Martedì , 02 Giugno 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vittorio Bellavite. “Evangelii Gaudium” 
Papa Francesco espone il suo programma che è in gran parte di discontinuità con il magistero precedente
29 Novembre 2013
 

La Evangelii Gaudium di papa Francesco è un’Esortazione apostolica che avrebbe dovuto raccogliere le indicazioni del sinodo dei vescovi dell’ottobre 2012 sulla nuova evangelizzazione. In pratica è stata l’occasione per il vescovo di Roma di presentare in modo abbastanza organico, ma troppo prolisso (288 paragrafi!), le maggiori indicazioni programmatiche del suo pontificato. Di qui la sua grande importanza, ben maggiore della prima enciclica che era stata scritta da papa Ratzinger. Bisognerà leggerla con i tempi necessari. Comunque testi di questo genere dovrebbero essere più accessibili per il credente “normale”; questo lo è poco anche se scritto con stile semplice. Si tratta in gran parte delle analisi, esortazioni e proposte che erano già state fatte in questi mesi in diverse occasioni. Il testo inizia in modo insolito, invitando alla gioia dell’Evangelo che deve essere sempre di ogni credente che deve permettere una grande creatività nell’opera di evangelizzazione. Ci sono parole in questo senso molto belle.

Poi si parla della riforma della Chiesa. Il punto più interessante è dove Francesco, mettendosi in discussione per quanto lo riguarda (come davvero tutti i credenti dovrebbero fare) riconosce la necessità di quella riforma del papato, di cui aveva parlato papa Wojtyla (senza farla) e che, con papa Ratzinger, è apparsa come una necessità assoluta. In sostanza si tratta di ridimensionare il ruolo del centro della Chiesa a favore in particolare delle conferenze episcopali, anche di quelle regionali e non solo di quelle nazionali. Ad esse si dovrebbero attribuire competenze concrete ed anche una certa autorità dottrinale oltre che un ruolo pastorale conseguente alla necessità di un maggiore impegno nell’inculturazione, riconoscendo in questo modo implicitamente i limiti di una dottrina monolitica. Questo passaggio dell’Esortazione indica una svolta che diviene abbastanza credibile, almeno nelle intenzioni, per le decisioni concrete che papa Francesco sta iniziando a prendere.

Il testo poi propone, in modo esplicito, un lungo elenco di situazioni intraecclesiali da superare, ripetendo le idee di fondo di Francesco su un nuovo modo di comunicare il vangelo da parte delle strutture ecclesiastiche: la misericordia deve prevalere sugli anatemi; è Dio che evangelizza e il cristiano è solo uno strumento; l’Eucaristia e il Battesimo devono essere facilitatori della Grazia non dei controllori; la Chiesa deve essere aperta anche se “incidentata”; il messaggio principale deve prevalere sugli aspetti secondari, quelli della precettistica; bisogna cercare di conoscere i segni dei tempi; anche “le comunità di base e le piccole comunità” sono una ricchezza della Chiesa e via di questo passo. Invece ci sono troppe pigrizie, troppe volte si dice “abbiamo sempre fatto così”, il confessionale non deve essere una tortura, ci sono troppe consuetudini non legate al Vangelo, troppe parrocchie non si sono rinnovate a sufficienza e si autoconservano, ci sono profeti di sventura, ci sono fenomeni di desertificazione spirituale, no alle invidie e alle guerre intestine negli ambienti ecclesiastici.

Nel secondo capitolo si dicono alcuni no molto espliciti che, anche se non sono nuovi. Essi indicano una direzione di marcia molto netta: no ad una economia di esclusione, no all’autonomia assoluta dei mercati e alla speculazione finanziaria, no alla nuova isolatria del denaro e alla ingiustizia che genera violenza, c’è violenza sui popoli del Sud del mondo, le armi e la repressione violenta, invece di apportare soluzioni, creano nuovi e peggiori conflitti, c’è una prepotenza dei mass media. Infine Francesco ritiene strettamente vincolante l’impegno contro l’ingiustizia per il credente e “l’opzione per i poveri è una categoria teologica”.

La cosa più interessante del terzo capitolo sull’“Annuncio del Vangelo” è una specie di piccolo trattato sulla predicazione. Una tematica del tutto inconsueta anche se di grande importanza per l’area “conciliare” della Chiesa che si è sempre trovata quasi da sola a sollevarla. Francesco parte da una situazione che ritiene largamente da cambiare. L’omelia deve essere breve e non annoiare! Non deve essere moralista o indottrinante, deve esprimere il dialogo di Dio con il suo popolo e non è meditazione né catechesi. L’omelia deve essere preparata con molta cura sui testi cercando di comprenderli afferrandone il messaggio principale, il predicatore deve conoscere la condizione del popolo a cui parla e via di questo passo. Questa è la parte più nuova dell’Esortazione ed è di particolare efficacia. Interessanti sono le citazioni: tra le tante del Vangelo, di papi e di padri della Chiesa secondo lo stile consueto di questi documenti, ci sono anche quelle di testi dei vescovi del Congo, dell’India, delle Filippine, del Brasile.

Ho elencato quelli che mi sembrano i punti principali del documento. C’è anche una ripetizione abbastanza scontata della posizione sull’aborto e sul divieto dei ministeri per le donne. Complessivamente è un testo in gran parte di discontinuità rispetto al magistero di prima. Esso è destinato a consolidare il grande consenso che Francesco ha ora nella base dei credenti e, più in generale, nell’opinione pubblica attenta alle tematiche della spiritualità. Non saranno poche le ostilità che la destra curiale e fondamentalista probabilmente organizzerà. Da parte dell’area “conciliare” della Chiesa non mancherà il consenso, anche se sempre vigile e indipendente.

 

Vittorio Bellavite

coordinatore di Noi Siamo Chiesa


Articoli correlati

  Carlo Forin. Il papa politico
  Carlo Forin. Provando misericordia e strappando via
  Valter Vecellio. Le continue sorprese del papa venuto da quasi la fine del mondo…
  Luigi Fioravanti. Il turibolo e la penna
  Jardim (Uruguay) festeggia un anno di Papa Francesco
  Jardim. Il papa in Brasile
  Maria G. Di Rienzo. Ma la mamma no
  Valter Vecellio. Gesti, “argomenti”. Da Francesco a…
  Omar Santana. Papameccanico
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Lidia Menapace. Smemorandum
  Gianfranco Cercone. “Chiamatemi Francesco – Il Papa della gente” di Daniele Luchetti: un monumento, ma non un santino
  “Europa: i rifugiati sono nostri fratelli”
  Maria Paola Forlani. Il Cammino di San Pietro a Castel Sant’Angelo
  Mario Staderini. Auguri al vescovo Francesco
  BBC Afrique intervista Roberto Malini sulla visita del papa a Lampedusa
  Nessuno Tocchi Caino sceglie Papa Francesco per il Premio “Abolizionista dell'anno”
  Luis Cino. Sulla visita di Papa Francesco
  Asmae Dachan. Il mio incontro con Papa Francesco
  Lidia Menapace. Papa Francesco è “pericoloso”?
  Sandra Chistolini. Papa Francesco dialoga con gli studenti universitari
  Lidia Menapace. Habemus papam
  Lidia Menapace. Pastore della chiesa cattolica o capo di stato?
  Sandra Chistolini. Università, luogo di dialogo nelle differenze
  We Are Church con papa Francesco per la nonviolenza. Buon Anno!!
  Vittorio Bellavite. Il Vaticano ha perso l’occasione di stare zitto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy