Domenica , 12 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Informazione, uranio impoverito, missione afgana
24 Dicembre 2007
 

Al Tg1 mi ha fatto impressione vedere Gianni Riotta -nella rubrica “Benjamin”- intervistare Carlin Petrini sul pranzo di Natale. Erano ambedue del manifesto, come molti (anche Lucia Annunziata per esempio) e il più di “sinistra” (si fa per dire) mi è sembrato Carlin Petrini rimasto molto fedele a se stesso, perché già dai tempi manifestini si occupava di cibi sani e di tradizioni locali (non solo culinarie) e poi ha lavorato con l'Arci ecc. Insomma...

 

Luisa Morgantini ha scritto un bell'articolo su Liberazione per chiedere la messa al bando dell'uranio impoverito. Esiste per ora una raccomandazione delle N.U. e i dirigenti di Euromil, che si sono incontrati anche con me, hanno chiesto che la Commissione sull'uranio, che presiedo, ed è l'unica commissione parlamentare d'inchiesta in Europa, chieda un incontro al Parlamento europeo: stiamo lavorandoci, per ottenere un incontro-convegno insieme a tutte le altre organizzazioni, anche non commissioni parlamentari, che in Europa si occupano di ciò. Che il Parlamento europeo si impegni in questo senso è molto importante, e quindi importantissima la disponibilità di Luisa: naturalmente qualunque cosa il Parlamento europeo deliberi, non può avere effetto retroattivo, e quindi la commissione del Senato dovrà continuare i suoi lavori: ma avere dalla nostra l'autorevolezza di Bruxelles è molto importante e ci rafforza.

 

Prodi è andato in Afghanistan: da qualche tempo ruba il flash a D'Alema si direbbe, ed è molto presente sulla scena internazionale, più del ministro degli Esteri. Sicché le commissioni parlamentari non vengono minimamente coinvolte, l'una -quella degli Esteri- forse perché è presieduta da Dini che al momento si occupa di cose più vicine (a se stesso) e D'Alema non si capisce perché, e che cosa ci sta preparando, forse ha qualche difficoltà di collocazione ai vertici del Pd o del futuro governo? mah! una volta o l'altra si degnerà di farcelo sapere?

Ma torniamo a Prodi. Quest'anno non si è mosso il ministro della Difesa, né quello degli Esteri, ma il presidente, a segnare l'importanza della visita; o per “correggere” e qualificare le espressioni molto tradizionali e temibili di Napolitano? Mah! si viaggia a vista, la nebbia è fitta. Comunque il viaggio è stato poco “marziale”, perché se non altro il presidente del consiglio sembra essersi ricordato che l'Afghanistan è un paese sovrano con un suo governo: all'incontro con Karzai è stato dato molto rilievo e a Karzai viene attribuita una specie di richiesta che l'Italia resti. Tuttavia, se non sono troppo facile agli entusiasmi, mi pare che non si siano mai citate prospettive militari, ma solo civili e di lavoro. Resta l'interrogativo perché allora truppe, invece che associazioni umanitarie e imprese ecc. Bisognerà vedere e prima di buttarsi a insultare Prodi, cercare di interpretarlo alla lettera, e chiedere perché per lavori di tipo educativo e formativo o psicologico non vengano invitate organizzazioni non governative, e per lavori di ricostruzione il servizio civile, chiamati dal governo afghano o inviati dalle N.U. o dall'Europa: insomma lavorare più che si può per la smilitarizzazione della missione. Credo sia possibile, dato che anche i ponti se sono i militari ad eseguirli vengono considerati opera del “nemico invasore”: io mi butterei sulle prospettive di ricostruzione e in questo senso mi orienterei per la verifica di gennaio. Si potrebbe anche pensare a una modifica delle regole d'ingaggio, affidando ai militari attività di sicurezza e di bonifica dei territori, prima che ci vadano i civili. Dico incidentalmente che -se vengono inviate o invitate organizzazioni umanitarie, servizio civile, ong ecc.- bisognerà applicare loro tutte le misure di prevenzione precauzione e monitoraggio, che già esistono per i militari (ma chi controlla che siano precisamente applicate, e che siano efficaci?). E al ritorno debbono essere ricontrollate tutte le persone inviate o invitate o andate e debbono essere tenute sotto controllo per alcuni anni. Come si farà per i militari. Sempre per la serie “la guerra e tutto ciò che è ad essa è connesso, costa troppo”, è un “lusso” che non possiamo permetterci. La Commissione d'inchiesta ha recentemente inviato una lettera a tutte le ong, per sapere se hanno avuto loro associati che al rientro dai Balcani o da altre zone teatro di guerra abbiano avuto danni alla salute di tipo oncologico. Stiamo cominciando a lavorare in quella direzione.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Un bel mercoledì
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Droga. Rapporto INCB
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Donato Bosca. Bra (o della felicità) e Roero (terra ritrovata)
  30 soldati tornano in Italia ammalati di cancro (Ma attenzione: che resti “top secret”!)
  Lidia Menapace. Voti dannosi
  Bruna Spagnuolo: Uranio impoverito (III – Si può uccidere infinite volte...)
  Bruna Spagnuolo: Uranio impoverito (I - Mondo ‘civile’/ quale umanità…)
  Uranio impoverito. "Fatemi lasciare le consegne"
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy