Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > L'ultimo dei milanesi
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La storia di Milano attraverso il suo derby 
di Mauro Raimondi
21 Novembre 2014
   

Ci sono tanti modi, per raccontare la Storia di Milano. Attraverso i suoi monumenti, i personaggi, le sue attività economiche, la moda, la criminalità...

Oppure, per mezzo del calcio. Certo, anche il football fa parte dell’immagine e della cultura di una città, tanto è vero che all’estero Inter e Milan rappresentano un brand esattamente come il Duomo o la Scala. E il fatto che il Museo di San Siro sia uno dei più visitati di Milano (se non il più), lo sta ampiamente a dimostrare.

Le due squadre meneghine sono la città, ed è quello che Alberto Figliolia, Davide Grassi e il sottoscritto hanno voluto testimoniare con il recentissimo Il derby della Madonnina (Book Time Editore, 282 pagine, 16 euro). Un libro che, nei suoi primi quattro capitoli dedicati alle grandi vittorie di Inter e Milan nella stracittadina, ai protagonisti più o meno famosi (“Facce da Derby”) e alle partite più appassionanti o curiose (“Derby sul filo del rasoio”), si pone come una sorta di enciclopedia rossoneroazzurra con la sua settantina di sfide narrate (dalla prima del 1908 a Chiasso al gol di tacco di Palacio nel 2013), ricche di pathos e aneddoti, corredate da numerose foto e accompagnate dai rispettivi tabellini.

Nella postfazione, però, gli autori allargano lo sguardo al rapporto tra le due squadre e la città che le ha partorite, sovrapponendo la Storia di Milano alle vicende di Inter e Milan in un’analisi che ha inizio alla fine del XIX secolo, quando la città, culla della prima rivoluzione industriale italiana e di ripetute Esposizioni, laboratorio di tutte le modernità, fu all’avanguardia anche nel nascente football insieme a Torino e Genova, con il Milan che si aggiudicava ben tre titoli nel 1901, 1906 e 1907.

La metropoli dove viviamo oggi ha avuto origine proprio da lì, da quel momento storico in cui tutto si inventava, si produceva e riproduceva in modo frenetico, esattamente come quell’Internazionale nata da una costola dei cugini rossoneri nel 1908. Come si legge nel libro: «Milano contava 700mila abitanti circa, e il suo orizzonte era segnato dalle ciminiere. Mentre il suo cuore bimillenario era percorso dai Navigli, sulle cui rive la nuova squadra meneghina disputò le sue prime partite. Il terreno di gioco interista, infatti, si trovava all'altezza del n. 115 di Ripa Ticinese, accanto al Naviglio Grande, e ciò poteva spesso costringere ad andare a recuperare i palloni scagliati dai pedatori nelle verdi acque del canale-fiume». A quell’epoca, il Milan aveva già calcato e lasciato il suo primo campo in via Andrea Doria, situato proprio dove ora si staglia l’enorme mole della Stazione Centrale. Poi, prima di San Siro (inaugurato con un derby nel 1926), i rossoneri giocarono all’Acquabella in piazzale Susa, al Campo di Porta Monforte in via Fratelli Bronzetti (confinante con l’abbandonato cimitero di Porta Vittoria), al Velodromo Sempione in via Arona, nello stadio di viale Lombardia. Un continuo migrare nella periferia milanese che esaltò ancora di più il radicamento della squadra con i quartieri più popolari della città, dove non casualmente i casciavitt furono sempre in prevalenza. Mentre i bauscia neroazzurri, forse perché si accomodavano a vedere la loro Inter nella centrale Arena (solo saltuariamente condivisa con il Milan), vivevano soprattutto all’interno dell’ormai borghese cerchia dei Navigli.

Milano non fu mai una città fascista, come disse lo stesso Mussolini. E di conseguenza il fascismo non portò bene a Milano, calcisticamente e non solo: dalla marcia su Roma del 1922 alla fine della guerra furono soltanto tre gli scudetti conquistati dall’Inter, contro addirittura nessuno rossonero.

Ma non appena la dittatura fu defunta, tutto cambiò radicalmente. «La nascita della Rai, l’avvio dei lavori per la metropolitana, l’innalzamento della Torre Velasca e i lavori per il centro direzionale in Garibaldi: la dinamica Milano degli anni Cinquanta si lanciava verso una nuova avventura. E, parallelamente a quel ruolo di traino e innovazione che Milano innegabilmente rivestiva, il calcio meneghino conosceva le sue rivincite. Sicuramente non si trattava di un caso, e il legame tra potere economico e potere calcistico sarebbe diventato sempre più solido con il passare degli anni. Addirittura sei dei dieci campionati del decennio vennero vinti dalle due milanesi», a cui si sommarono i cinque degli anni ’60, quando Inter e Milan si issarono anche sul tetto d’Europa (con quattro Coppe dei Campioni) e del mondo (con tre Coppe Intercontinentali).

La città, dunque, era risorta insieme al suo calcio. Ma non appena lo slancio del boom finì, si ritrovò fredda e malata per la devastazione sociale ed umana che quel fenomeno aveva provocato (come spiegò perfettamente il grande Bianciardi). Così, inquinata dalle fabbriche, invasa dalle auto, uccisa dalla bomba di piazza Fontana e impaurita dal terrorismo, Milano ricadde in crisi insieme alle sue squadre, che in tutti gli anni Settanta si aggiudicarono la miseria di due tricolori.

Per rivedere Inter e Milan di nuovo in auge in Italia ed Europa si dovette attendere la fine degli anni ’80, quando i tanti soldi della socialista “Milano da bere” invasero la capitale della pubblicità e delle tv private, dell’effimero e del narcisismo. L’Inter, dopo lo scudetto record del 1989, fece collezione di Coppe Uefa, mentre il Milan del presidente imprenditore e politico si laureò Campione d’Europa per due anni di fila (1989, 1990), continuando poi a cavalcare l’onda durante tutto il decennio, indifferente a Tangentopoli e ad una metropoli che si scopriva leghista e ripiegata su se stessa, di nuovo inondata da colate di cemento.

Unica città d’Europa a potere vantare le sue due squadre vincitrici della Coppa dei Campioni-Champions, nel 2003 e nel 2005 Milano offrì al mondo del calcio la sfida fratricida nelle semifinali e nei quarti di Champions. Il Milan vinse in entrambe le occasioni, e si aggiudico due edizioni del maggiore trofeo continentale. Ben presto, però, arrivò la rivincita dei neroazzurri, “miracolati” da Calciopoli ma poi capaci di aggiudicarsi uno storico Triplete nel 2010.

Indirizzato più agli appassionati e agli storici del football che ai tifosi veraci, il volume è arricchito da una prefazione che regala le impressioni e i ricordi di chi, il derby, l’ha vissuto in campo come i milanisti Prati, Evani e Colombo, o in famiglia a fianco di un protagonista, come Gianfelice Facchetti o Federico Jaselli Meazza, nipote del mitico Giuseppe.

Saludi


Articoli correlati

  Giovedì a Milano. Presentazione del libro “Cento novantesimi”
  Alberto Figliolia, Davide Grassi, Mauro Raimondi. Eravamo in Centomila
  Milano e il suo derby, 102 anni di passione sportiva
  Davide Grassi, Mauro Raimondi: “Milano è rossonera”
  Ma l'aria di città (cartoon), Eravamo in Centomila (derby Inter-Milan)
  Alberto Figliolia e Davide Grassi. La sua Africa. Storia di Samuel Eto'o
  Alberto Figliolia. “L'attimo vincente” di Davide Grassi
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Fausto e Gino
  Alberto Figliolia. A Pietro Mennea
  Vetrina/ Alberto Figliolia. 12 haiku
  Milano tra poesia e storia di Alberto Figliolia e Mauro Raimondi
  Alberto Figliolia. Tutto quello che c'è nelle gocce di pioggia posate su un vetro
  Giuseppe Marco d'Agostino. Cronache da Rapa Nui, CFR Edizioni
  Alberto Figliolia. IV Poetry Slam “poesia in carcere”
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  In libreria/ Alberto Figliolia, Çlirim Muça. Anka, una ballerina di Danzica
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Tram 14, Lorenteggio-Duomo
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Stasera, padre, berremo insieme
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ad Alda Merini
  Alberto Figliolia. El folber e altri destini
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Trittico per Lampedusa
  Vetrina/ Alberto Figliolia. 1308...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ci devitalizzano il giorno...
  Alberto Figliolia. Yes, President Obama...
  Iniziative/ Poeti e pittori valtellinesi protagonisti a “Malta capitale europea della cultura 2018”
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Tanti denti d'oro
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La canzone dei migranti che furono
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A L.F.
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A Muhammad Ali, nel giorno della morte
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Com'è profondo il mare...
  Spot/ Poeti in Valle: Alberto Figliolia e Barbarah Guglielmana si leggono
  Non si dovrebbe mai morire/ nel buio della notte/ o in un giorno assolato
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Là era mio padre
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Parigi
  In libreria/ Domenico Pisana. Canto dal Mediterraneo
  Spot/ Spoken Word Poetry & Instragram Art Night
  Alberto Figliolia
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Officium, quinquies
  Vetrina/ Piove, una poesia di Alberto Figliolia
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La tomba di ferro salato
  Poesie d'estate/ Alberto Figliolia, Carlo Pini, Michael Santhers
  Eventi/ Alberto Figliolia a Cuggiono a sventolar Pagine al sole
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Platìa Sintàgmatos...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  La poesia dello sport
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Orizzonti*
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Piazza Fontana
  Spot/ Il 'vino giusto' del 'dottor Birillo'
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Con
  Eventi/ Milano. Domestiche affezioni
  Alberto Figliolia. Nacqui ortica selvatica...
  Milano, ti prego, ritorna! Intervista al candidato indipendente Alberto Figliolia
  Vetrina/ Alberto Figliolia. "Il canto di Sakineh" e "Il canto del codardo"
  In libreria/ Alberto Figliolia. Domestiche affezioni
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A Daphne Anne Vella (Caruana Galizia)
  In libreria/ Alberto Figliolia. Dopo gli angeli precipitati
  Alberto Figliolia. A Bob Beamon
  Natale Tf2016/ C. Pini, P.M. De Maestri, E. Maifré, G. Gianoncelli, A. Figliolia
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Operai sui tetti
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Due poesie per l’Etiopia
  Anteprima/ Alberto Figliolia. Cieli di Gloria
  Ana Vicent Colonques e Alberto Figliolia. Lei, Lui... e gli Altri
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Fai del bene...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A San Giacomo Filippo
  Paola Mara De Maestri, Patrick Sammut. Alla Valletta Alberto Figliolia e Çlirim Muҫa, ospiti dei “Poeti Maltesi”
  Alberto Figliolia. A Emil Zátopek
  Vetrina/ Alberto Figliolia. È l'era delle stragi degli innocenti
  Simona Borgatti. Çlirim Muça, il poeta dell’Est
  In libreria/ Alberto Figliolia. Cieli di Gloria
  Spot/ In un mignolo d’aria
  Vetrina/ Alberto Figliolia. …solo un po' lo dondola il vento
  Alberto Figliolia. A Peter Norman
  Festa di Carugate: poesia e diritti umani con Roberto Malini
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Piazza Fontana
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Per Eluana
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Hommage
  Mauro Raimondi e Marco Palazzini. Milano Films 1896-2009
  I luoghi del derby di Milano
  Mauro Raimondi. La Prima Guerra Mondiale che non ci hanno raccontato…
  “Milano e il cinema” a palazzo Morando
  Da bambino il cielo. Autobiografia di Franco Loi
  Buon compleanno, Franco!
  “Il cinema racconta Milano” di Palazzini, Raimondi e Veronesi Carbone
  Mauro Raimondi. Salviamo i Corsi di Idoneità del Comune, un patrimonio di tutti i milanesi
  “Il mio cinema”. Intervista a Franco Loi
  Milano nel cinema
  Mauro Raimondi
  “Dal tetto del Duomo”. Alberto Figliolia intervista Mauro Raimondi
  Mauro Raimondi. “Siriani in transito” nei Civici Corsi di Idoneità
  Mauro Raimondi. La lezione del partigiano Alfa
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy