Lunedì , 16 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Simona Borgatti. Çlirim Muça, il poeta dell’Est
29 Febbraio 2008
 

I cattivi personaggi e le brutte notizie si sa, suscitano nei lettori sempre molto interesse. Con la storia che sto per raccontarvi vorrei ugualmente destare la vostra curiosità, ma ribaltando tanti luoghi comuni, specialmente quelli che imputano agli “extracomunitari” qualsiasi colpa. La miseria, purtroppo, si fa complice del crimine, esistono però diversi stranieri clandestini che non si sono lasciati condurre sulla cattiva strada. Merito della fortuna, dei tanti incontri casuali, ma anche della forza e nobiltà d’animo. Il protagonista della storia è Çlirim Muça, poeta albanese e giovane editore milanese.

Per sfuggire al regime comunista che lo avrebbe voluto contadino, soffocando il suo amore per la poesia e la letteratura, Çlirim arriva in Italia nel 1991, a 25 anni. La città che lo vede approdare clandestino è Gorizia, dove giunge via terra. Poi si sposta a Trieste, ma la città adriatica è pericolosa: se le autorità ti scoprono clandestino ti rimandano indietro col foglio di via, cosa che invece non accade a chi arriva nel sud Italia dove vengono “elargiti” i permessi di soggiorno. E la zona in cui occorre fare più attenzione è proprio quella del porto, occorre quindi cambiare aria. La scelta cade su Milano: il capoluogo lombardo è grande abbastanza per sopravvivere indisturbato in qualità di clandestino. La vita “fuori legge” dura cinque lunghi anni nei quali Çlirim compie la trafila di tanti emarginati: la Stazione Centrale è la sua casa, la mensa dei poveri di S. Francesco il suo ristorante mentre pizzerie, cantieri e uffici di terz’ordine diventano i suoi luoghi di lavoro; lavapiatti, aiuto cuoco, fattorino, manovale… finché a un certo punto ecco la svolta, che si manifesta nella figura di un sacerdote di Sesto S. Giovanni. L’incontro, casuale, avviene lungo le oscure rotte della vita clandestina e presto Çlirim si ritrova a vivere presso la sua Parrocchia e, aiutato dalla Comunità, inizia a trovare lavori più sicuri. Il passo verso l’agognato permesso di soggiorno è breve. Così come breve è il tragitto che lo conduce nelle braccia di Virginia. L’incontro avviene in posta dove lei lavora: Çlirim colpito dalla freccia di Cupido, le allunga una poesia d’amore, Virginia risponde che “Questi telegrammi non vengono spediti”, ma lui insiste tanto che alla fine andranno a convivere, allietati negli anni seguenti, dalla nascita di due figli. Potere della poesia!

Già, la poesia, primo amore di Çlirim (Virginia, lo perdoni). Grazie all’amicizia con Halil Jacellari, grande poeta albanese, Çlirim aveva iniziato a pubblicare versi su riviste letterarie che davano più margini di libertà nella blindata Albania degli anni ’80 senza dover offrire contributi elogiativi al regime. E l’ispirazione poetica di Çlirim non viene scalfita neanche dalle dure condizioni di vita clandestina; anzi, saranno proprio gli anni vissuti ai margini, fonte di maggior lirismo poetico. Un lirismo un po’ malinconico che porta con sé una vena d’orgoglio accompagnato da un desiderio di riscatto e che si esprime nelle prime due raccolte di versi, Da oltre il mare – poesie clandestine e Milano-Tirana senza ritorno, scritte in perfetto italiano con testo albanese a fronte. Altre pubblicazioni in cui si vede il pessimismo di Çlirim, occasione per fare denuncia sociale, sono le raccolte in Grido e in Ombre sul mondo. Un Çlirim più leggero, invece, possiamo trovarlo ne I racconti della terra, in cui l’autore mostra il lato tragicomico dell’esistenza narrando storie che si svolgono in Albania e a Milano, la sua città d’adozione.

Ma è soprattutto il desiderio di raccontare la nobiltà d’animo albanese agli italiani unita alla necessità, all’impulso febbrile per la scrittura che condurranno Çlirim verso la sua terza vita, ovvero quella di editore. Fortificato dall’amore di Virginia e dal posto sicuro presso una multinazionale, fonda nel 2000 la casa editrice Albalibri. Con l’aiuto dei fratelli trova il capitale per pubblicare i primi libri a cui si aggiungerà l’incontro casuale con Alberto Figliolia giornalista, poeta e scrittore che ben presto diventa l’anima artistica della casa editrice. Sarà proprio Alberto a presentarlo la prima volta presso la libreria “Oltre confine” di Baggio. E Çlirim si emozionò davvero quando si trovò a leggere a un pubblico italiano i versi di Oltre il mare in cui si svela tutta la sofferenza di quei bui 5 anni. Questo piccolo successo insieme alla filosofia editoriale di Çlirim e alla forza del gruppo, sono le prerogative della casa editrice, che le hanno permesso di scoprire talenti letterari nascosti, dando soprattutto ai giovani possibilità d’espressione. Chi desidera essere pubblicato da Albalibri, infatti, non deve versare alcun compenso economico, come invece richiedono molti altri editori scoraggiando così gli aspiranti scrittori. Si è formato, quindi, un piccolo circolo letterario italo-albanese, esempio di integrazione culturale: Çlirim, Alberto Figliolia, Carlo Riva del Cenacolo di S. Eustorgio – altro circolo letterario –, Antonio Prudenzano, Andrea Pellicani, Astrit, Avni Ali e molti altri. Tra loro spicca il genio di Andros (www.androsart.com) eclettico artista e punta di diamante della scuderia che spazia dalla pittura alla scultura arrivando alla narrativa e, ultimamente, alla poesia. Ciascuna presentazione letteraria, recentemente unita a momenti musicali, diventa così un piccolo evento in cui si “sente” l’affiatamento del gruppo in cui qualsiasi spettatore viene messo a proprio agio. Memorabile è stata la sfida poetica con un'altra piccola casa editrice, presso la Casa della Cultura lo scorso inverno. Di mese in mese le iniziative di Albalibri si moltiplicano, così come aumenta la prolificità degli autori che tra mercatini, fiere e presentazioni nelle librerie, si sottopongono a vere tournée letterarie. E va ricordato anche il tour de force televisivo di Çlirim che ha presenziato a varie trasmissioni su Sky e su Telelombardia.

Una bella favola, quella del poeta dell’Est, ex clandestino ora piccolo editore, ma soprattutto uomo soddisfatto e orgoglioso di aver scritto e voltato tante pagine.

 

Simona Borgatti


Foto allegate

A una presentazione di Albalibri tenuta alla Libreria Rizzoli di Milano (2006)
Articoli correlati

  Davide Pozzi. Albanesi e Valtellinesi
  In libreria/ Alberto Figliolia, Çlirim Muça. Anka, una ballerina di Danzica
  Gordiano Lupi. L’apatia di Satana di Çlirim Muça
  Gordiano Lupi. Tre libri per Natale
  NNI 25. Çlirim Muça. Un poeta albanese che scrive in italiano
  Paola Mara De Maestri, Patrick Sammut. Alla Valletta Alberto Figliolia e Çlirim Muҫa, ospiti dei “Poeti Maltesi”
  Iniziative/ Poeti e pittori valtellinesi protagonisti a “Malta capitale europea della cultura 2018”
  In libreria/ Çlirim Muça. Sonetti
  Albalibri dedica una nuova collana agli haiku
  In libreria/ Çlirim Muça. Grazie, Viera, della bellezza e della speranza
  Due, anzi tre, appuntamenti con Gordiano Lupi
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Piazza Fontana
  Vetrina/ Alberto Figliolia. "Il canto di Sakineh" e "Il canto del codardo"
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Per Eluana
  Vetrina/ Alberto Figliolia. 1308...
  La storia di Milano attraverso il suo derby
  Eventi/ Alberto Figliolia a Cuggiono a sventolar Pagine al sole
  Spot/ Poeti in Valle: Alberto Figliolia e Barbarah Guglielmana si leggono
  Vetrina/ Alberto Figliolia. È l'era delle stragi degli innocenti
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Operai sui tetti
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Com'è profondo il mare...
  Non si dovrebbe mai morire/ nel buio della notte/ o in un giorno assolato
  Alberto Figliolia, Davide Grassi, Mauro Raimondi. Eravamo in Centomila
  Giuseppe Marco d'Agostino. Cronache da Rapa Nui, CFR Edizioni
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Due poesie per l’Etiopia
  Alberto Figliolia. Tutto quello che c'è nelle gocce di pioggia posate su un vetro
  Vetrina/ Alberto Figliolia. 12 haiku
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A Daphne Anne Vella (Caruana Galizia)
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Con
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A L.F.
  In libreria/ Alberto Figliolia. Cieli di Gloria
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Stasera, padre, berremo insieme
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Tanti denti d'oro
  Vetrina/ Alberto Figliolia. …solo un po' lo dondola il vento
  Giovedì a Milano. Presentazione del libro “Cento novantesimi”
  Alberto Figliolia. A Emil Zátopek
  Eventi/ Milano. Domestiche affezioni
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La canzone dei migranti che furono
  Spot/ Il 'vino giusto' del 'dottor Birillo'
  In libreria/ Domenico Pisana. Canto dal Mediterraneo
  Natale Tf2016/ C. Pini, P.M. De Maestri, E. Maifré, G. Gianoncelli, A. Figliolia
  Alberto Figliolia. A Pietro Mennea
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Trittico per Lampedusa
  La poesia dello sport
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  Alberto Figliolia. IV Poetry Slam “poesia in carcere”
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Tram 14, Lorenteggio-Duomo
  Milano tra poesia e storia di Alberto Figliolia e Mauro Raimondi
  Milano, ti prego, ritorna! Intervista al candidato indipendente Alberto Figliolia
  Vetrina/ Piove, una poesia di Alberto Figliolia
  Alberto Figliolia
  Milano e il suo derby, 102 anni di passione sportiva
  Alberto Figliolia. Nacqui ortica selvatica...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ci devitalizzano il giorno...
  In libreria/ Alberto Figliolia. Domestiche affezioni
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Platìa Sintàgmatos...
  Alberto Figliolia e Davide Grassi. La sua Africa. Storia di Samuel Eto'o
  In libreria/ Alberto Figliolia. Dopo gli angeli precipitati
  Alberto Figliolia. A Bob Beamon
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Orizzonti*
  Ma l'aria di città (cartoon), Eravamo in Centomila (derby Inter-Milan)
  Spot/ In un mignolo d’aria
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A San Giacomo Filippo
  Alberto Figliolia. Yes, President Obama...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Parigi
  Vetrina/ Alberto Figliolia. A Muhammad Ali, nel giorno della morte
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Là era mio padre
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Officium, quinquies
  Alberto Figliolia. El folber e altri destini
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Piazza Fontana
  Ana Vicent Colonques e Alberto Figliolia. Lei, Lui... e gli Altri
  Poesie d'estate/ Alberto Figliolia, Carlo Pini, Michael Santhers
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La tomba di ferro salato
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Fai del bene...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Hommage
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Fausto e Gino
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ad Alda Merini
  Anteprima/ Alberto Figliolia. Cieli di Gloria
  Festa di Carugate: poesia e diritti umani con Roberto Malini
  Alberto Figliolia. A Peter Norman
  Spot/ Spoken Word Poetry & Instragram Art Night
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy