Mercoledì , 10 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Aglaia Viviani: lettera ad Alessandra Borsetti Venier sull'intervista a Vittoria Franco
07 Novembre 2008
 

Cara Alessandra, ti mando un pezzo che mi hanno chiesto gli alunni per il glorioso giornalino della nostra scuola. Occupazione, lunedì sera. Io e la mia collega usciamo stravolte dall’assemblea cittadina al palazzetto delle esposizioni, e decidiamo di passare a vedere cosa combinano i nostri ragazzi e le nostre ragazze. Per tutto il fine settimana ho pensato a loro, chiusi in quell’edificio convertito in scuola da una poco lungimirante politica. Adolescenti reclusi a discutere e a lavorare mentre fuori si respirava, estemporanea, l’aria primaverile e una gran voglia di correre, di uscire a divertirsi. Solo per questo sacrificio andrebbero rispettati, mi dico.

 

Dormono tutti insieme in sacchi a pelo sul pavimento della palestra, entusiasti e animati dal senso della giustizia; forse più simili all’Ordine della Fenice di Harry Potter che a sessantottini barricadieri. Occupare un Liceo non è tutta ‘sta pacchia che uno potrebbe immaginarsi: e infatti “ai miei tempi” (eccola, la frase da quarantenne disillusa) mai e poi mai ci saremmo sognati di sacrificare un fine settimana di sole; se proprio dovevamo scioperare, sceglievamo di preferenza i giorni più gremiti di compiti di greco e interrogazioni di matematica. Invece queste ragazze e questi ragazzi del 2008 mi spiazzano con il loro impegno e la loro coscienza politica. Mi hanno meravigliata l’acutezza delle questioni postemi dalla terza B linguistico, le motivazioni forti di alcuni alunni del Classico che mi hanno fermata in corridoio prima dell’assemblea di venerdi. Ho ritrovato nell’impegno civile la stessa serietà che impiegano nello studio – e non è poca: questa è ancora una scuola dura.

 

A fine mattinata ho portato delle pizze agli occupanti, perché capissero che non sono soli; ma non mi sembra abbastanza. Il comunicato stampa scaturito dall’assemblea dei docenti di stamani è un buon inizio. Ma non è abbastanza. Gli studenti del “Virgilio” stanno protestando anche per i loro coetanei (i quali, invece, si sono goduti – eccome! – il sabato e la domenica, andando in giro grati dell’inaspettata sosta didattica), per le generazioni più giovani ancora prive di voce, e per noi adulti che sembriamo aver dimenticato come si fa. La loro voglia di agire, di esporsi, di correre dei rischi, mi ha fatta vergognare della pusillanimità paciosa nella quale spesso noi docenti ci adagiamo. Questi ragazzi e queste ragazze sono riusciti a diventare soggetto unitario, malgrado li caratterizzino idee molto diverse, affinché una protesta fortemente politica rimanesse apartitica e trasversale. Hanno contrapposto alla fumosità inconcludente delle chiacchiere la concretezza del rimboccarsi le maniche. Non hanno creduto a chi diceva loro che protestare non serve, e che il mondo non si può cambiare: proviamoci, hanno risposto, con gli occhi e l’anima limpida dei sedici anni. Si sono autodisciplinati con regole ferree e turni (di pulizia, di sorveglianza…), perché non accadessero incidenti. E scusate se è poco, mi dico, mentre la mia collega parcheggia la Peugeot sotto le finestre della presidenza.

  

Stasera ci sono due gruppi rock che suonano (bravi davvero, tra l’altro). Musica loro, e poi cover dei Clash e dei Ramones: un sottile filo musicale fra le generazioni, perché c’è sempre musica dove qualcuno cerca di cambiare il mondo. E di colpo mi commuovo come non mi succedeva da anni. Perché il “Virgilio” è il Liceo dove ho studiato; perché stasera all’assemblea cittadina c’era in prima fila la mia fantastica insegnante, idealista come allora anche sull’orlo del pensionamento, e dietro di lei una fila di ginnasiali con le menti ben sveglie malgrado gli occhi assonnati; perché appena gli occupanti ci scorgono da lontano è tutto un sorridere e chiamare come quando si ritrova un vecchio amico; perché penso ad un alunno dal sorriso gentile che è mancato in settembre, e mi domando se anche lui se sarebbe qui. Questi ragazzi e queste ragazze non sono pericolosi sovversivi, rifletto, ma un gruppo di gran belle persone con la testa piena di sogni e il desiderio di vederli realizzati, com’è giusto essere alla loro età; chi li accusa ha perso di vista il senso della vita.

  

Decido che domani porterò qui i miei figli, perché vedano, imparino, ricordino. Grazie, virgiliani del 2008: grazie, perché stavolta siete voi che insegnate. E grazie per avermi chiesto di unirmi, con questo pezzo, alla vostra voce.

 

Aglaia Viviani


Articoli correlati

  Donatella Poretti. Scuola: voto all'ora di religione?
  Angelo Saracini, Davide Dodesini, Sindacati. La Scuola Italiana di Atene chiude?
  Simona Borgatti. La scuola fané di Mariastella Gelmini
  Aldo Martorano. Quattro domande al ministro Gelmini
  Per la Scuola della Repubblica/CGD. La Gelimini ci riprova?
  PD / Giulia Innocenzi. “No al referendum. Sì a Ddl che elimini sprechi dell'università”
  “Si tagliano le gambe alle generazioni future”. Alessandra Borsetti Venier intervista Vittoria Franco
  Rosangela Pesenti. La scuola pubblica è uno dei fondamenti della democrazia
  Scuola e diritti di Valtellina per la scuola pubblica
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
  Barbara Pojaghi, Preside di Scienze della Comunicazione scrive ai suoi ragazzi
  Ecumenici. Una mozione anche a difesa della laicità della scuola
  Gaetano Barbella: Grembiuli a scuola grembiuli nella massoneria
  Referendum contro il Decreto 137 della Gelmini? SI! Avanti tutta...
  Giovanni Sabbatucci: Sulla breccia di Porta Pia. E rovelli di un docente sui programmi di italiano storia da insegnare
  La scuola che non c'è
  Patrizia Garofalo. Sulle facoltà “amene” di Mariastella Gelmini
  Scuola e Diritti. Riforma Gelmini (D.l. 137): dallo spezzatino della Moratti ora siamo alla... “frutta”
  Angela Nava. La scuola che perde la memoria, perde se stessa
  Maria Lanciotti: la vergognosa controriforma di Mariastella Gelmini
  L'Ipotesi di Piero Calamandrei. (Come annientare la scuola pubblica...)
  “Riforma” Gelmini. Alcune iniziative sul territorio provinciale di Sondrio
  Silvia Minardi. Perché non risparmiamo sui caccia bombardieri, anziché sulla scuola?
  Anna Lanzetta: Il ruvido peso delle parole nel linguaggio di Mariastella Gelmini
  Valter Vecellio. Governo: confusionari, pasticcioni, pericolosi
  La coperta è diventata una sciarpa e il gatto è morto mordendosi la coda
  Redazione Tellusfolio-Scuola e Nadia: "Basta leggi vergognose contro la scuola pubblica"
  Marina Pensa. Diritti di carta e Diritti reali
  Davide Dodesini. Collasso dell'Italia. Colpa della scuola!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy