Martedì , 02 Giugno 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sweeta Noori. Come donna afgana...
05 Giugno 2010
 

La mia vita non è stata particolarmente lunga, ho solo 37 anni, tuttavia sono già stata una figlia, una madre, una guida, una sopravvissuta di guerra e tre volte una rifugiata.

Come donna afgana, guardandomi indietro, posso dire che molto è cambiato per il mio paese, eppure, vedo anche che per le donne afgane più le cose cambiano più restano le stesse. Nuovi leader e nuovi governi vanno e vengono in Afghanistan, sventolando uno stendardo che di volta in volta taglia o espande i diritti delle donne.

Io sono cresciuta in un Afghanistan che era diverso da quello che vedete oggi in televisione. Mia madre era una donna istruita, divenne medico ed insegnante all'Università, ma io sono stata costretta a lasciare la scuola di medicina al terzo anno, quando i Mujahidin presero il potere.

Se mia figlia si ammala, nell'Afghanistan di oggi, deve star seduta dietro ad un paravento mentre un dottore maschio le fa domande sulla sua salute, perché gli è proibito toccare il suo corpo.

Mia figlia può andare a scuola, perché delle scuole per le ragazze sono state approntate durante la ricostruzione, ma non può essere sicura che qualche estremista non sparga acido o gas sul suo impegno. Io ho speranze differenti per mia figlia e per tutti i bambini di questo paese.

So che le madri ovunque condividono le stesse speranze e gli stessi sogni: avere i mezzi per prendersi cura di se stesse e delle loro famiglie, vivere con dignità e rispetto per se stesse, e lasciare questo mondo avendone fatto qualcosa di meglio di quel che avevano trovato. Il mio lavoro quotidiano è tradurre questo sogno in realtà per le madri afgane.

Come donna afgana so bene che le nostre voci non sono adeguatamente rappresentate. Siamo assenti dalle scuole, assenti dal settore economico, e minacciate quando osiamo presentarci alle elezioni o parlare liberamente.

Nel mio ruolo attuale di direttrice per l'Afghanistan di “Women for Women International”, lavoro su programmi che hanno aiutato, dal 2002, più di 80.000 donne fornendo loro assistenza finanziaria diretta, educazione ai diritti, istruzione professionale e microcredito. Le donne hanno un altissimo potenziale per quanto riguarda la ricostruzione delle famiglie e delle comunità: pure, per questo mio impegno ad aprire opportunità per le mie sorelle afgane, ho ricevuto una lettera in cui mi si avvisava che se avessi continuato a lavorare nel mio paese ciò avrebbe segnato la condanna a morte di mio figlio, che ha sei anni.

Da un anno sono in esilio per questo motivo, una delle fortunate che ha potuto scappare e che sogna di dare un futuro migliore al proprio marito e ai propri figli.

Uno dei pochi piaceri che ho in questa situazione è mettere il cibo in tavola per la mia famiglia, poterlo fare semplicemente, senza preoccupazioni, senza continuare a pensare se domani potremo mangiare oppure no. Non è la stessa cosa a casa, dove la scarsità di cibo affama e minaccia di morte circa sette milioni di afgani.

Spero che tutti noi si possa riflettere insieme su quanto lavoro resta da fare per assicurare alle donne in tutto il mondo le stesse opportunità di accedere al cibo, all'istruzione, all'impiego, e soprattutto alla liberta' di godere della piu' grande benedizione della vita: i nostri bambini.

 

Sweeta Noori

Traduzione di Maria G. Di Rienzo

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 5 giugno 2010)

 

 

Sweeta Noori (foto) è nata nel 1973 a Kabul ed è direttrice per l'Afghanistan di “Women for Women International”.


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Un bel mercoledì
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Droga. Rapporto INCB
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy