Lunedì , 08 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Cittadinanza e Costituzione insegnate a scuola? Ottimo... ma quale Costituzione?
01 Agosto 2008
 

È ottima la notizia che dal prossimo anno nelle scuole secondarie tornerà l'insegnamento di quella che una volta era chiamata “Educazione civica”, materia ribattezzata in “cittadinanza e Costituzione”. Lo ha annunciato il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini (foto) al termine del Consiglio dei ministri. Nonostante le jurassiche discussioni sui grembiuli/divise e la pessima reintroduzione del 7 in condotta come elemento sufficiente per la bocciatura, spero solo che questa “nuova” materia abbia il giusto rilievo e non sia “cenerentola” come quando –educazione civica si insegnava anni addietro nelle scuole.

A questo punto, però, c'è da fare una grande riflessione, che coinvolge tutti: siamo sicuri che, come dice l'articolo 1 della Suprema Carta, la Repubblica debba essere ancora quella fondata sul lavoro? Cioè siamo sicuri che il compromesso che fu trovato nel 1947 tra democristiani e comunisti,* debba essere ancora l'elemento fondante su cui incentrare l'insegnamento agli studenti? Ammesso che un Paese libero e democratico nel 2008 debba ancora avere la Costituzione, non è meglio che sia uno Stato democratico di diritto fondato sulla libertà e sul rispetto della persona?

La riflessione che propongo non è una cosa di poco conto o solo lessicale: stiamo parlando dei principi base da comunicare a chi domani ci governerà, ci amministrerà e continuerà –me lo auspico a fare ricco il nostro Paese. Per questo lancio un appello per la considerazione e valutazione di un mio disegno di legge in materia che ho depositato lo scorso 5 maggio.

 

Sen. Donatella Poretti

parlamentare Radicale-Partito Democratico

 

 

* Non «Repubblica dei lavoratori», come proponeva Palmiro Togliatti, non «fondata sui diritti della libertà e i diritti del lavoro» come proposero Ugo La Malfa e Gaetano Martino, ma «fondata sul lavoro» come mediò Amintore Fanfani.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy