Domenica , 19 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Simona Borgatti. La scuola fané di Mariastella Gelmini
01 Settembre 2008
 

Nella scuola italiana è scattata l’operazione vintage dall’aspetto fané: grembiuli, voti – anche in condotta – e maestro unico. Il giro di vite sembra necessario per riportare la scuola italiana sulla retta via dal baratro educativo nel quale stava pericolosamente precipitando. O era già precipitata. Ma come spesso accade si ha la sensazione che l’opinione pubblica non conosca affatto il funzionamento della scuola e tanto meno la storia scolastica.

Prendiamo ad esempio, la cosa più frivola e d’immagine: i grembiuli. Premesso che indossando un grembiule non si restituisce autorevolezza all’istituzione, i grembiuli alle elementari non sono una novità, così come non lo era l’inglese ai tempi della Moratti che già veniva insegnato dal 1990. O come la famosa autonomia, salvacondotto di ogni decisione collegiale: l’autonomia è nata col ministro Berlinguer, Moratti, Fioroni e Gelmini non hanno inventato nulla di nuovo.

 

Insomma, quando scatta la parola “scuola” si generalizza rimanendo in superficie e dalla stampa non si capisce se l’oggetto in questione è la scuola elementare, la scuola media inferiore o le superiori. E poi l’Italia è lunga, troppo lunga e nonostante i criteri nazionali di base non si capisce come mai al Nord le cose funzionino in un certo modo e al Sud in un altro. E partiamo proprio dal Sud. Le scuole meridionali sono fatiscenti, i docenti incapaci e quindi facciamoli studiare, i professori meridionali invadono le scuole nordiche – caccia al prof sudista – ma perché questi calano al Nord? Perché in meridione non ci sono posti. E perché mancano posti? Sono stati cementati? Forse c’è già il maestro unico? Le donne meridionali fanno meno bambini? Fanno lezione sul bagnasciuga? Inviterei quindi Gelmini&Brunetta a varcare il Po e andare ad indagare. Seriamente.

  

E altrettanto seriamente vorrei commentare il discorso “voto”. Le maestre saranno le più contente: un sufficiente ai genitori non rende altrettanto bene come un “6”, un “4” è più terrorizzante di un insufficiente, un “10 e lode” che oltre alla banana dal bollino blu, regalerà sogni di gloria. Alla faccia dei giudizi del metodo Steiner molto amato dai giovani genitori intellettuali nonché dalla Veronica nazionale. Sottile la ministra, che con la scuola vintage attua strategie psicologiche mica da ridere. Una scuola fané riporta i genitori indietro nel tempo e ricordando “ai miei tempi” – frase gettonatissima ai colloqui – forse capiranno che l’educazione dei propri figli è cosa seria. E che l’educazione non è solo “Dì grazie al signore”. Ben venga quindi, a parer mio, il 5 in condotta anche se i bulli faranno a gara a chi ne colleziona di più come “la sfida dell’anno” mettendo tutto su Youtube. Non si sconfigge il bullismo con i voti, però questi possono affilare di più il coltello ai docenti. Coltello recentemente un po’ spuntato.

 

Ma la cosa che mi terrorizza è il ritorno del maestro unico. Sono già andata dal contadino dietro a casa a chiedere se ha bisogno di mondine. Perché è questo che rischiano la metà delle maestre di ruolo – non oso pensare a quelle precarie – d’Italia. Mia madre era maestra elementare, ho avuto quindi un pezzo di storia scolastica in diretta tra le pareti domestiche. Tramite lei, in 30 anni, ho vissuto la riforma Gentile, i Decreti Delegati, il doposcuola che ha portato all’attuale Tempo Pieno, ho visto 3 tipi di pagella e le “A” al posto dell’“ottimo”. Mia madre è stata maestra unica per lungo tempo, solo a fine carriera ha condiviso onori e oneri con un’altra collega. La “Tuttologa” lavorava sei giorni per 24 ore settimanali di cattedra, svolgendo tutte le materie escluso l’inglese, l’informatica, le varie “educazioni” e i progetti perché non c’erano. Anche il mio monte ore è di 24, non tutte sono di cattedra, i giorni sono 5, come le materie che insegno. Ma ho alunni stranieri e gli italiani spesso sono vittime della scellerata educazione familiare. Entrambe le tipologie una volta non c’erano, proprio come l’inglese e l’informatica. Di una volta rimangono i 27 ragazzini per classe, mica i 15 fortunelli del metodo Montessoriano. I miei nordici alunni però a scuola ci stanno 40 ore con gioia dei genitori che fino alle 16:30 possono godere di buono ossigeno anche col PM alle stelle. Il Tempo Pieno, il più amato dalle famiglie italiane e strutturato per apprendere, rischia così l’affondamento. Dice, la ministra Gelmini, che anche la sua mamma è stata maestra, ma sono convinta che le profferte amorose di Tremonti le abbiano annebbiato ricordi di felice vita famigliare. Per Tremonti infatti due maestre sono più esose di un’amante e di una moglie messe insieme. Meglio poche maestre ma buone piuttosto che tante ma cattive. Economicamente il ragionamento è perfettamente stirato quasi come un Dior del 1949 che esce dalla naftalina, ma rimangono tanti, troppi “ma”. Tralascio per brevità il discorso peda-psicologico su cosa sia meglio o peggio e passerei al discorso pratico.

 

Trenta ore obbligatorie alle elementari su 5 giorni la settimana fanno 6 al giorno, vorrebbe dire incollare alla sedia i settenni dalle 8:30 alle 14:30 con uno, due al massimo microbi intervalli giusto per il lunch box americano. A meno di andare al sabato come nel 1972. In 30 ore settimanali ci staranno poi tutte le materie, le educazioni, i progetti? Forse verranno defalcati e sarebbe anche un bene così i bambini arriveranno alla laurea con tutte le “h” a posto. Ma dalle 14:30 alle 16:30 come faranno i nordici genitori stakanovisti? I meridionali avranno risolto facendo controllare la digestione del panzerotto al bagnino. Ma niente paura perché arriveranno le altre maestre, quelle “cattive” che, smontando dalla risaia, intratterranno i ragazzini con i laboratori, con la scuola di writer, col punto croce, con “danzabasketkaratè” facendo così risparmiare benzina ai genitori. Tremonti gongolerà. Dopo anni d’insegnamento serio con l’insegnamento di materie altrettanto serie, le maestre 45enni verranno declassate sull’altare dei conti statali. Ma anche le maestre cattive andranno pagate per “danzabasketkaratè” o si troverà una soluzione col contadino? Io ho avvertito anche mio marito: “Proprio tu che mi dicevi – stipendio scarso ma sicuro – ricrediti, che presto, insieme al contadino, dovrai mantenermi. Proprio come una volta, quando la donna faceva la donna e l’uomo, l’uomo”. E poi la storia della maestra unica, chissà perché, mi ricorda il tutor morattiano, quella maestra stellare attorno alla quale girano tanti satelliti, i satelliti “danzabasketkaratè”.

  

Ma da qui al 2009 la strada è in salita. Se in un decennio abbiamo cambiato 4 ministri della “Pubblica Distruzione” una ragione ci sarà. Ora vado, il contadino mi aspetta.

 

Simona Borgatti


Articoli correlati

  Rosangela Pesenti. Della passione per le divise
  Cittadinanza e Costituzione insegnate a scuola? Ottimo... ma quale Costituzione?
  Gaetano Barbella: Grembiuli a scuola grembiuli nella massoneria
  Rosangela Pesenti. A chi serve il 7 in condotta?
  Francesca Merlo. Radicali, scuola e caso Italia
  Pier Paolo Segneri. La scuola truccata
  Luisa Bellone. A scuola come in fabbrica
  Redazione Tellusfolio-Scuola e Nadia: "Basta leggi vergognose contro la scuola pubblica"
  Angelo Saracini, Davide Dodesini, Sindacati. La Scuola Italiana di Atene chiude?
  Referendum contro il Decreto 137 della Gelmini? SI! Avanti tutta...
  Rosangela Pesenti. La scuola pubblica è uno dei fondamenti della democrazia
  Scuola e diritti di Valtellina per la scuola pubblica
  Aldo Martorano. Quattro domande al ministro Gelmini
  Giovanni Sabbatucci: Sulla breccia di Porta Pia. E rovelli di un docente sui programmi di italiano storia da insegnare
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
  L'Ipotesi di Piero Calamandrei. (Come annientare la scuola pubblica...)
  Aglaia Viviani: lettera ad Alessandra Borsetti Venier sull'intervista a Vittoria Franco
  La scuola che non c'è
  Maria Lanciotti: la vergognosa controriforma di Mariastella Gelmini
  Patrizia Garofalo. Sulle facoltà “amene” di Mariastella Gelmini
  Angela Nava. La scuola che perde la memoria, perde se stessa
  Per la Scuola della Repubblica/CGD. La Gelimini ci riprova?
  Anna Lanzetta: Il ruvido peso delle parole nel linguaggio di Mariastella Gelmini
  Davide Dodesini. Collasso dell'Italia. Colpa della scuola!
  La coperta è diventata una sciarpa e il gatto è morto mordendosi la coda
  Silvia Minardi. Perché non risparmiamo sui caccia bombardieri, anziché sulla scuola?
  Donatella Poretti. Scuola: voto all'ora di religione?
  Valter Vecellio. Governo: confusionari, pasticcioni, pericolosi
  “Si tagliano le gambe alle generazioni future”. Alessandra Borsetti Venier intervista Vittoria Franco
  PD / Giulia Innocenzi. “No al referendum. Sì a Ddl che elimini sprechi dell'università”
  Scuola e Diritti. Riforma Gelmini (D.l. 137): dallo spezzatino della Moratti ora siamo alla... “frutta”
  Ecumenici. Una mozione anche a difesa della laicità della scuola
  “Riforma” Gelmini. Alcune iniziative sul territorio provinciale di Sondrio
  Marina Pensa. Diritti di carta e Diritti reali
  Barbara Pojaghi, Preside di Scienze della Comunicazione scrive ai suoi ragazzi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy