Martedì , 02 Giugno 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Chiamatemi Francesco – Il Papa della gente” di Daniele Luchetti: un monumento, ma non un santino
18 Dicembre 2015
 

Raccontare in un film di finzione fatti realmente accaduti, e in anni recenti, e in cui sono coinvolte personalità di spicco, è un’impresa tra le più ardue. Perché vada a buon fine, occorre che l’autore riesca a riversare le proprie emozioni, i propri sentimenti, in personaggi che non sono prodotti dalla sua immaginazione, ma che si ritrova già almeno in parte definiti dalla realtà storica. Se poi tali figure reali, per il loro prestigio, per la stima che suscitano, creano un senso di soggezione, la simbiosi che dovrebbe esserci tra autore e personaggi è resa ancora più difficoltosa.

Insomma: l’impresa in cui si è lanciato Daniele Luchetti – raccontare gli anni giovanili in Argentina di José Bergoglio – era quasi disperata. Se l’è cavata onorevolmente, senza tuttavia farci dimenticare i limiti intrinseci all’operazione.

In uno dei momenti iniziali del film, Bergoglio si lascia condurre da una ragazza in un’ala appartata di un museo, dove scambia con lei un bacio che appare di amore reciproco. Qualche scena dopo, annuncia ai suoi amici di voler diventare prete.

Ecco: di questa scelta – di questa vocazione – così lontana dall’esperienza dello spettatore comune, il film non riesce a svelarci il senso intimo. Si limita a far pronunciare a Bergoglio una battuta, per la quale Dio lo ha condotto per mano su quel sentiero, come un padre conduce un bambino. Ma è appunto una dichiarazione, che qui sostituisce un sentimento, che avrebbe dovuto essere rivissuto ed espresso.

Del resto il Bergoglio di Luchetti è soprattutto un politico: abile, coraggioso, autoritario al momento opportuno, capace di scelte dolorose ma necessarie, alla difesa degli oppressi, che siano i preti perseguitati e a volte uccisi dalla dittatura (perché ritenuti comunisti o conniventi dei comunisti); o che siano i poveri confinati nelle borgate.

In opposizione al regime di Videla, ma anche alle alte gerarchie ecclesiastiche colluse con tale regime, Bergoglio tratta e dialoga, in nome della virtù politica, con rappresentanti di entrambe le fazioni, senza mai cedere alla lusinga delle onorificenze, con la necessaria prudenza.

Gli sono anche attribuiti alcuni tratti di anticonformismo: come quando apre all’ingresso dei laici la direzione del collegio che gli è stato affidato, perché lo aiutino a risanarlo finanziariamente; o come quando accetta di battezzare il figlio che una donna ha avuto dopo essersi separata dal marito.

Come si vede, è un ritratto che consta quasi esclusivamente di qualità positive. E se non è propriamente agiografico – perché tali qualità sono più di ordine civile che strettamente religioso – tuttavia ha almeno qualcosa della perfezione e dell’esteriorità di un monumento.

Il racconto, nel quale l’azione prevale sull’introspezione, è agile e avvincente. Nell’attore che interpreta il giovane Bergoglio – Rodrigo De La Serna –, nelle sue espressioni come in certi atteggiamenti, si colgono riverberi impressionanti della figura reale e attuale di Papa Francesco.

 

Gianfranco Cercone

(da Notizie Radicali, 14 dicembre 2015)


Articoli correlati

  Gianfranco Cercone. “Anni felici” di Daniele Luchetti: alla ricerca degli anni Settanta
  Carlo Forin. Il papa politico
  Carlo Forin. Provando misericordia e strappando via
  Valter Vecellio. Le continue sorprese del papa venuto da quasi la fine del mondo…
  Luigi Fioravanti. Il turibolo e la penna
  Vittorio Bellavite. “Evangelii Gaudium”
  Jardim (Uruguay) festeggia un anno di Papa Francesco
  Jardim. Il papa in Brasile
  Maria G. Di Rienzo. Ma la mamma no
  Valter Vecellio. Gesti, “argomenti”. Da Francesco a…
  Omar Santana. Papameccanico
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Lidia Menapace. Papa Francesco è “pericoloso”?
  Lidia Menapace. Smemorandum
  “Europa: i rifugiati sono nostri fratelli”
  Maria Paola Forlani. Il Cammino di San Pietro a Castel Sant’Angelo
  Mario Staderini. Auguri al vescovo Francesco
  BBC Afrique intervista Roberto Malini sulla visita del papa a Lampedusa
  Nessuno Tocchi Caino sceglie Papa Francesco per il Premio “Abolizionista dell'anno”
  Luis Cino. Sulla visita di Papa Francesco
  Asmae Dachan. Il mio incontro con Papa Francesco
  Sandra Chistolini. Papa Francesco dialoga con gli studenti universitari
  Lidia Menapace. Habemus papam
  Lidia Menapace. Pastore della chiesa cattolica o capo di stato?
  Sandra Chistolini. Università, luogo di dialogo nelle differenze
  We Are Church con papa Francesco per la nonviolenza. Buon Anno!!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy