi vi cammina, gli universi delle metropolitane, l'umanità delle periferie, la solidarietà che si oppone al degrado».

C'è qualche quartiere o luogo di Milano a cui sei particolarmente legato?

«Baggio, Muggiano, Forze Armate, Lorenteggio, San Siro, Quinto Romano. In realtà, non vi è quartiere che non abbia qualcosa che a esso mi lega: ricordi, impressioni, emozioni, architetture, sogni a occhi aperti, la deliziosa chiesa di San Cristoforo, Sant'Ambrogio, il mio liceo, i campi di basket all'aperto, la Forza e Coraggio, le vetrate del Duomo, l'idea che Gorla era un villaggio, la Martesana, i gasometri, Cascina Linterno e Cascina Campazzo, il Planetario, l'ospedale dove sono nati i miei figli... L'elenco è sterminato».

Le scuole civiche, dove insegno, sono state ampiamente ridimensionate, quasi cancellate, dall'attuale amministrazione. Cosa pensi a riguardo?

«Quel che è successo alle scuole civiche e serali mi ha profondamente ferito. Ho seguito con dolore e rabbia quelle vicende. Non lo accetto né lo accetterò mai. Perché è stato fatto? Chiudendo o tagliando in quell'ambito si è andati a distruggere una delle più belle e consolidate tradizioni di Milano. Si sono affondate le virtù civiche con quegli intempestivi e brutali atti. Perché infierire sul popolo degli studenti-lavoratori proibendo un'importante scelta di vita e levando loro possibilità e conoscenza? Se il centrosinistra vincerà le elezioni dovrà provvedere alla riapertura e al potenziamento di questi istituti. Un passo assolutamente necessario, da compiere senza tentennamenti. Perché puoi mangiare sassi, respirare fango, ma la cultura non ti deve mai mancare. Milano è lavoro, Milano è cultura: due imprescindibili elementi della dignità di ciascun essere umano».


Articoli correlati

  Comunali Milano. Per un’alternativa democratica fondata sul rispetto delle regole...
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Emma Bonino. Con Pisapia una prima, vera, primavera milanese
  Marco Lombardi. Sacrificarci per il cambiamento
  Ne abbiamo le ...STRADE piene! Acchiappabusivi in azione a Milano [video]
  Un po' d'aria pulita, per vivere meglio a Milano
  Valter Vecellio. Ma al PD hanno capito che a Milano si può vincere?
  Valter Vecellio. Ministro sguaiato, governo indecente (pensarlo è moralismo?)
  Lista Bonino-Pannella. Il “metodo Lassini” è la regola a Milano, a partire dal sindaco Moratti
  Emma Bonino. Anch'io candidata a Milano con Cappato e Pannella
  Marco Cappato. “Mi candido a presidente del Consiglio comunale di Milano, per la legalità e la trasparenza”
  Manifesti abusivi? Quelli legali vanno a pedali!
  Francesco Poirè. Zanzare/Milano: L’incapacità di questa classe politica punge i cittadini
  Vincenzo Servile. Dopo le amministrative i referendum!
  Milano Rinnovabile e Solare. Le proposte della Lista Bonino Pannella
  Orange wave for Pisapia
  Rosario Amico Roxas. Milano: …Con la presenza di persone sagge e forti…
  Bonino e Cappato denunciano alla procura Berlusconi e i direttori dei TG che hanno trasmesso le sue pseudo interviste
  Emma Bonino. Con Pisapia un radicale al comune di Milano
  Enrico Fedrighini. Milano, Festa e Referendum: il 7 giugno in piazza al QT8!
  Stefano Bettera. Emma Bonino: «Una metropoli ecologista e laica»
  La liberazione di Milano, un mese dopo
  Giuliano Pisapia. Succedono cose a Milano
  Marco Cappato. Nonsolofirme! C'è un'alternativa da creare a Milano
  Milano. Serata in onore di Harvey Milk con Stuart Milk
  Pierfrancesco Majorino. Milano: Manca poco
  Nicola Vacca. La disfatta del Cavaliere ridanciano
  JurisReport. Milano, il vento è cambiato
  “Bella zia! Vota Pisapia” [video] e il gioco sporco con la Scuola “Rinascita – Amleto Livi”
  Milano. La diffamazione ha le gambe corte
  Marco Cappato. I partiti milanesi paghino gli 8 milioni di euro di multe
  Un colpo di tosse per Milano
  Parte da Milano la riscossa riformista?
  Elezioni Milano. Emma Bonino: la vera partita comincia adesso
  UDIaMILANO. 50E50, Democrazia Paritaria. Anche a Milano si può
  Agenda Coscioni. “Milano chiama Italia, legalizzare e bonificare”
  Milano. “Cambiare è necessario”. Un documento di cristiani sulle elezioni municipali
  Rosario Amico Roxas, con lettera di Guido da Milano
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Fausto e Gino
  Alberto Figliolia. A Pietro Mennea
  Vetrina/ Alberto Figliolia. 12 haiku
  Milano tra poesia e storia di Alberto Figliolia e Mauro Raimondi
  Alberto Figliolia. Tutto quello che c'è nelle gocce di pioggia posate su un vetro
  Giuseppe Marco d'Agostino. Cronache da Rapa Nui, CFR Edizioni
  Alberto Figliolia. IV Poetry Slam “poesia in carcere”
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  In libreria/ Alberto Figliolia, Çlirim Muça. Anka, una ballerina di Danzica
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Tram 14, Lorenteggio-Duomo
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Stasera, padre, berremo insieme
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ad Alda Merini
  Alberto Figliolia. El folber e altri destini
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Trittico per Lampedusa
  Vetrina/ Alberto Figliolia. 1308...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ci devitalizzano il giorno...
  Alberto Figliolia. Yes, President Obama...
  Iniziative/ Poeti e pittori valtellinesi protagonisti a “Malta capitale europea della cultura 2018”
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Tanti denti d'oro
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La canzone dei migranti che furono
  Giovedì a Milano. Presentazione del libro “Cento novantesimi”
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A L.F.
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A Muhammad Ali, nel giorno della morte
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Com'è profondo il mare...
  Spot/ Poeti in Valle: Alberto Figliolia e Barbarah Guglielmana si leggono
  Non si dovrebbe mai morire/ nel buio della notte/ o in un giorno assolato
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Là era mio padre
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Parigi
  In libreria/ Domenico Pisana. Canto dal Mediterraneo
  Spot/ Spoken Word Poetry & Instragram Art Night
  Alberto Figliolia
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Officium, quinquies
  Vetrina/ Piove, una poesia di Alberto Figliolia
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La tomba di ferro salato
  Poesie d'estate/ Alberto Figliolia, Carlo Pini, Michael Santhers
  Eventi/ Alberto Figliolia a Cuggiono a sventolar Pagine al sole
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Platìa Sintàgmatos...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  La poesia dello sport
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Orizzonti*
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Piazza Fontana
  Spot/ Il 'vino giusto' del 'dottor Birillo'
  Alberto Figliolia, Davide Grassi, Mauro Raimondi. Eravamo in Centomila
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Con
  Eventi/ Milano. Domestiche affezioni
  Alberto Figliolia. Nacqui ortica selvatica...
  Milano e il suo derby, 102 anni di passione sportiva
  Vetrina/ Alberto Figliolia. "Il canto di Sakineh" e "Il canto del codardo"
  In libreria/ Alberto Figliolia. Domestiche affezioni
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A Daphne Anne Vella (Caruana Galizia)
  In libreria/ Alberto Figliolia. Dopo gli angeli precipitati
  Alberto Figliolia. A Bob Beamon
  Natale Tf2016/ C. Pini, P.M. De Maestri, E. Maifré, G. Gianoncelli, A. Figliolia
  La storia di Milano attraverso il suo derby
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Operai sui tetti
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Due poesie per l’Etiopia
  Ma l'aria di città (cartoon), Eravamo in Centomila (derby Inter-Milan)
  Anteprima/ Alberto Figliolia. Cieli di Gloria
  Ana Vicent Colonques e Alberto Figliolia. Lei, Lui... e gli Altri
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Fai del bene...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A San Giacomo Filippo
  Paola Mara De Maestri, Patrick Sammut. Alla Valletta Alberto Figliolia e Çlirim Muҫa, ospiti dei “Poeti Maltesi”
  Alberto Figliolia. A Emil Zátopek
  Alberto Figliolia e Davide Grassi. La sua Africa. Storia di Samuel Eto'o
  Vetrina/ Alberto Figliolia. È l'era delle stragi degli innocenti
  Simona Borgatti. Çlirim Muça, il poeta dell’Est
  In libreria/ Alberto Figliolia. Cieli di Gloria
  Spot/ In un mignolo d’aria
  Vetrina/ Alberto Figliolia. …solo un po' lo dondola il vento
  Alberto Figliolia. A Peter Norman
  Festa di Carugate: poesia e diritti umani con Roberto Malini
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Piazza Fontana
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Per Eluana
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Hommage
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy