Mercoledì , 20 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Ma la mamma no
(Foto AFP)
(Foto AFP) 
17 Gennaio 2015
 

Dunque, adesso conosciamo il “limite” del sig. Bergoglio, Papa della chiesa cattolica: la mamma (sua). Non è un limite particolare o sorprendente, è molto condiviso dai maschi a qualsiasi latitudine ed è usato come giustificazione per un’infinità di reazioni violente. «(…) se il dottor Gasbarri, che è un amico, dice una parolaccia contro la mia mamma, lo aspetta un pugno!» spiega il Papa in un’intervista pubblicata oggi, 15 gennaio 2015. «Ma è normale! Non si può provocare».

Considerata la posizione dell’uomo che dice quest’immane sciocchezza, i danni al lavoro delle attiviste e degli attivisti antiviolenza avranno un certo peso. La violenza è di nuovo presentata come inevitabile dal capo di una delle maggiori religioni mondiali. Le vittime di violenza se la sono attirata addosso, “provocandola”. E c’è una categoria di persone, sul nostro pianeta, investita da una quantità di violenza estrema a cui si ripete proprio questo, che provocano: le donne che muoiono per mano dei loro partner, le donne violate, le donne picchiate, le donne che subiscono abusi in famiglia. Molte di queste donne sono madri. Il rispetto per la loro integrità corporea e la loro volontà ammonta a zero, spesso, persino da parte di quei figli che però non permetteranno a nessuno di dir loro parolacce.

È seccante doversi ripetere, sia per chi parla sia per chi ascolta, ma non sono disposta a lasciarmi travolgere dalla stanchezza, perciò, tanto per ri/cominciare: NON C’È NIENTE DI NATURALE, DI INEVITABILE, DI PREDISPOSTO NELLA VIOLENZA.

I geni non producono individui inevitabilmente predisposti alla violenza.

La violenza non fa parte del nostro retaggio evolutivo né dei nostri geni.

Le nostre azioni sono modellate dal nostro condizionamento e dalla nostra socializzazione: nella nostra neurofisiologia non v’è nulla che ci obblighi a reagire con violenza.

Lo dico io? No, lo dice la “Dichiarazione sulla violenza” rilasciata il 16 maggio 1986, a Siviglia, al termine di un consesso dei maggiori esperti mondiali in etologia, psicologia, neurofisiologia, psichiatria, antropologia, comportamento animale, psicobiologia. «In essa sfidiamo alcune presunte scoperte biologiche che alcuni, anche nelle nostre stesse discipline, hanno usato per giustificare la guerra e la violenza. L’abuso di teorie e dati scientifici (…) non è nuovo, ma risale agli inizi della scienza moderna. Per esempio, la teoria dell’evoluzione è stata usata per giustificare non solo la guerra, ma anche il genocidio, il colonialismo e la soppressione dei deboli». E da allora non vi sono state eclatanti scoperte scientifiche che smentiscano tale analisi.

Cosa significa, questo? Che non c’è un responso fisiologico automatico e violento (il pugno) alla parolaccia detta alla mamma. Quindi no, Bergoglio, non è “normale”, è “normalizzato”, il che è tutt’altra faccenda.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Lunanuvola's Blog, 15 gennaio 2015)

 

P.S. Dubbi? Ho già risposto qui.


Articoli correlati

  Carlo Forin. Il papa politico
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Jardim (Uruguay) festeggia un anno di Papa Francesco
  Carlo Forin. Provando misericordia e strappando via
  Lidia Menapace. Smemorandum
  Maria Paola Forlani. Il Cammino di San Pietro a Castel Sant’Angelo
  BBC Afrique intervista Roberto Malini sulla visita del papa a Lampedusa
  Nessuno Tocchi Caino sceglie Papa Francesco per il Premio “Abolizionista dell'anno”
  Luis Cino. Sulla visita di Papa Francesco
  Lidia Menapace. Habemus papam
  Asmae Dachan. Il mio incontro con Papa Francesco
  Gianfranco Cercone. “Chiamatemi Francesco – Il Papa della gente” di Daniele Luchetti: un monumento, ma non un santino
  Lidia Menapace. Pastore della chiesa cattolica o capo di stato?
  Mario Staderini. Auguri al vescovo Francesco
  “Europa: i rifugiati sono nostri fratelli”
  Omar Santana. Papameccanico
  We Are Church con papa Francesco per la nonviolenza. Buon Anno!!
  Sandra Chistolini. Università, luogo di dialogo nelle differenze
  Vittorio Bellavite. “Evangelii Gaudium”
  Luigi Fioravanti. Il turibolo e la penna
  Jardim. Il papa in Brasile
  Valter Vecellio. Gesti, “argomenti”. Da Francesco a…
  Valter Vecellio. Le continue sorprese del papa venuto da quasi la fine del mondo…
  Lidia Menapace. Papa Francesco è “pericoloso”?
  Sandra Chistolini. Papa Francesco dialoga con gli studenti universitari
  Mariolina Nobili. Violenza o nonviolenza?
  Mao Valpiana. Il Movimento Nonviolento compie 50 anni
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Vincenzo Donvito. Antifascismo militante? Sì, quello nonviolento del paesino tedesco ai confini della Polonia
  Peppe Sini. Hiroshima sul lungomare di Nizza
  Pasquale Pugliese. 55 anni dopo, c’è sempre più bisogno di nonviolenza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy